La "vasca" subacquea risulta essere un antico cavallo

Immagine 3D del cavallo prodotta da fotografie ed elaborata da BC Sicily
Immagine 3D del cavallo prodotta da fotografie ed elaborata da BC Sicily

I sommozzatori nel sud della Sicilia hanno recuperato la scultura di un cavallino rampante, ritenuto essere un ornamento della fascia in marmo perduto da tempo proveniente dal Tempio di Zeus nell'antica città di Agrigento.

Il fregio si trovava a circa 9 metri di profondità nel Mar Mediterraneo, a circa 300 metri dalla costa di San Leone, una piccola cittadina vicino alla foce del fiume Akragas. La sua presenza era nota da tempo, ma in un'indagine archeologica era stata liquidata come una "vasca" o una "vasca" senza significato. 

Sommozzatore sul posto nel 2022 (BC Sicily Underwater Group)
Sommozzatore sul posto nel 2022 (BC Sicily Underwater Group)

La Sicilia, o Sikelia, fu una colonia greca tra l'VIII e il V secolo aC e centro della civiltà del Mediterraneo occidentale. San Leone si trova appena a sud della moderna città di Agrigento.

I membri volontari del BC Sicily Underwater Group hanno affermato di non essere mai stati convinti che il manufatto pesantemente cementato fosse semplicemente un ricettacolo moderno dismesso. Guidati da Gaetano Lino, si sono immersi nell'ottobre 2022 per ottenere una serie di fotografie, da cui hanno prodotto un modello 3D. 

La squadra con il manufatto recuperato, in questa fase ancora fortemente cementificato (Gruppo BC Sicilia Subacquei)
La squadra con il fregio recuperato, ancora fortemente cementato (Gruppo Subacqueo BC Sicilia)

Ciò fece capire che si trattava effettivamente di un intaglio e questo venne segnalato alla Soprintendenza del Mare. Tuttavia, è stato solo dopo che due tentativi precedenti erano stati vanificati da mari turbolenti che è stato finalmente possibile recuperarlo per la conservazione il 2 febbraio.

L'operazione è stata effettuata dai sommozzatori dei Carabinieri alla presenza di funzionari della Soprintendenza del Mare e dell'Autorità Gruppo Subacqueo BC Sicilia.

I cavalli erano un elemento iconico nelle rappresentazioni artistiche del periodo greco e il fregio, che misura 2 x 1.6 x 0.35 m, era quasi certamente realizzato in marmo proconnesiano, afferma il gruppo. Questa pietra bianca a grana grossa con venature blu veniva fornita dall'isola di Propontis, al largo dell'attuale Türkiye.

Anche su Divernet: Recuperata l'ancora dei delfini in Sicilia, Il profondo relitto al largo della Sicilia produce giare, Le immersioni scoprono antichi commercianti di vino, Scoperti arieti di antiche navi da guerra

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x