Volare alto sott'acqua: Rob Franklin

Cormorano di Rob Franklin
Rob Franklin in azione con un finto cormorano in Messico - vedi sotto (Kat Brown)

direttore di fotografia Rob Franklin è da tempo la prima chiamata quando si prospettano grandi progetti di riprese subacquee. PENELOPE GRANYCOME gli parla dei campi di addestramento della BBC, Blue Planet sfide, una fantasia alimentata dal whisky in Messico e il modo migliore per rendere verdi le piscine.

Confrontare le note sulle esperienze quasi di sonnolenza sott'acqua non era il modo in cui mi aspettavo di iniziare la mia chiacchierata con Rob Franklin, un esperto regista di fotografia (DoP) e subacqueo commerciale con tre decenni di esperienza subacquea e di riprese in alcune delle location più impegnative del mondo al suo attivo. 

Leggi anche: Fotografo subacqueo che non si bagna

Ma è di questo che parliamo: io racconto le calde acque indonesiane in cui sono quasi andato alla deriva a 3 metri (do la colpa del jet lag) mentre lo stato quasi soporifero di Rob si era verificato mentre era incollato al tetto di una grotta, da solo, in attesa di colleghi nella pacifica oscurità.

Vincitore di un BAFTA e lodato dalla Royal Television Society, con importanti crediti televisivi che abbracciano una serie di produzioni di documentari e fiction, Rob emana quel tipo di senso di calma richiesto sia dall'industria cinematografica che da quella subacquea. 

Il suo percorso verso la cinematografia subacquea non è stato lineare ma si è evoluto da un amore infantile per la speleologia. All'età di otto o nove anni, ha visto un documentario televisivo sulla speleologia e ha pensato "sembra davvero emozionante". Successivamente si unì ad un club locale di speleologia e arrampicata e il viaggio ebbe inizio.

Qualche anno dopo, ad una conferenza della British Caving Association, Rob incontrò il direttore della fotografia Sid Perou, considerato uno dei più grandi registi di caverne di tutti i tempi. Cogliendo l'occasione, chiese a Sid un lavoro. 

"Ciao, mi piacerebbe lavorare con te" ha portato a un paio di giorni non retribuiti in Galles lavorando per la BBC, e all'ultimo programma di assistente cameraman tirocinante mai gestito dalla società. "È stata una porta d'accesso al resto della mia carriera e alla mia vita", afferma Rob.

Sprint dell'ultimo minuto

Imparare il mestiere della macchina fotografica e dell'illuminazione con la BBC ha fatto sì che le montagne e le grotte sembrassero "molto, molto lontane". Un amico di famiglia il cui figlio era un subacqueo della Royal Navy suscitò l'interesse di Rob per il mondo sottomarino, ma non lo mise in pratica finché la BBC non iniziò a cercare di mettere insieme un'unità di film subacquei. 

"Sono andato avanti e ho imparato a immergermi", spiega Rob e, con solo 25 immersioni ricreative al suo attivo, ha iniziato a intraprendere un corso di immersione commerciale. 

"Era hardcore", dice del formazione, che si è svolto per un mese sulla falsariga di un campo di addestramento militare, iniziando ogni giorno con una corsa di due miglia. L'ultimo tirocinante a tagliare il traguardo è stato spinto direttamente alle flessioni, un destino evitato da Rob grazie a un dono appena scoperto per lo sprint dell'ultimo minuto. 

Un test più duro consisteva nel saltare ripetutamente in acqua da un'altezza di 6 metri con il divieto di modificare l'attrezzatura o regolare il peso e senza il GAV consentito. 

Durante un'immersione a 20 metri in a muta stagna Molte taglie troppo grandi per lui, Rob si ritrovò bloccato sul fondo, incapace di acquisire galleggiabilità mentre l'aria usciva dalla guarnizione del collo. Riuscendo a raccogliere e piegare l'eccesso, alla fine riuscì a tornare in superficie.

“Non specializzarsi”

Dopo 10 anni con l'unità della BBC, Rob ha iniziato a lavorare come freelance. Avvertito di non sforzarsi di diventare uno specialista, si è assicurato di abbracciare una vasta gamma di produzioni, compresi i lavori su neve e ghiaccio, e di fondere insieme le sue esperienze di immersione e speleologia. 

Nonostante il consiglio ben intenzionato di “non specializzarsi”, Rob ha scoperto che il suo lavoro freelance lo portava sempre più sott’acqua, dove lavorare con un equipaggio più numeroso era parte dell’attrazione. 

Ha sparato tantissimo acqua aperta così come vasche da studio e acqua dolce, ma quando parla di immersioni in mare aperto cita il suo buon amico speleologo John Volanthen, che ironicamente le descrive come “salate, traballanti e pericolose”.

Riprendendo la fauna selvatica dentro e fuori dall'acqua, Rob dice che una delle sfide che ha messo più alla prova la sua pazienza è arrivata quando ha filmato la stessa sequenza di urie tuffatesi più e più volte per Pianeta Blu II, nel gelido Mare di Barents a nord della Norvegia. 

Tuttavia, ritiene che l’intenso lavoro di squadra creativo richiesto sia nella fiction che nella cinematografia commerciale lo coinvolga a un livello profondo, e crede che “tutto sia potenzialmente possibile”.

