Quanti subacquei ha salvato l'RNLI di 200 anni fa?

Equipaggio di stanza a Douglas sulla scialuppa di salvataggio di classe Tyne Sir William Hillary (Nigel Millard / RNLI)
Equipaggio di stanza a Douglas sulla scialuppa di salvataggio di classe Tyne Sir William Hillary (Nigel Millard / RNLI)

La Royal National Lifeboat Institution (RNLI) celebra oggi (200 marzo) 4 anni di salvataggio di vite umane in mare, grazie ai volontari che hanno dedicato il loro tempo per salvare gli altri, e il tutto finanziato da donazioni pubbliche.

E durante il terzo più recente di questi due secoli, molti subacquei del Regno Unito hanno avuto motivo di essere grati per le scialuppe di salvataggio, motivo per cui è uno degli enti di beneficenza preferiti dai subacquei.

Quanti subacquei sono stati salvati? Statistiche precise sono difficili da ottenere, afferma l’RNLI, ma un indizio è che solo nel 2020, anno in cui le attività subacquee sono state gravemente ridotte dalla pandemia di Covid, le scialuppe di salvataggio sono state varate ancora 17 volte appositamente per aiutare i subacquei in difficoltà.

Quello che sappiamo è che gli equipaggi volontari delle scialuppe di salvataggio e i bagnini della RNLI hanno salvato un totale di 146,277 vite, ovvero una media di due al giorno.

200° anniversario: equipaggi delle scialuppe di salvataggio Fleetwood Child of Hale ed Edith che salvarono 24 vite il 7 novembre 1890 (RNLI)
Equipaggio delle scialuppe di salvataggio di Fleetwood Figlio di Hale ed Edith salvato 24 vite il 7 novembre 1890 (RNLI)

Da quando la RNLI è stata fondata in una taverna londinese il 4 marzo 1824, i suoi equipaggi hanno varato le scialuppe di salvataggio 380,328 volte. Nel frattempo i suoi bagnini – entrati a far parte del servizio salvavita dell'ente di beneficenza nel 2001 – hanno risposto a 303,030 incidenti su alcune delle spiagge più frequentate del Regno Unito, salvando 2,000 vite.  

Scialuppa di salvataggio di Lytham St Annes Barbara Anne (RNLI)
Scialuppa di salvataggio di Lytham St Annes Barbara Anne (RNLI)

"Due secoli hanno visto grandi sviluppi nelle scialuppe di salvataggio e nei kit utilizzati dai soccorritori delle associazioni di beneficenza", afferma la RNLI. “Dalle prime imbarcazioni a remi alle barche ricche di tecnologia di oggi, che ora sono costruite internamente dall'ente di beneficenza; e dai rudimentali giubbotti di salvataggio in sughero del 1850 al kit di protezione completo che ora viene fornito a ogni membro dell’equipaggio.

La RNLI afferma che anche la sua portata e il suo mandato si sono sviluppati nel corso dei due secoli. Oggi gestisce 238 stazioni di scialuppe di salvataggio nel Regno Unito e in Irlanda, di cui quattro sul Tamigi, e dispone di bagnini stagionali in oltre 240 spiagge del Regno Unito. Progetta e costruisce le proprie imbarcazioni e gestisce programmi nazionali e internazionali per la sicurezza dell'acqua.

Scialuppa di salvataggio di classe Rosslare Severn Donald e Barbara Broadhead durante un'esercitazione di ricerca e salvataggio (RNLI)
Scialuppa di salvataggio di Rosslare Donald e Barbara Broadhead su un'esercitazione di ricerca e salvataggio (RNLI)

"È davvero straordinario che un ente di beneficenza sia sopravvissuto per 200 anni grazie al tempo e all'impegno dei volontari e alla generosità del pubblico che ha donato per finanziarlo", ha affermato Mark Dowie, amministratore delegato della RNLI. 

