Mmm, ha un buon sapore: perché ai coralli piace la plastica

Gli scienziati della Duke University di Durham, nella Carolina del Nord, si erano chiesti perché i coralli dovessero consumare plastica alterata dagli agenti atmosferici quando, essendo privi di occhi, non avevano motivo di confondere le particelle con prede.

Leggi anche: La pesca fantasma significa che la plastica infesta i coralli profondi

I coautori dello studio Austin Allen e Alexander Seymour hanno raccolto coralli duri dal mare al largo della Carolina del Nord e hanno offerto loro piccole quantità di otto diversi tipi di microplastiche, insieme ad oggetti di dimensioni simili come sabbia pulita. I coralli mangiavano ogni tipo di plastica, ma ignoravano in gran parte quelli non plastici.

In un secondo esperimento, gruppi di coralli sono stati posti in camere di alimentazione separate. A ciascun gruppo è stata offerta la stessa quantità di microplastiche per un periodo di mezz’ora, ma ad alcuni sono state fornite particelle pulite e ad altri particelle contaminate da batteri.

I coralli mangiavano entrambi i tipi, ma preferivano le microplastiche pulite con un margine di tre a uno, suggerendo che la plastica stessa contenesse qualcosa che li rendeva gustosi.

“Quando la plastica esce dalla fabbrica, contiene centinaia di additivi chimici”, ha affermato Seymour. “Ognuna di queste sostanze chimiche, o una combinazione di esse, potrebbe agire come uno stimolante che rende la plastica attraente per i coralli”.

I ricercatori sperano che ulteriori ricerche possano individuare gli additivi “gustosi” e determinare se queste sostanze chimiche hanno lo stesso effetto su altre specie marine.

“Se riusciamo a produrre la plastica in modo che abbia involontariamente un buon sapore per questi animali, potremmo anche essere in grado di produrla in modo che abbia intenzionalmente un cattivo sapore”, ha affermato Seymour. “Ciò potrebbe aiutare a ridurre in modo significativo la minaccia rappresentata da queste microplastiche”.

Tartarughe, pesci, mammiferi marini, invertebrati e uccelli possono soffrire di blocchi intestinali, avvertire un falso senso di sazietà o avere riserve energetiche ridotte a causa del consumo di microplastiche.

“Circa l’8% della plastica ingerita dai polipi dei coralli nel nostro studio era ancora bloccata nelle loro viscere dopo 24 ore”, ha detto Allen.

Le microplastiche possono anche rilasciare centinaia di composti chimici nei corpi degli animali e nell’ambiente. Le conseguenze di ciò sono ancora in gran parte sconosciute, anche se è noto che alcuni additivi influenzano gli ormoni che determinano il sesso negli organismi.

Lo studio “Chemoreception Drives Plastic Consumption in a Hard Coral” è pubblicato su Marine Pollution Bulletin e può essere letto qui.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x