Progetto Blue Meadows Seagrass in corso

Blue Meadows – subacqueo su prati di alghe
Prato di fanerogame marine a Falmouth, Cornovaglia (OCT)

In concomitanza con la Giornata mondiale degli oceani (8 giugno), l'organizzazione benefica Ocean Conservation Trust (OCT) con sede a Plymouth sta lanciando un ambizioso progetto chiamato Blue Meadows. Il suo obiettivo è proteggere il 10% di tutte le praterie marine del Regno Unito nei prossimi cinque anni, ovvero circa 700 ettari, o l’equivalente di 700 campi da calcio.  

Leggi anche: Il più grande letto di fanerogame marine mai identificato in Cornovaglia

L’ente afferma che questa settimana inaugurerà anche il più grande vivaio sperimentale di alghe marine del Regno Unito, in una struttura appositamente costruita di 400 metri quadrati nel Devon, dove un team di esperti effettuerà ricerche sulle tecniche di ripristino in un paio di grandi polytunnel. L'asilo è finanziato dal Green Recovery Challenge Fund.

Il primo progetto Blue Meadows è a Falmouth, in Cornovaglia, dove verranno posizionate boe in tre punti caldi per proteggere più di 20 ettari di praterie di fanerogame marine. Sono già state condotte misurazioni di base della biodiversità.

Inizia quindi una campagna per informare gli utenti di imbarcazioni da diporto e commerciali di Falmouth sull'ubicazione dei prati e coinvolgerli nel progetto, nel tentativo di ridurre al minimo i disturbi e consentire alle alghe di rigenerarsi e prosperare.

Boa di alghe di Blue Meadows
Una delle boe di Falmouth, progettata per aumentare la consapevolezza dell'utente della barca (OCT)
Barca per il restauro delle alghe Blue Meadows
Lavori di ripristino delle fanerogame marine in corso a Torbay (OCT)
germogli di fanerogame marine in fase di piantagione
Piantare un germoglio di fanerogame nel nuovo impianto polytunnel (OCT)

Altri 50 ettari dovranno essere protetti in modo simile in un secondo sito a Torbay, nel Devon, consentendo alle praterie di fanerogame esistenti di rigenerarsi insieme al ripristino su larga scala. 

Le fanerogame marine possono assorbire il carbonio fino a 35 volte in modo più efficiente delle foreste pluviali e, nonostante coprano solo lo 0.2% del fondale oceanico, immagazzinano il 10% del carbonio, afferma l’OCT. 

Forniscono inoltre ambienti di crescita per specie ittiche importanti dal punto di vista commerciale, con un singolo ettaro di alghe marine del Regno Unito che ospita fino a 80,000 pesci e 100 milioni di piccoli invertebrati, nonché specie rare e in via di estinzione come cavallucci marini e meduse a stelo.

Pollack giovanile nelle fanerogame marine
Pollack giovanile nel sito di Falmouth (OCT)
Cavalluccio marino in fanerogame
Cavalluccio marino dal muso lungo (OCT)

“Dal 1930 fino al 90% dei fanerogame marina le praterie di fanerogame marine sono andate perdute e, nonostante l’importanza di questi habitat, sono ancora in declino”, afferma Mark Parry, responsabile dello sviluppo dell’OCT e subacqueo. “Solo nel Regno Unito, ogni anno vengono persi circa 500 ettari di praterie di fanerogame marine, principalmente a causa delle attività umane”. 

“Abbiamo bisogno che l’importante lavoro di ripristino sia supportato dalla protezione, ed è per questo che lavoreremo insieme alle autorità portuali, alle imprese e ai nostri partner scientifici delle università Imperial, Keele e Plymouth per accelerare la protezione, sviluppando al contempo soluzioni scalabili ed economicamente vantaggiose”. tecniche per ripristinare ciò che abbiamo già perso”, afferma il CEO Roger Maslin. 

Per saperne di più sulla Prati azzurri progetto e come contribuire a proteggere un prato.

Anche su Divernet: La pianta più grande del mondo rivelata a Shark Bay, I subacquei spostano i semi e le reti delle fanerogame marineDovremmo lottare per proteggere le fanerogame marine del Regno UnitoDanni alle alghe marine: un doppio smacco

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Alison
Alison
1 anno fa

È necessario pubblicare una mappa di dove si trovano queste aree se si desidera che le imbarcazioni da diporto le evitino

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x