Giuseppina Willis

Eddie cerca indizi.
Eddie cerca indizi.

SUBACQUEO DEL RELItto

Siamo onesti, trovare un relitto della metà del XIX secolo con tanto di reperti è il sogno di molti subacquei. Per STEFAN PANIS era realtà.

Reperti provenienti da Josephine Willis: 1 bottiglia di cristallo; 2 piatti decorati orientali; 3 brocche in peltro recanti il ​​timbro dell'artigiano; 4 monete d'oro; 5 portasapone; 6 calamai dipinti a mano; 7 coperchi per dentifricio; 8 resti di una spazzola per capelli e alcuni bottoni dell'uniforme; 9 Il coperchio in vetro che ha portato all'identificazione del relitto; 10 tazze con piattino con motivo rose e gigli; 11 portauova decorati; 12 targhe dorate; 13 coperchio di un barattolo di dentifricio; 14 boccali decorati con disegni e poesie; 15 soldatini; 16 calamai dipinti a mano; 17 cannoni giocattolo.
Manufatti da Josephine Willis:
1 Bottiglie di cristallo;
2 piatto decorato orientale;
3 brocca in peltro recante il timbro dell'artigiano;
4 monete d'oro;
5 detersivo per i piatti;
6 calamaio dipinto a mano;
7 coperchio del dentifricio;
8 resti di una spazzola per capelli e di alcuni bottoni dell'uniforme;
9 Il coperchio in vetro che ha portato all'identificazione del relitto;
10 tazza e piattino con motivi di rose e gigli;
11 portauova decorati;
12 piatto in foglia d'oro;
13 coperchio di un barattolo di dentifricio;
14 boccale decorato con disegni e poesie;
15 soldati giocattolo;
16 calamaio dipinto a mano;
17 cannone giocattolo.

NEL 2012, Stavo facendo ricerche su un relitto affondato nello stretto di Dover. Quando ho digitato il nome della nave su Facebook, mi sono imbattuto in un'intera pagina ad essa dedicata.

C'era un contatto per un uomo di nome Eddie Huzzey, e solo una settimana dopo mi ritrovai immersione alcuni siti fantastici con lui.

Da allora, ogni estate sono stato invitato a partecipare alle spedizioni di ricerca dei relitti del suo gruppo, con l’obiettivo di trovare, identificare e documentare nuovi siti di relitti nello stretto.

Lo Stretto di Dover è una delle rotte marittime più trafficate del mondo. Nel 1972 fu introdotto il sistema a due corsie per evitare collisioni, ma se studiamo le carte del tratto ovest si trovano centinaia di simboli di relitti. Uno, però, ne manca.

Tony Goodfellow, uno del gruppo, aveva studiato attentamente le carte durante l'inverno e aveva stilato un elenco completo di intoppi e segni di terreno sporco su cui avremmo potuto indagare.

Abbiamo organizzato una spedizione utilizzando la barca di David Knight, la Trya, comoda per le operazioni di immersione, dotata com'è di sonar a scansione laterale, magnetometro e un comodo sollevatore idraulico.

Durante il nostro primo giorno di navigazione abbiamo avuto la fortuna di avere un mare calmo e piatto, il che ci ha aiutato molto durante la navigazione in corsia per cercare un'area con la scansione laterale.

Tutta l'elettronica era accesa nella timoneria e fissavamo attentamente gli schermi mentre rimanevamo sospesi sul nostro "bersaglio".

Non è successo nulla, finché Tony non ha notato qualcosa sullo scandaglio che potrebbe essere stato creato dall'uomo.

Con l'arrivo della bassa marea era inutile continuare la ricerca, quindi abbiamo deciso di agganciare il bersaglio e immergerci.

David fu il primo a tuffarsi, e quando è tornato su dopo cinque minuti, eravamo curiosi di vedere cosa aveva in mano. Si è rivelato essere un grande piatto con motivo salice, in ottime condizioni!

Sapevo che doveva essere un vecchio naufragio, e mi è sembrato che fossero passati secoli prima che ricevessi il segnale di partire e mi lasciassero cadere vicino alla linea di tiro. Il mio primo avvistamento quando sono arrivato in fondo allo scatto ha confermato quel sospetto: era un cannone!

In tutte le numerose immersioni sui relitti che ho fatto nel corso degli anni, non avevo mai visto nulla di simile: un relitto di legno vergine, che sembrava essere emerso di recente da una duna di sabbia.

