Le Whitetip oceaniche sull'orlo dell'estinzione

Immagine: Jacob Degee / WWF Hong Kong.
Immagine: Jacob Degee / WWF Hong Kong.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Gli squali pinna bianca oceanici, una specie particolarmente popolare tra i subacquei e fino a qualche decennio fa lo squalo pelagico più comune negli oceani tropicali, sono stati riclassificati da Vulnerabili a In grave pericolo di estinzione a livello globale, con un devastante calo della popolazione segnalato fino al 98%. 

La notizia, parte di un aggiornamento della Lista Rossa IUCN sullo stato di conservazione di 29 specie di squali, razze e razze, ha coinciso con il fallimento dell'incontro annuale della Commissione per la pesca nel Pacifico centrale e occidentale (WCPFC) affinché gli stati membri concordare una migliore protezione della specie.

Leggi anche: La tripletta di grandi squali delle Bahamas

Un declino di quasi il 95% nella popolazione del pinna bianca oceanica del Pacifico centrale e occidentale è stato descritto come “catastrofico” dal WWF International. L’organizzazione benefica per la conservazione della fauna selvatica aveva esortato la WCPFC ad adottare un piano di recupero per salvare la specie dall’estinzione in un’area che copre quasi il 20% della superficie terrestre.

Voleva anche migliorare la situazione di altri squali e razze presi di mira dal commercio internazionale di pinne di squalo e dalle catture accessorie nella pesca del tonno nel Pacifico. Tuttavia, secondo il WWF, l'incontro, che si è concluso l'11 dicembre, si è concluso con una delusione.

“L’incontro annuale della commissione è stata la prima vera opportunità per gli Stati membri di agire sulla base di questi risultati allarmanti”, ha affermato. “Purtroppo non sono stati all’altezza della sfida. La tragica situazione dello squalo pinna bianca oceanico non è stata affrontata in modo sostanziale durante l’incontro, senza alcuna possibilità di considerare come soluzione un piano di recupero tanto necessario”.

Gli stati membri hanno adottato una misura di conservazione e gestione (CMM) aggiornata per gli squali, includendo per la prima volta una “fini“politica dell’attaccamento naturale”. Il WWF ha affermato che, sebbene questo fosse il modo più efficace per eliminare lo spinnamento degli squali in mare, la politica includeva anche una serie di misure alternative che probabilmente ne limitavano l’efficacia.

The CMM comes into effect on 1 November 2020, except in Indonesia, the world’s biggest shark-catcher, which requested an extension until 2021.

The commission also failed to approve an effective ban on wire traces (fishing-gear through which sharks cannot bite) – a proven method for reducing shark deaths – though it agreed to adopt Shark Safe Release guidelines to minimise bycatch-related mortality. An existing catch-and-retention ban would remain in place for oceanic whitetip and silky sharks.

There was some good news for rays caught as bycatch in the form of a new CMM for mobulids from the start of 2021. The latest IUCN Red List reveals that more manta and mobula rays than ever are now threatened with extinction.

“L’adozione di due CMM per squali e razze mobulidi da parte della WCPFC è un passo positivo verso la garanzia che queste specie siano gestite in modo più responsabile nel Pacifico centrale e occidentale”, ha affermato il dottor Andy Cornish del WWF.

“Siamo tuttavia delusi dal fatto che gli Stati membri non abbiano affrontato il problema della pesca eccessiva dello squalo pinna bianca oceanico, pericolosamente in diminuzione. Con la popolazione spinta sull’orlo dell’estinzione, non c’è tempo da perdere”.

Nella Lista Rossa IUCN sono state rivalutate anche due iconiche specie di squali martello, il grande e lo smerlato, ora classificate come in pericolo critico a livello globale poiché le popolazioni sono diminuite di oltre l'80% negli ultimi 70 anni. Gli squali volpe scuri e pelagici sono diventati a rischio di estinzione a livello globale, con gli squali volpe in calo fino all'80% nell'Indo-Pacifico e la popolazione globale di squali volpe in calo di oltre l'80%.

Gli scienziati dell'IUCN hanno anche aggiornato lo stato delle razze falciforme, bentfin e diavolo atlantico a In pericolo di estinzione, quindi sette specie di mobulidi su nove sono ora minacciate di estinzione a causa della pesca eccessiva.

Divernet recentemente riportato sul fallimento degli stati nel proteggere gli squali Mako in via di estinzione dalle predazioni dell’industria della pesca del tonno nel Nord Atlantico.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x