I supercoralli che offrono un faro di speranza

Super coralli
Super coralli

Notizie sulle immersioni

Alcune speranze per la futura sopravvivenza delle barriere coralline sono emerse da una nuova ricerca condotta presso l’Università di Tecnologia di Sydney (UTS) in Australia.

La biologa marina Dott.ssa Emma Camp ha studiato le comunità di coralli che si trovano nelle acque calde, acide e povere di ossigeno di un sistema lagunare di mangrovie della Nuova Caledonia e ritiene che alcune specie potrebbero essere in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici.

Leggi anche: Pristine Seas dà il via a un'impresa quinquennale nel Pacifico

Ora la dottoressa Camp e il suo team sono pronti a cercare specie altrettanto resilienti nelle acque della Grande Barriera Corallina, precedentemente inesplorate per i sistemi di mangrovie che ospitano coralli, afferma l'università. Vuole studiare l'hardware genetico che equipaggia i coralli per la sopravvivenza in condizioni calde, acide e ipossiche.

“L’esistenza di coralli che vivono in questo trio di condizioni solitamente mortali, paragonabili e addirittura superiori a quanto previsto dal cambiamento climatico, ci dà una nuova speranza che alcuni coralli saranno in grado di persistere nel futuro”, afferma Dottor Campo.

“Questi potrebbero davvero essere i super-coralli del futuro che aiuterà a supportare opzioni di gestione proattiva che tentano di migliorare la resilienza della barriera corallina”.

Una sovvenzione della National Geographic Society Waitt Foundation ha fornito l'opportunità di riunire un team multidisciplinare, armato delle tecnologie più recenti, in un viaggio di spedizione di cinque giorni da Port Douglas a Lizard Island che inizierà questa settimana (dal 12 giugno).

Il dottor Camp, membro del futuro programma di ricerca sulle barriere coralline C3 (Climate Change Cluster), sarà accompagnato dal professore associato David Suggett, leader del C3, che descrive il progetto come “scienza pionieristica” e un potenziale “punto di svolta” – anche se avverte contro considerare il progetto come un suggerimento di una soluzione immediata.

“Sebbene i nostri risultati siano estremamente positivi, non dobbiamo sottovalutare la minaccia che i cambiamenti climatici rappresentano per le barriere coralline del mondo”, afferma. “Sappiamo che le barriere coralline sono malate terminali a livello globale e che è necessaria un’azione immediata per garantirne il successo”.

UTS ha collaborato con International Research for Development, Noumea (IRD) sullo studio della Nuova Caledonia, Reef-Building Corals Thrive Within Hot-Acidified and Deoxygenated Waters. È pubblicato su Scientific Reports qui

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x