Dove immergersi per le capesante nel Regno Unito

Capesante pescate dal sub
Capesante pescate dal sub.

SUBACQUEO DEL REGNO UNITO

Il dragaggio dei molluschi è un metodo sparso che rovina i fragili ecosistemi. Paradisi come l'area protetta di Lyme Bay illustrano ciò che rischiamo di perdere, afferma WILL APPLEYARD

NON NE SONO SICURO MOLTI di noi consideriamo l'origine di una capesante poiché la sua carne bianca e arancione si trova, ben presentata sul suo guscio aperto su ghiaccio tritato, al banco del pesce. Né ci preoccupiamo molto di come sia stato prelevato dal mare, e forse nemmeno a quale costo.

Non sto parlando del costo finanziario legato alla sua estrazione dai fondali marini, ma del costo per l’ambiente.

Baia di Lyme conta solo una parte della Jurassic Coast di 90 miglia del Dorset e non è solo un'area di straordinaria bellezza naturale, ma fa parte di un sito Patrimonio dell'Umanità.

Cappuccio d'oro, la scogliera più alta della costa meridionale, si erge orgogliosamente da qualche parte lungo il centro della baia, come a guardia del suo tratto di costa e di Chesil Beach. Una spiaggia di ciottoli lunga 18 miglia fiancheggia la parte orientale, mentre la sezione occidentale diventa infine territorio del Devon passando per Lyme Regis e poi Beer.

La baia di Lyme è stata il luogo di lavoro di generazioni di pescatori e, insieme alle numerose specie ittiche britanniche, le capesante sono sempre state tra i frutti più desiderati.

Le capesante sono crostacei che vivono sul fondo, con la maggior parte del guscio sepolto nella sabbia, che si apre e si chiude per consentire l'alimentazione del filtro attraverso la barba, la parte carnosa del mollusco simile a un setaccio che si trova nella "bocca".

La raccolta manuale delle capesante provoca un danno minimo all'ambiente.
La raccolta manuale delle capesante provoca un danno minimo all'ambiente.

Per noi subacquei è abbastanza facile individuarli mentre si chiudono nervosamente al nostro avvicinamento, sollevando un pennacchio di sabbia o limo. Forse un giorno l’evoluzione risolverà quel piccolo segno di indizio.

Oltre a raccogliere le capesante a mano – “il sub ha catturato capesante” si vede spesso nei menu: non esiste un modo rispettoso dell'ambiente per estrarre questi pesci grandi come un palmo dal fondale marino senza distruggere tutto ciò che vive tra loro nel processo.

Il dragaggio delle capesante è la procedura commerciale, un metodo indiscriminato che utilizza una trave metallica orizzontale o "spada" completa di denti e rete di accompagnamento per perlustrare il fondale marino mentre viene trainata da una barca. Il livello di catture accessorie con questo metodo è spaventoso e tutto ciò che segue l’attrezzatura rimane rotto e morto.

Fino allo sviluppo di un sistema a barre caricate a molla, il dragaggio delle capesante era un metodo affidabile per la pesca di fondo solo su un'area di fondale marino completamente piatto.

Il sistema a barra caricata a molla consentiva di operare su terreni sottomarini più irregolari come i sistemi di barriera corallina, aumentando così le aree in cui potrebbe aver luogo il dragaggio e il danno arrecato.

MA NON È TUTTO DANNOSO e tristezza per gli abitanti dei grandi fondali marini britannici, almeno non per le capesante della baia di Lyme. Poiché la baia è considerata “di importanza nazionale”, dal 2008 è la più grande area protetta nelle acque britanniche.

Da ormai 10 anni un’area di 60 miglia nautiche quadrate è stata dichiarata interdetta al dragaggio delle capesante e alla pesca a strascico, consentendo il recupero di alcune delle nostre più importanti specie marine “lontano dagli occhi, lontano dal cuore”.

Il divieto, sebbene non uguale a una no-take zone ufficiale del DEFRA, è stato imposto per favorire il recupero di un ecosistema diversificato e fragile. Natural England ha guidato l'iniziativa per dimostrare al governo che l'area aveva un disperato bisogno di protezione, basandosi su anni di lavoro di indagine da parte di vari organismi faunistici.

