Immersione unica nel museo dell'ardesia

miniera di ardesia
Carro nel pozzo italiano

L’accesso privilegiato a siti di immersione premium può suscitare invidia, e un subacqueo geloso ha cercato di mettere i bastoni tra le ruote al progetto di immersione La Morépire del subacqueo tecnologico STEFAN PANIS. Tuttavia, esplorare per la prima volta questa spettacolare miniera di ardesia in disuso in Belgio avrebbe portato la sua squadra alla fine del tunnel del Covid – leggi il suo rapporto riccamente illustrato

Alla fine del 2020, in preda alla pandemia di Covid, la “miniera museo” belga La Morépire è stata costretta a chiudere la sua sezione secca alle visite guidate. Ciò ha dato al suo proprietario, Yves Crul, un momento di respiro prezioso per realizzare vari progetti.

Leggi anche: Argento naufragato, ottone: persino una Ford Modello T!

Stavo lavorando a un progetto documentario con le vicine comunità di Bertrix e Herbeumont, quindi uno dei sindaci della città mi ha presentato Yves, che è un super entusiasta delle miniere, in particolare delle miniere di ardesia. 

Ci è stato dato il via libera per immergerci e documentare la miniera, anche se ci è stato concesso solo un breve lasso di tempo per farlo. Sarebbe stata un'opportunità unica per immergersi nel sito ed ero fin troppo grato di poterlo fare con il mio team di esplorazione mineraria. Ci siamo organizzati per iniziare il prima possibile.

In cambio del permesso di immergersi a La Morépire, dovremmo produrre un modello topografico 3D del sito e presentare a Yves eventuali foto e video filmati da utilizzare nel museo, che doveva essere ricostruito l'anno successivo.

La miniera, situata in Rue du Babinay, Bertrix, nella provincia meridionale del Lussemburgo, nel Belgio, è ora di nuovo aperta e per 9.50 euro chiunque lo desideri può visitare la zona arida. Tuttavia, le immersioni non sono più possibili, quindi per favore non disturbare Yves con le richieste!

Durante la nostra esplorazione, un subacqueo geloso ha saputo del nostro progetto e ha pubblicato false informazioni sui social media secondo cui chiunque avrebbe potuto immergersi lì semplicemente chiamando il museo, presumibilmente sperando che, inondato di chiamate, Yves interrompesse il nostro progetto.

Fortunatamente sia lui che il sindaco sono riusciti a individuare il ragazzo, che è stato denunciato alle autorità.

La storia di La Morépire

Le origini di La Morépire sono molto antiche, almeno fino al 1836, quando fu venduta alla famiglia Perlot, un grande nome nella storia dell'estrazione dell'ardesia che possedeva diverse concessioni in Belgio.

Al suo apice, 70 minatori stavano estraendo ardoisière, come viene chiamata la lavagna, da tre livelli. Alla fine di ogni turno, un supervisore valutava le aree successive da minare e venivano praticati dei buchi in cui posizionare le cariche esplosive. L'ultima squadra uscita li avrebbe fatti esplodere e i corridoi si sarebbero riempiti di polvere, ma la situazione si sarebbe calmata entro la mattina successiva.

Furono tagliati blocchi di ardesia del peso medio di 100 kg e i minatori li trasportarono sulla schiena sui carri minerari in attesa. Quando uno era pieno veniva tirato fuori dal pozzo dall'operatore dell'argano per essere trasformato in tegole nelle officine sopra.

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Mettere la lenza sui mulinelli nella miniera

Gli operai erano orgogliosi e testardi. C'è la storia di un uomo che scolpì un enorme blocco di 300 kg troppo pesante da sollevare. Si è sforzato al punto che le vene dei suoi occhi sono scoppiate, accecandolo, ma è comunque riuscito a portare a termine il blocco!

Nel 1977, le miniere di ardesia a cielo aperto in Spagna e Portogallo fornivano tegole molto più economiche e alla fine La Morépire fu costretta a chiudere. Le pompe furono fermate e lentamente le acque sotterranee rivendicarono la miniera, riempiendola fino all'orlo.

Yves acquistò la miniera nel 1996 e avviò la sua attività storica Au Coeur de l'Ardoise (Nel cuore dell'ardesia). Ha dovuto pompare ininterrottamente per cinque mesi solo per portare l'acqua fino al livello di 25 metri. Ancora oggi mantenere questo livello costa circa 1,000 euro al mese.

