PADI va da solo

Sarah Morgan, si prepara a diventare la prima donna Self-Reliant Diver
Sarah Morgan, si prepara a diventare la prima donna Self-Reliant Diver
Nigel Wade
Nigel Wade

NEL PASSATO, la semplice menzione dell'immersione in solitaria scatenerebbe il dibattito sul fatto che la pratica fosse sicura, etica o addirittura divertente da intraprendere.

Le discussioni hanno infuriato tra gli esponenti dell'immersione in solitaria e i campioni del sistema di coppia. John Liddiard di DIVER una volta definì questa pratica “l’ultimo tabù delle immersioni”.

Aggiornare: Nigel Wade muore

Eppure ogni giorno decine di migliaia di subacquei “fanno da soli” in tutto il mondo, molti di loro senza la formazione o le qualifiche necessarie per farlo.

Si potrebbe sostenere che la maggior parte non sa nemmeno di farlo.

Prendi gli istruttori che insegnano ai subacquei nelle loro prime immersioni in acque libere: i loro studenti potrebbero aiutare se si verificasse un problema? O i subacquei che si immergono regolarmente, ma scoprono di essersi allontanati a causa della scarsa visibilità.

Che ne dici di subacquei che eseguono una discesa perfetta, solo per scoprire che devono aspettare in profondità che il resto della squadra dei loro compagni lo raggiunga a causa di problemi di compensazione?

In teoria, questi scenari non dovrebbero verificarsi. I subacquei dovrebbero stare insieme ed essere disponibili ad assistere i loro compagni se si verifica un problema.

In realtà praticamente in ogni immersione, ad un certo punto, i subacquei si ritrovano involontariamente da soli, anche se solo per un breve periodo.

I fotografi subacquei cercano attivamente di immergersi da soli. Lo vedono come forse l'unico modo per tornare con immagini sorprendenti. Se Peter Scoones fosse stato costretto a immergersi con un compagno, o in gruppo, avrebbe vinto un BAFTA e due Emmy? Ci saremmo meravigliati di tutti gli impressionanti filmati generati dalla BBC Natural History Unit nel corso degli anni? Probabilmente no.

Molte immagini subacquee sono state catturate da subacquei lontani dalla folla, immergendosi nel modo più indipendente possibile per evitare di disturbare la preda e senza altri subacquei o flussi di bolle che apparivano sullo sfondo.

NON SONO PETER SCOONES, ma come fotografo cerco di immergermi regolarmente da solo nella vana speranza di riuscire un giorno a realizzare il "pezzo grosso".

Ho completato un corso Scuba Diving International (SDI) Solo Diving nel 2005, acquisendo le competenze e le conoscenze necessarie in modo che alla presentazione della mia C-card mi sarebbe stato almeno permesso di allontanarmi dal gruppo.

Alas, with well in excess of 3000 dives and qualifications up to my armpits, I have encountered dive centres that would not recognise my solo credentials. They insisted that I dive with the group and follow the esperto di immersioni along with my appointed buddy.

Quell'amico, per inciso, molto probabilmente sarebbe stato appena certificato, con meno di una dozzina di immersioni, e si sarebbe rivelato un vero pugno, emergendo dopo soli 20 minuti a 10 barre mentre ne avevo ancora 150. Per aggiungere la beffa al danno, sarei pagare il privilegio.

Lo stesso equipaggiamento, ovviamente, chiuderebbe un occhio mentre la guida subacquea scendeva da sola attraverso la colonna d'acqua per legare la linea di ancoraggio.

For as long as I can remember, PADI has championed the buddy system. Its whole ethos has been about diving for fun and sharing the experience safely with like-minded divers.

Ha giustamente difeso con passione il sistema come pietra angolare della sua formazione subacquea, lasciando che le persone che desiderano immergersi da sole possano farlo altrove.

In 2001, however, a senior PADI official acknowledged for the first time that solo diving could be carried out in safety by suitably experienced divers.

The comments were made by Drew Richardson, PADI Worldwide Senior Vice-President, in response to a US diving magazine article.

Affermava che l'immersione in coppia poteva essere pericolosa e che i subacquei sportivi avrebbero dovuto concedersi l'indipendenza di un'immersione in solitaria.

Richardson replied that PADI’s buddy system was an effective and safe approach for the average recreational diver, and that the demands of solo-diving were a step too far in the skills required. To advocate it as an alternative to buddy-diving was, he said, “irresponsible and reckless”. For the suitably qualified and experienced diver, however, the principles of solo-diving could be accepted.