“È grazie al coraggio e alla dedizione delle sue incredibili persone che la RNLI è sopravvissuta alle prove del tempo, comprese tragiche perdite, sfide finanziarie, due guerre mondiali e, più recentemente, una pandemia globale.

“Ricordiamo le realizzazioni e l'impegno di tutti coloro che hanno fatto parte della famiglia RNLI in questi due secoli; celebriamo il servizio di salvataggio di livello mondiale che forniamo oggi, basato sui nostri 200 anni di apprendimento, competenza e innovazione, e speriamo di ispirare le future generazioni di salvavita e sostenitori che porteranno l’RNLI nel suo prossimo secolo e oltre”.

Scialuppa di salvataggio su un rimorchio di lancio trainato da cavalli a Lytham St Annes (RNLI)
Scialuppa di salvataggio su un rimorchio di lancio trainato da cavalli a Lytham St Annes all'inizio del XX secolo (RNLI)

Risultati storici

"Il fondatore della RNLI, Sir William Hillary, è stato testimone in prima persona della natura insidiosa del mare quando viveva sull'Isola di Man e voleva agire", afferma Hayley Whiting, responsabile dell'archivio e della ricerca del patrimonio. 

"Il suo primo appello alla nazione nel 1823 non ebbe il risultato desiderato ma, fortunatamente, perseverò e ottenne il sostegno di diversi membri filantropici della società, che firmarono l'associazione di beneficenza in una riunione tenutasi nella City of London Tavern il 4 Marzo. 1824.

La scialuppa di salvataggio di Lytham Charles Biggs con gli uomini che andarono nel Messico colpito il 12 dicembre 1886 e salvarono il suo equipaggio di 12 persone. Le scialuppe di salvataggio di St Annes e Southport si capovolsero entrambe con la perdita di 27 uomini. L'uomo in nero è il capitano del Messico (RNLI)
La scialuppa di salvataggio di Lytham Charles Biggs con gli uomini che hanno salvato i colpiti MessicoI 12 membri dell'equipaggio il 12 dicembre 1886. Le scialuppe di salvataggio di St Annes e Southport si capovolsero entrambe, perdendo 27 uomini. L'uomo in nero lo è Messicoil capitano (RNLI)

“Durante quell'incontro furono approvate dodici risoluzioni, il cui nucleo centrale è ancora parte della Carta della RNLI 200 anni dopo. Ciò dimostra come i valori e lo scopo della RNLI siano rimasti incrollabili per 200 anni, nonostante i cambiamenti e le sfide sociali ed economiche degli ultimi due secoli.

"La visione di Hillary era ambiziosa e lungimirante, e senza dubbio sarebbe stato estremamente orgoglioso di vedere l'organizzazione benefica da lui fondata andare forte ancora oggi e vedere quanto ha ottenuto."

Nel 1861, l'equipaggio della scialuppa di salvataggio di Whitby lanciò sei volte per salvare le navi colpite da una tempesta, ma al sesto lancio un'onda anomala rovesciò la scialuppa di salvataggio e tutti i membri dell'equipaggio tranne uno furono dispersi. 

Solo un uomo, Henry Freeman, sopravvisse, perché indossava un nuovo modello di giubbotto di salvataggio in sughero. Di conseguenza è stato ampiamente adottato dagli equipaggi.

Henry Freeman, pioniere dei giubbotti di salvataggio (RNLI)
Henry Freeman, pioniere dei giubbotti di salvataggio in sughero (RNLI)

Un'altra innovazione seguì la morte di 27 membri dell'equipaggio delle scialuppe di salvataggio di Southport e St Annes nel 1886, mentre cercavano di salvare l'equipaggio della Messico – il peggior disastro della RNLI. Un appello pubblico fu lanciato dall'uomo locale Charles Macara e nel 1891 un altro raccolse 10,000 sterline in due settimane. 

