Il censimento degli oceani prende di mira 100 specie marine sconosciute

“È ora di fare le cose in grande o tornare a casa”: la ricerca è in corso (Ocean Census)
“È ora di fare le cose in grande o tornare a casa”: la ricerca è in corso (Ocean Census / AP Photos)

Descritto come il più grande programma della storia per scoprire nuova vita sott'acqua, Ocean Census si è prefissato il compito di trovare e descrivere scientificamente almeno 100,000 nuove specie marine provenienti da tutto il mondo nei prossimi 10 anni. 

Gran parte del lavoro sarà intrapreso nelle parti più profonde dell’oceano utilizzando tecnologie di esplorazione e analisi all’avanguardia, ma allo stesso tempo l’ambizioso programma globale abbraccerà i contributi scientifici dei cittadini, tra cui i subacquei e gli utenti di imbarcazioni. 

Leggi anche: Aiuta a individuare i siti di immersione di interesse scientifico

Intervenendo all’evento di lancio a Londra il 27 agosto, il direttore dell’Ocean Census Oliver Steeds, che è anche amministratore delegato dell’istituto di scienze marine e conservazione Nekton con sede nel Regno Unito, ha dichiarato: “Abbiamo una breve finestra di opportunità, forse i prossimi 10 anni , quando le decisioni che prenderemo tutti influenzeranno probabilmente i prossimi 1,000 o addirittura 10,000 anni.

"Alcuni dicono: 'È ora di fare le cose in grande o di tornare a casa'. Abbiamo scelto di fare le cose in grande e speriamo che i passi da gigante nella conoscenza che possiamo fare con la scoperta della vita oceanica possano aiutarci a metterci su una strada migliore". verso un futuro positivo per le persone e per il pianeta”.

Leggi anche: Confuso: Oz + USA il meglio del mondo per le immersioni nella fauna selvatica!

Evento di lancio (censimento degli oceani)
Evento di lancio (censimento degli oceani)

10% e oltre

L’obiettivo di 100,000 specie deve essere contestualizzato perché, sebbene finora siano state descritte scientificamente circa 240,000 specie marine, gli scienziati stimano che altre 2 milioni – il 90% del totale – attendono ancora di essere scoperte.

Ocean Census è stato istituito da Nekton con il finanziamento iniziale della più grande organizzazione filantropica senza scopo di lucro del Giappone, la Nippon Foundation. 

Il primo di molti “Centri di biodiversità per il censimento dell’oceano” è stato istituito presso il Museo di Storia Naturale dell’Università di Oxford, fornendo la base da cui partire per creare una rete globale aperta basata su scienza, economia, governi, media e società civile.

“La vita nell’oceano rende possibile tutta la vita sulla Terra e racchiude la saggezza di 4 miliardi di anni della nostra evoluzione sulla Terra”, ha affermato il presidente della Nippon Foundation Yohei Sasakawa. “Non possiamo proteggere ciò che non sappiamo esiste. Dobbiamo fare una corsa contro il tempo per scoprire la vita oceanica prima che venga persa per le generazioni a venire”. 

Pesce bara (censimento dell'oceano)
Coffinfish: Ocean Census cercherà creature degli abissi profondi... (Ocean Census / AP Photos)
(Censimento dell'oceano)
…e quelli che vivono nelle profondità delle immersioni ricreative (Ocean Census / AP Photos)

Si dice che l'Ocean Census si basi sull'iniziativa originale di questo tipo, le spedizioni Challenger del 1870, e sul censimento della vita marina effettuato nel primo decennio del 21° secolo. 

The current rate of new-species discovery is said to have hardly altered since the 1800s, standing at little more than 2,000 species a year.

Scientific description, or taxonomy, has remained a “painfully slow” process for a world facing climate and biodiversity crises that could result in the loss of most current species, according to Ocean Census.

That process is however being transformed through the use of new technology, especially in the fields of DNA and artificial intelligence.

“Revolutions in technologies such as digital imaging, sequencing and machine learning now make it possible to discover ocean life at speed and at scale,” said Ocean Census science director Prof Alex Rogers at the launch. 

“Attualmente ci vogliono da uno a due anni o diversi decenni per descrivere una nuova specie dopo che è stata raccolta dagli scienziati, ma utilizzando le nuove tecnologie e condividendo le conoscenze acquisite utilizzando approcci basati sul cloud, ora ci vorranno solo pochi mesi”.

Inviata da Divernet about the use of AI, Dr Jyotika Virmani, executive director of Ocean Census partner Schmidt Ocean Institute, explained: “We’ve already been collecting thousands of hours of video footage and the first step is to label everything. There’s a program now, Ocean Visions AI, that will start training the computer models to automatically start that labelling.”

“Il passo successivo è iniziare a utilizzare l’intelligenza artificiale per vedere come le cose interagiscono tra loro, quindi passare alla previsione e alla ricerca di luoghi, magari, in cui le creature interagiscono tra loro in modi diversi. Quindi ci stiamo muovendo verso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale – o quella che preferisco chiamare intelligenza aumentata – con questi programmi di apprendimento automatico”.

