“Dovremmo lottare per proteggere le praterie marine del Regno Unito!”

FRONTE MARINA
FRONTE MARINA

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Tanto quanto Il 92% delle praterie di fanerogame sottomarine del Regno Unito sono andate perdute, secondo una nuova ricerca che richiede un’azione urgente per contribuire a ripristinarli.

Leggi anche: Un’ondata di caldo marino senza precedenti colpisce il Regno Unito

Si dice che lo studio, una collaborazione tra University College London (UCL), Kings College London e Swansea University, sia uno dei primi a utilizzare dati sulle fanerogame marine provenienti da diverse fonti per produrre una stima sistematica dell'estensione della pianta marina sia storicamente che oggi.

Crescendo nelle zone costiere poco profonde, le fanerogame marine sono vitali per la salute degli ecosistemi marini, affermano gli scienziati. Sostiene gli stock ittici, fornisce terreni di riproduzione per cavallucci marini e rimuove anche il carbonio dall’atmosfera. Pur coprendo solo un millesimo dei fondali marini del mondo, può assorbire e intrappolare il carbonio fino a 40 volte più velocemente di quanto possano fare le foreste.

Almeno il 44% delle fanerogame marine del Regno Unito è andato perduto a causa dello sviluppo industriale, agricolo e costiero a partire dal 1936, con il 39% di tale perdita avvenuta a partire dagli anni ’1980. La cifra è superiore del 10% rispetto alla perdita globale media stimata.

Se le fanerogame marine del Regno Unito fossero rimaste ai livelli precedenti al 1936, avrebbero potuto immagazzinare 11.4 megatonnellate di carbonio, ovvero il 3% delle emissioni di CO2 del Regno Unito nel 2017, affermano i ricercatori, e avrebbero dato sostentamento a circa 400 milioni di pesci.

Enormi aree dell’Humber e degli estuari nell’Essex e nel Suffolk hanno perso le praterie marine, così come le località rurali sulla costa orientale di Anglesey in Galles, Cromarty Firth in Scozia e le insenature e gli estuari della Cornovaglia. Rimangono ora solo 8500 ettari, dicono gli scienziati, anche se riconoscono che alcuni siti stanno mostrando segni di ripresa.

Prati sani rimangono in luoghi come Studland Bay nel Dorset, Lindisfarne, parti del Devon e le Isole Scilly, mentre in luoghi come Dale Bay nel Pembrokeshire il progetto Seagrass Ocean Rescue ha lavorato per riseminare i fondali marini.

Leggi anche: La pianta più grande del mondo rivelata a Shark Bay

“Le fanerogame marine sono l’habitat marino più meraviglioso e sconosciuto che esista, ma stanno diminuendo in tutto il mondo”, afferma l’autore principale, la dott.ssa Alix Green di UCL Geography. “Nel Regno Unito, esempi sani di queste piante da fiore formano densi prati verdi e rigogliosi, con lunghi fili verdi fino a 2 metri di altezza, in acque che sono meravigliosamente limpide grazie alle proprietà detergenti delle piante.

“Ospitano anche uova e larve di specie importanti per la nostra pesca commerciale, come il merluzzo, la passera e la triglia. Costituiscono gli unici terreni di riproduzione conosciuti per due specie di cavallucci marini presenti nel Regno Unito e, se sei fortunato, potrai avvistare enigmatici spinarolo ed enormi granchi che vagano tra questi prati.

Anche se i subacquei in particolare apprezzeranno questi aspetti, il dottor Green sottolinea anche che le praterie di fanerogame marine “proteggono la costa dall’erosione costiera assorbendo l’impatto delle tempeste – un servizio che sarà vitale nel nostro clima che cambia”.

“Il prossimo decennio rappresenta un’opportunità cruciale per affrontare le crisi interconnesse della perdita di biodiversità e del cambiamento climatico: il ripristino delle praterie di fanerogame marine rappresenterebbe un contributo importante in tal senso”, afferma il coautore Dr Peter Jones dell’UCL. “Ciò comporterà restrizioni come la riduzione dei danni alle ancore delle barche, la limitazione dei metodi di pesca dannosi e la riduzione dell’inquinamento costiero, anche attraverso le aree marine protette”.

“Le perdite catastrofiche documentate in questa ricerca sono allarmanti, ma offrono un’istantanea del potenziale di questo habitat se si faranno sforzi per proteggere e ripristinare le praterie di fanerogame marine in tutto il Regno Unito”, aggiunge il dott. Green.

"Ci auguriamo che questo lavoro stimoli la mappatura e il monitoraggio continui e sistematici delle praterie di fanerogame marine in tutto il Regno Unito e incoraggi progetti di ripristino e riabilitazione...  Il Regno Unito è fortunato ad avere una tale risorsa nelle nostre acque e dovremmo lottare per proteggerla!"

Lo studio è pubblicato sulla rivista Frontiers in Plant Science.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x