Viste del VOLOS

C'è sempre un palpabile senso di eccitazione quando si sfreccia verso Lefteris Reef su una barca per immersioni. È un luogo lento a rivelare i suoi segreti e non si sa mai cosa si potrebbe scoprire.

L'abbondante vita marina, che spazia dai coralli molli alla murena residente, è una certezza, ma frammenti di antiche anfore indicano che questo è anche un luogo ricco di storia. Neppure in superficie, Lefteris è sempre stato un noto pericolo per la navigazione.

Leggi anche: Inseguimento incessante: il ritrovamento del sottomarino della Seconda Guerra Mondiale HMS Triumph

Secondo lo storico greco Erodoto, almeno tre galee colpirono la barriera corallina e affondarono durante la fallita seconda invasione persiana della Grecia nel 480 a.C. Il re Serse ordinò quindi che fosse eretta una colonna di pietra costruita con blocchi pesanti fino a mezza tonnellata per evitare ulteriori perdite.

Risalente a due secoli e mezzo prima del faro di Alessandria, questo faro è la più antica costruzione di navigazione conosciuta nei documenti storici.
In tempi più contemporanei, Alexandros Papadiamantis (1851-1911), un celebre scrittore greco di Skiathos, menziona Lefteris Reef in The Poor Saint: “Lefteris libera i carichi dalle sue navi e libera i marinai dal breve peso della vita”.

Nonostante l'attuale faro wireframe, Lefteris Reef ha la particolarità di aver causato due relitti più recenti.

Costruita nel 1956 e lunga 58 metri, la nave mercantile Vera si è arenata lì nel 1999. A una profondità compresa tra 17 e 28 metri, il relitto giace ora spezzato in due ed è facilmente accessibile a subacquei di varia abilità.

Più intrigante è la nave Volos, un relitto più antico la cui identità fu dimenticata per quasi 60 anni. Il suo intero retroscena è stato riscoperto solo ora.
L'emozione di immergersi nel Volos ha molto a che fare non solo con le circostanze del suo affondamento (vedi pannello), ma con questo retroscena.

È un'immersione profonda che inizia quasi al culmine del limite dell'immersione ricreativa a più di 36 m. Ribaltati su un fianco, i resti della nave si trovano in due sezioni distinte, situate a pochi metri l’una dall’altra.

La sezione anteriore e più profonda è il ponte di prua e il castello di prua nella sua interezza. In modo frustrante per i subacquei non tecnici, si trova su un pendio, con la prua che precipita fino a oltre 61 metri.

Mentre scendi oltre le due aperture della stiva di prua situate nella struttura in acciaio della nave, puoi immaginare il Capitano Pietsch che scruta nell'oscurità dal ponte mentre il mare agitato scaricava strati d'acqua sul ponte di prua in quella fatidica notte.

Potete immaginare il timoniere che cerca disperatamente di governare la nave in modo fedele e stabile in un'ondata che periodicamente inghiotte l'intero castello di prua, mentre solca la cresta e l'avvallamento.

Puoi sentire il panico quando il Primo Ufficiale allertò il Capitano della pericolosa vicinanza di Lefteris, e concepire l'orrore quando si resero conto che non si poteva fare nulla per evitare l'inevitabile. PENETRANDO QUESTA SEZIONE del relitto è facile, grazie all'intelaiatura nervata aperta. Mentre ti addentri nello scafo, non ci sono spazi di carico spalancati, come ci si potrebbe aspettare, solo una foresta di travi d'acciaio e colonne in lento decomposizione adornate di corallo.

Un tempo quest'area sarebbe stata piena di munizioni per l'esercito imperiale tedesco. Ora, con la sua complessa struttura in acciaio che si staglia contro il blu intenso dell'Egeo, è stranamente vuoto.

0917 volos traverse rotte
Le traverse rotte segnano il punto più basso della sezione anteriore a 36 m.

La sezione di poppa, che si trova a circa 36 metri, è più misteriosa. Nel 1942, durante il culmine dell'occupazione nazista, il biologo marino austriaco e pioniere della fotografia subacquea Hans Hass si trovava in Grecia per una spedizione scientifica.

