L’alba del turismo subacqueo nel Mar Rosso

L'alba
Subacquei in uno dei primi corsi del Mar Rosso nel 1972

Ti sei mai chiesto come sono iniziate le operazioni subacquee organizzate nel Mar Rosso? Howard Rosenstein è stato un promotore di primo piano, portando i suoi ospiti a tuffarsi da un vagone ferroviario dal pavimento sabbioso a Sharm el Sheikh. Ora, nel 40° anniversario del ritiro israeliano dal Sinai, è pronto a riflettere su un decennio incredibile che ha plasmato il modo in cui ci immergiamo oggi. Accomodati per una lettura lunga e affascinante.

Nel 1970 avevo 23 anni ed ero un nuovo immigrato in Israele dall'America. La mia età e la mia inesperienza non mi hanno impedito di aprire una delle prime scuole di immersione in Israele – il Mediterranean Diving Center sulla spiaggia di Sidna Ali a Herzliya – appena sei mesi dopo aver ottenuto la mia certificazione subacquea di base nella mia nativa California. 

Altri centri e scuole di immersione seguirono lungo la costa mediterranea di Israele a Giaffa e Cesarea.

L'alba
Il Mediterranean Diving Center è stato aperto a Herzliya nel 1970 

Nel periodo in cui stavo iniziando le operazioni, la guerra di logoramento e i combattimenti lungo il Canale di Suez e il Sinai tra Israele ed Egitto erano agli sgoccioli. Era in vigore un cessate il fuoco ma, senza un trattato di pace formale all’orizzonte, il governo israeliano ha deciso di stabilire diversi insediamenti civili lungo la costa del Mar Rosso a sud di Eilat. Questi erano a Nuweiba, Dahab e Sharm el Sheikh.

Funzionari del governo israeliano mi hanno contattato per propormi l'apertura di una filiale della nostra attività nel villaggio Neviot recentemente aperto presso l'oasi di Nuweiba. Io e i miei soci Natan Vardi e Yitzhak Kastenbaum eravamo ansiosi di avere una base nel Mar Rosso, quindi questa era un’offerta che non potevamo rifiutare.

Nel 1972 caricai l'attrezzatura dal nostro Mediterranean Diving Center e mi diressi a sud, verso il Mar Rosso, per aprire il diving club. Insediamento collettivo con destinazione agricola e villaggio turistico, Neviot era situato in un ambiente bello e tranquillo, perfetto per le nostre attività subacquee. 

Villaggio turistico Neviot
Villaggio Turistico Neviot nel 1972

Le condizioni nell'insediamento erano ancora molto basilari. Fondata da un gruppo di israeliani ventenni, la sistemazione era semplice ma pulita e confortevole. Il nostro centro immersioni era una piccola capanna ai margini di una bellissima spiaggia. 

Stavamo già addestrando centinaia di subacquei ogni anno in Israele, ma le incoerenti condizioni di immersione sulla costa mediterranea rappresentavano un serio ostacolo all'effettuazione delle immersioni profonde obbligatorie necessarie per la certificazione. 

La nuova base sul Mar Rosso sarebbe la soluzione per le fasi finali del corso e il luogo perfetto per integrare i centri Med. Avevamo anche in programma di promuovere il turismo subacqueo locale e internazionale nel Sinai, in quelli che erano ancora gli albori del turismo subacqueo in tutto il mondo.

Nel marzo del 1972 riuscimmo a riempire il villaggio turistico di sommozzatori e a festeggiare l'inizio della Pasqua proprio dove tutto ebbe inizio. Dopo la vacanza, abbiamo organizzato dei gruppi per fare delle immersioni in acque libere dalle spiagge incontaminate dell'oasi, dove il pericolo maggiore era essere investiti da un cammello vagante. 

Primo centro immersioni nel Mar Rosso
La base del Mediterranean Diving Center a Neviot

Le condizioni di immersione erano perfette per i nostri scopi, con barriere coralline poco profonde ideali per lo snorkeling e le immersioni a livello base, nonché per l'addestramento più avanzato. Con la sistemazione adiacente al club immersioni, era il pacchetto perfetto per le vacanze subacquee.  

Abbiamo imparato mentre lavoravamo – “in immersione”. Non c'erano libri o articoli su come gestire un club o una scuola di immersioni in un luogo così remoto, e si sapeva poco delle immersioni nella zona. Abbiamo esplorato chilometri di barriera corallina, cercando i siti migliori e familiarizzando con la vita marina. 

Nell'autunno del 1972 il primo gruppo di turisti subacquei stranieri arrivò per un safari via terra da Eilat a sud lungo la costa del Sinai fino a Sharm el Sheikh e sulla punta meridionale della costa del Sinai a Ras Mohammed - il "gioiello" nella corona” delle immersioni nel Mar Rosso.

L'alba
Il primo gruppo americano di subacquei, di Bay Travel

Dopo 10 giorni di immersioni, il capogruppo americano mi disse che secondo lui il sud del Sinai aveva le migliori immersioni del mondo e che sarebbe stato nel nostro interesse spostare le nostre attività nella zona di Sharm. 

Sapeva di cosa stava parlando ed era ansioso di portare più gruppi l'anno successivo. Seguii il suo consiglio e trasferii la mia attività a Sharm all'inizio del 1973.

1973: Il trasferimento a Sharm

L'alba
Na'ama Bay all'inizio degli anni '1970

Sharm el Sheikh era l'ultima tappa della nuova strada in direzione sud da Eilat. Al nostro arrivo c’erano pochissimi residenti, per lo più personale militare in servizio nelle basi locali. I beduini si erano trasferiti nella zona in cerca di lavoro, e c'erano anche diverse dozzine di israeliani che lavoravano per l'amministrazione civile. 

Nel mix c’era un piccolo gruppo di imprenditori ambiziosi come me, desiderosi di avviare attività nella zona. Il nuovo insediamento di Ofira stava appena iniziando a essere costruito. Sharm era destinata a diventare il centro turistico dell'intera costa del Mar Rosso del Sinai.

Quando siamo arrivati, l’alloggio era pessimo e un altro problema evidente era l’instabilità politica e militare della regione. Nessuno sapeva per quanto tempo Israele avrebbe continuato a controllare il Sinai, e questo è probabilmente il motivo principale della riluttanza degli investitori a costruire veri e propri alberghi o ad offrire altri servizi turistici. 

