Scoperta dell'U-111, l'ultimo relitto sottomarino tedesco perduto della Prima Guerra Mondiale

Sottomarino U-111
L’U-111, l’U-boat che effettuò la prima traversata atlantica sottomarina in solitaria degli Stati Uniti (Archivio nazionale)

Hanno localizzato i subacquei tecnici U-111, l'ultimo relitto di sottomarino tedesco "perduto" della Prima Guerra Mondiale nelle acque degli Stati Uniti, a una profondità di 1 metri, confondendo i registri della Marina americana che lo collocavano quattro volte più in profondità. 

La scoperta è stata fatta il 5 settembre a circa 40 miglia dalla costa atlantica della Virginia dai subacquei tecnici e cacciatori di relitti Erik A Petkovic e Rusty Cassway, utilizzando un ROV della barca per immersioni di 13 metri di quest'ultimo Explorer. La loro spedizione è stata supportata e segnalata da National Geographic.

Leggi anche: I subacquei individuano "in anticipo" il sottomarino Defender del 1906

Storia dell'U-111

Completato dalla Marina Imperiale Tedesca nel gennaio 1918, U-111 continuò ad affondare tre navi mercantili alleate durante le sue pattuglie nell'Atlantico. Dopo l'armistizio, l'U-Boot da 72 metri fu uno dei tanti che si arresero alla Royal Navy e furono messi in disarmo ad Harwich, dove molti furono demoliti. 

U-111 è stato trattenuto per l'analisi tecnica prima di diventare uno dei sei U-Boot da inviare negli Stati Uniti. Il piano prevedeva che il sottomarino visitasse i porti dell'Atlantico come attrazione pubblica per raccogliere fondi prima di essere analizzato meccanicamente e infine affondato.

Il viaggio dell'U-111 negli Stati Uniti

Un equipaggio di 32 persone della Marina americana al comando del tenente comandante Freeland Daubin partì per far navigare la nave sconosciuta attraverso l'Atlantico nell'aprile 1919. Dopo essere stati ritardati dalle riparazioni, partirono dietro al resto del convoglio, quindi decisero di rischiare di prendere la strada più breve "Titanic” percorso settentrionale. In tal modo, hanno effettuato il primo viaggio sottomarino transatlantico in solitaria degli Stati Uniti.

Il tenente comandante Daubin e il suo equipaggio furono fortunati a raggiungere gli Stati Uniti, perché dopo quattro giorni di navigazione una presa installata segretamente dai sabotatori tedeschi si dissolse e solo l'eroismo individuale di un ufficiale d'artiglieria salvò il sottomarino da un'inondazione catastrofica. Nonostante la carenza di cibo e carburante e altre sfide, U-111 completò la traversata in 12 giorni – arrivando due giorni prima del convoglio. 

Sottomarino U-111
L'U-111 in mostra al pubblico New York nel 1919 (Archivio nazionale)
U-111
I visitatori provano le armi dell'U-111 New York (Archivio nazionale)

Visualizzazione pubblica ed esperimenti meccanici

Il sottomarino ha completato il tour pubblico, di cui sono disponibili le riprese YouTube, e subì esperimenti di efficienza meccanica al largo della Florida e di Cuba. Alla fine fu affondato 100 anni fa, alla fine di agosto del 1922, ma solo in seguito ad una serie di affondamenti involontari.

Rimorchiato a sud dal bacino di carenaggio nel Maine, U-111 avrebbe dovuto essere utilizzato per il tiro al bersaglio al largo della Carolina del Nord, ma affondò e rimase semisommerso a una profondità di 10 metri al largo di Virginia Beach. 

L'U-Boot dovette quindi essere sollevato e portato a Norfolk, in Virginia, ma affondò e dovette essere rialzato prima di essere rimorchiato in mare aperto e far esplodere le cariche esplosive. Gli archivi navali registrarono che si era fermato ben oltre la profondità delle immersioni subacquee, a quasi 500 metri, ma Petkovic ne dubitava e iniziò ad espandere le ricerche precedenti del subacqueo tecnico Gary Gentile.

Individuazione del relitto e piani futuri

Lui e Cassway ci credevano U-111 era finito più a terra su una piattaforma tuffabile, confermando infine questo sospetto analizzando i registri degli intoppi dei pescherecci locali. Il ROV trovò presto il relitto, con le immagini dei suoi caratteristici cannoni da 10 cm a prua e a poppa e della torre di comando che indicavano una corrispondenza.

La squadra ha quindi pianificato di tornare e far scendere tre subacquei tecnici insieme al ROV, solo per decidere di non immergersi più tardi a causa della morte coincidente di altri due sommozzatori di relitti. Tuttavia, le immagini del ROV dei portelli aperti procedono U-111Lo scafo e altri dettagli furono sufficienti a confermare la precedente identificazione.

Il team spera di inviare dei subacquei sul relitto l'anno prossimo e di catturare immagini per creare un modello fotogrammetrico 3D.

Anche su Divernet: I subacquei risolvono due enigmi dell'U-Boat, U-boat letale della prima guerra mondiale ispezionato al largo dello Yorkshire, La costa degli U-Boat, Il relitto dell'U-Boat riportato in vita online

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x