Naxos Beaufighter vola ancora alto per i subacquei 

Motore di babordo del relitto erroneamente identificato del Bristol, Beaufighter
Motore di babordo del relitto erroneamente identificato del Bristol Beaufighter

Il relitto ben conservato di un Bristol Beaufighter della RAF della Seconda Guerra Mondiale nelle isole greche è stato erroneamente identificato per molti anni. Il ricercatore e appassionato di caccia ai relitti ROSS J ROBERTSON scende nei dettagli, con le fotografie subacquee di VASILIS MENTOGIANNIS

Sguazzare nelle acque turchesi dell'Egeo è sempre una gioia. Con una mano che fissa saldamente la maschera e l'erogatore, fai il grande passo. 

C'è un breve momento di assenza di gravità e di anticipazione mentre rotoli all'indietro oltre la fiancata. Segue uno shock di freschezza mentre la tua schiena penetra nell'acqua, e poi il disorientamento di essere brevemente sospeso a testa in giù in mezzo a una raffica di bolle svolazzanti. 

Una confusione di suoni ti attraversa le orecchie, seguita dalla strana sensazione di galleggiamento che cerca di invertire il processo. Presto ti ritroverai con il lato giusto e galleggerai in superficie. 

Dopo un rapido controllo dell'attrezzatura, tu e il tuo compagno di immersione inizierete la transizione verso un mondo alternativo e decisamente personale. Il ritmo costante del tuo respiro sembra amplificarsi ed echeggiare nell’acqua circostante. Si crea una leggera pressione nelle orecchie, facilmente risolvibile.

La luminosità sopra è sostituita da tonalità di blu sempre più scure. La temperatura diminuisce notevolmente passando attraverso il termoclino. È rinvigorente e si aggiunge a un senso di consapevolezza già elevato.

La tua attenzione viene presto attirata da una forma oscura che incombe nell'oscurità. Man mano che ti avvicini, la forma si risolve nell'inconfondibile sagoma di un aereo della Seconda Guerra Mondiale. È quello che sei venuto a vedere e l'eccitazione è tangibile. 

Sopra il relitto del Bristol Beaufighter
Sopra il relitto del Bristol Beaufighter

È un cacciasilurante biposto Bristol Beaufighter Mk X. Nonostante i rigori della corrente, della corrosione e delle reti da traino, la sua orgogliosa struttura rimane straordinariamente intatta. Questo non è un pezzo da museo restaurato, ma un vero affare.

Un tempo simbolo della forza e del potere della RAF, ora giace silenzioso sul fondo del mare a una profondità di 32 metri, proprio come ha fatto negli ultimi 80 anni.

Anatomia di un aereo da guerra

Questo Bristol Beaufighter Mk IVf, uno dei soli sette Beaufighter restaurati rimasti, ha somiglianze con il Mk X ma aveva motori Hercules meno potenti (Ken LeRock / National Museum of the US Air Force, Ohio)
Questo Mk IVf, uno dei soli sette Bristol Beaufighter restaurati in tutto il mondo, è simile al Mk X distrutto ma con motori Hercules meno potenti. È al Museo Nazionale della US Air Force, Ohio (Ken LaRock / NMUSAF)
bello 0334
Questo RAAF Beaufighter Mk XXI EH-K è esposto al Moorabbin Air Museum di Melbourne, in Australia
Motore radiale di un Beaufighter Mk XXI, al Moorabbin Air Museum, Melbourne (Dr Scott A Robertson)
Motore radiale di un Mk XXI (Moorabbin Air Museum)

A dominare l'estensione delle ali montate al centro ci sono una coppia di potenti motori radiali Hercules XVI a 14 cilindri con valvole a manicotto. In particolare, le carenature del relitto sono parzialmente disintegrate e i montanti del motore sono esposti. 

Ciascun motore poteva erogare 1,300 kW a 2,900 giri/min (150 m di altitudine). Ciò significava una velocità di crociera di 480 km/h, una velocità massima di 520 km/h, una tangenza di servizio di 8,000 m e un’autonomia di 2,478 km. Sono state queste capacità a rendere la Mk X una piattaforma così potente per il lancio di ordigni. 

