Lo scheletro del naufragio della Vasa era di sesso femminile

Uno scheletro del Vasa (Murat Özsoy)

Quando la nave da guerra svedese del XVII secolo Vasa fu recuperato dal Mar Baltico più di 60 anni fa, si presume che i 30 scheletri umani trovati insieme al naufragio fossero quelli del suo equipaggio maschile. 

Ora la forma di un osso pelvico e le recenti scoperte forensi hanno permesso agli scienziati di determinare che almeno una donna era a bordo dell’iconica nave quando affondò al largo di Stoccolma, appena nel suo viaggio inaugurale nel 1628.

Solo una delle persone presenti Vasa quel giorno era stato nominato negli archivi, secondo il Museo Vasa di Stoccolma, ma lo studio convenzionale delle loro ossa si è limitato per molto tempo a fattori determinanti come l’età, l’altezza e la storia medica.

Dal 2004 il museo collabora con il Dipartimento di Immunologia, Genetica e Patologia dell'Università di Uppsala nell'investigazione dei resti, per la maggior parte del tempo cercando semplicemente di assegnare ciascun osso a un individuo. 

A complicare il compito è stato il fatto che a bordo sono state trovate anche molte ossa di animali, con l'80% dei circa 2,000 studiati identificati lo scorso anno.

“È molto difficile estrarre il DNA da ossa che sono rimaste sul fondo del mare per 333 anni”, ha affermato la genetista forense Prof. Marie Allen, leader del team, “ma non impossibile”.

Marie Allen e la conservatrice del Museo Vasa Malin Sahlstedt lavorano per estrarre il DNA da parte di uno scheletro trovato a Vasa (Università di Upsala)
Marie Allen e la conservatrice del Museo Vasa Malin Sahlstedt lavorano per estrarre il DNA da parte di uno scheletro trovato a Vasa (Università di Uppsala)

Si sospettava che uno degli scheletri, contrassegnato con la lettera "G", fosse femminile a causa della forma dell'osso iliaco e del fatto che nel materiale genetico non era stato trovato alcun cromosoma Y, "ma non potevamo esserne certi e volevamo confermare la verità". risultato”, ha affermato il prof. Allen.

Tale conferma è arrivata attraverso un nuovo metodo di test per le varianti genetiche sviluppato dal Laboratorio di identificazione del DNA delle forze armate statunitensi nel Delaware. Parte del Dipartimento di Difesa americano, il laboratorio è responsabile dell'analisi dei resti del campo di battaglia.

“Sapevamo che c’erano donne a bordo Vasa quando affondò, e ora abbiamo la conferma che si trovano tra i resti", afferma la storica e ricercatrice Anna Maria Forssberg. “Attualmente sto facendo ricerche sulle mogli dei marinai, quindi per me questo è particolarmente emozionante. Spesso vengono dimenticati, anche se hanno avuto un ruolo importante per la marina militare”.

Il Vasa Hulk fu recuperato nel maggio del 1961 e nasconde ancora segreti
Il Vasa fu costruito nel 1961 e nasconde ancora segreti

Lentiggini e cerume

Si prevede ora che il nuovo metodo di campionamento fornisca ulteriori informazioni su aspetti quali il colore dei capelli e degli occhi e possibilmente le origini geografiche delle persone trovate sul sito. Vasa. "Possiamo dire se una persona era predisposta a determinate malattie, o anche a dettagli molto piccoli, come se avesse le lentiggini e il cerume bagnato o secco", ha detto il professor Allen.

I ricercatori del Museo Vasa stanno anche studiando gli oggetti personali ritrovati insieme agli scheletri in vista di una futura mostra.

Il recupero del relitto da una profondità di oltre 30 metri nel 1961 comportò più di 1,300 immersioni effettuate in condizioni pericolose, senza però alcun incidente grave. La nave restaurata è una delle attrazioni turistiche più popolari della Svezia ed è stata vista da oltre 35 milioni di visitatori Museo Vasa.

Anche su Divernet: Relitto ID dei subacquei come applet della nave gemella Vasa, I sommozzatori identificano i relitti del Baltico del XVII secolo, Vrak Divers Trova altri 10 relitti del Baltico, I subacquei datano l'unico naufragio del Baltico, Sondaggio dei sommozzatori svedesi sul naufragio britannico di Annie

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x