I futuri subacquei praticheranno tutti le Wavelet?

La Wavelet di terza generazione
La Wavelet di terza generazione

I subacquei sono le persone nella posizione migliore per monitorare esattamente come i cambiamenti climatici stanno influenzando gli oceani del mondo, afferma l'esperto subacqueo Neil van Niekerk, che sogna di dotare tutti noi di un sensore indossabile che riporti automaticamente le condizioni dell'acqua ovunque scegliamo di immergerci .

Nei prossimi anni vuole che il maggior numero possibile dei sei milioni di subacquei attivi nel mondo portino con sé il suo dispositivo Wavelet. Immagina una comunità globale di cittadini-scienziati, che raccolga e condivida dati climatici accurati per colmare quelle che considera lacune critiche nella nostra conoscenza e consentire agli scienziati di escogitare soluzioni adeguate.

van Niekerk, un PADI Master Scuba Diver Trainer e SSI Platinum Pro 5000 Diver, ha formato l'ente no-profit 2 ° C a San Pietroburgo, in Florida, nel 2019.

Neil van Niekerk, che ha inventato la Wavelet
Neil van Niekerk, che ha inventato la Wavelet

In qualità di direttore esecutivo, ha ideato il Wavelet, che misura la temperatura dell'acqua, la salinità, i livelli di luce, la conduttività, la pressione e altri dati, utilizzando il GPS integrato per individuare e registrare dove vengono effettuate le osservazioni. 

I sensori del Wavelet sono collegati al primo stadio dell'erogatore, rendendo il processo di raccolta dei dati subacquei completamente passivo e senza distrazioni per il subacqueo. I dati raccolti vengono caricati automaticamente su server basati su cloud per la condivisione con la comunità scientifica. 

Meno di 100 barriere coralline del mondo attualmente godono di sostenibilità e apertamente accessibili on-site il monitoraggio oceanografico, secondo i 2°C – è costoso, mentre la manutenzione delle attrezzature e gli atti vandalici rappresentano sfide considerevoli. 

E mentre potremmo aspettarci che i sensori remoti satellitari siano il modo ideale per monitorare le condizioni oceanografiche vicino alla costa, in pratica si dice che acque poco profonde e limpide, fondali sabbiosi e “effetti di adiacenza alla terra” presentino tutta una serie di problemi per “gli occhi nel cielo”. . 

Wavelet in prova

La tecnologia Wavelet è attualmente in fase di test su 20 subacquei statunitensi, ma van Niekerk spera che il concetto possa diffondersi rapidamente. "Stiamo attualmente sviluppando la Wavelet di terza generazione con il nostro partner tecnologico in Svezia", ​​ha detto Divernet

"La nostra speranza è di completarne presto alcuni per un altro round di test Alpha e, se funziona come sperato, utilizzeremo questo progetto per avanzare al test Beta con i partner."

“I subacquei nel Regno Unito sarebbero sicuramente i benvenuti a partecipare – tuttavia, per gestire le aspettative, potrebbe passare ancora del tempo prima che siamo pronti ad avviare questa attività”.

Il riquadro mostra la prima versione del Wavelet durante la sua immersione inaugurale nel 2022
Il riquadro mostra la prima versione del Wavelet durante la sua immersione inaugurale nel 2022

Il prototipo originale raccoglieva solo dati su luce e temperatura, ma da allora è stato completamente riprogettato, afferma van Niekerk. “Il nostro lavoro iniziale era quello di costruire il flusso di dati end-to-end in modo che, quando il subacqueo emerge, il Wavelet fosse in grado di trasmettere le osservazioni senza la possibilità di interferenze distorte.

“Sebbene nel complesso abbia avuto successo, ci sono stati problemi iniziali che abbiamo ampiamente superato con la riprogettazione. L’ultima versione del prototipo include anche la ricarica solare, eliminando così in gran parte la necessità di aprire il sensore e contribuendo a prevenire l’intrusione di acqua”.

Componenti e sensori sono stati posizionati manualmente sui prototipi, rendendo l'unità più grande del necessario. “Questo può essere semplificato e ridimensionato attraverso i processi di produzione”. 

Al momento anche i costi restano una sfida. "Dato che siamo una piccola organizzazione no-profit senza finanziamenti, i progressi sono stati limitati alle partnership, il che ha rallentato il processo in modo significativo", ha ammesso van Niekerk, aggiungendo che 2°C sta cercando sponsorizzazioni aziendali e accoglierebbe con favore qualsiasi suggerimento per accelerare il processo.

"Con volumi molto bassi e tempi di lavoro elevati per il completamento, i costi sono molto elevati", afferma. “Tuttavia, la nostra missione dal 2016 è stata quella di vedere realizzato un prezzo per l’utente finale di 199 dollari [157 sterline]”. I prototipi attualmente costano più di 400 dollari per essere costruiti a mano, ma “col tempo e con le partnership e i contratti di catena di fornitura in atto, crediamo che sia ancora realizzabile”. 

