Le autorità del Regno Unito cercano di rafforzare le interferenze sui relitti

Lo afferma il National Museum of the Royal Navy che, insieme al Maritime Archaeology Sea Trust (MAST), ha convocato l'incontro presso l'Admiralty House di Londra a metà novembre, e ora ha riferito in merito ai lavori.

Leggi anche: Nave trattenuta in relazione al saccheggio di tombe di guerra britanniche 

Erano presenti rappresentanti dei dipartimenti governativi e delle forze dell'ordine, supportati da consulenti ambientali e culturali.

Il Museo Nazionale è il principale consulente della RN sul patrimonio navale, mentre l'organizzazione benefica MAST ha il compito di educare il pubblico sul patrimonio marittimo, in particolare sull'archeologia.

Entrambe le organizzazioni hanno affermato di voler aumentare la consapevolezza sui pericoli di intrusioni non autorizzate e recupero illegale di relitti navali.

I registri MAST indicano che 4793 navi RN andarono perdute tra il 1512 e il 1982, ma c'è particolare preoccupazione per i fragili naufragi di ferro e acciaio del 19° e 20° secolo.th secoli.

Questi possono contenere materiale esplosivo instabile, minerali tossici e oli combustibili che sono pericolosi per i subacquei e potenzialmente dannosi per l'ambiente se manomessi.

Gli organizzatori hanno affermato che ora si aspettano l’uso di nuove tecnologie come la sorveglianza remota e le pratiche impiegate altrove in mare, come nella regolamentazione della pesca, da utilizzare per migliorare la gestione dei resti navali del Regno Unito.

Hanno inoltre riferito che l'incontro aveva “considerato modi per mitigare la complessità dei quadri giuridici e l'ampiezza delle parti interessate che, in passato, ha creato ambiguità”.

Il futuro lavoro intergovernativo, hanno affermato, sarà più collaborativo e enfatizzerà la criminalità, in particolare, del salvataggio pericoloso e non autorizzato.

"Non vediamo l'ora di discutere con i colleghi internazionali su come potremmo aumentare la collaborazione, in modo che insieme possiamo gestire meglio i potenziali pericoli e perseguire i criminali, ma cerchiamo anche la commemorazione delle eroiche azioni navali in un modo che si adatti alle aspettative di oggi." ha commentato Sir Anthony Dymock, viceammiraglio fiduciario del MAST.

Il gruppo si riunirà nuovamente ad aprile per esaminare i progressi.

È stato chiarito che gli attuali accordi per la concessione di licenze per immergersi su relitti navali non sarebbero stati influenzati dal nuovo lavoro, né sarebbe stata esclusa la considerazione di licenze per immergersi in altri siti.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x