Spugne: Colla del reef

Frammenti di spugne
Bobbie Renfro con frammenti di spugna rossa

Una serie di minacce ambientali gravano sulle attrazioni subacquee delle Florida Keys, ma un team di subacquei dedicati sta facendo la sua parte per spostare l'equilibrio scoprendo cosa rende felici le spugne. Rapporto e foto di JOHN CHRISTOPHER FINE.

Leggi anche: Deep doodoo: visione dal punto di vista di un subacqueo di un problema della Florida

“Sponges are the glue of the reef. They hold those rocks together, keep them solidified,” says Bobbie Renfro. This native of Austin saw salt water for the first time when she took a University of Texas course that brought students to the Gulf of Mexico. 

Quell’esperienza ha portato ad un cambiamento di carriera. Bobbie ha conseguito un master in biologia presso la Florida State University, dove ora è dottoranda studiando le spugne al largo di Islamorada nelle Florida Keys.

"Stiamo facendo ricerche su come i nutrienti nell'oceano influenzano la crescita delle spugne", mi dice. “Stiamo cercando di determinare se le spugne crescono più velocemente in ambienti ricchi di sostanze nutritive o se vi è un aumento della mortalità. 

“Non sappiamo ancora se i residui di fertilizzanti, ricchi di sostanze nutritive come l’azoto disciolto, siano positivi o negativi per le spugne. Preleviamo campioni di acqua e li analizziamo per rilevare azoto, fosfati e carboni organici disciolti”. 

Colla – subacquei nelle Florida Keys
Subacquei al lavoro al largo di Islamadora

I ricercatori hanno prelevato campioni d'acqua all'interno dell'Hawk's Channel, dove viene aspirata l'acqua della Florida Bay. I livelli di nutrienti derivanti dal deflusso agricolo hanno creato un diffuso inquinamento e mortalità della vita marina nella baia, ed entra anche in aree protette della Florida. Chiavi.

"Le spugne non vanno bene in cattività", dice Bobbie. “Facciamo tutto in un ambiente naturale. Preleviamo piccoli campioni da spugne sane e li spostiamo nel Canale di Hawk. Preleviamo campioni di spugne da Hawk’s Channel e li spostiamo in mare aperto. Vogliamo vedere se i nutrienti più elevati nel Canale di Hawk li influenzano negativamente. 

“Questo studio continuerà quest’estate e la prossima. L’ipotesi dipende dalla specie: alcuni potrebbero stare bene con livelli di nutrienti più elevati, altri no”.

Dito verde

Bobbie is working with Mike Goldberg, president of Key Dives in Islamorada and co-founder of I.Care (Islamorada Conservation & Restoration Education), a non-profit foundation dedicated to coral-reef conservation, and Dr Kylie Smith, who is attached to Mote Marine Laboratory and Clemson University. 

Stagisti di I.Care e subacquei volontari accompagnano Bobbie e Mike nelle immersioni per piantare spugne sulle barriere coralline al largo di Islamorada.

Finora i ricercatori di I.Care e dell'Università della Florida hanno lavorato con tre specie: la spugna rossa Amphimedon compressa, spugne a dito verde Iotrochota birtulata e la spugna di corda Aplysina cauliformis

Per prima cosa prendi la spugna: Bobbie Renfro al lavoro
Per prima cosa prendi la spugna: Bobbie Renfro al lavoro

"Quello che sappiamo per certo quando spostiamo le spugne nelle mangrovie, dove il livello di nutrienti è naturalmente più elevato, è che crescono più velocemente", mi dice Bobbie. “La domanda è: i nutrienti di origine umana fanno lo stesso? 

“The Florida Wildlife Commission has been restoring sponges on the bay side. Sponges in general are filter-feeders – they suck in water and remove the smallest type of plankton. These organisms have caused blooms when we have high nutrient levels in the water. Sponges help to clear the water.” 

L’equilibrio della natura

L’importanza dell’equilibrio della natura deve ancora essere pienamente compresa. Proseguono lo sviluppo sfrenato e le attività agricole in Florida, il terzo stato più popoloso degli Stati Uniti con circa 22 milioni di persone. 

Ha bisogno di mantenere la coltivazione della canna da zucchero e la produzione degli agrumeti; per mantenere campi da golf, prati e giardini; per sostenere il bestiame in uno stato che è un nutrimento per la carne di produzione americana, ingrassata con il bel tempo della Florida e resa pesante dall’uso di ormoni e antibiotici, i cui rifiuti si aggiungono al deflusso delle acque sotterranee e all’evaporazione che ricade nel l'oceano ogni volta che piove. Tutto ciò ha richiesto fertilizzanti, erbicidi e insetticidi che distruggono i coralli e la vita marina. 

Negli anni '1970, la copertura dei coralli vivi nelle Florida Keys era di circa il 70%. Oggi i ricercatori ritengono che sia pari al 3-5%. Le alghe che prosperano in alti livelli di nutrienti oceanici sono fiorite. Quando le alghe muoiono e affondano nel fondo del mare, soffocano e ricoprono i coralli.

Briefing della squadra
Briefing della squadra
Amphimedon compresa spugna rossa come la riconoscerebbe un subacqueoCorallo rosso
Come i subacquei sperano di vedere le spugne – Amphimedon compresa spugna rossa (Nick Hobgood)

Various weather events – particularly Hurricane Irma, which devastated the Florida Keys in September 2017 – have scoured or scraped sponges off the reefs, says Bobbie. “Working with I.Care, we can let divers who want to help the reef get involved. It’s working well. 

“We are restoring the reef, and spreading information about the importance that each organism on the reef has to the overall health of the environment.

“People will come to understand the whole community of the reef system and feel stewardship for it,” predicts this dedicated researcher. “Our relationship with the natural world is important if future generations are to enjoy a healthy reef environment that supports food and marine life, and tames hurricane-force waves, which have 97% of their energy broken up and 84% of their height decreased by offshore reefs. 

“Having witnessed the devastation caused by Hurricane Irma, imagine what would have happened without the stopping power of this third-largest barrier reef in the world?” Find out more about Ci tengo o esplora Immersioni chiave.

John Christopher Fine

John Christopher Fine è un biologo marino e ha effettuato immersioni su relitti di tutto il mondo. È un Maestro Scuba istruttore, istruttore Formatore e autore di circa 25 libri di narrativa e saggistica su una vasta gamma di temi.

Anche su Divernet: Vita segreta mobile verso l'alto delle spugne, Identificate le prime spugne autoilluminanti, I virus si piegano alle spugne assassine

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x