La maggior parte delle ali del Beaufighter rimangono pannellate, nascondendo nervature, longheroni e altre caratteristiche come i cavi degli alettoni e i serbatoi del carburante. Anche il carrello retratto è nascosto, nascosto dietro i motori sin dal decollo dell’ultimo volo dell’aereo tanti anni fa. 

In uscita, ma sempre all'interno del raggio dell'elica, una coppia di prese per il radiatore dell'olio sporgono dal bordo d'attacco. Queste sono una caratteristica distintiva che noterai in qualsiasi immagine di un Beaufighter. 

Un Beaufighter Mk X della RAF con siluro
Un Beaufighter Mk X della RAF con siluro in volo

Mentre l'ala si assottiglia verso le estremità alari, le sezioni esterne vengono denudate, rivelando che le sei mitragliatrici Browning da 7.7 mm (quattro a tribordo, due a babordo - l'asimmetria che consente le luci di atterraggio nell'ala di babordo) sono state rimosse. 

Incastonato nella sabbia, è impossibile ispezionare sotto l'aereo. Ma uno sguardo più attento sotto la posizione del pilota sul lato di dritta rivela uno dei suoi tubi di scoppio del cannone. Qui è dove i proiettili da 20 mm spararono da uno dei quattro cannoni Hispano montati dorsalmente. 

Oltre ai Browning fissi e a un cannone Vickers "K" da 7.7 mm montato in modo flessibile per il navigatore/mitragliere posteriore (anch'esso mancante sul relitto), c'erano punti rigidi sotto le ali per quattro bombe da 227 kg o, a partire dalla fine del 1943 e l'inizio 1944, otto proiettili a razzo solido da 27 kg. 

Ciò rese il Beaufighter uno dei caccia a lungo raggio più pesantemente armati del suo tempo. Quando non trasporta bombe (o razzi), la versione TF, quale è questa, può trasportare un siluro da 798 kg e 46 cm.

Sul relitto manca il muso, ma questo rivela la corazzatura a prua della cabina di pilotaggio altrimenti invisibile. I Beaufighters erano famosi per essere in grado di sopportare una grande quantità di punizioni, incluso il fuoco da terra. 

Cono mancante, che mostra il punto di montaggio per la telecamera d'attacco
Il cono mancante rivela il punto di montaggio della fotocamera

Al centro della piastra si trova il punto di montaggio per la telecamera d'attacco. Questo veniva attivato automaticamente quando le armi venivano sparate, creando alcune spettacolari fotografie di combattimento, specialmente quando i Beaufighter iniziarono ad essere dotati di proiettili a razzo solido al posto dei siluri. 

All'interno dell'aereo

L'eccitazione raggiunge il picco mentre ti prepari a ispezionare la cabina di pilotaggio. Infilare la testa attraverso il baldacchino aperto con una torcia rivela un tripudio di colori. 

Pannello degli strumenti e volantino di controllo sul relitto del Beaufighter
Pannello degli strumenti e volantino di controllo sul relitto del Beaufighter
Disposizione della cabina di pilotaggio del Mk IVf
La disposizione della cabina di pilotaggio del Beaufighter Mk IVf restaurato è simile a quella del distrutto Mk X (Ken LaRock / NMUSAF)

Sale, ruggine e organismi marini hanno preso il sopravvento, rendendo opaco il perspex e donando a tutte le superfici di questo spazio ristretto una tonalità arancione e rossa. 

Davanti e su entrambi i lati del sedile pieghevole del pilota c'è un assortimento di strumenti e controlli identificabili. La maniglia del volante sulla colonna di comando rimane al suo posto e anche il meccanismo di attivazione è chiaramente visibile sul lato destro. 

Guida commentata ai comandi avanzati
Guida ragionata ai comandi avanzati del relitto
I controlli da portare sul Mk XXI
Controlli portuali sul museo Mk XXI (Moorabbin Air Museum)
Guida ai controlli portuali
Guida ai controlli portuali sul relitto

Guardando a poppa si nota subito la forma triangolare della fusoliera. Sul pavimento c'è il portello di fuga chiuso del pilota, e su entrambi i lati corrono cavi e condotti.

