Cousteau più vicino alla “stazione spaziale sottomarina”

Il concept Proteus di Fabien Cousteau, design di Yves Béhar e fuseproject
PROTEUS concept design di Fabien Cousteau di Yves Béhar e fuseproject.

I piani di Fabien Cousteau per costruire un futuristico habitat sottomarino chiamato Proteus nei Caraibi hanno compiuto un importante passo avanti con la firma di un accordo di partnership con la National Oceanic & Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti.

Leggi anche: Il segreto è svelato: il sito di immersione nel Regno Unito ora è “DEEP Campus”

L’habitat è stato proposto dal Proteus Ocean Group di Cousteau come un modo per consentire ai governi, agli accademici e al settore pubblico di approfondire la loro comprensione dell’ambiente oceanico. Il concetto è stato annunciato quasi tre anni fa, come riportato on Divernet

A quel tempo, nel bel mezzo della pandemia, il “capo esploratore oceanico” Cousteau disse che intendeva costruire “la stazione di ricerca scientifica subacquea e l’habitat più avanzati al mondo” quattro volte più grande di qualsiasi precedente installazione del genere nei prossimi tre anni. Il costo previsto era di 135 milioni di dollari.

Fabien Cousteau (FCousteauFan)
Fabien Cousteau (FCousteauFan)

Descrivendo Proteus come “stazione spaziale sottomarina dell’oceano”, la NOAA spera che il progetto possa aiutare a risolvere alcune delle preoccupazioni più urgenti del pianeta, comprese quelle legate al cambiamento climatico. Il piano è quello di costruire l'habitat a una profondità di 18 metri al largo dell'isola di Curaçao.

Consentire ai ricercatori di studiare l’ambiente oceanico per lunghi periodi di tempo, Proteus includerà laboratori scientifici all'avanguardia, alloggi, giardini per la produzione alimentare e a video impianto di produzione per consentire lo streaming live per la ricerca e la programmazione educativa. 

“Questa partnership ha il potenziale per espandere notevolmente le nostre capacità nello studio dell’oceano”, ha affermato Jeremy Weirich, direttore della NOAA Ocean Exploration. “Vivendo sott’acqua per lunghi periodi in questo nuovo laboratorio oceanico, saremo in grado di svelare i misteri dell’oceano in modo da poter gestire meglio, utilizzare in modo sostenibile, proteggere e apprezzare le sue risorse”.

Ricerca e sviluppo cooperativi

In base all’accordo di cooperazione di ricerca e sviluppo dei partner, NOAA afferma che fornirà l'accesso a esperti scientifici, navi e altre tecnologie, piani di spedizione e risultati delle missioni rilevanti Proteus attività, oltre a fornire accesso alle sue strutture costiere e ai programmi scientifici sull’oceano, sul meteo, sul clima e sulle coste. 

Gruppo Proteus Ocean condividerà dati e approfondimenti relativi alla fase di sviluppo dell'habitat sottomarino. "SU Proteus avremo accesso illimitato all’oceano 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX, rendendo possibili studi a lungo termine con continua osservazione e sperimentazione umana”, afferma Cousteau, il primo nipote di Jacques-Yves Cousteau. 

“Con la collaborazione della NOAA le scoperte che possiamo fare – in relazione ai rifugi climatici, ai supercoralli, ai farmaci salvavita, ai dati microambientali legati agli eventi climatici e molti altri – saranno davvero rivoluzionarie. Non vediamo l’ora di condividere queste storie con il mondo”.

I partner affermano che possono intraprendere spedizioni congiunte, scambiare personale e condividere metodi operativi, collaborando al tempo stesso per comunicare le proprie attività per aumentare l'impegno pubblico nelle scienze marine.

Missione 31 nell'habitat oceanico sottomarino dell'Aquarius (Fabien Cousteau)
Fabien Cousteau guida una squadra in un'immersione notturna fuori dall'habitat dell'Acquario in Florida. La missione di 31 giorni è stata la sua ispirazione Proteus (Fabien Cousteau)

Nel 1962 Jacques Cousteau costruì il Conshelf I, II ed III habitat del Mediterraneo e del Mar Rosso. Nel 2014 suo nipote Fabien ha guidato una squadra di cinque acquanauti per stabilire un nuovo record di 31 giorni di tempo vissuto sott'acqua, nell'habitat dell'Aquarius nelle Florida Keys. 

È stato riferito che il team ha eseguito tre anni di ricerca equivalente durante quel mese, risultando in 12 studi scientifici pubblicati e 9,800 articoli scientifici, e ha ispirato l’ambizione di Cousteau di costruire Proteus.

Anche su Divernet: La vita sottomarina può trasformare il dottor Deep Sea in un superumano?, Offerta per immergersi nella base dell'Aquarius Reef

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Gav
Gav
11 mesi fa

Johnny Green… Andato dal parcheggio per roulotte

Nigel Mikeal
Nigel Mikeal
11 mesi fa

Tutte queste città della malavita ora sott'acqua, città del futuro, è lì che si dirigeranno tutti i super ricchi se qualche pazzo dovesse mai diventare nucleare

SEGUICI SU

2
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x