In 2009, New Zealand-based PADI and TDI istruttore Andy Connor of Tech Dive NZ considered the need for divers to be more independent.

Usando il suo background e la sua esperienza nell'immersione tecnica, ha ideato un corso basato sull'addestramento dei subacquei ad essere "autosufficienti" nel caso in cui incontrassero un problema sott'acqua.

The Self Sufficient Diver course was, surprisingly, approved by PADI. Connor, in conjunction with Global Dive and Tech Dive NZ, supplied and delivered the course and certification as an alternative to SDI’s solo course.

Nel maggio 2010, la Camera egiziana delle immersioni e degli sport acquatici (CDWS) ha rilasciato una dichiarazione sulle immersioni in solitaria. Per poter immergersi da solo, si dice, un subacqueo deve superare con successo un corso di addestramento per immersioni in solitario e ottenere tale certificazione da un'agenzia di formazione riconosciuta.

Procedure, regole, raccomandazioni e standard dell'agenzia didattica si applicheranno all'attività subacquea.

The technical manager and/or at least one of the instructors of the licensed operation must be certified as a solo-diving istruttore. They were then perfectly capable and responsible for making the right professional decisions – to allow divers to dive solo.

A FINE MAGGIO, I contacted PADI International’s Director of Training Suzanne Pleydell, to establish the agency’s current position on solo-diving.

“PADI supports the proven system of diving with a partner for several reasons, not least its contributions to diver safety,” she stated. “The goals of training divers include developing the skills to take responsibility for themselves and to be self-reliant.

Simon, Sarah e Nigel discutono dei vantaggi delle immersioni autosufficienti.
Simon, Sarah e Nigel discutono dei vantaggi delle immersioni autosufficienti.

“Il sistema di coppia fornisce una ridondanza di sicurezza a queste competenze di base che l’immersione da sola semplicemente non può fornire.

“PADI also recognises that experienced divers, after being specifically trained in self-reliant diver techniques, such as dive-planning, redundant and specialised equipment configurations, problem management etc, can be prepared to dive independent of a partner and to accept the added risks involved.

“Responsible self-reliant diving is diving alone with the correct mental discipline, attitude and equipment. When divers select this specialised activity within this description, PADI sees a place for it.”

Suzanne went on to explain that only two days earlier, PADI itself had released a speciality programme entitled Self-Reliant Diver, enabling qualified divers to dive independently of others.

I immediately tried to locate a UK-based istruttore offering the course, but it was so new that my quest proved problematic. Then Simon Lodge of Crystal Palace-based Lodge Scuba came to my rescue.

Simon fornisce formazione attraverso varie agenzie, specializzate in immersioni tecniche e in grotta.

Attualmente è coinvolto in immersioni esplorative nei cenotes dello Yucatan in Messico. Come speleosub, si immerge regolarmente senza compagno.

I booked a course, along with my underwater model and PADI Staff Instructor Sarah Morgan, to see what it was all about.

Prerequisiti

To undertake the course, you need to have a minimum 100 logged buddy dives and be at least a PADI Acqua aperta avanzata Diver or equivalent from another training agency.

The standard PADI Self-Reliant Diver liability release and assumption of risk form needs to be read and signed.

Il corso è stato completato in un giorno, comprese sessioni teoriche e tre immersioni in acque libere, presso il National Dive Center a Stoney Cove nel Leicestershire.

Introduzione al corso

"Questo corso è un'introduzione all'immersione con fiducia in se stessi che aiuta gli studenti subacquei a sviluppare le abilità, le conoscenze e le tecniche necessarie per fare affidamento innanzitutto su se stessi", ha spiegato Simon.

C'erano due ragioni principali per intraprendere l'addestramento, ha detto: in primo luogo, "sviluppare le competenze necessarie per pianificare ed effettuare immersioni senza un partner, sia per preferenza che per necessità" e, in secondo luogo, "affinare le capacità di auto-apprendimento". subacqueo fiducioso, creando un partner più forte in una coppia o in una squadra di tuffi”.