Corsie di barriera corallina è solo una parte della baia regolarmente visitata da subacquei scientifici e ricreativi ed è un'area oggi ricca di spugne e invertebrati marini filtratori o ascidie.

Molte specie rare e non identificate popolano i sistemi di barriera corallina intorno a Lyme Bay ed è facile vedere quanto questo ambiente sarebbe vulnerabile ai metodi distruttivi di pesca mobile.

La barriera corallina è costituita da massi e ciottoli di medie dimensioni ad una profondità relativamente costante di 25 m.

Qui ora prosperano coralli del tramonto, coralli rosa, idroidi e gorgonie rosa, oltre a una moltitudine di specie di pesci, crostacei e cefalopodi: granchi, aragoste e seppie, per citarne alcuni.

La gorgonia rosa, una specie limitata all'Inghilterra sud-occidentale, ha una crescita molto lenta. Le gorgonie sono colonie di minuscole creature che possono raggiungere i 50 cm di altezza, ma in media solo 30 cm lungo questa parte della costa del Regno Unito.

Si ramificano o si aprono a ventaglio in modo da consentire alla colonia di nutrirsi della corrente e, sebbene flessibili, possono essere abbattuti con poco sforzo. Gli squali gatto usano la ventaglio rosa per ancorare le loro custodie per le uova, conosciute come borsette delle sirene.

Anche il nudibranco non è estraneo a queste parti, le lumache grandi quanto la punta di un dito spesso associate alle acque tropicali ma un altro delicato abitante del fondale che vive in questo ricchissimo ambiente sottomarino.

NEL 2008, i pescatori di quattro porti locali hanno firmato un accordo sul divieto della pesca a strascico (dopo aver opposto qualche resistenza) e hanno anche accettato di limitare la quantità di pesca con nasse di granchi e aragoste nella zona.

Una delle preoccupazioni era che vietare un singolo tipo di pesca potesse effettivamente aumentare la pressione in altri settori del settore.

Dieci anni dopo, la zona ha rappresentato un enorme vantaggio per la conservazione e, naturalmente, per le barriere coralline, con il modello esteso ad altre aree del Regno Unito.

La situazione ideale, dal punto di vista dei crostacei.
La situazione ideale, dal punto di vista dei crostacei.

I Fondazione Blue Marine, uno dei finanziatori del progetto Lyme Bay Reserve, afferma che da quando è stato introdotto il divieto di dragaggio “i pescatori che pescano con attrezzi fissi (a Lyme Bay) hanno visto aumentare le loro catture”. L'organizzazione prevede ora di intraprendere un ambizioso progetto per riportare l'ostrica autoctona nel Solent.

Ho visto gli effetti positivi di tutta questa crescita mentre mi immergevo nella zona e rimarrà encomiabile finché sarà controllata. La fiducia deve essere un fattore importante qui, e ci sono aree al di fuori della zona di protezione (che costituisce solo il 10% della baia) dove è consentito il dragaggio dei molluschi.

Lo scorso febbraio, i subacquei hanno affermato di aver scoperto prove di dragaggio illegale di capesante all’interno di una zona protetta nel Firth of Lorn, al largo della costa occidentale della Scozia.

E nel 2017 il governo scozzese ha dichiarato che avrebbe indagato sulle segnalazioni di dragaggio illegale nel Loch Carron, che si dice abbia devastato una rara barriera corallina di conchiglie di fiamma. Le conchiglie di fiamma sono molluschi che nidificano sui fondali marini. La barriera corallina che si forma intorno a questi nidi costituisce un prezioso vivaio per giovani capesante, crostacei e pesci.

Capesante pescate dal subacqueo e in effetti qualsiasi crostaceo pescato da sub dovrebbe essere l'opzione preferita per tutti gli amanti dei frutti di mare, anche se va anche detto che non tutti i pescatori di capesante sono determinati a strappare le barriere coralline per raggiungere la loro preda.

È anche vero che non è l’intero fondale marino che circonda la costa del Regno Unito ad ospitare ricchi sistemi di barriere coralline. Nelle aree meno sensibili, il disturbo biologico del fondale marino può essere inferiore: gli habitat si riprenderanno molto più rapidamente dal dragaggio rispetto alle aree che ospitano coralli molli e simili.

Ma dobbiamo proteggere le aree note di vulnerabilità dalle devastazioni delle draghe per molluschi: la chiave è la regolamentazione.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x