Utilizzando tecniche di immersione in superficie e rebreather (sarebbe passato un altro anno prima che Jacques Cousteau co-inventasse l'Aqualung) Hass ha effettivamente filmato i Volos sott'acqua.

Miracolosamente, il filmato può essere visto ancora oggi, nel documentario del 1947 Menschen Unter Haien (Men Among Sharks). Mostra il relitto in posizione verticale e completamente intatto in soli 10-12 metri d'acqua.

Settantacinque anni dopo, la restante sezione di poppa è solo una piccola parte di quello che dovrebbe essere. Lungo circa 10 metri e senza caratteristiche definitivamente identificabili, potrebbe essere qualsiasi parte della parte posteriore della nave, tranne la poppa e la poppa.

Durante l'avvicinamento, la prima cosa che noti è una gru per scialuppe di salvataggio, carica di vegetazione marina e inclinata verso la sabbia. Tuttavia, questo non identifica la sezione di poppa come vicina al ponte della barca.

Un esame più attento rivela che la gru poggia all'esterno del trincarino di sinistra, il che significa che è caduta nella sua posizione attuale.

Dal trincarino partono le traverse che un tempo sorreggevano il ponte, ma ora sono verticali e attorcigliate. Molti sono rotti e sono diventati ostacoli per ignari pescatori.

Impossibile, la distanza tra la falchetta e la sabbia è di soli 3-4 metri. È come se tre quarti dei 12.6 metri di larghezza della nave fossero in qualche modo sepolti in profondità nella sabbia, ma questa è solo un’illusione. Purtroppo, semplicemente manca.

L'etica del secondo dopoguerra era quella di recuperare vecchi relitti per ricavarne rottami. Per questo motivo, tra il 2 e il 1945, il governo greco fece demolire più di 1952 relitti.

Anche se la SS Volos non figura in nessun elenco ufficiale conosciuto, non è stata esclusa da questa umiliazione. La sua singola elica, la sovrastruttura e molto probabilmente il pregiato motore e la caldaia furono tutti recuperati. I metodi erano spesso rozzi, e veniva utilizzata la dinamite, nonostante il danno ambientale causato.
Quindi il Volos, così com'è oggi, è solo un relitto parziale, ma ciò che rimane invita i subacquei a esplorare alcuni eventi affascinanti della storia, che includono anche un'altra irresistibile svolta nella storia.LA SPEDIZIONE DI HANS HASS DEL 1942 incluso il collega austriaco Alfons Hochhauser. Avendo vissuto per anni prima della guerra come pastore e poi pescatore nella regione del Pelio, parlava correntemente il greco e conosceva perfettamente le Sporadi e la zona marittima circostante.

Nel 1928 fu responsabile del recupero del famoso bronzo di Artemision, una statua a grandezza naturale di Zeus (o forse Poseidone) realizzata intorno al 460 a.C. e ora esposta al Museo Archeologico Nazionale di Atene.

0917 stiva di carico volos
La penetrazione nella stiva di carico 2 rivela un'intricata struttura di travi e colonne.

La statua è stata recuperata da un naufragio (forse romano) datato intorno al 250 a.C. al largo di Capo Artemision, nel nord dell'Evia, a sole 10 miglia nautiche a sud-ovest di Lefteris.

Nelle annotazioni fatte nel 1942, Hochhauser (che in seguito utilizzò la sua posizione nella polizia segreta da campo della Wehrmacht per salvare i greci - molti dei quali erano suoi amici - dalle misure draconiane imposte dai nazisti) scrive nel suo diario personale;

“14 luglio – Siamo stati noi a tirarli fuori dal mare e loro a metterli in casse di legno e a metterli nella stiva. Finora ho contato 12 casse. Sono tutti pieni di straordinari manufatti della città sommersa. Alcuni di loro sono come nuovi."

“25 agosto – ultimo giorno. Domani torneremo – “X” [Hans Hass] è chiaramente felice – ho saldato il mio debito del passato. Ma non sono affatto felice. I film che abbiamo girato erano molto belli, ma la stiva è piena di casse. Considero quanto sia diverso oggi rispetto al 1928, quando scoprimmo l’antico dio”.