C'era il Moses Hotel, giustamente chiamato, nel “centro” di Ofira ma, dal suo aspetto, Moses stesso potrebbe aver soggiornato lì durante l'Esodo. Una valutazione a mezza stella sarebbe stata una gentilezza. 

Nella vicina Na’ama Bay c’era il Caravan Motel, composto da 30 piccoli rimorchi ancora sulle ruote. Questi servivano come stanze ma erano pronti per essere rimorchiati a Eilat quando l'area tornò sotto la sovranità egiziana. 

Il vicino Marina Sharm Motel aveva 30 bungalow geodetici in fibra di vetro. Niente avrebbe potuto essere meno adatto o più brutto per l'ambiente desertico. 

Ci è stato assegnato un terreno sulla spiaggia di Na’ama Bay, vicino alla Marina Sharm, per allestire il nostro club di immersioni. La nostra prima struttura era un vecchio vagone merci ferroviario in legno abbandonato senza troppe cerimonie sulla spiaggia. In quel primo anno di attività il nostro pavimento era di sabbia da spiaggia. 

Howard e il centro immersioni Train Car
Uscire per immergersi dal Train Car Diving Center

Dopo diverse settimane di lavoro, il centro immersioni "Train Car" era quasi pronto per l'attività, ma abbiamo avuto un grosso problema: non c'era elettricità. Che faccia tosta si è riacceso e abbiamo "preso in prestito" l'elettricità per il compressore facendo funzionare una linea elettrica ad alta tensione dai generatori del motel a 100 metri di distanza, sepolti a 20 cm sotto la sabbia. 

Abbiamo comprato un 4×4 in eccedenza dell'esercito, dipingendolo di arancione nel caso fosse rimasto bloccato su qualche pista nel deserto e avesse bisogno di essere facilmente individuato da una squadra di ricerca aerea. 

L'alba
4×4 in eccedenza dell'esercito con servizio di rimorchio locale

Abbiamo utilizzato uno skiff progettato per 8-10 subacquei con la loro attrezzatura. Affettuosamente chiamato il “Pantofola d'oro”, era fondamentalmente una tavola da surf gigante con un motore fuoribordo. Eravamo finalmente pronti per uscire e immergerci nelle bellissime barriere coralline fuori Na'ama Bay.

L'alba
Le prime barche per le immersioni potrebbero essere estremamente affollate

A questo punto, la Marina israeliana ci ha informato che l’attività subacquea doveva essere limitata alla stessa Na’ama Bay. Pensavo che fosse un ordine folle che avrebbe ucciso l'attività ancor prima che iniziasse, e ho deciso di ignorarlo. Ci saremmo avventurati fuori dalla baia e, se arrestati, avremmo dovuto solo dimostrare la nostra tesi.

La mattina dopo siamo andati in uno dei siti di immersione appena fuori dalla baia. Una motovedetta della Marina ci ha avvistato e ci ha ordinato di tornare nella baia. Ho risposto nel mio ebraico ancora elementare che se il governo israeliano volesse sviluppare il turismo subacqueo a Sharm, fallirebbe se ai sub non fosse permesso di esplorare le barriere coralline dell'intera area. 

Lo skipper ha insistito sul fatto che gli ordini erano ordini e ci ha detto di tornare. Gli ho detto che non l'avremmo fatto e che avrebbero dovuto arrestarci. Ha chiamato il suo comandante a Sharm e presumo che gli abbia saggiamente dato istruzioni di permetterci di continuare con le nostre immersioni per ora.

Quella sera sono stato convocato alla base navale, dove ho incontrato il comandante e lo staff senior, nonché i rappresentanti del governo civile del Sinai. Ho spiegato a questo illustre gruppo che avevo ospiti influenti che si immergevano con me, testando il potenziale del turismo subacqueo nella regione. 

Se questi “influencer” fossero soddisfatti della zona e della cooperazione dei servizi locali, migliaia di sub verrebbero a Sharm – che era esattamente ciò che il governo israeliano voleva, non è vero?

La questione è stata spostata a Gerusalemme e, dopo pochi giorni, la folle restrizione è stata revocata e siamo stati liberi di immergerci in qualsiasi sito lungo la costa del Sinai. È stata una grande vittoria per noi e per tutti coloro che ci avrebbero seguito.

1973: La guerra dello Yom Kippur

Dopo le vacanze del Capodanno ebraico e poco prima dello Yom Kippur, andai a nord per vedere mia moglie Sharon. La mattina dopo scoppiò la guerra dello Yom Kippur e non potei tornare a Sharm, che era già sotto attacco egiziano. 

Quando finalmente sono tornato, ero preoccupato per i miei vicini rimasti intrappolati a Sharm durante la guerra e, naturalmente, per come avrei trovato il mio centro immersioni e la mia attrezzatura. 

Sono stato sollevato nell’apprendere che non ci sono stati feriti o morti nella zona di Sharm. Juma, il mio fedele lavoratore beduino, aveva gestito la situazione in modo molto responsabile. 

La mattina in cui era iniziata la guerra, con i jet egiziani che mitragliavano la vicina base militare, aveva avuto il coraggio di correre intorno alla baia, raccogliere tutta l'attrezzatura noleggiata e gettarla nel centro immersioni prima di lanciarla sulle montagne, dove vivevano i suoi genitori. 

Ci siamo riuniti mesi dopo la guerra e ci è voluto quasi un anno perché gli affari tornassero alla normalità. La guerra dello Yom Kippur fu molto dolorosa, con grandi perdite di vite umane da entrambe le parti, e mancavano ancora sei anni a un trattato di pace tra Egitto e Israele. 

1974: la prima spedizione del National Geographic

L'alba
Anne Doubilet con tutta l'attrezzatura fotografica sua e di David

L'anno dopo la guerra guidammo e prestammo servizi ad una squadra dal prestigio National Geographic rivista. Erano venuti per scrivere un articolo sulla vita sottomarina del Mar Rosso, utilizzando come base il nostro centro immersioni di Sharm. 

Quando arrivarono all'inizio dell'autunno del 1974, devono essere rimasti scioccati nel vedere il nostro allestimento primitivo: il vecchio carro merci con il suo piccolo compressore, una piccola barca e un capriccioso 4×4 arancione in eccedenza dell'esercito.