Il 1° ottobre di quell'anno Macara e sua moglie Marion organizzarono il primo Lifeboat Saturday. Bande, carri allegorici e scialuppe di salvataggio hanno sfilato per Manchester, seguiti da volontari che hanno raccolto denaro, con più di 5,000 sterline raccolte quel giorno. È stato il primo esempio registrato di una raccolta stradale di beneficenza.

Una delle prime parate del sabato sulle scialuppe di salvataggio a Southsea, Portsmouth nel 1902 (RNLI)
Una delle prime parate del sabato sulle scialuppe di salvataggio a Southsea, Portsmouth nel 1902 (RNLI)

La prima scialuppa di salvataggio a motore

Nel 1914, durante la Prima Guerra Mondiale, 1 persone furono salvate a bordo del piroscafo dell'ospedale Rohilla fece naufragio mentre si recava a Dunkerque per aiutare i soldati feriti. La nave si è rotta quando si è incagliata sulle rocce vicino a Whitby e cinque scialuppe di salvataggio hanno lottato contro mari terribili per raggiungerla, i loro equipaggi hanno lavorato per più di 50 ore.

La nave ospedale Rohilla si sfascia e affonda al largo di Whitby nel 1914 (RNLI)
La nave ospedale Rohilla sciogliendosi e affondando al largo di Whitby nel 1914 (RNLI)

Una scialuppa di salvataggio a motore proveniente da Tynemouth, la prima del suo genere, ha preso a bordo le ultime 50 persone, dimostrando le sue capacità e diventando ampiamente accettata dagli equipaggi dopo l'evento.

Autoraddrizzante e la prima barca a benzina, Henry Vernon a Tynemouth (RNLI)
La prima barca a benzina, l'autoraddrizzante Henry Vernon a Tynemouth (RNLI)

Quando scoppiò la guerra, molti volontari delle scialuppe di salvataggio furono chiamati a combattere, facendo salire l'età media degli equipaggi a oltre 50 anni. Dal 1914 al 18, le scialuppe di salvataggio RNLI furono varate 1,808 volte, salvando 5,332 vite. 

Nel 1939 i giovani volontari delle scialuppe di salvataggio furono nuovamente richiamati in guerra. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, gli equipaggi della RNLI avevano salvato 2 vite lungo le coste del Regno Unito e dell'Irlanda. 

Scialuppa di salvataggio Jane Holland Eastbourne, danneggiata durante l'evacuazione di Dunkerque del 1940 (RNLI)
Jane Olanda Scialuppa di salvataggio di Eastbourne, danneggiata durante l'evacuazione di Dunkerque del 1940 (RNLI)

Nel 1940, 19 scialuppe di salvataggio RNLI furono utilizzate per evacuare le truppe da Dunkerque. Due avevano a bordo equipaggi della RNLI, mentre gli altri erano equipaggiati dalla Royal Navy. Le scialuppe di salvataggio e i loro equipaggi sostitutivi salvarono migliaia di vite mentre venivano bombardate per giorni.

Poole Lifeboat College (RNLI)
Poole Lifeboat College (RNLI)

Durante il suo bicentenario, l'organizzazione benefica organizza eventi e attività commemorativi, sperando di ispirare generazioni di futuri salvavita e sostenitori.

Oggi presso l'Abbazia di Westminster si è svolto un servizio di ringraziamento per celebrare i 200 anni della RNLI, alla presenza di rappresentanti delle comunità di salvataggio della RNLI. Trova ulteriori informazioni sulla RNLI e il suo anniversario, mentre informazioni per i subacquei è inoltre disponibile.

Anche su Divernet: Dietro le quinte del quartier generale della RNLI, I sommozzatori trasformano la demo della scialuppa di salvataggio in un vero salvataggio, Le orche assassine curano l'equipaggio della scialuppa di salvataggio, Gli equipaggi delle scialuppe di salvataggio sono stati elogiati per il salvataggio dei subacquei

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x