Il cimitero dell'Egitto: immersioni nei relitti delle navi in ​​​​mare profondo

Immersioni nel cimitero egiziano
Subacqueo sul relitto del Chrisoula K

La barriera corallina di Sha'ab Abu Nuhas ha rivendicato innumerevoli navi nel corso degli anni, ma le restanti quattro sono una calamita per gli appassionati di relitti. Fotografia di Mark Evans e Stuart Philpott

Il Mar Rosso egiziano settentrionale è un punto caldo per affascinanti naufragi, essendo sede di personaggi leggendari Thistlegorm, le Dunraven, le Milioni di speranze e la Rosalie Moller, ma c'è un luogo che è una calamita per il serio sommozzatori di relitti – Sha'ab Abu Nuhas.

Sha'ab Abu Nuhas è una barriera corallina senza pretese che probabilmente non meriterebbe nemmeno una menzione nella lista dei subacquei se non fosse per il fatto che si trova vicino alla principale rotta marittima verso il Canale di Suez, e quindi ha affermato più della sua giusta quota di “vittime” nel corso degli anni. 

Il cimitero dei naufraghi
Il cimitero dei naufraghi

Circondato da acque relativamente basse e ragionevolmente protetto dalle condizioni meteorologiche avverse, è un appuntamento fisso nella maggior parte degli itinerari di crociere subacquee del nord e può essere raggiunto anche con barche giornaliere.

I relitti caduti preda della sua barriera corallina sono tutti in discrete condizioni, soprattutto le navi “più nuove”, e quindi questo, combinato con le profondità e la posizione riparata, significa che sono perfetti per tutti i livelli di subacqueo, e l’ideale “ aula” per corsi di immersione su relitti in un ambiente reale per ottenere la certificazione di immersione sui relitti.

I relitti da esplorare

Esplorando i naufragi
Esplorando un relitto del Mar Rosso

I Giannis D

Di tutti i relitti dell'Abu Nuhas, la nave da carico di costruzione giapponese e di proprietà greca Giannis D è di gran lunga la più popolare, e per una buona ragione: è senza dubbio una delle migliori immersioni sui relitti dell'intero Mar Rosso.

La nave trasportava un carico di legname e colpì la barriera corallina nel 1983 a tutta velocità - un fatto reso evidente quando si vede l'elica contorta, che si maciulò mentre si incastrava nel corallo - e ora è divisa in tre sezioni distinte.

La parte centrale della nave è distrutta in modo irriconoscibile, con pezzi di legno, piastre d'acciaio e pannelli metallici sparsi sul fondo del mare. C'è un'abbondante crescita di coralli e una pletora di vita marina, ma questa è l'area meno interessante del sito del relitto e generalmente è appena oltrepassata sommozzatori di relitti transizione tra le sezioni di prua e di poppa più intatte.

Una vista sul ponte
Una vista sul ponte

La prua si trova sul lato sinistro ed è ancora intera, quindi è un posto interessante da esplorare. Le possibilità di penetrazione sono limitate, ma la prua stessa è di dimensioni impressionanti e l'albero di prua è sempre circondato da pesci di barriera.

Ma è la sezione di poppa che rende davvero speciale questo relitto. La poppa è completamente intatta appena prima della sovrastruttura posteriore, il che significa che se sei adeguatamente addestrato, puoi penetrare in profondità nella sala macchine, negli alloggi dell'equipaggio e nella plancia. 

La parte più profonda della poppa si trova a soli 24 metri, ed è possibile entrare nella nave da qui, quindi farsi strada attraverso la sala macchine e poi salire diversi piani per infine uscire attraverso il ponte.

Una torcia è utile per individuare i dettagli, ma la luce ambientale proveniente dalle porte, dalle finestre e dai portelli aperti è talmente tanta che non è strettamente necessaria. Per i fotografi, la poppa è fantastica foto prop, così come l'elica attorcigliata, che farà impallidire un modello ben posizionato.

Esplorando ogni angolo
Esplorando ogni angolo

I Carnatic

Mentre gli altri tre relitti affondarono tutti negli anni '1970 o '80, il Carnatic è molto, molto più vecchio. Era un'elegante nave passeggeri e postale di 90 metri alimentata a vela e vapore e colpì la barriera corallina nel 1869. Non affondò immediatamente, ma rimase incagliata per un paio di giorni. 

Il capitano pensò erroneamente che la nave fosse sana e che le pompe gestissero l'acqua in entrata, ma il costante movimento altalenante sul corallo affilato ebbe il suo effetto e la nave si spezzò a metà e affondò, trascinando con sé circa cinque passeggeri e 26 membri dell'equipaggio. .

