Le maschere da snorkeling integrali “rappresentano rischio IPO”

Maschere integrali da snorkeling Easybreath (Decathlon)
Maschere integrali da snorkeling Easybreath (Decathlon)

Un medico legale del Regno Unito ha emesso un avvertimento pubblico su quelli che, secondo lei, sono i rischi per gli snorkelisti con patologie preesistenti che utilizzano maschere a pieno facciale. 

Le preoccupazioni dell'assistente coroner del Surrey Caroline Topping seguono il suo verdetto in un'inchiesta sulla morte della 63enne Angela Kearn. L'esperta snorkeller si era trovata in difficoltà al largo di Hurghada, nel Mar Rosso egiziano, nel gennaio 2020. Riportata sulla spiaggia era collassata ed era morta successivamente in ospedale, con la causa della morte attribuita ad edema polmonare da immersione (IPO).

Kearn faceva snorkeling con una maschera Decathlon Easybreath, di cui finora ne sono state vendute circa 16 milioni. Aveva utilizzato il prodotto per cinque anni prima della sua morte, ma recentemente le era stata diagnosticata l'ipertensione e stava anche utilizzando la terapia ormonale sostitutiva (HRT) per i sintomi della menopausa.

Durante l’inchiesta, che si è conclusa nel dicembre 2022, Topping ha concluso che questi fattori medici si erano combinati con l’uso della maschera a pieno facciale da parte di Kearn nel contribuire alla sua morte.

Ora ha presentato una “prevenzione di morti future” rapporto al General Medical Council, National Trading Standards, Royal Society for the Prevention of Accidents e Decathlon UK, esprimendo preoccupazione per il fatto che gli snorkelisti con problemi cardiovascolari e respiratori in corso non ricevano sufficienti avvertimenti sul fatto che le maschere a pieno facciale potrebbero essere pericolose per loro da usare.

Il medico legale ha chiesto alle quattro parti di rispondere con un calendario di azioni entro il 9 maggio.

Causa di morte

"Le prove degli esperti durante l'inchiesta hanno identificato l'IPO come causa della morte", afferma Topping nel suo rapporto. “Ciò è causato dall’accumulo di liquido nei polmoni a seguito di un aumento della pressione capillare polmonare causato dalla pressione dell’acqua quando il torace è immerso. 

“Ciò è aggravato dall’ipertensione e dalla terapia ormonale sostitutiva. La pressione negativa nei polmoni fa sì che il liquido dai vasi sanguigni venga attirato nei polmoni”.

Topping afferma che la maschera integrale da snorkeling ha contribuito alla morte di Kearn perché la pressione negativa nei polmoni aumenta a causa del maggiore sforzo respiratorio attraverso il tubo e la maschera e anche perché lo sforzo respiratorio aumenta inalando CO elevata.2 livelli mentre l'aria viene aspirata attraverso lo "spazio morto" nella maschera.

“Entrambi aggravano la pressione negativa nei polmoni e aumentano gli effetti dell’IPO”, conclude Topping.

Dalla metà del 2015 la maschera Decathlon Easybreath riportava un avvertimento in caratteri piccoli che gli utenti dovevano essere in buone condizioni fisiche e che la maschera non era adatta per il nuoto. Dal 2017 conteneva un avvertimento più specifico ma, secondo Topping, le preoccupazioni per la sicurezza “non erano state ampiamente pubblicizzate o portate all’attenzione di coloro che già possiedono le maschere”. Gli avvertimenti non erano né evidenti né sufficienti ad avvisare i potenziali acquirenti del rischio.

Maschera Easybreath 500 (Decathlon)
Maschera Easybreath 500 (Decathlon)

Ha detto che i testimoni medici durante l’inchiesta avevano espresso preoccupazione sul fatto che “c’è pochissima consapevolezza dell’IPO nella professione medica e che non viene affrontata nella formazione medica. Di conseguenza, chi tratta la patologia può non accorgersene e spesso viene scambiato per annegamento”.

Al momento del lancio della maschera Easybreath non erano in vigore standard britannici o europei e Decathlon aveva convenuto che i suoi test non erano riusciti a replicare le condizioni di snorkeling nella vita reale.

