COSA TI PIACEREBBE VEDERE?

archivio – Oceano IndianoCOSA VORRESTI VEDERE?

Tartarughe, squali e anemoni in abbondanza, relitti, un ristorante sottomarino e padroneggiare l'arte del DPV a mani libere: RICHARD ASPINALL si gode un felice atterraggio su Hurawalhi

"COSA TI PIACEREBBE VEDERE?" ha chiesto Hannah mentre sedevamo nell'elegante ufficio sulla spiaggia di Prodivers.
"Beh, ammesso che arrivi la mia macchina fotografica... mi piacerebbe vedere il meglio che puoi offrire", ho risposto, consapevole che la mia attrezzatura fotografica era da qualche parte tra Londra e Malé, e per lo più da sola.
“Non preoccuparti, lo staff dell'hotel sta cercando di rintracciarlo. Andrà tutto bene", disse Hannah in tono rassicurante. “Pianiamoci per il meglio. Possiamo fare Fushivaru e Anemone Thila e le Grotte di Kuredu. Ci sono tartarughe, tantissime tartarughe. E per gli squali, facciamo Kuredu Express.
E siamo andati avanti, mettendo insieme un itinerario dal suono straordinario di canali, curve, giri e thi, e persino la promessa di un naufragio. Con un po' di fortuna, questo si preannunciava come un viaggio speciale.
Quella notte, dopo il lungo volo da Heathrow via Qatar, ho avuto un sonno agitato. Ma svegliarmi con un’ampia vista del mare azzurro e della sabbia bianca dalla mia villa sull’acqua ha fatto molto per rinfrancarmi il morale.
Sono andato a mangiare. Diversi giovani squali pinna nera nuotavano nelle acque basse della spiaggia e l'ho preso come un buon auspicio.
Dopo un'ottima colazione a base di dolci e frutta, abbiamo iniziato con una rapida immersione di controllo sulla barriera corallina. Era da un po' che non indossavo una maglietta ed è stato liberatorio non avere con me una macchina fotografica grande. È stato un piacere raro poter osservare i pesci nelle stazioni di pulizia e godersi la barriera corallina.
Le Maldive possono avere correnti e scarsa visibilità a volte, ma le immersioni lì sono sempre gratificanti. In questo luogo riparato, con una corrente minima, ho potuto ammirare i coralli e gli infiniti banchi di pesci.
In effetti c'erano pesci ovunque. Mi sono ricordato di un ragazzo del mio club, più di dieci anni fa, che descriveva le Maldive come un posto dove “semplicemente giocare con i pesci”.
Dopo tutti questi anni, ora direi: “Sì, lo è. E tu sai cosa? È stupefacente!”