Il team era guidato dalla dottoressa Eugenie Clark, conosciuta in tutto il mondo come la “Shark Lady”. La specialità di Genie era il comportamento degli squali e aveva scritto diversi libri, incluso il più venduto Signora e gli squali

L'alba
David Doubilet e la dottoressa Eugenie Clark

C'erano anche David e Anne Doubilet, fotografi subacquei al loro primo incarico per la rivista. Se erano preoccupati di posizionare tutta la loro costosa attrezzatura fotografica sulla nostra piccola barca, nascondevano le loro preoccupazioni e noi ci assicuravamo che tutto fosse assicurato in modo sicuro.

Genie, David e Anne erano venuti per studiare, immergersi e catturare immagini spettacolari del Mar Rosso. Anche la nostra operazione ha imparato molto da loro. La loro storia nel numero di settembre 1975 fu un enorme successo e produsse la prima immagine di copertina di David Doubilet per National Geographic, avviando una brillante carriera durata più di 50 anni. 

L'alba
Articolo di copertina del National Geographic del settembre 1975

È stato lui a darmi le mie prime lezioni di fotografia subacquea – e come consiglio una fotocamera Nikonos II. Lavorare con i Doubilets ha accresciuto il mio desiderio di fotografare sott'acqua e alla fine ha lanciato la mia carriera nella fotografia subacquea. Successivamente abbiamo lavorato insieme su altri sei articoli sul Mar Rosso e sull'Oceano Indiano. 

1975: Immersione in un pozzo

L'alba
Immersioni in quota – accanto al pozzo del monastero di Santa Caterina

Poco dopo la partenza del National Geographic team, le autorità locali mi hanno chiamato per dirmi che stavano cercando un sub volontario che li aiutasse a estrarre una pompa dell'acqua che si era rotta all'interno di un antico pozzo. 

Nel 1975 c'erano pochi subacquei professionisti disponibili, quindi mi sono offerto volontario per aiutare. Sono rimasto stupito nello scoprire che il pozzo si trovava fuori dal monastero di Santa Caterina, ai piedi del monte Sinai.

Ho raccolto la mia attrezzatura subacquea e stavo per partire quando ho detto a un ospite dalla Svizzera dove mi sarei immerso. Lui rispose: "Assicurati solo di immergerti secondo le tabelle di decompressione ad alta quota."

Non avevo mai sentito parlare di una cosa del genere e gli ho chiesto se per caso ne avesse una copia con sé. Lui sorrise. “Sono venuto per immergermi nel Mar Rosso, non in montagna”, ha risposto.

Questa avventura a 1,500 metri di altitudine è stata probabilmente la più pericolosa della mia carriera subacquea. Non si trattava di una semplice discesa nel pozzo, che era essenzialmente un buco stretto, profondo e buio nel terreno, e non avevo idea dei pericoli che comportava. 

Sono sopravvissuto a malapena a quell'immersione, dopo essere rimasto bloccato per alcuni minuti da batticuore, ma alla fine sono riuscito a liberare me stesso e la pompa e ad aiutarla a riportarla in superficie. 

Ero sollevato, ma anche consapevole che in quell’occasione avevo intrapreso un compito impegnativo per il quale non ero addestrato e impreparato.

1976: Migliorare la visione

L'alba
Il nuovo centro Red Sea Divers a Na’ama Bay

Volendo espandere le nostre attività, ho portato due nuovi partner: Yossi Kvashni, un esperto ex ufficiale della Navy SEAL e Michael Daniel, un uomo d'affari di Tel Aviv.

Abbiamo dato alla nostra azienda un nuovo nome, Red Sea Divers, e abbiamo intrapreso un serio programma di espansione, inclusa la costruzione di uno spazioso centro per immersioni e sport acquatici proprio accanto al vagone ferroviario.

Abbiamo acquistato 100 nuove bombole da immersione in alluminio, un nuovo enorme compressore e barche da immersione adatte alle nostre crescenti attività. Ho provato un grande senso di orgoglio e soddisfazione nel vedere il nuovo centro immersioni diventare realtà. 

L'alba
Espansione della flotta di Red Sea Divers

Amici speciali

Lavorare nel settore delle immersioni in una località così bella mi ha permesso di incontrare molte persone interessanti e di stringere amicizie durature. In cima alla lista c’erano Samuel W Lewis, ambasciatore americano in Israele dal 1977 al 1985, e maestro Leonard Bernstein. 

Sam è stato in Israele in tempi turbolenti ma storici, durante l'intero processo di pace. Un vero pacificatore, ha svolto un ruolo chiave nello stabilire la pace tra Israele ed Egitto. 

L'alba
Howard con l'ambasciatore statunitense Samuel W Lewis

Poco dopo che Sam aveva assunto il suo nuovo incarico in Israele, fui invitato a insegnargli a tuffarsi, nella piscina della residenza. Una volta certificato, è venuto a Sharm per immergersi con noi in ogni occasione. Ciò è continuato durante il suo periodo come ambasciatore e negli anni successivi. La nostra amicizia durerà 40 anni.

Verso la metà degli anni ’1970 gli affari erano in ripresa. Dopo un giorno di immersioni sono tornato al centro immersioni e ho controllato i moduli di noleggio giornaliero che il mio dipendente beduino Mahmoud aveva organizzato.

Sulla forma più in alto c'era un nome familiare. Un certo Leonard Bernstein di New York aveva noleggiato una maschera, un boccaglio e un paio di pinne. Potrebbe essere lo stesso famoso compositore e direttore d'orchestra che guardavo in TV ogni settimana quando ero piccolo a Los Angeles, mentre teneva i suoi famosi concerti per bambini? L'uomo dietro West Side Story ed Sulla città?

Sono andato alla reception dell’hotel accanto e la descrizione dell’ospite fatta dall’addetto alla reception corrispondeva sicuramente alle immagini che avevo in mente. Ho colto l'occasione e ho messo un biglietto nella sua cassetta delle chiavi, invitandolo a immergersi come mio ospite il giorno successivo. 

Si presentò la mattina dopo, desideroso di immergersi e con una certa esperienza, avendo precedentemente fatto immersioni nei Caraibi. È salito a bordo della nostra barca per le immersioni e ha vissuto quello che ha descritto come "il momento della sua vita". Accessibile e amichevole, gli piaceva stare nell'acqua blu cobalto, fare snorkeling e immersioni o semplicemente uscire con il nostro equipaggio e gli ospiti. 

Dopodiché, ogni volta che visitava Israele per un concerto o un altro evento, si prendeva sempre qualche giorno libero per uscire con noi al Red Sea Divers. È stata una fuga dalla folla, dal suo stile di vita e dai suoi programmi frenetici. Per pochi giorni sarebbe diventato Lenny, uno del gruppo ed era così divertente averlo intorno. 

