Gelatina profonda denominata: nessun campione richiesto

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Una nuova specie di gelatina di pettine trovata a una profondità di quasi 4 km è diventata la prima creatura ad essere descritta e nominata dagli scienziati della National Oceanic & Atmospheric Administration sulla base di video sola prova.

Leggi anche: La maggior parte della vita nella zona bersaglio dei minatori profondi è nuova alla scienza

Un team dell’Office of Ocean Exploration & Research della NOAA degli Stati Uniti ha scoperto lo ctenoforo, a cui è stato dato ora un nome Duobrachium sparksae, al largo di Porto Rico nel 2015, ma solo dopo anni di analisi lo è stato descritto nella ricerca sul plancton e sul benthos.

Avvistata nelle riprese del ROV Deep Discoverer, la gelatina è stata riconosciuta come una novità per la scienza dagli scienziati della NOAA Mike Ford e Allen Collins.

“È unico perché siamo stati in grado di descrivere una nuova specie basandosi interamente sull’alta definizione video", ha detto Collins. “Le telecamere del robot Deep Discoverer sono in grado di ottenere immagini ad alta risoluzione e misurare strutture inferiori a un millimetro.

“Non abbiamo gli stessi microscopi che avremmo in un laboratorio, ma il video possono darci informazioni sufficienti per comprendere la morfologia in dettaglio, come la posizione delle loro parti riproduttive e altri aspetti”.

La gelatina misurava circa 6 cm, con tentacoli lunghi circa 30 cm. "Si muoveva come una mongolfiera attaccata al fondale marino su due linee, mantenendo un'altitudine specifica sopra il fondale marino", ha detto Ford.

“Non siamo sicuri se sia attaccato al fondale marino. Non abbiamo osservato un attaccamento diretto durante l’immersione, ma sembra che l’organismo tocchi il fondale marino”.

La NOAA osserva che le gelatine di pettine e le meduse non sono strettamente correlate, sebbene entrambe siano composte per il 95% da acqua. Le gelatine a pettine di solito hanno otto file di ciglia che battono ritmicamente, rifrangendo la luce nei colori mentre si muovono, predando artropodi e larve. Sono state identificate tra 100 e 150 specie.

NEL FRATTEMPO un altro team scientifico statunitense ha individuato lo sciame di pesci più denso mai registrato nell’oceano abissale [3-6 km di profondità]. Esplorando uno dei tre monti sottomarini a una profondità di oltre 3 km, hanno utilizzato una piccola quantità di esca per sgombri per attirare 115 anguille spietate (Ilyophis arx) nelle loro luci ROV.

I ricercatori dell'Università delle Hawaii a Manoa hanno fatto la loro scoperta in una parte della massiccia zona Clarion-Clipperton che corre a sud dalle Hawaii quasi fino al Messico. Sezioni della CCZ vengono ora estratte alla ricerca di metalli ed elementi rari, tra gli avvertimenti di scienziati e ambientalisti di una “corsa all’oro” nelle profondità marine che potrebbe mettere in pericolo ecosistemi appena compresi.

Gli scienziati sono rimasti sorpresi dal fatto che grandi sciami di anguille siano venuti a nutrirsi su tutte e tre le montagne sottomarine, dove ci si aspetta che il cibo sia una risorsa preziosa. Prima della scoperta, anche la carcassa di uno squalo da 29 kg abbandonata a 4.4 km aveva attirato non più di 68 pesci affamati.

"Il numero di anguille osservate... è davvero senza precedenti sia per le profondità abissali che batiali [1-4 km]", affermano gli scienziati, il cui studio è pubblicato su ScienceDirect.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x