DOPO L'IMMERSIONE, il direttore dell'hotel mi trovò e mi disse che la mia attrezzatura fotografica sarebbe arrivata sull'idrovolante la mattina dopo. Non sono sicuro che volesse un abbraccio, ma ne ha avuto uno comunque.
L'Hurawalhi Resort trasuda lusso elegante e sobrio. Puoi facilmente trovare un posto tranquillo dove stare da solo e guardare le stelle, ma anche ordinare un cocktail con il minimo sforzo e, se l'umore ti prende, prenotare un tavolo in uno dei due ristoranti à la carte.
Completato alla fine del 2016, è ideale anche per chi ha un partner non subacqueo che cerca qualcosa di più da fare che gingillarsi a bordo piscina. La palestra, le sessioni di yoga, le attività sportive, gli sport acquatici, la sala giochi e l'ampia selezione di trattamenti disponibili presso la Duniye Spa sono abbastanza facili da tenere occupati tutti. Anche il cibo nel ristorante a buffet Canneli è piuttosto fantastico.
Hurawalhi si trova sul fianco nord-occidentale dell'atollo di Lhaviyani, sul lato nord-orientale delle Maldive. Puoi passeggiare per l'isola in 20 minuti, ma solo dall'alto puoi vedere come tutte le isole si incastrano.
La terra che c'è è costituita da vecchi coralli e sabbia, che le correnti, le maree e i venti hanno cospirato per accumulare in circa 1200 isole individuali in tutte le Maldive, alcune con qualche palma, e altre abbastanza grandi per gli aeroporti e, nel caso della capitale Malé, uno skyline sempre più movimentato.
Tra le isole ci sono canali attraverso i quali le maree e le correnti muovono innumerevoli litri d'acqua. Appena sotto la superficie ci sono barriere coralline poco profonde chiamate giris, e un po' più in profondità ci sono le barriere coralline conosciute come thilas. La diversità della vita marina è alimentata dal plancton ricco di sostanze nutritive portato dalle correnti.
La mia prima immersione vera e propria è stata vicino alla punta settentrionale dell'atollo, un luogo chiamato Kuredu Caves. Prometteva tartarughe e pesci in abbondanza ed era a soli 10 minuti dall'hotel.
"Se sei sfortunato, potresti vedere solo tre o quattro tartarughe", ha detto Hannah. Mi sembrava sopportabile.
Il mare era azzurro come le foto sul sito del resort e, mentre scendevamo sulla barriera corallina, la corrente era meno forte di quanto mi aspettassi. Sotto di me, la barriera corallina era ricoperta da fragili escrescenze di corallo nero, e nel blu nuotavano enormi quantità di jack, riflettendo l'argento.
Ho scattato qualche foto a dentici e sweetlips mentre ci dirigevamo a circa 20 metri per trovare una serie di strapiombi, ognuno ricco del proprio assortimento di vita marina, spesso grigia e marrone finché non si è rivelata multi-colore
nelle mie luci da modellazione. Il sito è un luogo importante per le tartarughe verdi, che amano sonnecchiare tra le rocce.
Hannah, con gli occhi di una guida subacquea esperta, indicò due individui che riposavano e noi osservammo attentamente foto del suo avvicinarsi.
Fortunatamente, le tartarughe sono abituate ai subacquei e mi è stato promesso che avrebbero accettato la nostra presenza. In effetti lo erano. Lo erano anche gli altri e, dopo un po', ho perso il conto di quanti ne avevamo visti. Questo è stato un inizio strepitoso!
Mi è piaciuta immensamente l'immersione, e anche quella successiva dall'altra parte del canale, uno spot chiamato Kuredu Express. Siamo stati raggiunti da alcuni squali grigi del reef che navigavano nel blu, ma potevo dire che Hannah pensava che potessimo fare di meglio.
"Hai mai usato uno scooter?" mi chiese, mentre sciacquavo la macchina fotografica sul ponte di prua del dhoni.
Dovevo ammettere che la mia esperienza con lo scooter era limitata, e sarei stato in grado di usarne uno con le mani dedicate a lavorare con la mia macchina fotografica? Avevamo concordato di fare una pratica superficiale il giorno successivo, ma prima c'era la questione di un pochino di macro fotografia.