L'alba
Leonard Bernstein amava immergersi a Sharm

Nel 1981 Israele si stava preparando a lasciare il Sinai e restituirlo all'Egitto come parte degli accordi di Camp David elaborati tra il presidente Carter, il presidente Sadat e il primo ministro Menachem Begin. Per caso, Lenny era di nuovo con noi a Sharm dopo un concerto a Tel Aviv, e abbiamo avuto anche un National Geographic squadra che resta.

Inaspettatamente le autorità ci hanno avvisato che tutti gli ospiti dovevano evacuare la zona, perché Sadat e Begin avevano deciso di tenere un incontro al vertice a Sharm. Quella fu una brutta notizia per noi, per ovvie ragioni, così mi appellai al consigliere militare di Begin e, con mia sorpresa, ottenni un permesso speciale affinché sia ​​Lenny che il team della rivista rimanessero. Il nome del primo ha sempre avuto molto peso in Israele! 

Durante la settimana di preparazione al summit, il nostro centro immersioni è diventato il fulcro per le centinaia di media americani ed europei che si sono occupati dell'evento. Questo accadeva quando Sharm era ancora una cittadina sonnolenta con 2.5 motel, tre ristoranti, tre centri immersioni e poco altro. 

Begin e Sadat al vertice
Il Primo Ministro israeliano Begin e il Presidente egiziano Sadat durante il loro importante incontro a Sharm

Non succedeva niente a meno che tu non fossi davvero interessato alle immersioni subacquee, e sentire che un americano (io) stava conducendo operazioni di immersione ha attirato ABC, NBC e CBS a venire per ottenere un po' di colore locale. Quando hanno visto Lenny pranzare nel nostro ristorantino, sono impazziti. Era una storia molto migliore di me! 

Mi hanno chiesto idee per storie che avrebbero potuto portare avanti mentre aspettavano che Begin e Sadat si presentassero. Ansioso di attirare la loro attenzione, e forse di ottenere un po' di pubblicità e di guadagni per la nostra attività in difficoltà, ho raccontato loro di notizie secondo cui appena a sud di Sharm, in un luogo chiamato Ras Mohammed, pescatori israeliani ed egiziani gettavano l'ancora di notte per pescare fianco a fianco per la prima volta in assoluto. 

Ciò è stato quasi rivoluzionario per chiunque fosse a conoscenza dell’antagonismo storico, se non addirittura dell’odio e della violenza, tra israeliani ed egiziani prima di questo processo di pace. 

Il conduttore della ABC noleggiò la nostra migliore barca per le immersioni per andare a filmare quella sera, e Lenny insistette immediatamente perché venisse anche lui. Alla troupe della ABC l'idea piacque e l'accordo fu concluso. 

Sapendo dei nostri piani, David e Anne Doubilet hanno chiesto se potevano venire anche loro – per avere ABC News e National Geographic sulla nostra barca è stato per noi il massimo "sogno bagnato".

Il mio unico problema era capire come intrufolarmi in una zona interdetta alle imbarcazioni turistiche come la nostra. I pescatori israeliani avevano permessi speciali a nostra disposizione. Ho deciso di evitare la marina dirigendomi a nord verso l'isola di Tiran, prima di girare a sud-est e poi a ovest per raggiungere il punto di pesca a ovest di Ras Mohammed. 

Le cose erano un po’ tese sulla barca, perché non potevamo accendere le luci di navigazione ed era una notte buia e senza luna.

Fortunatamente, il nostro radar ha rilevato dei punti appena al largo della costa che mostravano che i pescherecci erano sul posto. Le troupe televisive hanno preparato l'attrezzatura: non avevamo idea di cosa stesse per accadere. 

Abbiamo guidato la barca per le immersioni proprio nel gruppo più grande di barche da pesca, muovendoci nell'oscurità più totale. Lenny ne amava ogni minuto. A circa 50 metri dalle barche ho permesso alla troupe cinematografica di accendere le loro potentissime luci.

In combinazione con i riflettori della nostra barca abbiamo illuminato l’intero mare, esponendo decine di piccole barche da pesca e alcune barche egiziane più grandi giù da Suez. Questa era la prima volta dalla Guerra dei Sei Giorni nel 1967 che potevano accedere a queste acque abbondanti. 

Abbiamo spaventato i pescatori. Sicuramente pensavano che fossimo la marina israeliana arrivata con un raid. Con le telecamere accese, ci siamo fermati a poppa del più grande peschereccio egiziano. La musica araba risuonava da una cassetta portatile e interiora di pesce ed esche erano sparse ovunque, mentre grandi uomini vestiti con jellabiya hanno svolto il loro lavoro altamente profumato. 

Avevo detto a tutti di non pensare di salire a bordo della barca finché uno dei membri di lingua araba del nostro equipaggio non avesse chiesto il permesso, quindi potete immaginare quanto fossi sorpreso - e preoccupato - quando Lenny improvvisamente saltò da prua sul ponte posteriore scivoloso. mescolarsi ai pescatori egiziani. 

Ho saltato velocemente oltre la ringhiera per raggiungerlo ma, prima che potessi raggiungerlo, era impegnato in una Debka balla con il pescatore più grande e più scuro lì. 

La scena era più che surreale. Il pescatore era quasi il doppio di Lenny e loro due erano come dervisci rotanti che si muovevano al ritmo di melodie arabe. 

Dopo cinque minuti il ​​pescatore, che ovviamente non aveva idea che il suo compagno di ballo fosse uno dei musicisti e artisti più famosi al mondo, lo prese in braccio e gli diede un bacio sulla guancia! 

A questo punto la nostra barca era ormeggiata al peschereccio e le troupe televisive e delle riviste stavano filmando e scattando foto. 

Questa scena bizzarra nella remota Ras Mohammed rimarrà con me e tutti coloro che ne sono stati testimoni per sempre. Lenny si è divertito moltissimo e ricordo ancora il suo volto raggiante durante il lungo e buio viaggio di ritorno al porto! 

1979: Jolanda

L'alba
Segnale di confine temporaneo in cima alla scogliera di Ras Mohammed

Nell’ambito del graduale ritiro di Israele, nel 1979 il Sinai fu diviso quasi a metà da nord a sud. A nord c'era l'oasi di El Arish sulla costa mediterranea. A sud il confine temporaneo terminava a Ras Mohammed, la punta più meridionale del Sinai.   

