Nuovo gigantesco naufragio – ma chi ha bisogno di questo?

La portaerei San Paolo è ora un profondo naufragio al largo del Brasile (Rob Schleiffert)
La portaerei San Paolo è ora un profondo naufragio al largo del Brasile (Rob Schleiffert)

La Marina brasiliana ha affondato una vecchia portaerei in disuso nell’Atlantico meridionale, ignorando gli avvertimenti sui danni ambientali che si ritiene possa causare.

L'affondamento controllato è stato effettuato a circa 190 miglia nautiche al largo della costa brasiliana, in un'area a circa 5 km di profondità, il 3 febbraio. I 266m Sao Paulo, nato in Francia alla fine degli anni '1950 come Foch, è stato affondato dopo che una serie di porti dentro e fuori il Brasile avevano rifiutato di accettarlo.

Leggi anche: “Abbiamo trovato sostanze inquinanti vietate da tempo a 8,000 metri di profondità”

Gruppi ambientalisti hanno affermato che la nave da guerra è piena di materiali tossici tra cui circa 760 tonnellate di amianto, più di 300 tonnellate di materiale contaminato da PCB e metalli pesanti che potrebbero penetrare nell'acqua inquinando l'ecosistema marino. Hanno descritto il relitto non come una barriera corallina artificiale ma come un “pacchetto tossico da 30,000 tonnellate”.

"Siamo sotto shock, perché da mesi chiediamo alla Marina brasiliana di riportare semplicemente la nave in una base navale, per ottenere un'indagine adeguata dei materiali pericolosi a bordo", ha affermato Jim Puckett del Basel Action Network (BAN) . IL beneficenza statunitense prende il nome dalla Convenzione di Basilea delle Nazioni Unite del 1989, intesa a limitare il commercio di rifiuti pericolosi tra paesi più e meno sviluppati.

“Ora è diventato chiaro che preferirebbero contaminare l’ambiente e perdere milioni di dollari pur di evitare un ulteriore esame del vero contenuto della nave”, ha detto Puckett, riferendosi allo spreco di una così grande quantità di acciaio riciclabile. "L'affondamento è stato del tutto inutile."

“Violazione palese”

Ultima veduta aerea del San Paolo (Greenpeace)
Ultima veduta aerea del San Paolo (Greenpeace)

L’azione della Marina brasiliana ha violato tre trattati ambientali internazionali, afferma BAN – non solo la Convenzione di Basilea, ma anche la Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti e la Convenzione e protocollo di Londra per promuovere il controllo di tutte le fonti di inquinamento marino.

“Quello che è successo ieri sera passerà alla storia come la più palese violazione dei trattati sui prodotti chimici e sui rifiuti mai avvenuta da parte di un paese”, ha commentato Nicola Mulinaris della ONG Shipbreaking Platform. “È necessario intraprendere un’indagine indipendente sul motivo per cui ciò è avvenuto per garantire che una cosa del genere non accada mai più”.

Il Foch, la portaerei partecipò ai primi test nucleari della Francia nel Pacifico negli anni '1960, e fu successivamente utilizzata in Africa, Medio Oriente e nell'ex Jugoslavia. Il Brasile ha acquistato la nave per 12 milioni di dollari nel 2000 e l'anno scorso ha incaricato una società turca di demolirla.

Questo piano è naufragato per mano delle autorità ambientali turche in agosto, proprio mentre la San Paolo stava per essere rimorchiata nel Mediterraneo. Riportata in Brasile, alla nave non è stato permesso di entrare in porto perché le autorità lo ritenevano ad “alto rischio” per l'ambiente.

Anche su Divernet: Petrel segna ancora – con la portaerei, I cacciatori di relitti seguono Hornet – Con The Wasp, Individuate le portaerei d'attacco di Pearl Harbor, Trovato il relitto della portaerei della Seconda Guerra Mondiale,

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x