Ogni immersione in una “nuova” miniera è speciale, ma quando nessuno è mai stato autorizzato a immergersi in un luogo prima, è incredibilmente emozionante!

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Ingresso a La Morépire

Immersione La Morépire

Entriamo in acqua lungo il pozzo principale, dove molto tempo fa venivano tirati dentro e fuori i carri da miniera. Quando il museo aprì, Yves aveva installato un carrello per portare i visitatori fino alla miniera sugli stessi binari, ma un inverno un tasso si era insinuato nella scatola dei fusibili e aveva causato un cortocircuito. Quella fu la fine del passaggio perché la compagnia assicurativa si era rifiutata di pagare.

Yves worked day and night for a week to install 268 stainless-steel steps, allowing him to re-open the museum. The steps go all the way to the water, and the shaft is wide enough for storing stage-tanks and cameras, a luxury for us.

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
L'acciaio scende al punto d'ingresso
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Preparazione all'immersione
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Discendente dell'albero principale

È una sensazione potente scendere il pozzo per la prima volta. Dopo soli 5 metri siamo già di fronte a passaggi laterali a destra e a sinistra. Sulla destra vedo una bellissima vecchia pompa a mano prima che il passaggio si divida nei corridoi nord e sud.

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Pompa a mano

Alla fine del corridoio di sinistra si trova un massiccio argano in legno, splendidamente conservato, in un'enorme camera chiamata Sala Italiana. Louis Soquay, un minatore ottantenne che avremmo incontrato in seguito, ci raccontò che in questa parte della miniera lavoravano soprattutto immigrati italiani. 

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Nell'albero principale accanto al verricello

Ci tuffiamo lungo un pendio di 45° per ammirare l'impressionante vista di un carro da miniera ancora sui binari. Al termine della sala il pozzo si restringe e prosegue fino a livellarsi ad una profondità di 37 m. Qui gira sotto il pozzo principale per collegarsi con una camera dal corridoio destro a -5m. La caduta di sedimenti e la visibilità zero qui ci portano a chiamare questo pozzo Hellhole!

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Carrello da miniera nel pozzo italiano
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Un'altra inquadratura del carro
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Emergente dalla parte profonda del pozzo italiano

Nel corridoio di sinistra a -10m scopriamo numerosi oggetti, tra cui un vecchio telefono per comunicare con la superficie. Dalle planimetrie sappiamo che la prima enorme camera non può essere lontana, ma sfortunatamente lo stretto passaggio è bloccato e ci costerebbe troppo tempo rimuovere i detriti.

We move further along the main corridor, and my heart skips a few beats as my torch illuminates – a face! It turns out to be a decorative figure from the museum that has fallen down here through a ventilation shaft.

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
La bambola caduta che ha fatto perdere un battito al cuore di Stefan!

Poco più avanti una bella piattaforma girevole per un carro da miniera ci conduce alla successiva camera di estrazione. È fantastico fluttuare in questa grande stanza e ammirare il lavoro dei minatori.

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Uscendo in una camera enorme
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Piattaforma girevole per carrello da miniera

Alla svolta successiva troviamo dei gradini che sorprendentemente ci portano in superficie! È un'uscita di emergenza perfetta in mezzo alla miniera nel caso qualcosa andasse storto. Iniziamo a utilizzare i nostri scooter sponsorizzati da Seacraft per coprire le distanze più velocemente, ma alla fine ci troviamo di fronte a un crollo che sembra aver sigillato per sempre l'ultima camera.

The -10m shaft to the right hold another nice surprise. It seems to be full of debris, and because this was the old part of the mine we assume it was used to stuff anything the miners didn’t need to take back up.

Seguiamo i doppi binari e appena oltre la curva c'è un altro crollo, ma poiché ci stiamo immergendo in sidemount riusciamo a passare. Un bellissimo corridoio conduce ad una nuova stanza, la cui sommità emerge in una sacca d'aria, ma senza alcun collegamento con i livelli asciutti superiori.

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Superando la stretta

Il livello della miniera a -60 metri risulta molto più difficile da superare. Louis ci ha detto che il vecchio lato destro era molto instabile e che non era mai stato lì perché lo riteneva troppo pericoloso. 