C'è una paratia corazzata tra il pilota e la parte posteriore dell'aereo, la cui porta di collegamento è aperta per rivelare la posizione del navigatore/mitragliere posteriore. 

Guardando a poppa attraverso la paratia corazzata verso il sedile del navigatore/mitragliere posteriore. Il condotto a sinistra è il condotto del riscaldamento della cabina. La grande scatola a destra vicino alla paratia contiene apparecchiature radio trasmittenti e riceventi. Sulla parete della fusoliera a destra c'è una scatola di giunzione elettrica
Guardando a poppa attraverso la paratia corazzata verso il sedile del navigatore/mitragliere posteriore. Il condotto del riscaldamento della cabina è a sinistra. La grande scatola a destra vicino alla paratia contiene apparecchiature radio trasmittenti e riceventi. Sulla parete della fusoliera a destra c'è una scatola di giunzione elettrica
Il sedile blindato del pilota. Il frontalino a destra sembra provenire dalla bussola - dall'altro lato ci sono i volantini del rubinetto del carburante di babordo e tribordo
Il sedile blindato del pilota. Il frontalino a sinistra sembra provenire dalla bussola – a destra ci sono i volantini del rubinetto del carburante di babordo/tribordo

Sebbene sia allettante, è troppo angusto nuotare lungo la fusoliera all'interno, ma abbastanza facile all'esterno. Sede di tutti i tipi di vita marina, il tettuccio di osservazione aperto del navigatore/mitragliere posteriore rivela il sedile girevole corazzato che rimane rivolto a poppa. 

Il tettuccio dorsale aperto rivela il sedile girevole corazzato del navigatore/mitragliere posteriore rivolto a poppa, nella direzione di fuoco posteriore in cui era rivolta la mitragliatrice mancante
Il tettuccio dorsale aperto rivela il sedile girevole corazzato del navigatore/mitragliere posteriore rivolto a poppa, nella direzione in cui era rivolta la mitragliatrice scomparsa

Immediatamente evidente è un ricevitore radio sul lato sinistro, la sua manopola di sintonia centrale e il quadrante lo rendono facilmente identificabile come un tipo R1155, anche se è un po' strano vedere un pesce che serpeggia nelle vicinanze. 

bri0016
A sinistra accanto alla posizione del navigatore/mitragliere posteriore c'è un ricevitore tipo R1155
Il ricevitore R1155 di fabbricazione britannica, ampiamente utilizzato dalla RAF durante la seconda guerra mondiale
Il ricevitore R1155 di fabbricazione britannica fu ampiamente utilizzato dalla RAF durante la seconda guerra mondiale

Anche il trasmettitore T1154 era un kit standard sul Beaufighter Mk X e si trova sulla parete di tribordo della fusoliera verso la coda. In quest'area venivano anche riposte bombole di ossigeno, acqua potabile e una bottiglia igienica. 

L'ispezione di questo spazio ristretto è possibile da entrambe le estremità perché la sezione di coda dell'aereo si è parzialmente staccata. Ciò ha anche lasciato i piani diedrici di coda, la pinna e il timone con una strana angolazione. 

Guardando avanti, tra la posizione del navigatore/mitragliere posteriore e la paratia che conduce alla cabina di pilotaggio, quattro scatole di munizioni alimentavano 100 colpi ciascuna nelle due coppie di cannoni sotto le ali
Guardando avanti dalla posizione del navigatore/mitragliere posteriore e dalla paratia che conduce alla cabina di pilotaggio, quattro scatole di munizioni alimentavano 100 colpi ciascuna nelle due coppie di cannoni sotto le ali

Fine dell'immersione

L'esperienza è stata così coinvolgente che il tempo di fondo a tua disposizione è prossimo al massimo, come conferma una rapida occhiata al computer subacqueo e al manometro. Segnala al tuo amico che è ora di andare. 

Mentre nuoti lentamente attorno alla periferia del relitto per l'ultima volta, ammirando tutta la portata della sua silenziosa maestosità, rimani con un senso di meraviglia. Come è finita questa straordinaria macchina in una tomba acquatica nell'Egeo? 