I sopravvissuti riuscirono a raggiungere Abu Nuhas e poi, con le scialuppe di salvataggio, alla vicina isola di Shadwan, dove furono recuperati poco dopo dalle navi di passaggio. Sumatra.

I Carnatic ora si trova sul lato sinistro a 26 metri, salendo a 12 metri a prua, e puoi tuffarti con la destra relitto-certificazione subacquea. La crescita dei coralli è abbondante perché il relitto è in disuso da quasi 150 anni e ora fa quasi parte della barriera corallina.

Gran parte della copertura in legno è caduta, rivelando le stive, il motore a vapore a quattro cilindri e le caldaie, e la penetrazione è semplice grazie a tutti i punti di entrata/uscita attraverso la struttura di ferro. 

All'interno si possono trovare i resti rotti di centinaia di bottiglie di vino, e spesso ci sono banchi brulicanti di pesci vetro che "inghiottiscono" un sub che nuota con attenzione attraverso di loro.

I Chrisoula K/Marcus

Il terzo relitto più visitato su Sha'ab Abu Nuhas è il Marcus, ma il motivo per cui è così noto in immersioni sui relitti cerchi è probabilmente più il risultato della continua saga sul fatto che sia davvero il Marcuso Chrisoula K. Ci sono argomenti a favore di entrambe le identità, e sebbene ora sia considerata una scommessa abbastanza sicura che questa sia quella Marcus, ci sono ancora quei subacquei veterani che rimangono convinti che sia il Chrisoula K.

Indipendentemente dal suo vero nome, ciò che è noto senza dubbio è che si trattava di un altro mercantile di proprietà greca, che si incagliò e affondò nel 1981.

Trasportava un vasto carico di piastrelle per pavimenti italiane, da cui il soprannome di Tile Wreck al relitto, ed è possibile vedere pile e pile di queste nella stiva.

La nave è praticamente intatta, con la parte centrale della nave verticale e posizionata a 26-28 metri, e la sezione di poppa ruotata verso dritta. Le stive sono abbastanza aperte, con molta luce ambientale e punti di entrata/uscita attraverso il ponte.

La penetrazione completa è possibile in alcune aree per i subacquei esperti, ma attenzione: la sala macchine è molto stretta per entrare rispetto al vuoto cavernoso del Giannis D, e consiglierei una torcia primaria, una di riserva e una terza di riserva, perché una volta dentro è estremamente buio. Imparerai tutte le tecniche necessarie da un corso di immersione su relitti.

I Kimon M

Il quarto relitto di Abu Nuhas è probabilmente quello visitato meno di frequente, il che è un peccato, perché è comunque un'immersione fantastica, anche se non allo stesso livello dei suoi vicini.

Questa nave da carico di costruzione tedesca trasportava 4,500 tonnellate di lenticchie - da qui il suo soprannome, il relitto delle lenticchie - quando si schiantò contro la barriera corallina a tutta velocità nel 1978, distruggendo la sezione di prua. 

All'interno della camera di navigazione
All'interno della camera di navigazione

È rimasta sulla sommità della barriera corallina, prima che le condizioni meteorologiche prendessero il sopravvento e lei scivolasse giù dalla barriera corallina in 30-32 metri d'acqua, fermandosi sul lato di dritta.

A causa dei successivi sforzi di salvataggio, che hanno visto un buco nel lato sinistro e la rimozione del motore e di altri macchinari, è relativamente facile entrare nel dipartimento di ingegneria e da lì nelle stive. La luce ambientale è discreta, ma una torcia è una buona idea per alcune delle sezioni più chiuse. La vita marina non è così abbondante come sugli altri relitti, ma... Kimon M vale comunque una pagina nel tuo diario di bordo.

Conclusione

I relitti di Sha'ab Abu Nuhas rappresentano una sirena per i subacquei, molti dei quali hanno numerose voci sul diario di bordo per tutte e quattro le navi affondate. Essendo situati in un punto in cui possono essere raggiunti sia da imbarcazioni giornaliere che da liveaboard, sono visitati da centinaia di sub ogni anno e, se devi ancora immergerti nel cimitero dei relitti egiziani, suggerirei di aggiungerlo alla tua lista dei desideri per le immersioni.

Incredibilmente subacquei:- Incredibilmente, i subacquei hanno immerso le navi mercantili su entrambi i lati del Carnatic per molti anni prima di scoprire accidentalmente la nave molto più antica durante un'immersione in corrente

Anche su Divernet: L'alba del turismo subacqueo nel Mar Rosso, Il Mar Rosso attraverso una nuova lente, L'esploratore del Mar Rosso, I migliori siti di immersione nel Mar Rosso

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x