Il Ras, come lo chiamavamo noi, era uno dei siti di immersione più famosi e migliori del Mar Rosso. Quella linea di confine temporanea lasciava le migliori immersioni lì fuori portata, e gli egiziani ci proibivano di immergerci lì.

Questo divieto di fare immersioni a Ras Mohammed è stato un duro colpo. Ho condiviso il problema con Sam e, con il suo intervento attivo, il problema è stato risolto. Ras Mohammed era ancora una volta a disposizione dei nostri ospiti. 

Le avventure in quel periodo non mancavano. Non appena Ras Mohammed fu riaperta per le immersioni, una nave mercantile chiamò Jolanda si è arenata lì a Shark Reef. Quando iniziò ad affondare causò ingenti danni al sito di immersione. 

Gli albori del turismo subacqueo nel Mar Rosso
La Jolanda colpita e la nave di salvataggio Montaigne a Shark Reef
L'alba
Catena dell'ancora della Jolanda adagiata sulla scogliera

A peggiorare le cose, una nave di salvataggio svedese, la Montaigne, ancorato sulla vicina barriera corallina per avviare un'operazione di salvataggio, causando ulteriori gravi danni al fragile ecosistema corallino. Fu un grave disastro ecologico. 

Sono andato sul posto, ho fotografato i danni causati da entrambe le navi e sono tornato al centro immersioni per fare rapporto alle autorità israeliane. Siamo riusciti a mobilitare un sostegno sufficiente, anche da parte dell’ambasciata americana al Cairo, per chiudere l’operazione di salvataggio. Quindi non solo abbiamo fatto sforzi per mantenere Ras Mohammed accessibile ai subacquei, ma siamo stati in grado di minimizzare i danni e preservarlo come sito di immersione.

1979: Dunraven

Il Dunraven è stata una delle nostre avventure più colorate e famose: la scoperta di una misteriosa nave affondata nel momento in cui si mescolavano tensioni e speranze che portavano all'accordo di pace.

Nei nostri sei anni di turismo subacqueo nel Mar Rosso non siamo stati in grado di offrire agli ospiti un'esperienza di immersione sui relitti. La popolarità dell'idea di immergersi nelle navi affondate derivava in parte dal popolare film d'avventura del 1977 The Deep con Nick Nolte, Jacqueline Bisset e Robert Shaw. 

Il film aveva già contribuito a un aumento del turismo subacqueo nei Caraibi, un fatto che non ci è sfuggito. Quindi il nostro equipaggio di Red Sea Divers, insieme al talentuoso collega e artista grafico Shlomo Cohen, ha inventato una vera "fantasia di naufragio". 

Avevamo inventato la storia di un tesoro misterioso: una nave che trasportava lingotti d'oro per pagare i combattenti beduini che si erano uniti a Lawrence d'Arabia nelle battaglie tra inglesi e turchi ottomani. L’unico problema era che nella nostra parte del Mar Rosso non eravamo riusciti a localizzare una sola nave sommersa. Avevamo bisogno di un naufragio, e veloce.

L'alba
Un incontro casuale con i pescatori beduini ha fornito l’indicazione fondamentale

I pescatori beduini menzionarono durante un incontro casuale in mare che nel Golfo di Suez, a circa un'ora di crociera da Ras Mohammed, c'era quella che pensavano fosse una nave affondata. Uno ci ha detto che si trattava di un sito al largo della costa del Sinai con molti pesci, e che con il sole di mezzogiorno in alto in un mare calmo era possibile distinguere una vasta e insolita area scura alla base della barriera corallina.

Abbiamo chiesto una posizione esatta ma il massimo che abbiamo ottenuto è stato: “Dopo aver svoltato l’angolo a Ras Mohammed dirigetevi verso ovest nel Golfo di Suez, fumate due sigarette e, in lontananza, vedrete le onde che si infrangono su un reef (Sha’ab Mahmoud). Vai all'estremità sud-occidentale. Al largo della barriera corallina, e sotto di te, si ritiene che il sito sia una nave affondata. " 

Eravamo scettici, ma cosa avevamo da perdere, oltre al tempo e al carburante? Nel peggiore dei casi sarebbe un’interessante giornata di esplorazione di una nuova area di barriera corallina.

Il giorno dopo siamo partiti, abbiamo girato l'angolo a Ras Mohammed e ho chiesto a uno del personale due sigarette. Sorprendentemente, dopo aver fumato la seconda ho scrutato l'orizzonte e ho notato le onde che si infrangevano su una barriera corallina molto al largo della riva. 

L'alba
Individuazione del sito di Dunraven

Ho organizzato velocemente un’immersione a Sha’ab Mahmoud e, appena toccato l’acqua, ho visto una grande nave capovolta adagiata sul fondo, ricoperta di banchi di pesci grandi e piccoli. Eureka! Avevamo la nostra nave affondata.

Un anno dopo questa prima immersione, una troupe della BBC venne a girare il documentario Mistero del relitto del Mar Rosso, sulla nave e la sua storia.

L'alba
Riprese del documentario della BBC “Mystery of the Red Sea Wreck”, illustrato da Shlomo Cohen

1979: Prima visita in Egitto

Il trattato di pace tra Egitto e Israele fu firmato nel 1979. Era la prima volta che uno stato arabo firmava un accordo del genere con Israele, che prevedeva un ritiro graduale di Israele dal Sinai, quindi avevamo solo tre anni, fino all’aprile 1982, per operare. il nostro centro immersioni a Sharm. Cosa accadrebbe dopo?

Uno dei nostri clienti, un uomo d'affari sudafricano, aveva contatti nel settore del turismo egiziano e ci ha suggerito di volare insieme per incontrarli al Cairo e discutere le opzioni per una futura cooperazione.

Allora non c’erano voli diretti da Israele all’Egitto e ai cittadini israeliani non era nemmeno permesso entrare nel paese. Usando il mio passaporto americano, ho volato da Tel Aviv ad Atene prima di raggiungere il Cairo per incontrare il mio amico. Aveva programmato due giorni di incontri con potenziali partner e funzionari governativi, compresi i ministri. 

È stato emozionante e bizzarro essere al Cairo, dopo anni di spargimento di sangue, tra i primi israeliani a godere, come speravo, dei frutti del processo di pace. I nostri incontri sono andati bene e ho riscontrato molto interesse per il Sinai tra gli egiziani che ho incontrato, soprattutto per quanto riguarda il potenziale del turismo internazionale. 

