Il giudice annulla la condanna per omicidio del compagno di immersione

Cristina Gauci
Cristina Gauci

Un giudice maltese ieri (22 febbraio) ha annullato la condanna del subacqueo con rebreather Arthur Castillo per omicidio involontario del suo compagno di immersione per negligenza, concludendo che aveva effettivamente fatto tutto ciò che ci si poteva ragionevolmente aspettare date le circostanze.

La sospensione della pena di Castillo lo scorso novembre aveva causato preoccupazione a Malta e nella più ampia comunità subacquea, sollevando la possibilità che i subacquei nelle isole fossero ritenuti ad un livello di responsabilità più elevato nei confronti dei loro compagni rispetto a quello che avrebbero fatto altrove, e dovessero affrontare conseguenze più dure in in caso di grave incidente subacqueo.

L'incidente che ha portato alla condanna, il morte di Christine Gauci al largo di Gozo, è stato segnalato Divernet nel gennaio 2020 e La condanna di Castillo lo scorso novembre. La reazione dei subacquei delle isole, rappresentata da quella di Malta Associazione Scuole Professionali di SubChe cosa anche riflesso più tardi quel mese.

Il direttore della compagnia maltese Castillo, 60 anni, si era immerso a Mgarr ix-Xini con Gauci, 35 anni, un vecchio amico e membro delle Forze Armate di Malta. Aveva anche prestato servizio nell'esercito britannico ed era istruttrice subacquea e apneista.

Gauci si stava immergendo con un twin-set e indossava quella che in seguito sarebbe stata descritta come una muta stagna sovradimensionata e difettosa, sebbene non fosse addestrata all'uso della muta stagna, mentre Castillo utilizzava un rebreather a circuito chiuso.

Mgar Ix-Xini a Malta - il giudice annulla la condanna
Mgarr Ix-Xini

Gauci aveva avuto ripetuti problemi di galleggiamento durante l'immersione, con Castillo che l'assisteva ogni volta e suggeriva ripetutamente di interrompere l'immersione, sebbene Gauci avesse insistito per continuare. A un certo punto aveva anche dovuto liberare la sua pinna dalla rete, dopodiché li aveva condotti fino a 15 metri, trasferendole parte del suo peso e una roccia nel tentativo di controllarne la galleggiabilità.

Quando all'improvviso lei era balzata in superficie, lui aveva deciso di aspettare e osservare i propri obblighi di decompressione. Gauci è stata successivamente ritrovata in superficie con il suo twin-set vuoto ma una bombola di decompressione Nitrox 50 intatta e non è stato possibile rianimarla.

Il rifornimento d'aria di Gauci era stato fornito da un operatore senza licenza utilizzando un compressore con “manutenzione discutibile” e il suo computer da immersione era stato impostato sulla modalità “più aggressiva”, come era stato affermato durante il processo dell'anno scorso. Si giudicava che Castillo non avesse controllato adeguatamente il consumo d'aria del suo compagno nelle fasi successive dell'immersione e non avesse tentato un salvataggio dopo la sua rapida risalita.

Era stato dichiarato colpevole nonostante il concorso di negligenza di Gauci e gli era stata comminata una pena sospesa di due anni e il pagamento di due terzi delle spese di perizia.

Arterie ristrette

La Corte d’appello penale non è stata d’accordo con questo verdetto ieri (22 febbraio) quando il giudice, Madame Justice Consuelo Scerri Herrera, ha affermato che il caso non poteva essere attribuito alla negligenza di Castillo.

Il sistema di coppia è stato istituito per garantire che l'assistenza fosse disponibile, ma non significava che i due subacquei fossero responsabili l'uno delle azioni dell'altro, ha affermato, come riportato in Malta oggi.

Le cause di morte stabilite dall'art Post mortem si era trattato sia di annegamento in acqua di mare che di ateroma dell'arteria coronaria. Si è scoperto che una delle arterie di Gauci era ristretta dell'80% della capacità normale e questo non poteva essere prevedibile prima dell'immersione.

Il giudice ha anche notato che Castillo si era tuffato con Gauci molte volte in precedenza come amico e non agiva come suo istruttore. L'aveva aiutata a superare ogni ostacolo che aveva incontrato durante l'immersione, incluso condividere con lei i suoi pesi. Se avesse tentato di seguirla direttamente in superficie "ci sarebbero state due vittime, non una", ha detto.

Castillo “non è stato in alcun modo negligente nelle sue azioni”, ha concluso il giudice.

Leggi anche: Il subacqueo tecnico critica i "voli di fantasia" dell'esperto del tribunale

Muore un tuffatore britannico a Tenerife

Morte di un subacqueo a Fasnia, Tenerife, Isole Canarie (Javier Sanchez Portero)
Morte di un subacqueo a Fasnia, Tenerife, Isole Canarie (Javier Sanchez Portero)

Una subacquea britannica è morta la mattina del 18 febbraio al largo di Fasnia, Tenerife, secondo il Centro di coordinamento dei servizi di emergenza.

Una chiamata ricevuta poco dopo le 11 segnalava che un sub era stato recuperato in mare e necessitava di assistenza. Un medico del gruppo di immersione aveva valutato che il 63enne aveva avuto un infarto e aveva effettuato le procedure di rianimazione cardiopolmonare fino all'arrivo dei paramedici. Sul posto sono intervenute anche la Polizia e la Guardia Civil.

Non è noto se il sub vivesse alle Isole Canarie o fosse in visita. UN Post mortem veniva effettuato per stabilire la causa della morte per il rapporto del medico legale.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x