Su richiesta di Topping era stata condotta un’indagine medica per determinare se la respirazione attraverso la maschera portasse a un’eccessiva quantità di CO2 inalazione, portando gli esperti a “raccomandare vivamente” di consigliare a chiunque abbia patologie cardio-respiratorie preesistenti di non utilizzare Easybreath.

Avvertimento rischio

La maschera ora reca un avviso di rischio rivolto a tali utenti, con l’avviso che dovrebbe essere utilizzata solo per esercizi da lievi a moderati e non per il nuoto attivo.

Il Decathlon sito web mette in guardia chiunque abbia problemi respiratori o cardiovascolari in corso "inclusi ma non limitati a infezioni al torace, asma, pressione sanguigna alta/innalzata (ipertensione), malattie cardiache o angina ecc" contro l'uso del prodotto e suggerisce di consultare un medico in caso di dubbio.

Ad agosto 2020 Divernet segnalati che la Camera egiziana delle immersioni e degli sport acquatici aveva chiesto agli operatori subacquei di scoraggiare gli snorkelisti del Mar Rosso dall'utilizzare maschere da snorkeling integrali. Il CDWS aveva attribuito diversi incidenti su cui aveva indagato al “rischio di inalazione della CO accumulata2 interno della maschera prodotto durante la respirazione”.

La maggior parte delle settimane porta con sé nuove segnalazioni di decessi legati allo snorkeling, spesso inspiegabili, in tutto il mondo. Rapporti passati su Divernet da una ricerca condotta alle Hawaii, dove tali morti tra i turisti sono diventati un problema significativo, hanno suggerito che l’IPO è responsabile della maggior parte degli incidenti.

Fondamentale, tuttavia, è quello delle Hawaii Studio sulla sicurezza dello snorkeling non ha trovato prove che le maschere a pieno facciale fossero responsabili di questi incidenti più dei boccagli standard, concludendo che qualsiasi progetto che causasse un’indebita costrizione delle vie aeree potrebbe comportare un’IPO in determinate circostanze.

La ricerca sulle Hawaii è riassunta Divernet in Bandiere rosse per gli amanti dello snorkeling: come fermare le morti silenziose ed Il mistero delle morti durante lo snorkeling hawaiano.

TUI si accorda con la vedova di uno snorkeller britannico 

Sue Fawcett, il cui marito Roy è annegato mentre faceva snorkeling al largo di Paradise Island nella Repubblica Dominicana nell'ottobre 2017, ha ricevuto un accordo extragiudiziale a sei cifre non divulgato. La sua azione legale da 560,000 sterline contro il tour operator TUI avrebbe dovuto essere ascoltata presso l'Alta Corte.

Roy Fawcett, un project manager di 58 anni di Swindon, aveva prenotato una lezione di "snorkeling avanzato" ed era stato in mare con quello che avrebbe dovuto essere un gruppo di 10 persone supervisionate, ma dopo essere scomparso era stato ritrovato faccia a faccia. giù e immobile. C'erano state difficoltà per portarlo all'ospedale, dove è stato poi dichiarato morto.

La vedova ha affermato che la coppia aveva avuto l'impressione che l'escursione fosse stata fornita da TUI al momento della prenotazione, ma il tour operator aveva negato che facesse parte del pacchetto vacanza.

Un’inchiesta nel settembre 2018 ha scoperto che Fawcett era morto per annegamento accidentale durante un’escursione di vacanza “scarsamente monitorata”. Il medico legale ha detto che quando è stato trovato gli organizzatori “non sapevano davvero cosa fare”.

"Prima di iscriversi a qualsiasi cosa, esorto tutti i vacanzieri ad assicurarsi di sapere chi organizza i viaggi e quali misure di sicurezza sono in atto", ha detto la vedova di Fawcett. “Non posso riportare indietro l’orologio, ma parlando apertamente spero solo di poter aumentare la consapevolezza di ciò che abbiamo passato per aiutare potenzialmente gli altri”.

Anche su Divernet: Maschere da snorkeling in soccorso

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x