Tecnicamente gratuito: prima un'immersione sui relitti del Truk

Apnea a Truck Lagoon

Apneisti e subacquei tecnici si uniscono per affrontare i relitti della Laguna di Truk in tempo di guerra, con KIRK KRACK e JOHN HULLVERSON che raccontano quella che è stata una spedizione unica

Leggi anche: Le gioie delle immersioni sui relitti

Non c'è niente di meglio che planare su una barriera corallina o un relitto, senza bombole e manichette, legato solo alla superficie dal mio bisogno di un'eventuale boccata d'aria. Tuttavia, come ex trimix istruttore allenatore da quella che sembra una vita fa, mi è piaciuto anche un altro lato immersione, dove sono rimasto in profondità per lunghi periodi con i serbatoi – a volte sei – che mi pendevano addosso.

I tubi si snodavano attorno al mio corpo mentre pinneggiavo al rilascio ritmico delle mie bolle, nel frattempo gli allarmi cinguettavano e i LED lampeggiavano i miei progressi verso la mia eventuale riemersione attraverso fasi di noia durante la decompressione.

Non sto criticando nessuno a cui piaccia, ma non ero esattamente dispiaciuto di iniziare a rinunciare a tutto quando si è presentata l'opportunità di seguire la mia curiosità e passione di sempre per le immersioni in apnea o apnea si è presentata nel 1997. Ho fondato la mia azienda Performance Freediving International (PFI) nel gennaio del 2000, dedicandomi a "Esplora il tuo potenziale in sicurezza attraverso l'educazione", che è rimasto il nostro motto.

Vent'anni dopo ho iniziato a guardare indietro a quel background di immersione tecnica/trimix, per utilizzare quella formazione ed esperienza mentre sviluppavo una nuova forma di apnea, combinandola con veicoli a propulsione subacquea in uno dei migliori parchi giochi del pianeta per le immersioni sui relitti. prima mondiale: una spedizione di apnea alla Laguna di Truk.

Esplorazione del relitto
Esplorazione dei relitti del camion

Esplorando la Laguna di Truk

Da quando è diventata un'immersione istruttore nel 1988 mi chiedevo come sarebbe stato esplorare la Truk Lagoon, nello stato di Chuuk, in Micronesia. Questo cimitero era il luogo in cui dozzine di navi e migliaia di vite andarono perdute durante un terribile tumulto nella storia moderna. Circa cinque anni fa, avevo provato a organizzare una spedizione per l'apnea in scooter di Truk, ma ho incontrato scetticismo riguardo al costo e all'intera idea di trattenere il respiro su e attraverso relitti che a volte si trovano a più di 60 metri di profondità. 

Un'immersione in apnea “touch-and-go” fino a 60 metri è una cosa, ma avere tempo di qualità in profondità per esplorare in modo significativo questi relitti è un'altra cosa e richiede creatività e pianificazione.

Il nostro obiettivo non era semplicemente quello di immergere in apnea i relitti della Truk Lagoon, ma di esplorarla e catturarla con lunghi tempi di fondo dal più superficiale al più profondo dei relitti, per goderne l'esterno e, limitatamente, anche l'interno. E, soprattutto, farlo in sicurezza, con procedure e protocolli, back-up e ridondanze. Non sono il tipo che corre rischi senza prima aver analizzato i rischi: ho una famiglia a casa che mi aspetta.

e HVnFm2G
Utilizzando un DPV

Con John Hullverson e Chris Bustad, dirigenti e istruttori dello staff della PFI, ho unito le forze con un buon amico che guida il team di rebreather di sicurezza al nostro annuale Deja Blue formazione ed eventi competitivi nelle Isole Cayman, Bill Coltart di Pacific Pro Dive.