Abbiamo discusso la filosofia e la motivazione dell'immersione senza partner, analizzando i potenziali rischi connessi e le possibili modalità per gestirli.

elementi dell'attrezzatura ausiliaria obbligatoria: la maschera e il computer sono entrambi di riserva
Elementi dell'attrezzatura ausiliaria obbligatoria: la maschera e il computer sono entrambi di riserva

Simon ha identificato il valore della ridondanza del kit e dell'attrezzatura di riserva di cui avremmo avuto bisogno, non solo per il corso ma per tutte le nostre immersioni autosufficienti.

Il kit

Una fonte d'aria indipendente è obbligatoria, sebbene non esista una configurazione standard.

un allestimento pony da 3 litri
un allestimento pony da 3 litri

A 3-litre pony cylinder mounted on the main cylinder is the simplest solution, but you could opt
for a side-mounted stage cylinder, or even a complete side-mount system – or perhaps a twin-set configured independently, all complete with first stage, regulator and submersible pressure gauge.

Dipende dalle esigenze e dalle preferenze dell’individuo.

A spare mask; spare bottom-timer and depth gauge (computer da immersione); coltello da immersione (ove consentito localmente); DSMB e mulinello, con filo sufficiente per la massima profondità prevista; e un dispositivo di segnalazione acustica di superficie sono tutti elementi obbligatori dell'attrezzatura.

Simon aveva acquistato abbastanza kit per consentire qualsiasi configurazione di cui potessimo aver bisogno. Dopo aver discusso le opzioni, i pro e i contro, abbiamo scelto i nostri set-up.

Sarah opted for a side-mounted 7-litre stage cylinder that could be attached while at the surface. I chose a 3-litre pony, because it wouldn’t interfere with my camera set-up.

Pianificazione e gestione

Simon explained how to formulate a dive plan for a dive without a partner; how to calculate our surface air-consumption rates (SACs), which can be used to establish how much we use at various depths; and how to determine an appropriate reserve for safe bail-outs.

Abbiamo discusso di come gestire vari scenari di emergenza, tra cui la gestione di erogatori a flusso libero, problemi con la maschera, correnti, impigliamento, superamento dei limiti di profondità o di tempo pianificati, panico, stress, situazioni di mancanza di gas, crampi, sforzo eccessivo e condizioni ambientali pericoli.

Distribuzione di un DSMB alla fine dell'immersione 1
Distribuzione di un DSMB alla fine dell'immersione 1

Immergiti 1

Dopo aver messo insieme il nostro kit, eravamo pronti per bagnarci. Siamo entrati in acqua ed abbiamo effettuato i controlli di galleggiabilità.

Dopo alcune modifiche al nostro peso, partiamo per una nuotata rilassata in superficie di 200 metri.

Una volta completato, Simon ci ha chiesto di scendere e restare librati per un minuto intorno alla soglia dei 4 metri.

Then it was down to the training platform to perform a simulated regulator free-flow, breathing from our alternative air source for two minutes.

Abbiamo quindi eseguito nuotate a velocità SAC, nuotando per cinque minuti a 10 metri; le informazioni sono state registrate sulle nostre liste.

Infine, abbiamo utilizzato i nostri DSMB dalla profondità e abbiamo terminato l'immersione dopo aver completato le soste di sicurezza.

Immergiti 2

Sarah effettua una nuotata “senza maschera”.
Sarah effettua una nuotata “senza maschera”.

During the second dive we were required to demonstrate time, depth and gas-supply awareness by recording our depth and cylinder pressures at 10-minute intervals throughout the entire dive.

Il primo compito era quello di effettuare una “nuotata senza maschera” coprendo una distanza minima di 18 metri.

Abbiamo quindi dovuto simulare un'emergenza senza aria, distribuendo la nostra fornitura di gas ridondante mentre nuotavamo continuamente.

Le abilità di navigazione erano le prossime nell'elenco. Simon ci ha mandato a cercare la cabina di pilotaggio del Visconte e a tornare al punto di partenza utilizzando le bussole.

Successivamente abbiamo navigato fino al sottomarino Nautilus e ritorno utilizzando riferimenti naturali.

Dopo altri cinque minuti di nuoto a velocità SAC e l'utilizzo dei nostri DSMB, abbiamo terminato l'immersione.

Abbiamo calcolato le nostre tariffe SAC durante l'intervallo di superficie, da utilizzare nell'immersione 3.

Navigazione con una bussola
Navigazione con una bussola

Immergiti 3

L'ultima immersione ci ha visto entrare in acqua, dopo aver prima calcolato e concordato una pressione di inversione di tendenza basata sulle nostre tariffe SAC e sulla gestione del gas secondo la regola dei terzi.

