I subacquei hanno chiesto di firmare il Big Shark Pledge

Promozione Shark Trust

Lo Shark Trust ha lanciato quella che definisce la sua più grande campagna mai concertata contro la pesca eccessiva degli squali oceanici – e invita i subacquei a unirsi ad altri nel firmare il suo Big Shark Pledge.

L’organizzazione benefica con sede nel Regno Unito spera di costruire la “più grande comunità di attivisti nella storia della conservazione degli squali e delle razze”, a sostegno di azioni politiche che impongano limiti di cattura basati sulla scienza su tutti gli squali e le razze colpiti dalla flotta peschereccia internazionale d’altura. “Basate sulla scienza” significa che le restrizioni dovrebbero essere realistiche sia dal punto di vista del settore della pesca che da quello degli ambientalisti.

Leggi anche: Pronti per l'istantanea del Grande Squalo 2

“È progettato per dare a tutti coloro che hanno a cuore il futuro degli squali la possibilità di aggiungere la propria voce a un’azione di conservazione efficace e comprovata”, ha affermato Paul Cox, CEO di Shark Trust, riferendosi all’iniziativa. “Aggiungendo il loro nome all’impegno, ai sostenitori verrà data l’opportunità di esercitare pressioni nei momenti chiave per influenzare il cambiamento”.

Ricerche recenti hanno confermato che oltre il 75% degli squali e delle razze oceaniche sono ora a rischio di estinzione a causa della pesca eccessiva, poiché le loro popolazioni sono diminuite del 71% negli ultimi 50 anni.

Costruisci sul successo

Attualmente festeggiando il suo 25° anniversario, lo Shark Trust vuole che il Big Shark Pledge si basi sul successo del suo precedente NoLimits? campagna, che ha sostenuto limiti di cattura storici per gli squali mako blu e le pinne corte nel Nord Atlantico.

La scorsa settimana il numero di specie di squali elencati nell'Appendice II della CITES è stato più che raddoppiato, mentre la Shark League, che comprende lo Shark Trust, ha contribuito a garantire la prima nazionale quota per i mako del Sud Atlantico alla riunione dell'ICCAT in Portogallo, come riportato Divernet. Ma lo Shark Trust ha messo in guardia contro l’autocompiacimento dopo questi risultati e afferma che il suo nuovo obiettivo richiede uno sforzo internazionale e collaborativo a lungo termine.

“Sebbene l’inclusione di così tante specie nell’accordo commerciale CITES sia certamente un passo positivo, rimane un’enorme sfida nel garantire che le pratiche sostenibili siano integrate nella pesca internazionale”, ha affermato Ali Hood, direttore della conservazione dello Shark Trust. 

“Gli squali in alto mare affrontano una pressione straordinaria a causa delle pratiche di pesca eccessive. Questo problema deve essere affrontato attraverso accordi internazionali come quelli garantiti per il blues e il makos”. Scopri di più su YouTube ed firmare il pegno.

Anche su Divernet: Istantanea dei subacquei 2,000 squali e razze, Premio per Ali Hood di Shark Trust, Gli squali si immergono più in profondità di quanto pensassimo

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x