L'esercizio del subacqueo di autorizzazione assume una nuova urgenza 

Subacquei EOD operanti in Lettonia (Royal Navy)
Subacquei EOD operanti in Lettonia (Royal Navy)

I sommozzatori specializzati della Royal Navy stanno attualmente contribuendo a rendere più sicure le rotte marittime del Baltico recuperando mine e siluri storici inesplosi come parte di una missione di sicurezza della NATO, ma il lavoro serve anche a uno scopo legato alle nuove tensioni est-ovest.

I subacquei hanno preso parte all'esercizio Open Spirit, un'operazione multinazionale di smaltimento di ordigni esplosivi. Implica la collaborazione con altri team di esperti EOD provenienti da Lettonia, Estonia, Lituania, Germania, Belgio, Canada e Stati Uniti, paesi ospitanti di quest’anno.

L'hosting di Open Spirit ruota tra Estonia, Lettonia e Lituania e l'esercizio si svolge ogni anno dal 1997. 

Mine terrestri da 500 libbre (RN)
Mina terrestre da 500 libbre (RN)
Mine terrestri da 500 libbre messe in sicurezza dai sommozzatori (RN)

A due giorni dall'inizio dell'esercitazione, il Delta Squadron del Diving & Threat Exploitation Group aveva già recuperato due mine terrestri e un siluro. "Tutte le nazioni stanno lavorando insieme, contribuendo alla pianificazione, identificazione, conferma e recupero degli ordigni esplosivi, costruendo capacità operative e aumentando la capacità di operare come un gruppo di lavoro coerente", ha affermato il sottufficiale capo James Roberts.

Il Mar Baltico fu minato quando divenne teatro di pesanti combattimenti durante la Seconda Guerra Mondiale, con bombardamenti aerei, armi da fuoco navali e guerra sottomarina che si aggiungevano alla quantità di ordigni che giacciono sul fondo del mare. Ulteriori materiali rimasti dagli anni della Guerra Fredda si aggiungevano ai potenziali rischi. 

Testata siluro con blocchi esplosivi mostrati (RN)
Testata siluro con i suoi blocchi esplosivi mostrati (RN)
Proiettili trovati (RN)
Altri proiettili trovati (RN)

Gli ordigni rimanenti vengono rintracciati utilizzando AUV che trasportano i sensori più recenti, che creano immagini di qualsiasi oggetto preoccupante. E con la guerra attualmente in corso in Ucraina, il Royal Navy sottolinea che l'operazione non mira solo a mettere in sicurezza gli ordigni storici, ma anche a rendere più facile individuare i cambiamenti del fondale marino nel caso in cui vengano posizionati nuovi dispositivi.

Subacquei che studiano il fondale marino (RN)
Subacquei che studiano i dati dei fondali marini (RN)

“Dai marinai più giovani agli operatori senior, lavorare a stretto contatto con i nostri partner e alleati dimostra la risolutezza e l’impegno del Regno Unito e di tutta la NATO nei confronti della sicurezza regionale del Baltico e dei principi di difesa collettiva”, ha affermato il CPO Roberts. 

“È fantastico lavorare di nuovo con i nostri amici nel Baltico: questo costante esercizio di tamburo consente la crescita di relazioni reali, legate dai nostri valori condivisi, più forti insieme e pronte a sconfiggere l’aggressione”.

Anche su Divernet: Importante cambiamento per i subacquei RN, I subacquei con eliminazione delta rimangono agili in Lituania, Bomba degli anni '80 ripulita da un popolare sito di immersione, I sommozzatori vengono risparmiati mentre Tallboy soffia

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x