Sono andato a fare un'immersione e ho visto un pesce

Maine

Caporedattore del Guida alla fotografia subacquea NIRUPAM NIGAM è andato a fare un'immersione nel Golfo del Maine, uno specchio d'acqua storicamente noto come “il granaio del Nord America” – solo che ora, come riferisce, è vuoto. Ha scattato comunque delle foto

Da bambino ho avuto la fortuna di trascorrere le mie estati con i miei nonni nello stato del Maine, nel nord-est degli Stati Uniti (aka Paese delle vacanze).

Ciò significava giornate calde e umide alla scoperta dei fari lungo una costa frastagliata, temporali occasionali e un sacco di involtini di aragosta. I mercati del pesce pungenti con gente altrettanto pungente erano sempre pieni di granchi, rana pescatrice, eglefino e aragosta – a volte a buon mercato fino a 4 dollari la libbra!

Con le loro montagne di ghiaccio e la vicinanza alla flotta peschereccia del Nord Atlantico, questi mercati hanno una storia radicata che risale a prima dell'insediamento europeo nel Nord America nel XVI secolo, un'epoca in cui il merluzzo era il re del panorama marino.

Ma man mano che i venti del tempo lambiscono le coste del Nord Atlantico, il merluzzo è diventato sovrasfruttato e sostituito da altre specie minori. Nel 1992, le popolazioni di merluzzo dell’Atlantico raggiunsero l’1% dei loro livelli storici, per non riprendersi mai più.

Pesce
Un faro a Cape Cod, che prende il nome dalle sue leggendarie popolazioni di merluzzo

Dopo essere tornato nella regione con esperienza di lavoro come scienziato della pesca, ho iniziato a notare una tendenza interessante... la distribuzione del pesce nei mercati sembrava molto diversa da quella della mia infanzia.

Se adesso entri in un mercato del pesce del Maine, vedrai molte più specie straniere e pesci che non ti aspetteresti mai siano commestibili. Prendi il pettirosso di mare. Il mese scorso ho visitato un mercato pieno fino all'orlo di queste creature ossute dall'aspetto piuttosto strano. Una piccola lavagna appollaiata accanto ai loro corpi ghiacciati diceva semplicemente "per gli stufati". Chiaramente i pesci prescelti da allora sono tutti nuotati via. 

Pesce
Capanna di pescatori originale del New England che ha ispirato una taverna nella scena di apertura di Herman Melville Moby Dick

È stato durante questa recente avventura nel New England che sono stato invitato a fare un tour l'istituzione oceanografica di Woods Hole – un centro di fama mondiale per la ricerca oceanica e la casa del HOVAlvin.

Mentre parlavo con lo scienziato capo del Fisheries Oceanography & Larval Fish Ecology Lab, ho appreso qualcosa che mi ha colpito come allarmante. La pesca sperimentale veniva avviata lontano dalle coste del New England alla ricerca di nuove zone di pesca nella zona mesopelagica o crepuscolare.

Fu allora che seppi che la salute della pesca del New England era decisamente in gravi difficoltà. I pesci nella zona crepuscolare sono piccoli, appiccicosi e pochi e rari. Quando ho posto la domanda: “Perché qualcuno dovrebbe pescare lì?”, ho ricevuto una risposta agghiacciante: “Quello sarà il prossimo posto in cui pescare una volta che avremo pescato tutto lungo la costa. Non è stato molto redditizio”. 

Woods Hole
Il campus e la nave da ricerca Neil Armstrong a Woods Hole

Questa rivelazione mi ha fatto venire voglia di mettere me stesso e la mia macchina fotografica sotto le acque fredde, grigie e capricciose del Nord Atlantico. Volevo vedere di persona questo antico paesaggio marino prima che fosse completamente sfruttato: un paesaggio marino che ha sostenuto il Nord America per secoli. 

Dopo un viaggio di quattro ore lungo la costa fino al Golfo del Maine e un attacco di Covid, ho incontrato due compagni di immersione che stavano terminando il loro dottorato di ricerca presso l'Università del Maine.

"Non illuderti", dissero, "non c'è molto da vedere da queste parti". In ogni immersione, mi hanno detto, vedevano solo pochi pesci e forse un'aragosta. In realtà stavano studiando cosa succede alle popolazioni di alghe dopo che tutto il merluzzo è stato pescato e i ricci di mare spediti in Asia. A quanto pare, tutto ciò che resta è un sacco di alghe. 

Stella di mare
Seastar e alghe sulla barriera corallina rocciosa di Cape Elizabeth nel Golfo del Maine

Entrammo nel Twin Lights State Park a Cape Elizabeth, con i bauli pieni di attrezzatura subacquea. Una fredda brezza oceanica mi colpì il viso mentre aprivo la portiera della macchina. Ho notato un vecchio faro decrepito a cavallo di una scogliera che si affaccia sull'Atlantico. "Ecco fatto", ha detto il mio amico, "il sito di immersione è sotto quel faro."

Per fortuna il moto ondoso era calmo: un passo sbagliato sulla costa rocciosa avrebbe potuto significare una dura caduta con un sacco di attrezzatura e una pesante attrezzatura fotografica.