Sebbene non sia mai stata riscoperta, la “città sommersa” si trova da qualche parte tra le isole Psathoura e Gioura, che si trovano, inutile dirlo, anch’esse nelle Sporadi. Dato che Lefteris Reef ha rivendicato così tanti relitti nel corso degli anni, la logica suggerisce che se Hass e Hochhauser avessero trovato dei manufatti antichi mentre erano lì per filmare, li avrebbero anche rispediti nella Germania nazista.

È più che probabile che i frammenti di antiche anfore che si possono ancora vedere oggi siano un mero residuo di ciò che era una volta. O forse – come ogni buon subacqueo potrebbe supporre – sono solo le tracce allettanti di ciò che deve ancora essere scoperto.

• Due centri sub locali che organizzano immersioni al Lefteris Reef sono: Skiathos Diving Centre, skiathosdiving.gr, e Zoumbo Sub, zoumbosub.gr. L'autore desidera ringraziare Yiannis Iliopoulos e Androniki Iliadou dell'Athos-Scuba Diving Centre, Halkidiki per il loro aiuto con il suo articolo.

I VOLOS

Fondata nel 1902 dalla Neptun Aktiengesellschaft di Rostock e originariamente chiamata Thasos, alla nave fu assegnato il non invidiabile ruolo di trasporto di munizioni nella Marina imperiale tedesca durante la Prima Guerra Mondiale. Gravemente danneggiata nel 1917 dopo essersi arenata vicino alla città di Lulea, nel nord della Svezia, dopo la guerra fu rimorchiata in Germania e riparata.

Nel 1921 fu rilanciata come Volos e iniziò a tracciare una rotta regolare tra Amburgo e Istanbul.

La Volos andò in rovina 10 anni dopo, alle 8.14:21 del 1931 febbraio 8, con mare grosso e venti con forza da 10 a XNUMX, quando colpì Lefteris Reef.

Il capitano Pietsch e il primo ufficiale Bohl avevano entrambi una riconosciuta esperienza nelle acque greche, ma la ferocia della tempesta e una corrente insolitamente forte ebbero la meglio su entrambi.

Il governo divenne inefficace a causa di un enorme moto ondoso che alla fine scaricò la nave d'acciaio di 86 metri sulla Lefteris come se fosse un giocattolo per bambini, mandando a gambe all'aria i tre ufficiali e i 23 membri dell'equipaggio e mettendo le loro vite in grave pericolo.

Con i tubi scoppiati e lo scafo rotto, Volos iniziò a imbarcare acqua. Disperato, il capitano Pietsch le ordinò di virare completamente, ma senza alcun risultato: la forza dell'impatto aveva spostato sia la caldaia che il motore.

L'operatore radiofonico ha iniziato a lanciare un SOS, ma purtroppo nessuno si è accorto che l'antenna era in cortocircuito.

Mentre le onde colpivano la nave colpita e l'acqua continuava a riversarsi all'interno, il generatore alla fine si guastò e la nave sprofondò nell'oscurità.

Le lampade a olio erano accese, ma c'era poco che l'equipaggio potesse fare se non ripararsi dalle peggiori devastazioni della tempesta e pregare per la salvezza.

Contro ogni ragionevole aspettativa, le luci di navigazione di un piroscafo in transito furono viste solo due ore dopo l'incidente. Il fischio della nave suonò, ma il piroscafo non cambiò direzione e le sue luci si spensero angosciosamente in lontananza.

Incredibilmente, mentre le speranze dell'equipaggio sembravano deluse, fu avvistata una seconda nave. Tuttavia, anche questo non si è accorto dei sopravvissuti abbandonati bloccati sulla barriera corallina in mezzo a raffiche di spruzzi accecanti e mari spietati.

Fortunatamente, la tempesta si era calmata abbastanza da metterli fuori pericolo entro la mattina seguente. Un'antenna appositamente attrezzata permise finalmente l'invio di un SOS e la nave svedese SS Belos fu inviata.

Il giorno successivo l'equipaggio fu portato via (e di nuovo nella vicina città di Volos), mentre il Capitano, il Primo Ufficiale e l'Ingegnere Capo rimasero a bordo per altri tre giorni per impedire qualsiasi tentativo di rivendicare i diritti di salvataggio fino alle operazioni di recupero. potrebbe essere organizzato e completato.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x