I batteri oceanici incollano insieme la plastica

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Secondo una ricerca dell’Università Heriot-Watt di Edimburgo, le escrezioni appiccicose dei batteri oceanici stanno incollando insieme le particelle di plastica per formare masse più grandi.

Leggi anche: La pesca fantasma significa che la plastica infesta i coralli profondi

I batteri si trovano in tutti gli ambienti marini e d’acqua dolce, ma solo di recente gli scienziati hanno scoperto l’effetto che i biopolimeri che espellono hanno sulle nano e microplastiche ora presenti nelle acque di tutto il mondo.

I ricercatori hanno effettuato esperimenti di laboratorio utilizzando l’acqua raccolta dal Canale Faroe-Shetland e dal Firth of Forth, incubando particelle di plastica in condizioni progettate per simulare la superficie dell’oceano.

Hanno riferito che ci sono voluti solo pochi minuti perché la plastica si raggruppasse insieme a batteri, alghe e altre particelle organiche, e sono stati sorpresi di scoprire che erano grandi masse di biopolimeri a formare la maggior parte di questi agglomerati di plastica.

Quando i biopolimeri hanno inghiottito le particelle nanoplastiche, che sono 100-200 volte più piccole di una cellula batterica, gli agglomerati risultanti sono diventati visibili ad occhio nudo, il che, secondo i ricercatori, rende i piccoli animali marini più propensi a considerarli come cibo.

I risultati sono emersi da un progetto da 1.1 milioni di sterline finanziato dal Natural Environment Research Council (NERC) chiamato RealRiskNano, che coinvolge anche ricercatori dell’Università di Plymouth.

"Gli agglomerati si formano in qualcosa di simile alla neve marina, la pioggia di detriti organici che trasporta carbonio e sostanze nutritive dalla superficie al fondo dell'oceano e alimenta gli ecosistemi delle profondità marine", ha affermato l'ecologo microbico Dr Tony Gutierrez di Heriot-Watt, che ha guidato lo studio. studio.

“Sarà interessante capire se le plastiche su nano e microscala di diverse densità potrebbero influenzare il flusso di cibo dal tratto superiore a quello inferiore dell’oceano”.

La plastica più pesante potrebbe far cadere la neve più rapidamente sul fondo del mare, mentre potrebbe accadere il contrario se le forme di plastica più leggere diventassero più galleggianti, affamando così gli ecosistemi delle profondità marine.

Gli scienziati, tuttavia, non pensano che la loro scoperta sia necessariamente una cattiva notizia.

“La scoperta e la caratterizzazione degli agglomerati nano e microplastici aumenta la nostra comprensione di come queste particelle si comportano nell’ambiente e di come interagiscono con gli organismi marini”, ha affermato il professor Ted Henry, leader del progetto RealRiskNano.

“Gli agglomerati sono molto più complessi dei semplici pezzi di plastica. Ricerche come questa stanno iniziando a colmare le lacune nelle conoscenze degli scienziati, ma abbiamo bisogno di ulteriori prove per stabilire le priorità e gestire l’inquinamento da plastica in modo efficace”.

La ricerca è pubblicata sul Marine Pollution Bulletin.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x