"È davvero interessante, le persone spesso raccolgono qualifiche, ma è una questione di continuità dell'esperienza", afferma Rob. “Fai parte di una squadra, ma devi anche pensare con la tua testa”. Sebbene questi possano sembrare concetti mutualmente esclusivi, la maggior parte dei subacquei capisce istintivamente che avere la capacità di pensare con la propria testa è ciò che ti rende parte della squadra.

Ritratto di Rob Franklin in alto con la macchina fotografica
Rob Franklin: 'Devi pensare con la tua testa'

Sfida del whisky

Le esigenze di collaborazione, creatività e cooperazione non sono mai state così messe alla prova come quando Rob ha illuminato uno spot pubblicitario per il whisky Ballantine a una profondità di 30 metri in un cenote vicino a Tulum in Messico. 

Le riprese hanno coinvolto 13 subacquei e uno strato sottomarino di idrogeno solforato nel quale il suo modello, l'apneista Lance Lee Davis, ha dovuto immergersi in costume. Lance ha quindi dovuto posare sopra lo strato come un pescatore di cormorani cinese che guida una barca affondata in 30 metri di acqua calda semitossica. 

Inserito come parte fondamentale della squadra dal regista William Williamson, Rob ha costruito da zero un intero impianto di illuminazione, installandolo e collegandolo a un generatore di superficie. 

I test preliminari condotti presso il sito interno di Vobster nel Regno Unito avevano creato un carico di fumo nero, "che non sarebbe stato accettabile in un'area fragile dal punto di vista ambientale", spiega Rob. "Quando ti trovi di fronte a un progetto del genere, inizi a fare le tue ricerche e, come con qualsiasi piano, inizi a mettere insieme un elenco." 

Dopo aver zavorrato e legato la barca sopra il "fiume" sottomarino, con un finto cormorano al suo posto e una lanterna a olio che ardeva intensamente nell'oscurità, Lance e i suoi subacquei di sicurezza, William e i suoi subacquei di sicurezza e l'intero equipaggio subacqueo hanno dovuto lavorare in perfetta sincronia per ottenere il risultato desiderato: l’illusione che l’uomo, il cormorano e la barca galleggiassero sul fiume sulfureo sottomarino. 

La mentalità necessaria per scomporre tali sfide in componenti realizzabili spiega la reputazione di Rob come grande mentore. In combinazione con il suo naturale senso di calma, non sorprende che sia il direttore della fotografia di riferimento per alcune delle principali emittenti mondiali. 

Allo stesso tempo, il senso delle proporzioni è essenziale e per lui parte del suo lavoro è gestire le aspettative dei produttori. "Fornisci loro tutte le informazioni su ciò di cui la produzione ha bisogno per svolgere correttamente un lavoro, ma dobbiamo considerare il rischio e mitigarlo." Ciò si estende al dire di no quando una proposta è semplicemente troppo pericolosa.

Trasforma la piscina in verde

Una delle improvvisazioni più bizzarre di Rob consisteva nel ricreare il fiume Tamigi nella Londra vittoriana, completo di cadaveri e detriti che fluttuavano nell’inquadratura. Avendo ottenuto il permesso di tingere di verde una piscina e aggiungere i detriti, Rob ha telefonato a un produttore di alimenti per chiedere: "Di quanto colorante alimentare ho bisogno per rendere verde una piscina?"

"Uh, probabilmente mezzo gallone", fu la risposta. 

Acquistando quindi 4.5 litri, Rob ne bevve una tazza alla volta finché, dopo le tre, ottenne la tonalità perfetta. L'enorme quantità di colorante verde di riserva rimase nel suo garage finché non la utilizzò finalmente per preparare creme alla menta.

Secondo Rob, la mentalità disciplinata richiesta nelle immersioni in grotta e tecniche può essere utilmente applicata alle numerose riprese impegnative che si svolgono sopra la superficie. “Normalmente, quando si fa un'immersione in grotta non c'è urgenza”, spiega, sottolineando che affrontare qualsiasi lavoro in uno stato di frenesia è controproducente.

Quindi, ogni volta che gli viene presentato un problema e si chiede come affrontarlo, tiene presente che l'immersione è “sempre la parte facile”.

Il lavoro di Rob con nomi familiari tra cui, ma non solo, BBC, ITV, Discovery, Channel 4, NatGeo, Netflix e numerose agenzie commerciali è la testimonianza di qualcuno che porta a termine il lavoro in tempo e nel rispetto del budget con grazia e competenza. Il suo lavoro è La Compagnia Subacquea, e il sito web fornisce un appello dei suoi tanti impressionanti crediti cinematografici.

“Quando il telefono squilla e qualcuno saluta, non sai mai dove ti porterà o quali saranno le sfide”, afferma. Il che, alla fine siamo d'accordo, fa tutto parte della magia.

Ritratto di Penelope Granycome

Penelope Granycome, PADI Master Scuba Diver, è un'attrice professionista che ha imparato a immergersi a Oahu nel 2008. Le immersioni l'hanno portata in tutto il mondo, ma le piacciono anche le immersioni costiere e nell'entroterra del Regno Unito. Scrive sia di immersioni che di benessere.

Anche da Penelope Granycome su Divernet: Facilitare l'immersione con muta stagna nel Regno Unito per una relazione costruita per durare

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x