E mentre David lega la linea principale, con me appeso nel corridoio per lasciarlo aprire la strada, un blocco di ardesia cade dal soffitto sulle mie gambe, quindi decidiamo di andare dall'altra parte!

Alla base del pozzo si trovano una pila di vecchie scale di legno. Tutto ciò mi fa riflettere ulteriormente sul duro lavoro che dovevano affrontare i minatori, trasportando scale con 100 kg di pietra sulla schiena. Ancora una volta il nostro percorso è bloccato, questa volta da una ragnatela di cavi elettrici che sarebbe pericoloso provare a superare a visibilità zero, quindi decidiamo di tornare indietro e proseguire su un altro livello. 

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Vecchia scala e luci

Nella prossima immersione porteremo degli strumenti per aprire la strada e scoprire alcune camere di estrazione, ma la nostra finestra temporale per esplorare la miniera si rivela troppo breve per coprire l'intero complesso.

Durante le nostre prime immersioni erano state installate molte cime per rendere la navigazione più semplice e sicura nelle immersioni successive. Dirk ha bisogno di molte informazioni dal team di immersioni per completare la mappa. Le linee principali sono segnate a intervalli di 5 metri, dove ci fermiamo per prendere misurazioni e rilevamenti e disegnare uno schizzo. Faccio anche un'immagine in ogni punto, così come altri con caratteristiche degne di nota. 

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Seguendo i binari
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Quadro elettrico
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Muro di pietra splendidamente impilato

Nell'immersione successiva, Jimmy filma tutto. Questo approccio richiede tempo, ma sappiamo che se eseguito correttamente i risultati saranno sorprendenti.

On the final dives we have a helpful new tool to use, the Mnemo. Connected to the line, it registers depth, distance angle and bearing, and after the dive the data can be uploaded to a computer and transferred to an Excel file or shown as graphics.

Eredità delle immersioni

Dopo le nostre immersioni, possiamo documentare le parti asciutte della miniera, sia turistiche che non pubbliche, e ammirare le enormi e spettacolari camere. È sorprendente quanti strumenti troviamo ancora – trapani, tubi flessibili e argani – oltre a oggetti personali: un cappotto, guanti o un pacchetto di sigarette vuoto, una lattina o una bottiglia di birra.

Historical pictures are a great addition to a project like this, but as when researching old ship’s pictures, it’s not easy. I usually start with an online search for museums or archives that might cover a mine or mining company, before sending out loads of emails in the hope of some positive response.

A volte devo prendermi una pausa dal lavoro e viaggiare per vedere una collezione di persona, magari a 200 km di distanza, ma una foto utile può ripagare tutto lo sforzo.

Nella mia ricerca sulla miniera La Morépire ho la fortuna di trovare qualcosa di unico: un documentario di 32 minuti realizzato nel 1953, con riprese sia dall'alto che dal basso. Sarà fantastico includere parte di tutto questo nel nostro documentario.

When the museum reopens after its rebuilding a lot of our work will be used in the visitor briefings, including our photos and video metraggio.

Ma belle foto o video are not enough if you take a scientific approach. Dirk’s 3D topographical model will be used as a new safety-plan for the tourist parts of the mine, including escape-routes as well as the points of interest. He has already produced more than 200 hours of drawing work and the result promises to be spectacular.

Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Dettagli dal modello topografico 3D principale
Immergiti nell'estrazione mineraria nel museo dell'ardesia
Stefan Panis con l'ex minatore Louis Soquay e il libro che ha scritto sulle sue esperienze

Un'ultima parola su Louis Soquay, che ha 81 anni ma ne dimostra poco più di 65, e ha scritto un libro sulla vita nella “sua” miniera. Le nostre lunghe conversazioni erano sempre molto interessanti ed emozionanti, e lui scese le scale con noi più volte per spiegare qualcosa.

Marciare attraverso la miniera con lui ci ha fatto sentire umili ed estremamente rispettosi. Lui e gli altri minatori erano davvero uomini coraggiosi.

Anche su Divernet: Una storia di due miniere, Meravigliosa immersione nel marmo nero, Immersione sul relitto dell'HMS Brazen, Monarca del canale, Perla del Peak District, L'articolo del subacqueo suggerisce la consegna del ritrovamento del relitto

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x