“Eroi non celebrati” dei sommozzatori volontari, ma serve sangue nuovo

Lavorando sulla pista di immersione dell'HMS Colossus del XVIII secolo nelle Isole Scilly (CISMAS)
Lavorando sulla pista di immersione dell'HMS Colossus del XVIII secolo nelle Isole Scilly (CISMAS)

I subacquei volontari danno un “enorme contributo” all’ambiente storico marino, afferma la Protected Wreck Association (PWA), il che dà un’idea di quanto sia enorme con la pubblicazione dei risultati dell’indagine che segna i 50 anni del Protection of Wrecks Act del 1973.

Durante questi cinquant'anni i subacquei hanno agito come custodi volontari su siti di relitti significativi a livello nazionale e internazionale, afferma l'associazione. La sua indagine su una parte dei volontari rivela che solo l'anno scorso hanno dedicato più di 1,300 giorni alle immersioni, alla ricerca e al coinvolgimento del pubblico sui siti di relitti protetti.

Negli ultimi anni più di 200 licenziatari e membri del team sono stati attivi solo nei siti protetti dell’Inghilterra, mentre altri hanno lavorato altrove nel Regno Unito.

Volontari per relitti pericolosi (PWA)
Volontari per relitti pericolosi a Bracklesham Bay (PWA)

Lo scorso anno i volontari hanno anche contribuito con quasi 80,000 sterline del proprio denaro per aiutare a gestire i siti protetti dei relitti, afferma il PWA. La somma copriva il tempo di navigazione, il carburante, l'attrezzatura per il rilevamento e il viaggio per la ricerca d'archivio. 

Circa il 23% dei partecipanti al sondaggio ha affermato che il loro volontariato è ora influenzato negativamente dalla crisi del costo della vita, mentre un ulteriore 40% prevede che gli effetti li colpiranno nel prossimo futuro.

Circa il 46% dei subacquei è stato coinvolto nei siti dei relitti per 15 anni o più, ma il PWA ha espresso preoccupazione per il fatto che, con un'età media di 66 anni, il gruppo volontario di immersioni sui relitti sta raggiungendo un punto in cui nuovi subacquei sono coinvolti. urgentemente necessario.

“Razza unica di subacquei”

Il Protected Wrecks Act è stato introdotto nel 1973 per affrontare i problemi relativi all’esplorazione e alle indagini sui relitti storici che “danneggiavano il patrimonio marino e provocavano proteste pubbliche”, afferma il PWA, e da allora sono stati designati 64 siti protetti. 

L'HMS Invincible nel Solent è stato designato come relitto protetto nel 1980 (PWA)
L'HMS Invincible nel Solent è stato designato relitto protetto nel 1980 (PWA)

Il Dipartimento di Cultura, Media e Sport (DCMS) amministra la legge insieme alle agenzie culturali del Regno Unito come Historic England (HE) e Cadw. Questi organismi possono raccomandare che il ministro in carica (attualmente Michelle Donelan) designi un’area riservata attorno a un naufragio per evitare interferenze incontrollate. 

I relitti possono essere designati ai sensi della Sezione 1 della legge in base alla loro importanza storica, archeologica o artistica, lasciando ai subacquei volontari il compito di fornire "gli occhi sul fondale marino per monitorare, ricercare e proteggere i relitti".

Volontario: sommozzatori di relitti di Londra (da sinistra) Carol & Steve Ellis e Steve Meddle (con Dan Pascoe) sono riconosciuti da HE come volontari affiliati (PWA)
Sommozzatori di relitti di Londra (da sinistra) Carol & Steve Ellis e Steve Meddle (con Dan Pascoe) sono riconosciuti da HE come volontari affiliati (PWA)

"Le competenze necessarie per indagare e prendersi cura di un importante sito storico di un relitto sono ampie e i volontari acquisiscono un alto livello di responsabilità, poiché sono i responsabili ultimi nei confronti del DCMS", afferma l'associazione. “Sono una razza unica di subacquei: concentrati, entusiasti, impegnati e dedicati.”

HE riconosce il contributo dato dai subacquei volontari autorizzati in alcuni siti come quello del XVII secolo Londra nell'estuario del Tamigi e nei siti dell'età del bronzo e del XVII secolo a Salcombe, classificandoli come volontari affiliati.

“Le squadre subacquee autorizzate sono gli eroi non celebrati del patrimonio culturale sottomarino del Regno Unito”, ha commentato PWA presidente, il professor Mike Williams. “Senza clamore, anno dopo anno, indagano, registrano e salvaguardano il patrimonio marittimo pubblico.

“Sono l’incarnazione del detto: ‘Prendi ciò di cui hai bisogno, dai più di quanto prendi'.”

Dove sono le donne?

Se mancano i licenziatari più giovani per la protezione dei relitti, c'è anche una carenza di donne nel ruolo, secondo il Maritime Archaeology Trust (MAT). Ora ha ricevuto una sovvenzione da HE per indagare su questo stato di cose.

Uno studio condotto a metà del 2021 ha indicato che su 32 “licenziatari principali” solo una era donna, mentre solo otto delle altre 74 licenze rilasciate, come le licenze per i visitatori, erano andate a donne. 

Scheda di sicurezza 19114 SC22 32
MAT sta indagando su una carenza nel numero di licenziatarie donne (PWA)

“C’è anche una carenza di storie legate alle donne, alle navi relitti protetti e alle storie di spedizione”, afferma MAT, suggerendo che il cinquantesimo anniversario della legge “fornisce una pietra miliare per considerare il coinvolgimento delle donne”. 

La fiducia è condurre un sondaggio di donne subacquee già coinvolte in relitti protetti o che sono semplicemente interessate alle immersioni e all’archeologia marittima, nella speranza di capire perché così poche donne sono licenziatarie e come si potrebbe affrontare la situazione.

Anche su Divernet: I 3 dell'Essex che hanno preso Londra, L'equipaggio pericoloso, Invincibile – 50’ 44.34N, 01’ 02.23W, Invincibile con i tre originali, La realtà virtuale aggiunge una nuova dimensione all'immersione dell'HMS Colossus

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x