Dopo aver indossato indumenti intimi in pile spesso e mute stagne, siamo entrati nell'acqua fredda a 5.5°C e siamo usciti con decisione verso il mare. Mentre nuotavo, ho notato una serie di boe che seguivano il contorno della costa. L'acqua era poco profonda, quindi ho immerso la testa per vedere le file di trappole per aragoste. Erano tutti vuoti. 

Trappola per aragoste
Trappola per aragoste vuota nelle acque poco profonde di Cape Elizabeth

Mentre galleggiavamo sul sito di immersione, ci siamo dati l'ok e siamo scesi nelle profondità verdi e oscure. Il terreno roccioso sottostante formava creste che si spingevano sempre più in profondità verso il mare. Seguendo una di queste creste abbiamo nuotato, aspettando che passassero le creature.

Abbiamo nuotato, nuotato... e nuotato. Di tanto in tanto vedevamo un piccolo granchio tra letti di alghe o una medusa che galleggiava nell'acqua. Tunicati a vaso invasivi (Ciona intestinalis) ricoprivano il fondale marino. Ma per il resto il paesaggio marino era brullo e una calma inquietante filtrava attraverso l’oceano.

Tunicati a vaso
I tunicati a vaso invasivi ricoprono il fondale marino

La cosa più inquietante è che durante la nostra intera immersione di 70 minuti – lunga per gli standard della maggior parte delle persone – ho visto un solo pesce. Era una piccola scultura senza pretese, ben mimetizzata tra le alghe.

Nei miei 12 anni di esperienza subacquea in giro per il mondo, non avevo mai fatto un'immersione con un solo pesce. È l'equivalente di camminare in una foresta ma vedere solo un albero. O assistere all'ultimo bisonte solitario nelle Grandi Pianure. Il Nord Atlantico è testimone della fine biologica di un’era.

Solo pesce
Non è il massimo foto, ma questa è l'unica piccola scultura che ho visto. L'unico pesce nell'immersione

Ora non fraintendermi. C'è una certa stagionalità quando si tratta di popolazioni di pesci o aragoste. Ma mi sono immerso in altre regioni del Nord Atlantico e dell'Oceano Artico. Anche nei tradizionali porti di pesca norvegesi ho visto migliaia di merluzzi, merluzzi ed eglefini in più rispetto a quel giorno nel Golfo del Maine. È l'oceano. Dovrebbero esserci molti altri pesci nel mare. 

Medusa
Una piccola medusa galleggia nelle acque deserte

Nei miei giorni trascorsi a raccogliere dati sulla pesca per il Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA), era facile perdersi nei numeri. Le catture che vedevo sbarcate si trasformavano in schede tecniche da archiviare in un lontano ufficio governativo. È facile dimenticare che quei milioni di chili di pesce riportati nelle nostre schede tecniche sono eventi reali, nel mondo reale.

Si traducono in oceani vuoti. E, per un fotografo subacqueo, si traduce in una mancanza foto soggetti.

Gli stock di merluzzo del Nord Atlantico potrebbero essere una causa persa. Dopotutto, sono un caso di studio per quello che gli scienziati chiamano il “vortice dell’estinzione”. Ma forse queste foto possono ricordarci la posta in gioco nel resto del mondo se non diamo uno sguardo attento alle nostre pratiche di pesca industriale. Quindi dai un'occhiata a queste foto vuote. Sono un promemoria di ciò che è stato e di ciò che può essere.

Granchio
Un granchio eremita osserva il fotografo curioso che lo fissa

C'è sempre qualcosa che puoi fare

Ecco alcune cose che ho imparato che possono impedire al resto del mondo di diventare il Golfo del Maine: 

  1. Nuota senza protezione solare. La protezione solare fa male ai coralli
  2. Raccogliere la spazzatura. Ce n'è molto
  3. Scatta una foto di un pesce, ma non troppi
  4. Scopri da dove provengono i tuoi frutti di mare. Acquista da una pesca sostenibile. Utilizzare quelli della Marine Conservation Society Buona guida ai pesci
  5. Mangia crostacei bivalvi d'allevamento. È ancora meglio per l’ambiente che diventare vegetariani. Chiedi e basta Ray Hilborn
  6. Mangia pesci da esca, come sardine e acciughe. È meglio per l’ambiente che mangiare altri pesci
  7. Non mangiare lo squalo-pinna zuppa
  8. Raccogli quanto ti serve (entro i limiti legali) ma non di più
  9. Cerca di tenerti lontano dal fondo durante l'immersione. Usa un dito su una roccia per stabilità
  10. Immergiti localmente il più lontano possibile
  11. Sostenere barriere coralline artificiali come i relitti
  12. Tieni gli animali lontani dalle pozze di marea (rimarrai sorpreso da cosa possono mangiare)
  13. Esci in spiaggia. Più persone ci sono, più le persone si preoccupano

Questo articolo è originariamente apparso in Guida alla fotografia subacquea  

Nirupam

Fotografo subacqueo e scienziato della pesca Nirupam Nigam è cresciuto a Los Angeles e ha iniziato le sue immersioni nelle Isole del Canale. Lavora come osservatore della pesca su barche nel Mare di Bering e nel Pacifico settentrionale e, quando non è in mare, viaggia con la sua fidanzata scattando fotografie. Il suo sito web è Foto dal mare.

Il logo dell'UWPG

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x