Squali canaglia? Cosa sta realmente succedendo nel Mar Rosso? 

Squalo pinna bianca oceanico (Ekrem Parmaksiz)
Squalo pinna bianca oceanico (Ekrem Parmaksiz)

Gli squali si comportano in modo pericoloso e imprevedibile? La pesca eccessiva e lo smaltimento dei rifiuti sono solo una parte della spiegazione, afferma il fotografo subacqueo e ambientalista degli squali EKREM PARMAKSIZ – secondo lui ci sono altre due spiegazioni basilari e preoccupanti 

Dopo il recente attacco di squalo ucciso un giovane nuotatore russo Vladimir Popov nella località egiziana di Hurghada, la domanda era tornata sul tavolo: cosa sta succedendo nel Mar Rosso?

In queste acque si sono verificati anche due dei cinque squali morti registrati in tutto il mondo nel 2022: entrambi a Hurghada, immotivati ​​e ravvicinati nel tempo. E ora eccoci qui con un altro omicidio non provocato.

Come ben sanno i subacquei, gli “attacchi” di squali in qualsiasi parte del mondo sono rari. Secondo l’International Shark Attack File, lo scorso anno si sono verificati 57 casi, la stragrande maggioranza non mortali. Di solito esitiamo a chiamarli attacchi, preferendo considerarli casi di scambio di identità o morsi investigativi.

Ma questi eventi mortali avvenuti nel Mar Rosso negli ultimi 12 mesi sono stati inquietanti e, allargando il quadro, ci sono stati nove morti negli ultimi 10 anni. Le acque blu del Mar Rosso stanno diventando rosse per qualche motivo particolare?

Termoregolazione

Secondo l'ente ambientale locale HEPCA, le condizioni che provocano gli squali che mordono gli esseri umani sono causato dalle attività umane come la pesca eccessiva, lo smaltimento improprio dei rifiuti e lo scarico di carcasse di animali, come riportato sopra Divernet dopo l'incidente.

Certamente questi abusi marittimi stanno mettendo a dura prova il mare, ma lungi dall’essere un fenomeno nuovo, si verificano da decenni. È possibile attribuire loro ogni responsabilità?

Forse si potrebbe sostenere che questi abusi hanno semplicemente gettato le basi per ciò che sta accadendo ora. Gli esperti insisteranno, ad esempio, sul fatto che le carcasse di animali e altri rifiuti alimentari scaricati dalle navi interrompono i modelli di alimentazione naturale degli squali e causano cambiamenti comportamentali significativi. 

Tuttavia, le ricerche condotte alle Bahamas non hanno riscontrato alcun aumento degli attacchi di squali non provocati, nonostante all’epoca lì fosse un numero crescente di immersioni con esche. Rispetto le dichiarazioni di HEPCA e le opinioni di altri esperti, ma credo che ci siano altri due fattori importanti e collegati da considerare.

Squalo grigio del reef (Ekrem Parmaksiz)
Squalo grigio del reef (Ekrem Parmaksiz)

La prima è l’ipotesi della “termoregolazione comportamentale”. In un articolo su tuffatore rivista nel 2019 ho suggerito che gli aumenti della temperatura dell’acqua del Mar Rosso negli ultimi 20 anni stavano causando cambiamenti comportamentali negli squali che avevano difficoltà ad adattarsi.

Gli ectotermi pelagici come gli squali devono mantenere la temperatura interna entro un intervallo favorevole per massimizzare le loro prestazioni. Gli studi hanno dimostrato che la temperatura è un importante fattore di movimento e di utilizzo dello spazio per alcune specie di squali. Colpisce i processi fisiologici e biologici come il tasso di crescita, la migrazione, l'alimentazione, il metabolismo, lo sviluppo embrionale e la digestione.  

La temperatura dell’acqua è probabilmente il fattore fisico più influente che regola i movimenti degli squali. Se questi animali non sono in grado di controllare la situazione per periodi prolungati, ciò deve avere un impatto su di loro. Potrebbe rendere il loro comportamento meno prevedibile, più violentemente esplosivo e irregolare.

Aumentano i numeri degli squali

Il secondo fattore è che, mentre la popolazione globale di squali è crollata di oltre il 70% negli ultimi 50 anni, i numeri che occupano il Mar Rosso sono, sorprendentemente, in aumento. Gli squali stanno migrando dall’Oceano Indiano, spinti dai cambiamenti climatici e anche dalle attività umane.

Il cambiamento climatico significa aumento della temperatura dell’acqua. Man mano che i mari diventano più temperati e tropicali, creature come gli squali preferiscono rimanere più a lungo in queste acque, ma diventano più aggressive se e quando non riescono a trovare il loro cibo abituale. 

Negli ultimi 14 anni ho fatto immersioni, osservato e fatto ricerche approfondite sugli squali nel Mar Rosso e ritengo che sia importante aggiungere questi fattori a HEPCAe dare loro il giusto peso.

Non c’è dubbio che siano necessari più dati scientifici se vogliamo essere in grado di prevedere in che modo gli squali potrebbero essere sempre più colpiti dai cambiamenti climatici e da altre modifiche umane ai modelli di temperatura dell’acqua.

Lo squalo tigre che uccise Popov era un grande squalo tigre adulto che probabilmente era migrato dall'Oceano Indiano. Più che mai, varie specie di squali stanno migrando da lì, e sempre più il movimento si sta spostando dalla normale migrazione stagionale a trasferimenti più permanenti. 

Squalo toro (Ekrem Parmaksiz)
Squalo toro (Ekrem Parmaksiz)

Quando sei mesi fa ho avuto un incontro impressionante con uno squalo toro al Daedalus Reef, mi stavo già chiedendo se il Mar Rosso avrebbe presto fornito o meno il nuovo habitat permanente a questi squali. C’è da meravigliarsi che il contatto con gli esseri umani sarà sempre più probabile – e che potrebbero esserci momenti in cui quel contatto diventa brutto?

HEPCA è stata contattata per un commento.

Ekrem Parmaksiz
Segui Ekrem Parmaksiz su
Instagram @ekremparm

Anche su Divernet: Il comportamento “anormale” degli squali chiude i siti del Mar Rosso, Uno squalo morde un subacqueo a Elphinstone, Meno morsi di squalo significano meno squali?, La tripletta di grandi squali delle Bahamas

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Barry
Barry
9 mesi fa

In quasi tutte le live a bordo che ho fatto nel Mar Rosso ho visto gli operatori delle barche lanciare cibo in acqua per attirare gli squali. Allo stesso tempo, sono stati fatti pochi tentativi per dissuadere i nuotatori dall’entrare in acqua.
Sono sicuro che il Mar Rosso non sia l’unico in questo senso.

Kumar Devadasan
Kumar Devadasan
9 mesi fa

Le tigri sono cacciatrici di imboscate. Ciò che non è chiaro è come si comportasse Popov in acqua.

SEGUICI SU

2
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x