NON ERO SICURO DI COSA aspettarmi dalla vita sulla barriera corallina ma, quando abbiamo lasciato la sabbioso formazione nell'area dietro, abbiamo trovato un paesaggio marino di bommie e rocce isolate.
Mentre ci muovevamo, seguivamo il ritmo felice di Hannah che indicava e io che mi lanciavo con la macchina fotografica pronta.
Mi resi conto che era un'abile osservatore quando indicò il giallo della sua alternativa regolatore e poi tracciò un quadrato con il dito. Pesce scatola giallo – ottime notizie! Ho sempre desiderato fotografare quello che in effetti è un minuscolo cubo giallo brillante con macchie e occhi enormi.
La mia guida ha continuato a trovarmi minuscoli gamberetti nei tentacoli degli anemoni, graziose bavose che guardavano fuori dalle fessure, polpi, pesci pagliaccio e uno spettacolare pesce angelo imperatore giovanile.
Questo potrebbe non entusiasmare tutti, ma per un fanatico dei pesci come me è già qualcosa, perché man mano che i pesci invecchiano perdono i loro “colori infantili”, e quindi non rimangono a lungo con questo abbigliamento.
Avrei potuto restare lì a lungo ma, ahimè, il gas non è infinito.
Il giorno seguente ci siamo trovati di nuovo sulla barriera corallina, con Hannah che mi mostrava come usare uno degli scooter Apollo di Prodivers.
Abbastanza facile, ho pensato, ma non ne avevo mai provato uno a mani libere, con il DPV tra le gambe. Non ero convinto che avrei evitato di fare la figura dell'idiota, ma Hannah aveva più fiducia in me di quanto ne avessi io, oppure semplicemente si divertiva a farsi una bella risata.
Abbiamo caricato il dhoni e ci siamo diretti ancora una volta verso nord per provare meglio il Kuredu Express.
La corrente era abbastanza forte e, mentre ci incamminavamo lungo la sponda del canale, la prendevamo lentamente, facendo pochi progressi.
Stavo cercando di sterzare usando la parte superiore del corpo per determinare la direzione e facendo un pessimo lavoro, finché non ho provato a sterzare lo scooter con le ginocchia.
Nel giro di pochi minuti stavamo procedendo alla massima velocità e non sono sicuro di aver mai provato una tale sensazione di completa libertà sott'acqua. Facendo attenzione a non superare il nostro limite di profondità (le immersioni sono limitate a 30 metri, come lo erano i requisiti della nostra miscela di gas), abbiamo accelerato.

SOTTO DI NOI E NEL BLU, abbiamo superato la barriera corallina grigia e gli squali pinna bianca. Ho perso il conto a 40. Nessuno si avvicinava, purtroppo, e la visibilità era un po' più tipicamente maldiviana.
Nel blu, una rara aquila di mare ornata volò via e, quando iniziammo ad avvicinarci alle acque basse, i banchi di jack e dentici si separarono.
Altre tartarughe attirarono la mia attenzione, così come una razza, alla quale ci avvicinammo con attenzione e lentamente. È stata un'immersione epica.
Quando siamo riemersi pioveva; un trilione di minuscoli martelli avevano battuto il mare in una bonaccia piatta. Sorprendentemente, una giornata grigia era proprio ciò che desideravamo mentre ci dirigevamo verso un sito chiamato Anemone Thila.
Questa barriera corallina poco profonda è un sito piuttosto noto alle Maldive ed è, come ci si aspetterebbe, ricoperta da un numero non trascurabile di "nem". Devono essercene centinaia a coprire la barriera corallina, che raggiunge i 14 metri di profondità.
La scarsa luminosità fa sì che gli anemoni si chiudano un po' e rivelino i colori vivaci del loro manto, che vanno dall'arancione al viola, con tutte le sfumature del rosa intermedie. Una buona torcia porta davvero i nostri “veri” colori.
È un sito di immersione unico e non ho potuto fare a meno di chiedermi: “Perché qui? Cos'è che permette a tutti questi anemoni, molti dei quali sono il risultato di una precedente divisione in due del 'nem, di prosperare in questo luogo? I pesci pagliaccio nuotavano liberamente dall'uno all'altro, qualcosa che normalmente non vedresti.
Ho fatto molte altre immersioni nei giorni successivi: Khalifushivaru Kandu, Fushivaru, Tinga Giri, ognuna meravigliosa come suggeriscono i loro nomi. L'immersione finale che voglio condividere, tuttavia, è qualcosa che non mi aspettavo: un relitto, e non solo uno ma due.
Il sito, vicino alla fabbrica di pesce di Felivaru e conosciuto come il Cantiere Navale, vanta due vecchie navi da carico della fabbrica, entrambe affondate negli anni '1980.
Ho letto un resoconto che suggeriva che l'affondamento non andò molto bene per una nave, con un incendio scoppiato a bordo.
L'altra nave fu affondata nello stesso punto, ma si fermò con la prua rivolta verso l'alto fuori dall'acqua, finché una tempesta non la interruppe e la nave cadde a giacere con un'angolazione più rispettabile.
Le imbarcazioni si trovano a 30 metri nel loro punto più basso e forse è meglio esplorarle con due immersioni (soprattutto se il tuo piano è quello di scattare fotografie). Nessuno dei due presenta interesse internamente, ed entrambi sono stati privati ​​di qualsiasi cosa di valore, ma nel giro di pochi decenni sono diventati superbi reef artificiali.
Spruzzi di corallo nero adornano la sovrastruttura e i pesci sono semplicemente ovunque. Tuttavia, è facile farsi prendere in inganno dalle correnti e osservare i banchi di anthias ti mostrerà se il flusso è aumentato.
Se nuotano forte e sono nascosti nella sovrastruttura, lasciare il riparo del relitto significherà fare fatica a restare con il tuo amico.

