Le famiglie dei subacquei di Conception fanno causa alla Guardia Costiera

Immagine: Vigili del fuoco della contea di Ventura.
Immagine: Vigili del fuoco della contea di Ventura.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

La Guardia Costiera statunitense è stata denunciata per omicidio colposo dai familiari delle 34 persone, principalmente subacquei, morte nell'incidente. Design incendio a bordo di una crociera al largo dell'isola di Santa Cruz, California in 2019. 

La causa civile di 48 pagine, depositata il 1° settembre quasi esattamente due anni dopo l'incidente mortale, accusa la Guardia Costiera, l'agenzia di regolamentazione responsabile della certificazione di tali imbarcazioni negli Stati Uniti, di aver consentito alla barca da immersione di operare con sistemi elettrici e di sicurezza. che afferma di non aver rispettato i propri standard.

Aggiornare: Le agghiaccianti riprese telefoniche hanno catturato subacquei condannati

“Se la Guardia Costiera avesse ispezionato adeguatamente il Design non sarebbe mai stato certificato, non sarebbe mai salpato, e queste 34 vittime non avrebbero perso la vita", ha affermato il rappresentante del team legale Jeffrey P. Goodman.

Le famiglie chiedono danni finanziari non specificati. Stanno già facendo causa Design l'operatore proprietario Truth Aquatics per omicidio colposo e negligenza, mentre il suo capitano Jerry Boylan attende il processo dopo essersi dichiarato non colpevole di 34 accuse penali di omicidio colposo di un marinaio per la sua incapacità di fornire un servizio di guardia notturno.

Lui e tutti i membri dell'equipaggio tranne uno dormivano sul ponte superiore, mentre l'altro membro dell'equipaggio stava dormendo nella camera a castello con i 33 passeggeri quando furono intrappolati dal fuoco e sopraffatti dal fumo.

Secondo un rapporto sull'incidente del National Transportation Safety Board (NTSB) degli Stati Uniti riportato su Divernet lo scorso ottobre, Truth Aquatics e Boylan non avevano rispettato i regolamenti della Guardia Costiera, ma la nuova azione legale va oltre sostenendo che la stessa Guardia Costiera non aveva rispettato tali requisiti.

L'NTSB ha affermato che Truth Aquatics non è riuscita a fornire una supervisione efficace delle operazioni della sua nave e dei membri dell'equipaggio, inclusa la necessità di una pattuglia itinerante. In sua assenza l'incendio avrebbe potuto svilupparsi inosservato nella zona sopra la zona notte.

A contribuire alla crescita non rilevata dell'incendio è stata la mancanza di un requisito normativo della Guardia Costiera per il rilevamento del fumo in tutti gli alloggi, ha affermato l'NTSB, mentre a contribuire all'elevata perdita di vite umane sono state le inadeguate misure di fuga di emergenza dai dormitori, con entrambe le sue uscita principale e portello di fuga che emergono nello stesso compartimento devastato dal fuoco.

Meno di un anno prima dell'incidente, la Guardia Costiera aveva certificato che la barca era idonea a trasportare 40 passeggeri durante la notte. Eppure secondo la causa DesignI sistemi di cablaggio elettrico, i sistemi di rilevamento e soppressione degli incendi e le porte di fuga per gli alloggi dei passeggeri erano già in “aperta ed evidente violazione delle norme federali” in quel momento.

L'accusa sostiene inoltre che la Guardia Costiera sapeva o avrebbe dovuto sapere che Truth Aquatics aveva aggiunto prese elettriche "non documentate e mal progettate" in tutta la nave per consentire ai subacquei e all'equipaggio di ricaricare fotocamere, telefoni, DPV e altre apparecchiature con batterie agli ioni di litio. .

Il rapporto dell'NTSB aveva concluso che l'incendio era iniziato dove venivano caricate le batterie agli ioni di litio, sebbene non potesse confermarlo come causa dell'incendio.

In seguito all'incendio la Guardia Costiera aveva effettuato un sopralluogo Visione, un'altra nave di Truth Aquatics simile nel design a Design.

Aveva riscontrato "numerose carenze evidenti" nei suoi impianti elettrici e di cablaggio, nei sistemi di rilevamento e soppressione degli incendi e nel portello di fuga, afferma la causa, con riparazioni di cablaggio "fatte in casa" e un impianto elettrico che si dice fosse troppo stressato per funzionare quando il fornello della cambusa era su.

Secondo Goodman, la certificazione delle navi non conformi da parte dell’organismo di regolamentazione è diventata “un luogo comune” nel corso di decenni.

“È giunto il momento che la Guardia Costiera sia ritenuta responsabile dei suoi fallimenti nel proteggere quelle vittime e prevenire futuri disastri marittimi”, afferma.

La Guardia Costiera non ha ancora risposto.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x