I subacquei si godono la vista del Beaufighter di Naxos
I subacquei ammirano la veduta aerea del Naxos Beaufighter

Hai effettivamente visto tutti gli indizi pertinenti. L'aereo è intero. È stato chiaramente spinto giù per un motivo ma, altrettanto ovviamente, non si è frantumato in volo o nell'impatto con l'acqua creando un campo di detriti. 

Si trova in acque relativamente poco profonde, appena al largo della costa sud-occidentale dell'isola greca di Naxos, suggerendo che il pilota aveva più o meno il controllo dell'aereo distrutto e stava cercando di massimizzare le possibilità di sopravvivenza. 

Tutte e tre le pale dell'elica idromatica De Havilland di sinistra sono piegate e attorcigliate all'indietro (le pale di tribordo mancano completamente). Ciò accade solo se colpiscono il suolo o l'acqua mentre il motore sta ancora girando, il che è un altro indizio che il pilota stava cercando di ammarare. 

Una pala dell'elica sul motore di sinistra è piegata all'indietro: un segno sicuro che il motore era in funzione durante l'ammaraggio
Le pale dell'elica del motore di sinistra si piegarono all'indietro: un segno sicuro che il motore era in funzione durante l'ammaraggio

L'aereo si è posato sul fondo nel verso giusto. Ciò indica che è stato inondato dopo essere stato “atterrato” (e orizzontale) con successo sulla superficie.

I tettucci del pilota e del navigatore/mitragliere posteriore sono aperti, suggerendo l'uscita di entrambi dalla parte superiore dell'aereo, non attraverso i portelli di fuga sottostanti (che verrebbero utilizzati per il salvataggio durante il volo). 

Sembra che il tettuccio del pilota sia stato aperto prima dell’ammaraggio
Sembra che il tettuccio del pilota sia stato aperto prima che l’aereo venisse abbandonato

Piuttosto che essere lentamente corroso on-site, manca completamente il pannello posteriore sull'ala superiore sinistra vicino alla fusoliera. Qui è dove una volta si trovava il gommone gonfiabile: il suo interruttore di immersione si sarebbe attivato automaticamente al contatto con l'acqua per offrire una possibilità di sopravvivenza dopo l'uscita. 

Tutti questi fattori combinati implicano che entrambi gli aviatori fossero probabilmente vivi al momento dell'ammaraggio. La domanda è: sono davvero sopravvissuti?

La risposta breve è “sì”, ma probabilmente non nel modo in cui ti aspetteresti. 

Allora cosa è successo all'equipaggio?

Il relitto è stato scoperto nel 2007 dal subacqueo professionista locale Manolis Bardanis. Per molti anni si è pensato che fosse JM317 'S' - il 47 Squadron RAF Beaufighter Mk X che pilotava l'ufficiale di volo (F/O) William 'Bill' Hayter e il navigatore/mitragliere posteriore Warrant Officer (W/O) Thomas Harper ( che fu "preso in prestito" dal 603 Squadron per quella singola missione) furono costretti ad abbandonare il 30 ottobre 1943, dopo uno sciopero sulle navi della Kriegsmarine nel porto di Naxos. 

È stata una supposizione automatica perché il loro salvataggio, facilitato dai locali George Sideris e dal dottor Emmanual Bardanis con grande rischio personale, era ben ricordato sull'isola. Tuttavia, risulta essere completamente un altro aereo. 

"Il relitto è in realtà l'LX998 'Y' dello squadrone 603 della RAF", ha spiegato il dottor Kimon Papadimitriou dell'Università di Salonicco, in Grecia. È a capo dell'Underwater Survey Team (UST), un gruppo di professionisti locali che si dedicano volontari alla ricerca storica e agli appassionati di caccia ai relitti. 

Secondo gli archivi, l'LX998 faceva parte di un gruppo di otto Beaufighters del 603 e del 47 Squadron che lanciarono un attacco al porto di Naoussa e alla baia di Yanni, sulla costa settentrionale dell'isola di Paros.

La forza d'attacco ha affrontato sfide significative durante il suo attacco, tra cui un pesante fuoco antiaereo e attacchi da parte dei Bf-109 e degli Arado 196 della Luftwaffe Messerschmitt, con conseguenti perdite considerevoli.