Subito dopo quella visita privata fui invitato a far parte di una delegazione ufficiale al Cairo, per accompagnare il ministro del turismo israeliano nei negoziati bilaterali con la sua controparte egiziana in qualità di esperto di turismo subacqueo. 

Ho proposto di preparare una presentazione con diapositive e, con mio grande piacere, entrambi i ministri hanno accettato. Volevo sottolineare due punti: in primo luogo, che il turismo subacqueo potrebbe essere la spina dorsale di un’industria redditizia nel Sinai sotto il dominio egiziano e, in secondo luogo, che l’ecosistema del Sinai sopra e sotto l’acqua deve essere ben protetto e preservato. 

Vorrei sottolineare che il governo israeliano ha applicato severe leggi ambientali contro i danni alle barriere coralline, compresa la pesca nelle aree destinate al turismo, un divieto totale di raccogliere conchiglie o coralli e un divieto di scaricare sostanze inquinanti nel Mar Rosso o nelle aree costiere.

Stavo cercando una frase di apertura per attirare l'attenzione dei partecipanti non subacquei, e mi è venuta in mente questa: "I turisti pagheranno un sacco di soldi per immergersi con gli squali…"

Nella mia presentazione ho trattato la bellissima regione montuosa del Sinai, il monastero di Santa Caterina, le coste del Mar Rosso, le barriere coralline, il mondo delle immersioni e il motivo per cui il Mar Rosso era considerato una delle principali destinazioni subacquee del mondo. A giudicare dagli applausi e da tutte le domande, è stato un successo.

L'alba
I ministri del turismo israeliano ed egiziano si incontrano al Cairo

I funzionari del Ministero del Turismo egiziano hanno chiesto di incontrarmi la mattina successiva al mio hotel per discutere la possibilità che io continuassi a gestire il centro immersioni dopo il ritiro israeliano. Sono stato l'unico operatore israeliano a ricevere un'offerta del genere ed è stato un vero onore.  

Credo che essere un cittadino americano sia stato un fattore. Ad oggi ho il contratto e ho considerato la proposta, ma alla fine ho deciso che Israele era la mia casa e dove io e Sharon volevamo crescere i nostri figli. Ho rispettosamente rifiutato.

1981: prime immersioni ad Abu Nuhas

Il periodo precedente all'evacuazione è stato un momento difficile per tutti i residenti israeliani del Sinai. Avevo ancora il desiderio di continuare le attività subacquee nel Mar Rosso, sperando che l'accordo di pace ci permettesse di visitare e immergerci lungo le sue coste su entrambi i lati del Golfo di Suez e a sud fino al confine sudanese.

C'erano centinaia di chilometri di barriera corallina incontaminata ancora da immergere ed esplorare, e volevo avere un vantaggio.

Verso la fine del 1981 si presentò un'opportunità. Lo skipper di una delle nostre barche per immersioni noleggiate battente bandiera americana ci ha suggerito di "sgattaiolare" fuori Sharm verso la sponda egiziana. Avevamo entrambi un passaporto statunitense, quindi abbiamo pensato che una volta fuori dalla giurisdizione della Marina israeliana avremmo potuto immergerci ed esplorare la costa egiziana come turisti americani su uno yacht battente bandiera americana.

Una sera ci siamo diretti a sud in acque internazionali prima di cambiare rotta a ovest verso l'isola di Shadwan. Con grande entusiasmo pensavamo di esplorare i reef dell'isola disabitata ma, avvicinandoci al suo lato orientale, era chiaro che le condizioni del mare non erano buone per le immersioni. 

Appena raggiunto il lato nord-orientale, però, abbiamo trovato riparo vicino a due navi incagliate ad Abu Nuhas, una barriera corallina appena ad est dell'isola. 

L'alba
Faro di Shadwan
L'alba
Cimitero delle navi ad Abu Nuhas

La barriera corallina di Abu Nuhas è un cimitero di navi affondate – almeno quattro che potremmo determinare. Abbiamo effettuato diverse immersioni sul Carnatic finché le condizioni del mare non peggiorarono e dovemmo correre ai ripari.

Trovammo un ancoraggio sicuro proprio dove, diversi anni prima, gli egiziani avevano gestito una delle stazioni radar più sofisticate della Russia. Durante la Guerra di logoramento, un raid di un commando israeliano lo aveva smantellato e trasferito in Israele. 

1982: È ora di partire

L'alba
Howard con ufficiali della marina egiziana e israeliana che esaminano le mappe dei siti di immersione

La data del ritiro di Israele dal Sinai nell’aprile 1982 si stava avvicinando. Gli egiziani hanno creato una società governativa per acquistare tutte le infrastrutture turistiche di Israele, compreso il nostro centro Red Sea Divers. Da parte israeliana, un comitato militare ha negoziato la vendita delle proprietà.

Gli egiziani non hanno contrattato molto: sembrava che volessero semplicemente che ce ne andassimo il prima possibile, senza lunghe trattative sui prezzi.

Lasciammo il Sinai nell'aprile del 1982 a testa alta. Ho sostenuto il processo di pace, ho fatto tutto il possibile per renderlo un successo e l’accordo dura da più di 40 anni. Ha influenzato gravemente la mia vita personale e professionale, ma la nostra famiglia ha lasciato il Sinai con un senso di realizzazione e orgoglio.

Una manciata di laboriosi imprenditori israeliani, sostenuti dal governo israeliano, erano riusciti a convertire un eterno campo di battaglia dove il conflitto aveva prevalso da tempo immemorabile in una destinazione turistica internazionale rispettata e ricercata a livello internazionale.  

Erano arrivati ​​gruppi e viaggiatori individuali da tutto il mondo. Sono stati pubblicati articoli su riviste importanti e sono stati prodotti magnifici film sulle immersioni nel Mar Rosso: tutti questi sono stati un grande motivo di orgoglio che porto avanti fino ad oggi. Siamo stati davvero parte integrante del processo storico.

L'alba
Howard, il sub egiziano Ayman Taher e la dottoressa Eugenie Clark – un appello documentario congiunto israeliano, egiziano e americano per mantenere protette le barriere coralline del Sinai (Amos Nachoum)
Abbassare la bandiera
L'11 aprile 1982 l'XNUMX aprile XNUMX viene ammainata la bandiera israeliana per l'ultima volta a Ophira, a Sharm

Cosa non meno importante, abbiamo collaborato alla produzione di leggi che rafforzassero la protezione della bellezza unica sopra e sotto l'acqua di questo luogo straordinario. 

