Lo studio Socorro sperava di mettere a tacere i critici dell’MPA

Roca Partida, Socorro nell'AMP (Clifton Beard)
Roca Partida, Socorro (Barba di Clifton)

Ottime munizioni per gli ambientalisti che spingono per la dichiarazione e l’applicazione di più Aree Marine Protette (AMP) in tutto il mondo: secondo un nuovo studio, la creazione della più grande area marina completamente protetta del Nord America ha dimostrato di non avere conseguenze negative per l’industria della pesca commerciale . 

I risultati, appena pubblicati da un team di ricercatori statunitensi e messicani, minano il tipo di obiezioni che spesso perseguitano la creazione di AMP efficaci – e di fatto hanno affrontato i creatori del Parco Nazionale Revillagigedo, che abbraccia la destinazione subacquea di livello mondiale solitamente conosciuta con il nome di una delle sue isole, Socorro.

Leggi anche: Caso chiuso? L’applicazione rigorosa dell’AMP è vantaggiosa per tutti

La creazione della tredicesima AMP più grande del mondo intorno alle isole Revillagigedo nel 13 era stata ferocemente contrastata dalla lobby della pesca messicana, che aveva sostenuto che avrebbe ridotto le catture e aumentato i costi.

Le valutazioni approfondite “prima e dopo” del nuovo studio concludono che, a cinque anni dalla creazione dell’AMP, il miglioramento degli stock ittici all’interno e in eccesso al di fuori dei suoi confini ha garantito che l’industria della pesca stia funzionando come prima, e senza dover viaggiare più lontano.  

Il Parco Nazionale di Revillagigedo ora protegge più di 148,000 km quadrati di oceano a sud della Baja California penisola.

Non tutte le AMP vietano tutte le attività industriali, ma è il caso di quelle che sono soprannominate le "Galapagos del Messico", la località offshore che ospita una delle più grandi aggregazioni al mondo di squali e mante, oltre a tonni, megattere, cinque specie di tartarughe e 300 specie di pesci, di cui 36 endemiche.

Nell'AMP Socorro (Talia Cohen)
Nell'AMP Socorro (Talia Cohen)

Il gruppo di ricerca era composto da scienziati del Scripps Institution of Oceanography presso l'UC San Diego, il Centro messicano per la biodiversità marina, l'Institute of Americas' Gulf of California Programma marino e National Geographic Society.

“In tutto il mondo, l’industria della pesca ha bloccato la creazione delle AMP di cui abbiamo urgentemente bisogno per invertire l’impoverimento globale della vita marina causato dall’uomo”, ha affermato il coautore dello studio Enric Sala, esploratore residente presso la National Geographic Society e fondatore del Mari incontaminati programmi.

“Questo studio utilizza il tracciamento satellitare dei pescherecci e l’intelligenza artificiale per dimostrare che le preoccupazioni dell’industria della pesca sono infondate”.

“Anche le più grandi AMP, che salvaguardano interi ecosistemi, che ospitano migliaia di specie di creature marine, non hanno alcun impatto sulle poche specie ittiche ricercate dall’industria della pesca. Più grande è l’area protetta, maggiori saranno i benefici”.

Dati satellitari e analisi AI

Lo studio ha raccolto dati satellitari da dispositivi GPS imposti dal governo installati su circa 2,000 pescherecci e li ha analizzati utilizzando la piattaforma Skylight dell’Allen Institute for AI.

Ciò ha rivelato “solo pochi casi isolati” di pesca illegale all’interno dell’AMP dopo il 2017 e ha dimostrato che le barche non avevano bisogno di avventurarsi su distanze maggiori per mantenere i precedenti livelli di cattura.

“L’uso di dispositivi di localizzazione satellitare e piattaforme di monitoraggio AI è stato fondamentale per dimostrare la conformità da parte del settore della pesca e per i gestori dell’AMP nel monitorare l’area protetta”, ha affermato l’autore principale dello studio Fabio Favoretto, studioso post-dottorato presso Scripps.

"I risultati di questo studio sono coerenti con ciò che gli esperti hanno registrato in altre AMP del Pacifico", ha affermato il coautore Octavio Aburto, professore di biologia marina allo Scripps. “Tutte le argomentazioni contrarie erano solo supposizioni: questo studio fornisce i dati per dimostrare che non esistono impatti negativi sulla pesca”. 

“Speriamo che i risultati possano aprire una discussione per collaborare con l’industria della pesca per proteggere la biodiversità e migliorare gli stock ittici”.

Raggiungere l’obiettivo globale

Le nazioni stanno attualmente discutendo su come attuare l’obiettivo globale di proteggere e conservare almeno il 30% degli oceani entro il 2030, sancito da un accordo storico raggiunto alla Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità globale (COP15) lo scorso dicembre. 

“Alcuni sostengono che la chiusura delle aree alla pesca danneggia gli interessi della pesca, ma il peggior nemico della pesca è la pesca eccessiva e la cattiva gestione – non le aree protette”, ha affermato Sala.

“Dobbiamo espandere e rafforzare le aree protette per garantire che i nostri oceani possano continuare a fornire cibo, lavoro e altri benefici vitali per le generazioni future. Il nostro studio aiuta a sfatare il mito avanzato dalla lobby della pesca industriale secondo cui le AMP le danneggiano».

“Il tempo scorre fino al 2030. Se il mondo è seriamente intenzionato a proteggere il mondo naturale – il nostro sistema di supporto vitale – dobbiamo aumentare drasticamente la protezione degli oceani. Al momento, meno dell’8% dell’oceano è in qualche modo protetto, e solo il 3% è completamente protetto dalla pesca e da altre attività dannose”.

La creazione strategica di AMP può salvaguardare oltre l’80% degli habitat delle specie in pericolo, affermano gli scienziati, rispetto all’attuale copertura inferiore al 2%.

Le studio è stato pubblicato in Anticipi Scienza.

Anche su Divernet: Pristine Seas dà il via a un'impresa quinquennale nel Pacifico, Canada: le AMP significano quello che dicono, La pesca a strascico è vietata in 4 AMP del Regno Unito, Il governo si è scagliato contro la lentezza dell,AMP, Sea Shepherd prende di mira i bracconieri del Med “Hope Spot”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x