“L'aereo era pilotato dall'ufficiale pilota (P/O) Keith EE Hopkins, con il W/O Keith V Roget in servizio come navigatore e mitragliere posteriore. Insieme ad uno degli altri Beaufighters, Hopkins e Roget effettuarono con successo un attacco con i cannoni contro due chiatte mimetizzate e quattro caïques. 

"Inoltre, secondo quanto riferito, abbatterono un Arado 196 che difendeva l'area, ma alla fine furono costretti ad abbandonare vicino a Naxos il 6 novembre 1943", ha detto il dottor Papadimitriou. 

Entrambi gli aviatori sopravvissero alla dura prova e riuscirono a uscire dall'LX998 mentre si allagava e affondava. Sono riusciti ad arrivare al gommone, ma non a riva. Non è chiaro se fossero troppo esausti, feriti o semplicemente la corrente fosse troppo forte per poter remare fino a Naxos. 

Ciò che si sa, tuttavia, è che furono trasportati da forti venti in direzione sud-est per quasi 30 miglia nautiche. Ciò li portò faticosamente oltre gli isolotti di Iraklia e Schinousa e molte miglia al largo. 

Tutto doveva sembrare perduto, ma poi furono miracolosamente avvistati da un sottomarino della Royal Navy, come riportato nel diario di bordo del suo ufficiale in comando (Lt HB Turner, DSC, RN): 

"6 novembre 1943: alle 18:03 (fuso orario -2), la HMS Unrivalled raccolse due piloti della RAF di un Beaufighter del 603 Squadron e il loro gommone vicino alla posizione 36°40'N, 25°47'E. "

Gli archivi ufficiali della RAF concordano con questo lieto fine: “L’aereo “Y” è stato costretto ad ammarare dopo aver abbattuto un altro ARADO; l'equipaggio, tuttavia, P/O Hopkins e W/O Roget, furono successivamente prelevati da un sottomarino e sbarcarono a Malta, tornando allo squadrone una settimana dopo. " 

Luogo di riposo finale del relitto dell'aereo Beaufighter
Luogo di riposo finale del relitto dell'aereo Beaufighter

Che tu sia un principiante o un subacqueo esperto, questa immersione di 32 metri rientra ampiamente nei limiti di non decompressione. 

Come potrà confermare chiunque abbia avuto il privilegio, visitare il relitto sottomarino di un aereo della Seconda Guerra Mondiale è un'esperienza unica e indimenticabile. Non solo offre una rara opportunità di connettersi con il passato in un modo unico e tangibile, ma consente anche un più profondo apprezzamento per gli sforzi eroici e i sacrifici compiuti durante la guerra. 

È un’esperienza potente e umiliante che ci ricorda l’importanza di ricordare e onorare la nostra storia condivisa. In quanto tale, è davvero coinvolgente in entrambi i sensi della parola.

Ross J Robertson desidera ringraziare Vasilis Mentogiannis per la sua fotografia subacquea del relitto dell'LX998; Panagiotis Niflis of Subacquei con pinna blu (Naxos) per il suo aiuto; E Il dottor Kimon Papadimitriou e gli altri membri dell'Underwater Survey Team che furono coinvolti in questo www.wreckhistory.com progetto.

Ross, un Advanced Open Water e Nitrox Diver, è un autore ed educatore con un vivo interesse per i naufragi dell'Egeo e la storia greca della Seconda Guerra Mondiale. Riunendo questi elementi in numerosi articoli di riviste e giornali, è anche curatore del sito Storie della Seconda Guerra Mondiale.

Anche su Divernet: Relitto di un aereo della Seconda Guerra Mondiale, l'ultimo di una serie di ritrovamenti in Estonia, I sommozzatori della Florida trovano il relitto dell'aereo Skyraider degli anni '50, Individuati 5 relitti di bombardieri, mentre l'IA impara a trovarne altri, Bombardiere da immersione

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Mick Anderson
Mick Anderson
4 mesi fa

Incredibile dopo tutto quel tempo! Dimostra il detto! Non renderli come usano anche loro!

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x