Individuata l'ultima vittima dello Jutland britannico

Individuata l'ultima vittima dello Jutland britannico
Diving NewsLast British Jutland casualty located

L'incrociatore britannico HMS Warrior, l'ultimo relitto scomparso della battaglia dello Jutland della Prima Guerra Mondiale 1 anni fa, è stato localizzato a una profondità di 100 metri da una squadra di ricerca danese-britannica.

Il ritrovamento è stato effettuato durante una spedizione organizzata dall'appaltatore subacqueo danese JD-Contractor per il Sea War Museum di Thyborøn, in collaborazione con l'esperto di relitti britannico Dr Innes McCartney dell'Università di Bournemouth. Si stavano tuffando da ms Vina.

Il 7 settembre Divernet ha riferito che la stessa squadra aveva localizzato il sottomarino britannico HMS, perduto da tempo Tarpon al largo dello Jutland.

Leggi anche: Come abbiamo scoperto il relitto di una nave britannica silurata durante la Prima Guerra Mondiale

HMS Guerriero fu gravemente danneggiato e 71 membri dell'equipaggio morirono durante la battaglia. I restanti 743 furono trasferiti all'HMS Engadina mentre tentava di rimorchiare Guerriero tornò in Gran Bretagna, ma a causa dell'entità dei danni combinati con le cattive condizioni meteorologiche l'incrociatore dovette essere abbandonato.

She sank in the northern North Sea between 1 and 2 June, 1916, but could not be found later at the official position given.

Unlike the other Jutland wrecks HMS Guerriero affondò intatto e non come risultato diretto di un'esplosione, cosa che ha portato Gert Normann Andersen del Sea War Museum a descrivere il relitto come una "capsula del tempo con tutto il suo contenuto" che dovrebbe rimanere "molto ben conservata ancora per molti anni" .

Lungo il percorso dell’Engadina sono stati rinvenuti e studiati trenta relitti mediante rilievi multibeam e ROV videoe Guerriero fu infine scoperto il 24 agosto tra le 19 e le 27 miglia dalla posizione ufficiale.

Secondo il Sea War Museum, la nave giace capovolta, con il punto più alto a 68 metri. L'ispezione del ROV ha rivelato le due grandi eliche e gli spessi alberi di trasmissione a poppa con i resti di una scialuppa di salvataggio nelle vicinanze, e lungo i lati sono visibili i supporti di diversi cannoni, con la canna di uno che giace sul fondo del mare.

L'albero si è spezzato e la sua cima giace sotto i rottami, indicando che ha colpito per primo il fondo del mare. Le grandi ancore rimangono al loro posto a prua e si possono vedere diversi oblò.

C'erano banchi di merluzzi e altri pesci dentro e attorno al relitto, e una grande rete da traino vi si impigliava sopra.

Puoi vedere una versione animata delle scansioni multiraggio qui e filmati ROV qui

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x