Come abbiamo scoperto il relitto di una nave britannica silurata durante la Prima Guerra Mondiale

Il relitto della ss Hartdale (Università di Bangor)
Il relitto della ss Hartdale (Università di Bangor)

Una nave mercantile britannica affondata da un sottomarino durante la prima guerra mondiale ha finalmente svelato il suo segreto vecchio di 109 anni, riferisce MICHAEL ROBERTS dell'Università di Bangor

Le SS Hartdale stava navigando da Glasgow ad Alessandria d'Egitto con il suo carico di carbone quando fu presa di mira da un sottomarino tedesco nel marzo 1915. La posizione della nave era stata a lungo un mistero, ma io e i miei colleghi abbiamo finalmente individuato la sua posizione. luogo di riposo finale.

Il vecchio adagio secondo cui sappiamo di più sulla superficie della Luna e su Marte che sulle profondità marine della Terra potrebbe non essere più del tutto vero. Ma la realtà è che abbiamo ancora molto da imparare.

Anche i fondali marini poco profondi vicino alla costa, apparentemente familiari, sono mappati in modo relativamente scarso. Molte persone potrebbero pensare che tali aree siano ben esplorate, ma ci sono ancora domande fondamentali a cui non possiamo rispondere perché non sono state condotte indagini dettagliate.

I mari circostanti il ​​Regno Unito racchiudono un vasto cimitero sottomarino. Migliaia di relitti, frutto di secoli di commercio e conflitti, disseminano i fondali marini come silenziosi segni storici.

file 20240313 18 d09lmt.jpg?ixlib=rb 1.1
Le SS Hartdale si trova a 12 miglia al largo della costa dell'Irlanda del Nord (Michael Roberts / Unpath'd Waters)

Sorprendentemente, anche se sappiamo dove si trovano molti relitti, la loro vera identità rimane spesso un mistero. Ma il Acque impervie Il progetto sta ora collegando gli archivi marittimi con i dati scientifici esistenti per aiutare a rivelare alcuni di questi segreti.

La storia incontra la scienza

Gli scienziati stanno utilizzando indagini sonar dettagliate su oltre 100 relitti a ovest dell'Isola di Man. Combinando questi dati sottomarini con documenti storici provenienti da tutto il mondo, i ricercatori stanno mettendo insieme un enorme puzzle nautico, rivelando finalmente le vere storie di queste navi affondate.

La prima identificazione riuscita effettuata nell'ambito di questo lavoro è quella del ss Hartdale. Quando la nave lunga 105 metri fu silurata all'alba del 13 marzo 1915 dal sommergibile tedesco U-27, due membri dell'equipaggio andarono perduti e la sua posizione finale rimase sconosciuta.

I ricercatori hanno iniziato analizzando i relitti conosciuti nell’area dell’attacco, restringendo le possibilità a meno di una dozzina. Quindi, hanno confrontato i dettagli del relitto con i registri ufficiali e le osservazioni dei subacquei, eliminando i candidati uno per uno fino al Hartdale è emerso come l'abbinamento perfetto.

La nave si trova a una profondità massima di 125 metri, a 12 miglia al largo della costa dell'Irlanda del Nord.

Un vecchio disegno in sezione longitudinale di una nave.
Piani originali per Hartdale, originariamente nominato Benbrook, dal 1910 (La Fondazione Lloyd's Register)

Dettagli importanti su Hartdale sono disponibili online tramite il Fondazione Lloyds Register. Ciò include i piani per la costruzione della nave, precedentemente nota come Benbrook, costruito per Joseph Hault & Co Ltd nel 1910.

Queste informazioni, insieme alle testimonianze oculari riportate all'epoca dalla stampa nazionale, si sono rivelate cruciali per confermare l'identità del relitto.

Lo storico statunitense Michael Lowrey ha inoltre fornito al team del progetto una copia tradotta di appunti estratti da un resoconto ufficiale tedesco e scansioni di U-27il diario di guerra ufficiale redatto dal suo ufficiale in comando, Capitano Bernd Wegener.

Questi contenevano le descrizioni degli eventi che portarono all'affondamento, le coordinate dell'attacco e la posizione esatta Hartdale il punto in cui il siluro colpì lo scafo: un dettaglio sorprendentemente confermato dai dati del sonar.

Armato di queste prove convincenti, il gruppo di ricerca è giunto a una conclusione definitiva. L'unico candidato valido per il Hartdale era un relitto precedentemente “sconosciuto” lungo 105 metri. Si trova a poche centinaia di metri a sud di dove U-27 sferrò il suo attacco fatale.

Guerra sottomarina senza restrizioni

Il punto più alto dello scafo dell'Hartdale è a 109 metri e il fondale scende a 125 metri (Università di Bangor)
Il punto più alto del Hartdalelo scafo è di 109 metri e il fondale scende a 125 metri (Università di Bangor)
Profilazione dell'Hartdale (Università di Bangor)
Profilazione del Hartdale (Università di Bangor)

In seguito al suo attacco a Hartdale, le U-27 continuò a svolgere un ruolo di primo piano nello sviluppo della guerra navale durante il resto della prima guerra mondiale. Ciò avvenne durante un periodo di crescente tensione nel 1.

Dopo l'affondamento dei transatlantici britannici RMS Lusitania a maggio e il ss Arabo nell'agosto di quell'anno dagli U-Boot, il modo in cui veniva condotta la guerra in mare divenne sempre più acceso e controverso.

Poco dopo la Arabo fu affondato da un sottomarino diverso, il U-27 fu essa stessa attaccata e distrutta dalla nave Q della Royal Navy HMS Baralong. Le Q-ship erano navi mercantili pesantemente armate progettate per attirare i sottomarini affinché effettuassero attacchi di superficie.

L'U-boat U-27, che affondò nell'agosto 1915
I U-27 U-boat, a sua volta affondato nell'agosto 1915

I marinai tedeschi sopravvissuti, inclusi U-27dell'ufficiale in comando, sarebbero stati poi giustiziati da marinai britannici davanti a testimoni americani. Da allora questo è diventato noto come “Baralong Incidente".

La protesta tedesca per questo evento, combinata con altri fattori, ha contribuito all'inizio “guerra sottomarina senza restrizioni” dalla Germania nel febbraio 1917. Ciò significava che gli avvertimenti non venivano più emessi alle navi mercantili prima degli attacchi degli U-boat e le perdite di vite umane aumentavano significativamente.

MICHELE ROBERTI è Project Manager R&D SEACAMS presso il Centro di Scienze Marine Applicate, Bangor University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Anche su Divernet: Si parla di mappatura dei relitti a Bournemouth, ID positivo della nave che ha tentato di salvare Titanic, Non è un sottomarino: HMS mercurio relitto identificato, Scoperta archeologica della seconda guerra mondiale LC 326 altera la storia navale britannica

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x