I subacquei in scooter del CCR sono stati risucchiati nell'ingresso della diga

Diga della Plate Taille (Jo Baker)
Diga della Plate Taille (Jo Baker)

Due subacquei con rebreather che utilizzavano scooter sono morti durante un'immersione notturna all'inizio di quest'anno, dopo essersi apparentemente avventurati troppo vicino a una diga idroelettrica belga.

Christophe Gauder e Frédéric Pochet, entrambi di Liegi, sono scomparsi nel bacino idrico di Plate Taille, vicino alla città meridionale di Froidchapelle, nell'Hainaut, il 4 gennaio. 

Il figlio di uno degli uomini, preoccupato di non essere stato contattato e trovando il suo veicolo fermo nel parcheggio del lago, ha lanciato l'allarme. La squadra di sommozzatori della Protezione civile belga, utilizzando 10 subacquei professionisti e apparecchiature sonar, ha iniziato le ricerche il giorno successivo. 

Gauder, 46 anni, che era single e lavorava nel settore bancario, è stato descritto dagli altri membri del club subacqueo come un sub esperto. Pochet, 59 anni, non era affiliato agli stessi club ma si pensava avesse esperienza.

Il lago di 350 ettari, un'attrazione per le immersioni subacquee e la vela, fa parte del Acqua d'Ora complesso di cinque bacini idrici che costituiscono la più grande area lacustre del Belgio. Comprende la diga di Plate Taille, costruita negli anni '1970 e, con i suoi 790 metri di lunghezza, la più grande del paese, dotata di una centrale idroelettrica con sistema di pompaggio.

Le immersioni nel lago verrebbero effettuate mentre le turbine della diga erano in funzione, ma i subacquei tenderebbero a rimanere a una profondità di 20 metri, con le turbine chiaramente udibili al di sotto. Quella notte due dei tre erano in funzione.

La parte superiore del tunnel d'ingresso alle turbine è profonda 50 metri e si estende fino a 70 metri. Gauder e Pochet avevano deciso di immergersi nel sito utilizzando i DPV intorno alle 5:XNUMX, mentre il centro immersioni in loco era chiuso.

La squadra di ricerca ha trovato l'attrezzatura dei subacquei, compresi i rebreather e i DPV, in uno stato frammentato, ma i resti degli uomini sono stati ritrovati solo il giorno successivo, a valle della diga.

Benoit Michel, che gestisce il centro immersioni del lago, ha affermato che gli uomini devono essersi avventurati lontano dalle due zone di immersione autorizzate e troppo vicini all'ingresso della baia. A quel punto sarebbero stati attirati dal potente flusso. 

L'autopsia effettuata il giorno successivo ha confermato che le parti del corpo recuperate erano quelle dei due subacquei. "Sarebbero stati catturati dall'enorme turbina presente nel corso d'acqua", ha dichiarato la procura di Charleroi.

Anche su Divernet: Esplorando il mondo sottomarino nascosto della miniera Denée del Belgio, Immergersi nei misteri della Miniera Felicitas e della Cava Rhisnes, Immersione unica nel museo dell'ardesia

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x