Un anno dopo il ritiro, sono tornato nel settore dei viaggi subacquei nel Mar Rosso con Fantasea Cruises, una compagnia che ho fondato dopo aver lasciato Sharm, con i nostri due yacht per immersioni subacquee. Fantasea 1 ed Fantasea 2. Abbiamo finalmente cessato tutte le operazioni di immersione nel Mar Rosso nel 1997, 25 anni dopo che tutto aveva avuto inizio! 

L'alba
Fantasea 1
L'alba
Fantasea 2

I miei ringraziamenti speciali vanno al pionieristico equipaggio subacqueo del Mar Rosso che mi ha aiutato a realizzare il mio sogno, e a mia moglie Sharon, che ha contribuito a rendere questo Fantasea una realtà.  

L'alba

Dopo aver chiuso Fantasea Cruises nel 1997, Howard Rosenstein e suo figlio Nadav fondarono Linea Fantasea, sviluppando, producendo e distribuendo attrezzatura fotografica subacquea. L'azienda è specializzata in custodie e ottiche per fotocamere compatte e mirrorless. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in ebraico sulla rivista israeliana iDive

Presentazione del *NUOVO* computer subacqueo Shearwater Peregrine TX Air Integrated Recensione Unboxing #scuba #shearwater #scuba #scubadiving #scubadiver LINKS Scuba.com: https://www.scubadivermag.com/affiliate/dive-computers https://shearwater. com Diventa fan: https://www.scubadivermag.com/join Acquisti attrezzatura: https://www.scubadivermag.com/affiliate/dive-gear ---------------- -------------------------------------------------- ----------------- I NOSTRI SITI Sito web: https://www.scubadivermag.com ➡️ Immersioni subacquee, fotografia subacquea, suggerimenti e consigli, recensioni di attrezzatura subacquea Sito web: https:// www.divernet.com ➡️ Sito web di notizie subacquee, fotografia subacquea, suggerimenti e consigli, resoconti di viaggio: https://www.godivingshow.com ➡️ Sito web dell'unico spettacolo subacqueo nel Regno Unito: https://www.rorkmedia.com ➡️ Per la pubblicità all'interno dei nostri marchi --------------------------------------------- -------------------------------------- SEGUICI SUI SOCIAL FACEBOOK: https://www .facebook.com/scubadivermag TWITTER: https://twitter.com/scubadivermag INSTAGRAM: https://www.instagram.com/scubadivermagazine Collaboriamo con https://www.scuba.com e https://www.mikesdivestore .com per tutti gli elementi essenziali della tua attrezzatura. Considera l'utilizzo del link di affiliazione sopra per supportare il canale. 00:00 Introduzione 04:37 Unboxing di Peregrine TX 07:25 Prova pratica di Peregrine TX 19:53 Recensione di Peregrine TX 23:57 Ora dell'annuncio 24:59 Ci vediamo!

Ti presentiamo il *NUOVO* computer subacqueo Shearwater Peregrine TX con aria integrata. #scuba #shearwater

#scuba #scubadiving #scubadiver
COLLEGAMENTI
Scuba.com:
https://www.scubadivermag.com/affiliate/dive-computers

https://shearwater.com

Diventa fan: https://www.scubadivermag.com/join
Acquisti di attrezzatura: https://www.scubadivermag.com/affiliate/dive-gear
-------------------------------------------------- ---------------------------------
I NOSTRI SITI

Sito web: https://www.scubadivermag.com ➡️ Immersioni subacquee, Fotografia subacquea, Suggerimenti e consigli, Recensioni attrezzatura subacquea
Sito web: https://www.divernet.com ➡️ Notizie subacquee, fotografia subacquea, suggerimenti e consigli, resoconti di viaggio
Sito web: https://www.godivingshow.com ➡️ L'unico spettacolo di immersioni nel Regno Unito
Sito web: https://www.rorkmedia.com ➡️ Per la pubblicità all'interno dei nostri marchi
-------------------------------------------------- ---------------------------------
SEGUICI SUI SOCIAL MEDIA

FACEBOOK: https://www.facebook.com/scubadivermag
TWITTER: https://twitter.com/scubadivermag
INSTAGRAM: https://www.instagram.com/scubadivermagazine

Collaboriamo con https://www.scuba.com e https://www.mikesdivestore.com per tutti gli elementi essenziali della tua attrezzatura. Considera l'utilizzo del link di affiliazione sopra per supportare il canale.
00: Introduzione a 00
04:37 Unboxing di Peregrine TX
07:25 Peregrine TX, pratico
19:53 Recensione di Peregrine TX
23:57 Ora dell'annuncio
24:59 Ci vediamo!

YouTube Video UEw2X2VCMS1KYWdWbXFQSGV1YW84WVRHb2pFNkl3WlRSZS5BNTZDRUVBRkUwRDU3N0FF

Recensione unboxing del computer subacqueo Shearwater Peregrine TX #scuba #shearwater

Link affiliato Scuba.com: https://imp.i302817.net/AWm4d7 #scuba #scubadiving #scubadiver Diventa fan: https://www.scubadivermag.com/join Acquisti attrezzatura: https://www.scubadivermag.com /affiliato/attrezzatura subacquea -------------------------------------------- --------------------------------------- I NOSTRI SITI Sito web: https://www.scubadivermag .com ➡️ Sito web di immersioni subacquee, fotografia subacquea, suggerimenti e consigli, recensioni di attrezzatura subacquea: https://www.divernet.com ➡️ Sito web di notizie subacquee, fotografia subacquea, suggerimenti e consigli, resoconti di viaggio: https://www.godivingshow. com ➡️ L'unico Dive Show nel Regno Unito Sito web: https://www.rorkmedia.com ➡️ Per la pubblicità all'interno dei nostri marchi ----------------------- -------------------------------------------------- ---------- SEGUICI SUI SOCIAL MEDIA FACEBOOK: https://www.facebook.com/scubadivermag TWITTER: https://twitter.com/scubadivermag INSTAGRAM: https://www.instagram.com /scubadivermagazine Collaboriamo con https://www.scuba.com e https://www.mikesdivestore.com per tutti gli elementi essenziali della tua attrezzatura. Considera l'utilizzo del link di affiliazione sopra per supportare il canale. 00:00 Introduzione 00:52 Ora dell'annuncio 01:51 Metodi di segnalazione 04:07 Segnali manuali di base 09:56 Segnali manuali per il numero di immersione 11:09 Segnali manuali per le cose 14:14 Segnali manuali delle vie aeree 16:16 Segnali manuali di superficie