Forza di spedizione

Barriera corallina delle Maldive (censimento dell'oceano)
Barriera corallina alle Maldive (censimento dell'oceano / foto AP)

Ocean Census will involve scientists from around the world undertaking “dozens of expeditions” to the ocean’s biodiversity hotspots to find new marine life.

Making use not only of research vessels from philanthropic, government and commercial fleets, they will be able to deploy everything from scuba divers to ROVs, AUVs and submarines in their underwater searches. However, contributions made using private vessels are also expected to be crucial to the initiative.

“Le navi private coinvolte nel censimento degli oceani varieranno dalle dimensioni di Falkor 2 [la nave dello Schmidt Ocean Institute] e il REV Oceano agli yacht privati ​​che potrebbero lanciare subacquei in un’area per prelevare campioni d’acqua per l’EDNA [DNA ambientale]”, ha spiegato il professor Rogers. “Potremmo essere in grado di creare kit di campionamento standardizzati per tutte quelle navi per raccogliere dati scientifici, quindi penso che ci sia un ruolo importante per le navi private su tutte le scale in questo programma”.

Nekton aveva già utilizzato molte navi private nel suo lavoro di ricerca, ha detto. “Anche se in realtà c’è una comunità piuttosto piccola di scienziati marini là fuori che raccolgono dati, molte di queste navi private arrivano in posti dove noi semplicemente non arriviamo”.

Scienziati che utilizzano un sommergibile di acque profonde per ispezionare le barriere coralline delle Maldive (censimento dell'oceano)
Ispezione delle barriere coralline utilizzando un sommergibile per acque profonde (Ocean Census / AP Photos)

La tracciatura dei microrganismi non farà parte del progetto, poiché microbi come batteri, alghe e plancton sono già oggetto di studio da parte del Tara Oceanie stime prudenti di 40,000 batteri e 200,000 virus presenti negli oceani.

“Siamo molto concentrati sulle creature multicellulari, o metazoi”, ha affermato il professor Rogers. "Non penso che ci siano dubbi sul fatto che la maggior parte delle nostre scoperte riguarderanno organismi più piccoli che, sebbene piuttosto difficili da percepire per il pubblico, quando si ingrandiscono questi animali come micrografie elettroniche o altre forme di imaging risultano ugualmente affascinanti in termini di il loro aspetto a volte bizzarro.

“Ma dovremmo anche ricordare che stiamo ancora scoprendo nuove specie di balene anche adesso, quindi non saranno tutti piccoli organismi: potrebbero essere pesci e potrebbero anche essere alcuni dei nostri animali più grandi”.

“We found the longest sea creature only in April 2020,” pointed out Dr Virmani. “It’s remarkable that we should be finding something that’s 45m in length just three years ago.

” The discovery of the creature, a siphonophore, off Australia è stato riportato on Divernet. "È incredibile cosa si nasconde là fuori."

Punto di accesso

Le nuove specie scoperte verranno inviate per l’imaging ad alta risoluzione e il sequenziamento del DNA a uno di una rete di “Centri di censimento della biodiversità oceanica” che sarà istituita nelle nazioni ad alto, medio e basso reddito di tutto il mondo. 

I tassonomi si collegheranno virtualmente per esaminare queste “forme di vita digitali” e completare le descrizioni delle specie. In questo processo si spera che l’attuale calo del numero di tassonomi, che finora tendevano a concentrarsi nelle nazioni ad alto reddito, possa essere invertito. 

Il risultante sistema di censimento della biodiversità oceanica costituirà un unico punto di accesso per scienziati, decisori e pubblico, affermano gli organizzatori, i quali sostengono che il raggiungimento dell’obiettivo ben pubblicizzato di proteggere il 30% degli oceani entro il 2030 dipenderà dai dati forniti attraverso il sistema.

(Censimento dell'oceano)
Aragosta tozza che vive su un corallo delle profondità marine (censimento dell'oceano / foto AP)

“Questa nuova base di conoscenza può aiutare a far progredire la nostra comprensione della scienza fondamentale – produzione di ossigeno, ciclo del carbonio, produzione alimentare sostenibile, evoluzione della vita sulla Terra e persino scoperte di nuove medicine e biotecnologie”, ha affermato Fondazione Nipponica direttore esecutivo Mitsuyuki Unno.

“Attraverso il miglioramento della nostra comprensione dell’abbondanza, della diversità e della distribuzione della vita nel nostro oceano, speriamo che l’Ocean Census possa catalizzare gli sforzi globali per conservare il nostro oceano”.

E, come ha sottolineato il dottor Virmani in occasione del lancio, se l’estinzione delle specie marine iniziasse a rendere ridondante l’idea di “conservazione”, il sequenziamento del DNA potrebbe invece rendere il “ripristino” una prospettiva pratica in futuro.

Notizie, film ed eventi potranno essere seguiti al Sito del censimento dell'oceano, attraverso la newsletter digitale mensile Notizie sul censimento degli oceani e social media e così via YouTube.

Anche su Divernet: "Minion" Squid girato per la prima volta, Zona di cattura: mensa misteriosa per gli squali delle Maldive, Scoperta una barriera corallina imponente in GBR, I subacquei CCR si collegano ai sottomarini al largo delle Bermuda, Nekton pubblica video a 360° delle profondità oceaniche

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x