Le alghe marine danneggiano un doppio smacco

Notizie sulle immersioni

Non sono solo le minacce alle barriere coralline di cui i subacquei devono preoccuparsi: ora sono gli habitat poco profondi delle alghe marine, famosi per ospitare specie che vanno dai cavallucci marini ai dugonghi, a causare preoccupazione agli scienziati.

In primo luogo, un nuovo studio riporta che un’ondata di caldo marino al largo dell’Australia occidentale otto anni fa ha provocato un doppio disastro poiché ha rilasciato milioni di tonnellate di carbonio intrappolato devastando la più grande raccolta di praterie di alghe al mondo a Shark Bay.

Leggi anche: La pianta più grande del mondo rivelata a Shark Bay

Il rilascio equivaleva a più di un quinto delle emissioni di gas serra registrate in Australia.

Le fanerogame marine raccolgono il carbonio dall'acqua di mare e lo seppelliscono in modo sicuro sotto la superficie, dove possono rimanere per migliaia di anni, ma il riscaldamento degli oceani può uccidere le fanerogame marine, causando la fuga di grandi quantità di anidride carbonica nell'atmosfera mentre le piante si decompongono e l'ossigeno penetra nell'atmosfera. sedimento.

Si calcola che nell’ultimo secolo quasi un terzo delle fanerogame marine sia stato distrutto in tutto il mondo, principalmente a causa dei disturbi umani.

Un team internazionale di scienziati ha scoperto che il 22% delle praterie marine di Shark Bay è stato distrutto dall’ondata di caldo del 2010/11 e che 2-9 milioni di tonnellate di CO2 sono state rilasciate solo nei tre anni successivi. Considerato il lento tasso di recupero delle fanerogame marine, è probabile che entro il 21 siano state rilasciate 2050 milioni di tonnellate.

Gli scienziati hanno proposto di trapiantare piantine nell'habitat per limitare i danni, anche utilizzando specie non autoctone più resistenti, se necessario. I loro risultati sono pubblicati su Nature Climate Change.

Più vicino a casa, secondo una ricerca congiunta dell’Università di Cardiff e Swansea pubblicata su Frontiers in Plant Science, l’azoto proveniente dai rifiuti umani e animali rilasciato nelle acque costiere sta danneggiando le praterie di alghe del Regno Unito.

L’inquinamento dà origine a fioriture algali che bloccano la luce che consente la crescita delle alghe marine.

Nel Regno Unito le fanerogame marine non possono crescere a una profondità superiore a circa 7 metri a causa della limitata penetrazione della luce, mentre nel Pacifico più limpido la stessa specie può crescere cinque volte più in profondità.

I ricercatori hanno misurato l’azoto accumulato nelle foglie di fanerogame marine raccolte da una profondità massima di 3 metri in 11 habitat del Regno Unito, tutti siti marini europei protetti tranne uno.

Hanno scoperto che i livelli erano più alti del 75% rispetto a quelli misurati in altre parti del mondo, in particolare nelle aree più dense di insediamenti umani: le alghe di Southend contenevano circa tre volte la quantità di isotopo azoto-15 rispetto a quella registrata in un sito delle Isole Scilly.

L’autore principale Benjamin Jones ha dichiarato alla BBC che l’erba marina, che cresce nelle aree sabbiose e fangose ​​intorno al Regno Unito, è 35 volte più efficiente nel catturare il carbonio rispetto a una foresta pluviale tropicale e previene l’erosione costiera stabilizzando i sedimenti.

Ha inoltre fornito “un habitat per una vasta gamma di vita marina, che comprende merluzzo, passera di mare, merluzzo giallo e, in luoghi della costa meridionale come Studland Bay, cavallucci marini”.

I ricercatori hanno lanciato un progetto di scienza dei cittadini e vogliono che le persone scarichino l'app Seagrass Spotter Progetto Seagrass e contribuire al loro database.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x