Link di affiliazione di Scuba.com:
https://imp.i302817.net/AWm4d7

#scuba #scubadiving #scubadiver

Diventa fan: https://www.scubadivermag.com/join
Acquisti di attrezzatura: https://www.scubadivermag.com/affiliate/dive-gear
-------------------------------------------------- ---------------------------------
I NOSTRI SITI

Sito web: https://www.scubadivermag.com ➡️ Immersioni subacquee, Fotografia subacquea, Suggerimenti e consigli, Recensioni attrezzatura subacquea
Sito web: https://www.divernet.com ➡️ Notizie subacquee, fotografia subacquea, suggerimenti e consigli, resoconti di viaggio
Sito web: https://www.godivingshow.com ➡️ L'unico spettacolo di immersioni nel Regno Unito
Sito web: https://www.rorkmedia.com ➡️ Per la pubblicità all'interno dei nostri marchi
-------------------------------------------------- ---------------------------------
SEGUICI SUI SOCIAL MEDIA

FACEBOOK: https://www.facebook.com/scubadivermag
TWITTER: https://twitter.com/scubadivermag
INSTAGRAM: https://www.instagram.com/scubadivermagazine

Collaboriamo con https://www.scuba.com e https://www.mikesdivestore.com per tutti gli elementi essenziali della tua attrezzatura. Considera l'utilizzo del link di affiliazione sopra per supportare il canale.
00: Introduzione a 00
00:52 Ora dell'annuncio
01:51 Metodi di segnale
04:07 Segnali manuali di base
09:56 Segnali manuali del numero di immersione
11:09 Segnali manuali per le cose
14:14 Segnali delle vie aeree
16:16 Segnali manuali in superficie

YouTube Video UEw2X2VCMS1KYWdWbXFQSGV1YW84WVRHb2pFNkl3WlRSZS42MzE1QTJBMEI3NjI4Rjk5

Segnali manuali essenziali per le immersioni #scuba #signal

@dekkerlundquist5938 #ASKMARK Ciao Mark, recentemente durante un'immersione ho parlato con un subacqueo esperto che si stava immergendo con dei gemelli ma non aveva alcun collettore, cioè ogni bombola aveva un primo stadio con un primario e un SPG. Una bombola aveva il gonfiatore a bassa pressione per il suo GAV. Quali sono i pro e i contro di una configurazione molteplice rispetto a gemelli indipendenti? #scuba #scubadiving #scubadiver LINK Diventa fan: https://www.scubadivermag.com/join Acquisti attrezzatura: https://www.scubadivermag.com/affiliate/dive-gear ---------- -------------------------------------------------- ----------------------- I NOSTRI SITI Sito web: https://www.scubadivermag.com ➡️ Immersioni subacquee, Fotografia subacquea, Suggerimenti e consigli, Recensioni di attrezzatura subacquea Sito web: https://www.divernet.com ➡️ Notizie subacquee, fotografia subacquea, suggerimenti e consigli, resoconti di viaggio Sito web: https://www.godivingshow.com ➡️ L'unico spettacolo subacqueo nel Regno Unito Sito web: https:// www.rorkmedia.com ➡️ Per la pubblicità all'interno dei nostri marchi --------------------------------------- -------------------------------------------- SEGUICI SUI SOCIAL FACEBOOK : https://www.facebook.com/scubadivermag TWITTER: https://twitter.com/scubadivermag INSTAGRAM: https://www.instagram.com/scubadivermagazine Collaboriamo con https://www.scuba.com e https ://www.mikesdivestore.com per tutti gli elementi essenziali della tua attrezzatura. Considera l'utilizzo del link di affiliazione sopra per supportare il canale. 00:00 Introduzione 00:40 Qual è lo scopo dei gemelli indipendenti? 01:06 Risposta

@dekkerlundquist5938
#ASKMARK Ciao Mark, recentemente durante un'immersione ho parlato con un subacqueo esperto che si stava immergendo con dei gemelli ma non aveva alcun collettore, cioè ogni bombola aveva un primo stadio con un primario e un SPG. Una bombola aveva il gonfiatore a bassa pressione per il suo GAV. Quali sono i pro e i contro di una configurazione molteplice rispetto a gemelli indipendenti?

#scuba #scubadiving #scubadiver
COLLEGAMENTI

Diventa fan: https://www.scubadivermag.com/join
Acquisti di attrezzatura: https://www.scubadivermag.com/affiliate/dive-gear
-------------------------------------------------- ---------------------------------
I NOSTRI SITI

Sito web: https://www.scubadivermag.com ➡️ Immersioni subacquee, Fotografia subacquea, Suggerimenti e consigli, Recensioni attrezzatura subacquea
Sito web: https://www.divernet.com ➡️ Notizie subacquee, fotografia subacquea, suggerimenti e consigli, resoconti di viaggio
Sito web: https://www.godivingshow.com ➡️ L'unico spettacolo di immersioni nel Regno Unito
Sito web: https://www.rorkmedia.com ➡️ Per la pubblicità all'interno dei nostri marchi
-------------------------------------------------- ---------------------------------
SEGUICI SUI SOCIAL MEDIA

FACEBOOK: https://www.facebook.com/scubadivermag
TWITTER: https://twitter.com/scubadivermag
INSTAGRAM: https://www.instagram.com/scubadivermagazine

Collaboriamo con https://www.scuba.com e https://www.mikesdivestore.com per tutti gli elementi essenziali della tua attrezzatura. Considera l'utilizzo del link di affiliazione sopra per supportare il canale.
00: Introduzione a 00
00:40 Che senso hanno i gemelli indipendenti?
01:06 Risposta

YouTube Video UEw2X2VCMS1KYWdWbXFQSGV1YW84WVRHb2pFNkl3WlRSZS44QjI0MDE3MzFCMUVBQTkx

Qual è lo scopo dei gemelli indipendenti? #chiedimarco

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
David Wright
David Wright
1 anno fa

Bravo, Howard. Bella storia. Tutto vero. Sei stata tu la persona per cui sono andato sul Mar Rosso nel 1985 per trovare lavoro con te! Mi ha cambiato la vita e sono rimasto per vent'anni con Colona Dive Club e Dive & Sail. Grazie.

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x