Abbiamo dovuto dimostrare la consapevolezza della profondità, del tempo e della fornitura di gas scrivendo la profondità e il tempo sulle nostre lavagnette per ogni 20 bar di gas consumati.

Abbiamo anche dimostrato la pressione sui turnaround e la consapevolezza del limite di tempo, quando veniva raggiunto il limite di pressione o di tempo stabilito durante il briefing, scrivendo il tempo o la pressione (a seconda di quale dei due si verificasse per primo) sulla lavagna.

Durante l'immersione abbiamo eseguito nuovamente un'esercitazione OOA di emergenza, sostituendo le nostre scorte ridondanti mentre nuotavamo.

Abbiamo terminato l'immersione attivando i nostri DSMB e siamo risaliti a 5 metri per effettuare la nostra ultima sosta di sicurezza della giornata. Era giunto il momento di una meritata tazza di tè.

Testo scritto

Registrazione dei dati relativi a gas e tempo
Registrazione dei dati relativi a gas e tempo

Abbiamo completato le revisioni delle conoscenze, che includevano ulteriori calcoli SAC. Sarah sfrecciò attraverso di loro, lasciandomi a lottare con una mente che si rifiutava più di funzionare. è stata una lunga giornata.

I eventually finished. Simon quickly marked the reviews, and then it was high fives and loud whoops all round (well, it was a PADI course, after all!).

I reckon PADI has got it spot on.

This is not a solo-diver course in the true sense, nor was it intended to be. The word “solo” is not used in the course materials – it’s all about self-reliance.

The course provides the diver with the skills, knowledge and mental attitude to undertake dives in a much safer way than ever before within the PADI diving system. Being self-sufficient makes sense, with the emphasis on anticipating, preparing for and dealing with problems if and when they occur.

Tutti i subacquei trarrebbero beneficio da questo corso, sia che vogliano immergersi da soli o meno.

PADI is still the champion of buddy-diving, as it always will be. However, the fact that it now acknowledges that “a suitably qualified and equipped diver with the right mental attitude, if they are prepared to accept the risks involved, can dive independently of another diver” is likely to change “The Way the World Dives” forever.

Underwater photographers will applaud PADI’s new programme. It will be recognised by PADI centres worldwide as opening new doors and creating opportunities for image-making among recreational divers.

In realtà voglio immergermi con altri subacquei. Mi piace la loro compagnia e un secondo paio di occhi è sempre il benvenuto.

Mi piace anche la sicurezza.

Ma mettimi una macchina fotografica tra le mani, o un fondale di capesante davanti a me, e all’improvviso sono una “colomba solitaria”, che cerca attivamente di stare da sola per godersi la mia arte.

I’m not advocating solo-diving, and it’s not for everyone, but the self-reliant diver with the right gear and skills will always be safer under water, even more so as part of a team.

The buddy system isn’t on the verge of extinction. Thanks to the PADI Self Reliant Diver Speciality, it’s just become a whole lot safer.

POLLICI IN SU DAI FOTOGRAFI SUBACQUEI

“I think this is a milestone moment. PADI has confronted what may be recreational scuba’s most divisive issue. PADI is by far the world’s largest recreational scuba training agency. Recognition from PADI means that solo-diving has, overnight, become a legitimate activity.

“At a time when personal freedom to dive has become increasingly restricted for recreational divers, this is a bold move. It’s a bit like repealing Prohibition. Where PADI leads – as it has done on many occasions – the industry follows.

“I think this is the most significant change to recreational diving since PADI introduced the modular scuba course and popularised the sport.

“PADI deserves great credit. Speaking as one who makes a living from providing services to underwater photographers, we will immediately start booking trips for our clients with those operators who embrace the Self-Reliant Diver programme.”

Fotografia subacquea rivenditore di attrezzature e istruttore Steve Warren

“Molto spesso, quando i fotografi sono assorbiti dal soggetto, sono essenzialmente dei subacquei solitari, anche se il loro compagno è nelle vicinanze.

“Se l’industria offrisse ai subacquei le conoscenze, gli strumenti e gli standard per poter contare esclusivamente su se stessi, questo sviluppo rappresenterebbe un importante passo avanti e lo incoraggeremmo”.

Presidente della British Society of Underwater Photographers (BSoUP), JP Trenque

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x