4 hotspot Manta identificati nelle Filippine

Manta del reef delle Filippine con un taglio sulla pinna (Alec Drogosz / LAMAVE)
Manta del reef delle Filippine con un taglio sulla pinna (Alec Drogosz / LAMAVE)

Interessante per i subacquei amanti delle mante che visitano le Filippine – e significativo per concentrare gli sforzi di conservazione – è la compilazione di un database nazionale della popolazione che ha identificato quattro punti caldi delle razze.

I nuovo studio scientifico collaborativo è stato guidato dal Large Marine Vertebrates Research Institute Filippine (LAMAVE) in collaborazione con la società con sede nel Regno Unito Manta Trust, altri enti di ricerca e cittadini-scienziati.

Leggi anche: I siti di immersione di Puerto Galera hanno dato il via libera

Il database è stato compilato da una combinazione di avvistamenti di ricercatori e partner LAMAVE, contributi di centri di immersione, contributi su digitale piattaforme come Matcher di Manta e segnalazioni su Facebook, Instagram, YouTube e altri social media.

Dei 2,659 avvistamenti analizzati dal team, 499 mante individuali sono state identificate foto-identificati utilizzando i loro modelli unici di punti della pancia. Mante della barriera corallina (Mobula Alfredi) e mante oceaniche (Mobula birostris) sono stati osservati distribuiti tra 22 siti, con entrambe le specie osservate nella metà di questi siti.

Manta a San Jacinto (Olivia Johnson / LAMAVE)
Manta a San Jacinto (Olivia Johnson / LAMAVE)
Manta inforrafica (Manta Trust)
I 22 siti delle Filippine centrali in cui sono state avvistate le mante (Jasmine Corbett, Marc Dando, Manta Trust)

I quattro punti caldi in cui si sono verificate le aggregazioni hanno ospitato l'89% di tutte le singole mante, dove sono stati osservati comportamenti di pulizia, corteggiamento e alimentazione. Si tratta del Parco Naturale protetto Tubbataha Reefs a Cagayancillo, Palawan – già molto conosciuto dai subacquei internazionali – San Jacinto nel Ticao-Burias Pass Protected Seascape e due aree non protette, Puerto Princesa City e TayTay, entrambe sempre a Palawan. 

"Il Passo di Ticao è una delle aree chiave per la biodiversità marina della regione di Bicol, nota per essere sede di megafauna che si nutre di filtri come gli squali balena, gli squali megamouth e le mobule", ha commentato Nonie P Enolva, responsabile senior della regolamentazione della pesca, spiegando che l'area era particolarmente ricca di nutrienti planctonici. “La protezione di questa importante zona di pesca significherebbe anche la protezione delle numerose specie marine che da essa dipendono”.

Approfondimento sui movimenti

I dati su 107 singole mante oceaniche hanno fornito informazioni dettagliate sui loro movimenti. Il primo movimento registrato di una manta oceanica tra i siti delle Filippine è avvenuto con una femmina avvistata per la prima volta a Daanbantayan, Cebu nel 2009, vista di nuovo a San Jacinto nel 2014 e poi di nuovo a Daanbantayan nel 2017. Un altro individuo ha fatto un viaggio simile quello stesso anno, coprire una distanza di oltre 80 miglia nautiche in cinque giorni.

Anche altri documenti di Daanbantayan hanno rivelato l'intervallo di riavvistamento più lungo, per due individui che sono stati visti di nuovo nell'area dopo otto anni. Altri sei individui furono avvistati lì in almeno due anni diversi.

Tra il 392 e il 2004 sono state identificate un totale di 2020 mante della barriera corallina e oltre il 90% di queste preferiva San Jacinto, Taytay e Cagayancillo. In queste aree, il 66-80% delle mante identificate sono state avvistate più di una volta, il più delle volte nelle stazioni di pulizia.

Manta della barriera corallina a Tubbbataha (Ryan Murray / LAMAVE)
Manta della barriera corallina a Tubbbataha (Ryan Murray / LAMAVE)

Tuttavia, un quarto delle razze di San Jacinto e Taytay presentava lesioni legate alla pesca, come danni o dispersi fini o tagli gravi. È stato anche notato che numerosi attrezzi da pesca erano impigliati nella barriera corallina nei siti di pulizia di San Jacinto.

Gli avvistamenti di mante oceaniche a Daanbantayan sono scesi da 73 tra il 2006-2012 a solo 16 tra il 2013-2019, nonostante l'aumento delle immersioni subacquee nell'area, mentre San Jacinto ha mostrato una tendenza simile con 15 avvistamenti tra il 2013-2014 ma solo tre tra il 2017-2019 . 

Il rapporto attribuisce questo “allarmante calo dell'80%” alla pesca nella zona presunta delle razze, come nel mare di Bohol. Sollecita l’adozione urgente di strategie di conservazione come le aree marine protette e la regolamentazione degli attrezzi da pesca nei siti hotspot, in particolare nelle città di Taytay e Puerto Princesa, attualmente non protette.

Anche su Divernet: Portale di Tubbataha, I raggi del diavolo rubano lo spettacolo, Come immergersi con le mante più grandi del mondo, Dove trovare 22,300 mante giganti, I subacquei si lanciano nella sonda Manta di Komodo

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x