Far uscire le Wavelet

“Il pubblico è sempre più sopraffatto dall’entità del cambiamento climatico e distaccato dalla scienza che potrebbe supportare soluzioni”, afferma van Niekerk.

“I subacquei di lunga data lamentano il deterioramento delle barriere coralline, un tempo incontaminate, e le economie locali che dipendono dal turismo subacqueo subiscono un impatto negativo. Ciò rappresenta un’importante opportunità per coinvolgere i subacquei ricreativi come cittadini-scienziati”.

Allora come sarebbero equipaggiati i subacquei con le Wavelet? Inizialmente attraverso centri di immersione sovvenzionati, dice van Niekerk, il quale sostiene che i subacquei indipendenti basano ancora le loro decisioni di viaggio sulla lista dei desideri, "e la salute della barriera corallina costituisce una motivazione convincente per molti, poiché determina la disponibilità delle specie locali e, dopo tutto, , ecco perché molti di noi si immergono!” 

Per questo motivo ritiene che le autorità turistiche sosterranno l'implementazione delle Wavelets “sia nella negoziazione delle parti interessate che nel sostegno finanziario, al fine di proteggere il prodotto turistico”. 

Finora le Wavelet sono state costruite a mano: la produzione in serie consentirà di renderle più piccole
Finora le Wavelet sono state costruite a mano: la produzione di massa consentirà loro di essere più piccole

Prevede di lavorare con questi “stakeholder” – operatori subacquei di tutto il mondo – per costruire e sostenere il modello cittadino-scientifico degli ospiti con “tecnologia di sensori automatizzati accurata e a basso costo” collegata alla loro attrezzatura subacquea. 

La raccolta dei dati potrebbe essere passiva, ma i subacquei sarebbero “coinvolti durante tutto il processo attraverso opportunità di progetti di ricerca scientifica, sfide sui dati, networking sui social media e, quando vengono utilizzati i dati raccolti, citazioni/riconoscimenti. I partner dell’industria subacquea potrebbero anche scegliere di premiare la partecipazione volontaria.“ 

Solo dopo aver coinvolto gli operatori subacquei, 2°C si occuperà dell'equipaggiamento delle persone. “Si tratta di un aspetto strategico, poiché gli operatori subacquei dispongono quotidianamente delle stesse attrezzature nelle stesse posizioni, il che è molto importante dal punto di vista statistico medio quando si esaminano i dati.

“Man mano che risolviamo i problemi della piattaforma end-to-end, i singoli subacquei saranno in grado di svolgere un ruolo più significativo, soprattutto in località remote visitate meno frequentemente”.

Per incoraggiare le vendite di Wavelet ai subacquei, potrebbero offrire uno scopo secondario che avvantaggi direttamente il proprietario? van Niekerk pensa che potrebbero. “Ogni Wavelet ha il GPS integrato. Anche se non è inteso come dispositivo di localizzazione personale, è comprensibile che questo sarà un argomento di discussione in futuro", afferma.

E come regali da subacqueo a subacqueo? “Sì, sarebbe una grande vittoria per tutti!” Scopri di più sulle Wavelet su 2 ° C sito.

Anche su Divernet: Come il cambiamento climatico influisce sui mari del Regno Unito, Il Mar Rosso settentrionale ha un’assicurazione contro il cambiamento climatico', I coralli del Regno Unito saranno i “vincitori” del cambiamento climatico, La remota barriera corallina del Pacifico mostra una certa capacità di far fronte al riscaldamento degli oceani

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
kelly r
kelly r
2 mesi fa

Non mi immergo negli oceani. Mi immergo solo in laghi d'acqua dolce.

Marc
Marc
2 mesi fa

Penso che questa sia un'idea eccellente e sarebbe sicuramente di aiuto. Il cambiamento climatico è reale. C’è sicuramente un cambiamento là fuori, sia legato al clima che legato alle navi da crociera. In ogni caso, il contributo dei subacquei a monitorare questo cambiamento è un modo per comprendere il problema.

jow
jow
2 mesi fa

Prima di tutto, penso che monitorare gli oceani sia un’ottima idea. Ma non diamo la colpa al cambiamento climatico perché chi ha fatto le sue ricerche sa che è una truffa.
Le navi da crociera rappresentano una grande preoccupazione per le barriere coralline e stanno causando gravi danni.
La soluzione della plastica sta uccidendo anche i nostri oceani. Nessuno di questi si fermerà mai a causa dei costi e del denaro che le navi da crociera portano nei piccoli paesi.

SEGUICI SU

3
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x