La gigantesca barriera corallina di Tahiti stupisce i subacquei

'Opera d'arte'
Subacqueo sulla barriera corallina rosa. CREDITO: @Alexis.Rosenfeld

Una delle barriere coralline più grandi del mondo è stata scoperta al largo di Tahiti, nella Polinesia francese. I subacquei hanno esplorato il sito, che è costituito da giganteschi coralli duri a forma di rosa, ciascuno dei quali cresce fino a 2 metri di diametro e in condizioni incontaminate.

La barriera corallina è lunga circa 3 km e larga tra i 30 e i 60/65 metri, ma scoperte così sorprendenti sono sempre possibili mentre solo un quinto del fondale marino è stato mappato finora, dicono gli scienziati del gruppo di ricerca sostenuto dall'UNESCO che l'ha localizzato.

Leggi anche: Pristine Seas dà il via a un'impresa quinquennale nel Pacifico

La vastità del sito lo rende una scoperta di grande valore, riferiscono, ma ciò che lo rende ancora più insolito è che, a differenza della stragrande maggioranza delle barriere coralline conosciute al mondo, che non si trovano a una profondità superiore a 25 metri, la barriera corallina di Tahiti prospera a profondità più ombrose di 30 metri. -65m.  

“Quindi questa scoperta suggerisce che ci sono molte più grandi barriere coralline là fuori, a profondità superiori a 30 metri – in quella che è conosciuta come la “zona crepuscolare” dell’oceano – di cui semplicemente non siamo a conoscenza”, afferma l’UNESCO. 

Il team scientifico ha effettuato finora circa 200 ore di immersioni per studiare la barriera corallina, durante le quali i subacquei hanno potuto osservare la deposizione delle uova dei coralli. Nei prossimi mesi sono previste ulteriori immersioni investigative, concentrandosi sulle specie di vita marina che vivono sulla barriera corallina.

"La Polinesia francese ha subito un significativo evento di sbiancamento nel 2019, tuttavia, questa barriera corallina non sembra essere stata colpita in modo significativo", ha affermato la biologa marina Dott.ssa Laetitia Hedouin del Centro nazionale francese di ricerca scientifica (CNRS). “La scoperta di questa barriera corallina in condizioni così incontaminate è una buona notizia e può ispirare la futura conservazione. 

“Pensiamo che le barriere coralline più profonde possano essere protette meglio dal riscaldamento globale”.

La Commissione oceanografica intergovernativa dell'UNESCO coordina programmi globali come la mappatura degli oceani e i sistemi di allarme tsunami, insieme a numerosi progetti di ricerca scientifica. L’agenzia è anche custode di 232 riserve della biosfera marina e di 50 siti marini del patrimonio mondiale e, negli anni 2020, guiderà il Decennio delle Nazioni Unite delle scienze oceaniche per lo sviluppo sostenibile.

La campagna “1 Ocean”, condotta dall’esploratore-fotografo Alexis Rosenfeld in collaborazione con l’UNESCO nel corso del decennio, prevede una serie di spedizioni investigative effettuate come parte della missione dell’agenzia di mappare l’oceano. 

"È stato magico osservare giganteschi e bellissimi coralli rosa che si estendono a perdita d'occhio", ha commentato Rosenfeld della barriera corallina di Tahiti che ha documentato. "Era come un'opera d'arte."

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x