QUELLA È STATA LA MIA ULTIMA IMMERSIONE A HURAWALHI. Ho conservato le mie schede di memoria in modo sicuro e ho iniziato a godermi qualche cocktail decorativo e un pasto straordinario al 5.8, il ristorante sottomarino del resort.
Questa insolita struttura è fantastica, soprattutto per chi non ha mai fatto immersioni. Di notte le sue luci attirano molta vita, dai pesci pipistrello ai pesci leone, e risulta molto suggestivo. C'è un'area di anemoni e anche alcune stazioni di pulizia apparentemente in funzione.
I miei commensali l'hanno adorato e anche per i subacquei esperti è divertente, anche se ti senti come se fossi nel tunnel di passaggio di un grande acquario.
Nel mio ultimo giorno prima del volo di ritorno in idrovolante a Malé, ho fatto una chiacchierata con la biologa marina residente nel resort, Lisa del Manta Trust.
Il resort sostiene il suo lavoro e lei offre escursioni di snorkeling e porta avanti un progetto per identificare le tartarughe verdi locali, con l'aiuto di subacquei.
Gli ospiti possono inviare foto e, se ne viene individuata una nuova, possono darle un nome. Finora sono state identificate più di 100 tartarughe verdi dell’atollo.
Questo è il tipo di turismo responsabile che le Maldive sanno fare così bene e offre un elemento in più a vacanza. Ho inviato a Lisa le mie foto, ma devo ancora pensare a un nome adatto, nel caso avessi trovato una nuova tartaruga. Sospetto che Turtly McTurtleface sia già stato preso.

FATTO
ARRIVARCI: Diverse compagnie aeree volano direttamente a Malé dal Regno Unito, ma cambiare in Medio Oriente può essere più economico. Hurawalhi è un breve volo in idrovolante da Malé.
IMMERSIONI E ALLOGGIO: Prodivers offre nitrox gratuito ed è compatibile con i rebreather, prodivers.com. Hurawalhi ha ville sulla spiaggia e sull'acqua. È un'ora indietro rispetto all'orario di Malé per risparmiare la luce del giorno, genera il 30% della sua elettricità dall'energia solare e dispone di un eccellente Wi-Fi, hurawalhi.com
QUANDO ANDIAMO: Tutto l'anno. La stagione delle piogge da maggio ad agosto può ridurre la visibilità, ma la pioggia è solitamente di breve durata. La migliore visibilità e il clima asciutto vanno da dicembre a marzo. Il periodo migliore per vedere le mante a livello locale è nei mesi invernali del Regno Unito.
MONETA: Rufiyaa, o dollari americani.
SALUTE: Camera iperbarica nella vicina Kuredu.
AGGIUNGI SU: Vale la pena visitare l'Atoll Marine Center di Naifaru per vedere le tartarughe salvate e riabilitate.
PREZZI: Voli di andata e ritorno dal Regno Unito da circa £ 580. Ville sull'acqua (due in condivisione) da US?$689 a notte. Immersione in barca con due bombole $ 29, immersioni senza limiti per sei giorni $ 725, noleggio DPV $ 39 per immersione.
INFORMAZIONI SUI VISITATORI: visitmaldives.com

Apparso su DIVER giugno 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x