Gli “occhi” dello squalo rivelano la più grande trappola blu di CO2

Squalo tigre che nuota sull'erba dei lamantini sulla Little Bahama Bank (Austin Gallagher)
Squalo tigre che nuota sull'erba dei lamantini sulla Little Bahama Bank (Austin Gallagher)

Quindici squali tigre delle Bahamas dotati di fotocamera e targhette satellitari hanno svolto un ruolo chiave nella scoperta di quello che oggi è considerato il più grande ecosistema di fanerogame marine del mondo.

Il biologo marino Dr. Austin Gallagher, dell'organizzazione benefica "blue carbon" con sede negli Stati Uniti, Beneath The Waves, difficilmente si aspettava un risultato così drammatico quando il suo team ha installato telecamere ed etichette satellitari sulla dorsale degli squali. fini – compreso quello che si sostiene sia stato il primo utilizzo di telecamere di bio-registrazione a 360° su un animale marino.

Leggi anche: La tripletta di grandi squali delle Bahamas

Si stima che le praterie di fanerogame marine che immagazzinano carbonio ora scoperte sulle Bahama Banks coprano tra 66,000 e 92,000 km quadrati. Circa le dimensioni del Portogallo o dell’Ungheria secondo le stime più alte, ciò renderebbe l’area una delle risorse climatiche più significative della Terra, aumentando le stime precedenti sulla copertura delle fanerogame marine fino al 41% e rappresentando un massiccio 19-26% del carbonio blu sepolto in fanerogame marine in tutto il mondo. 

“Ciò che questa scoperta ci mostra è che l’esplorazione e la ricerca oceanica sono essenziali per un futuro sano”, afferma il dottor Gallagher, che ha lavorato allo studio con un team internazionale di scienziati ed è l’autore principale del loro rapporto, appena pubblicato su Nature Communications. "Il potenziale non sfruttato dell’oceano è illimitato.

“Siamo orgogliosi e onorati di condividere questa scoperta con il mondo e di fornire un barlume di ottimismo sull’oceano nella lotta contro il cambiamento climatico prima della COP27 delle Nazioni Unite la prossima settimana”, ha affermato Sotto le onde.

Gli squali sono attratti dalle praterie di alghe perché lì possono trovare prede tra cui tartarughe e dugonghi. Il dottor Gallagher ha descritto l'uso di telecamere montate sugli squali per mappare il fondale marino come un concetto relativamente nuovo: "Penso che sia onestamente l'unico modo per monitorare adeguatamente il fondale marino in regioni oceaniche poco profonde, estese e remote", afferma.

Gli squali predano le tartarughe nelle alghe (Cristina Mittermeier / SeaLegacy)
Tartaruga tra le alghe (Cristina Mittermeier / SeaLegacy)

Tuttavia, non sono stati solo gli squali a stabilire l’estensione delle praterie delle Bahama Banks: i loro dati sono stati integrati con quelli di 2,542 sondaggi di subacquei. 

“Questa scoperta dovrebbe darci speranza per il futuro dei nostri oceani”, ha affermato il dottor Gallagher. “Dimostra come tutto sia connesso. Gli squali ci hanno portato all’ecosistema delle fanerogame marine alle Bahamas, che ora sappiamo essere probabilmente il più significativo deposito di carbonio blu del pianeta”.

Cattura e archivia

Oltre alla loro comprovata capacità di catturare e immagazzinare carbonio, le praterie di fanerogame marine forniscono strutture di vivaio per i pesci e possono prevenire o ridurre l’erosione costiera.

Fino alla scoperta delle Bahamas erano stati verificati solo circa 160,000 km quadrati di aree di fanerogame marine in tutto il mondo, anche se è stato stimato che la cifra potrebbe estendersi fino a 1.6 milioni di km quadrati. Si stima che le praterie di alghe del mondo assorbano ogni anno il 10% del carbonio dell’oceano.

Il più grande ecosistema conosciuto precedentemente misurato – da una combinazione di subacquei e telecamere trainate nel 2009 – si trova tra la terraferma australiana e la Grande Barriera Corallina e copre circa 40,000 km quadrati. 

I Bahama Banks, con e senza fanerogame marine, coprono fino a 135,000 kmq. I prati più densi sono costituiti dalle più grandi specie di fanerogame marine, erba tartaruga (Thalassia testudinum), insieme all'erba secca (Halodule wrightii) e erba lamantino (Syringodium filiforme). I prati più radi tendono a combinare fanerogame marine caraibiche (Halophila decipiens) ed erba secca.

Le profondità raggiunte abitualmente dagli squali tigre sono state significative per lo studio perché le acque molto limpide delle Bahama Banks consentono alle alghe di crescere lì ben oltre la portata delle immersioni subacquee non tecniche, fino a 90 metri di profondità.

“C’è una chiara necessità di effettuare la mappatura e la scienza per documentare rapidamente queste aree e quindi proteggerle, data la miriade di benefici che forniscono agli esseri umani e alla nostra stessa sopravvivenza”, ha commentato il dottor Gallagher.

Anche su Divernet: tigre tigre, Le fanerogame marine sollevano le speranze del “Blue Carbon” in Cornovaglia, Progetto Blue Meadows Seagrass in corso, I prodotti chimici per la protezione solare si accumulano nelle alghe marine

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x