HO TAGLIATO LA MIA BOBINA al cannone e virò via. Mi sono ritrovato in una stiva: ovunque guardassi, ho visto scatole di legno e barili, con il contenuto che fuoriusciva.

Ho visto vino e bellissime bottiglie di gin, ancora tappate. Vicino ad una trave di legno giacevano file di vasi da notte decorati e, osservandoli più da vicino, rimasi stupito di trovare all'interno dei portauova, anch'essi decorati.

Ho fatto scorrere la mia bobina sul sito e ho scoperto di più carico della nave. C'era un'enorme quantità di stoviglie, compresi piatti e tazze di diverse forme e dimensioni, tutte splendidamente decorate, e molti degli oggetti portavano il timbro del produttore,

Quando sono arrivato all'altra estremità del sito ho notato i resti del timone, e un po' più avanti ho scoperto un cardine di ottone nella sabbia, che chiaramente faceva di questa l'estremità di poppa del relitto. Altri tre cannoni giacevano molto vicini.

All'improvviso Eddie mi fece un cenno. Aveva trovato una culla di ottone per un bambino: una scoperta unica. Ne abbiamo presi alcuni fotografie e poi, cosa ancora più sorprendente, Eddie scoprì all'interno della culla soldatini e cannoni in peltro.

Mi sono diretto verso quella che doveva essere la sezione di prua e mi sono imbattuto in una zona in cui dovevano trovarsi alcune cabine dell’equipaggio.

Lì ho scoperto un portacandele in ottone: nelle immersioni successive, due monete d'oro si troverebbero esattamente nello stesso posto.

Eddie cerca indizi.
Eddie cerca indizi.

La mia macchina fotografica stava quasi esplodendo mentre scattavo quanti più scatti possibile.

Troppo presto è arrivato il momento di emergere e iniziare la mia decompressione, ancora scosso da ciò che avevamo scoperto.

Eddie aveva anche trovato un barattolo di vetro durante la sua immersione, e sul coperchio era inciso: “J.W. Immatricolata il 12 MAGGIO 1852”. Tony, il nostro storico, riconobbe immediatamente che le abbreviazioni stavano per Josephine Willis, un relitto che stava cercando da più di 20 anni.

Si è scoperto che il fratello della nave Il proprietario aveva una fabbrica di vetro e lì produceva la vetreria della nave.

Più tardi nelle immersioni furono rinvenuti ulteriori reperti che confermarono l'identità della nave. Tutti questi oggetti furono conservati e segnalati al ricevitore del relitto.


NEL 1850 L'emigrazione britannica verso la nuova colonia in Nuova Zelanda veniva promossa dai giornali dalla Willis Line, che nel 1855 aggiunse alla sua flotta la nuova nave da 1000 tonnellate Josephine Willis, per viaggiare tra Londra e Auckland sotto il comando di un capitano Canney.

Domenica 3 febbraio 1856 lasciò il St Katharine Docks di Londra con 70 passeggeri, 35 membri dell'equipaggio e, secondo quanto trovato negli archivi, un “carico di valore”. È stata rimorchiata attraverso il Tamigi e nella Manica, dove il rimorchiatore l'ha lasciata per iniziare il suo viaggio di 100 giorni.

Sfortunatamente la Josephine Willis non andò lontano. Fu speronata nel cuore della notte dal piroscafo in ferro Mangerton e si capovolse. La maggior parte dei passeggeri dormivano, mentre altri giacevano nei loro letti con il mal di mare, quindi furono colti di sorpresa.

È stato fatto un tentativo di segnalare alle navi circostanti con bagliori blu, ma non ne hanno compreso il significato. La conseguenza fu che quella notte annegarono 70 persone.

Stella marina tra le stoviglie sul fondo del mare.
Stella marina tra le stoviglie sul fondo del mare.

Durante le ricerche negli archivi, Tony scoprì che poco dopo l'affondamento, dei sommozzatori con l'elmetto erano stati inviati sul luogo del relitto per ispezionare la nave e vedere se fosse possibile rimetterla a galla. Conclusero che era troppo gravemente danneggiato, quindi dovette essere lasciato sul fondo del mare – finché non ci immergemmo nel sito. anni dopo.

I squadra ha compiuto grandi sforzi per prestare il giusto rispetto alla nave e al suo carico. Hanno contattato Frank Davenport, uno specialista americano di ceramiche antiche, che ha scritto un articolo sul carico.

Hanno anche contattato i musei di Dover, Potteries e Doncaster e hanno donato i manufatti che ora sono esposti, affinché i visitatori possano apprezzarli.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x