Bill aveva suggerito un viaggio combinato per il rebreather subacquei tecnologici e apneisti per qualche tempo. La combinazione difficilmente avrebbe potuto essere più perfetta, quindi abbiamo colto al volo l'idea e abbiamo iniziato a mettere in atto un piano: una spedizione congiunta con alcuni dei migliori subacquei tecnici con rebreather e apneisti a Truk.

La Laguna di Truk fu il luogo di una battaglia decisiva della Seconda Guerra Mondiale che ebbe luogo tra le forze statunitensi e giapponesi il 2-16 febbraio 17, e lasciò dietro di sé la flotta fantasma affondata. Nome in codice Operazione Hailstone, l'attacco fu essenzialmente la versione americana di Pearl Harbour, con gli aerei americani che affondarono un'armata di navi giapponesi nelle acque poco profonde dell'atollo e distrussero centinaia di aerei a terra e in aria.

Esplorando i relitti della Laguna di Truk
Attrazioni iconiche dei relitti a Truk

Dopo tutti questi anni, Truk Lagoon è considerato il sito di immersione sui relitti meglio conservato al mondo. Decine di navi e aerei giacciono per lo più intatti e indisturbati a meno di 65 metri d'acqua, pieni di carichi che includono aerei da combattimento, carri armati, bulldozer, vagoni ferroviari, motociclette, siluri, mine, bombe, scatole di munizioni, radio, migliaia di oggetti vari armi, altri manufatti e resti umani. Le navi fungono anche da barriere coralline artificiali e la quantità di vita marina su di esse è sorprendente.

Strumenti per il lavoro

apnea i relitti meno profondi sarebbero piuttosto semplici. Potremmo semplicemente pinneggiare a profondità moderate tra i 20 e i 40 metri, restando lì per due o tre minuti, magari con qualche occasionale immersione in apnea di quattro minuti se dedicassimo più tempo in superficie a prepararci e usassimo le linee per calarci, impiegando quella che chiamiamo “immersione libera”. 

Tuttavia, in una tipica immersione in apnea di due minuti a 40 metri, la discesa e la risalita a 1 metro al secondo ti lasciano in realtà solo circa 40 secondi in profondità se stai moderando il carico di lavoro. Realisticamente, nelle zone dai 40 ai 60 metri e oltre, ciò consentirebbe solo un tocco e via, senza tempo per esplorare e filmare.

Insieme a questo, un'immersione in apnea di 40 metri richiede un intervallo di superficie minimo di otto minuti e più in profondità potrebbe richiedere 14-20 minuti. Nel corso di una giornata, lasceremmo gran parte del relitto inesplorato perché i nostri tempi di fondo sarebbero limitati, il numero di immersioni in un giorno sarebbe piccolo e l'esaurimento avrebbe un prezzo da pagare per 10 giorni. Avevamo bisogno di utilizzare gli strumenti giusti per il lavoro.

Lo saremmo apnea Truk come non era mai stato fatto prima, utilizzando scooter, miscele di ossigeno arricchite e 100% O2 in superficie, utilizzando nuovi protocolli di intervallo di superficie sia per l'aria che per gli intervalli di superficie accelerati quando si utilizza O ad alta percentuale2 miscele. Ciò ci consentirebbe di raggiungere la profondità più velocemente e senza sforzo, esplorare più a lungo e godere di più immersioni in apnea con meno intervalli di superficie richiesti.

Potremmo coprire l'intero relitto in due o tre immersioni, e alcuni in una sola immersione, dove potremmo esplorare e poi concentrarci su un'area di interesse dove potremmo intraprendere una dozzina di immersioni o più.

Apnea in scooter

Mi piace l'apnea con lo scooter. È come saltare su una moto e andare in tournée invece di allacciarsi gli scarponi da trekking e mettersi i propri zaino e camminare nella foresta, che è più in linea con l'apnea. 

Per Deja Blue abbiamo utilizzato gli scooter Piranha di Dive Xtra che, pesando meno di 16 kg, sono veloci, durevoli e affidabili, mentre la batteria a secco ci permette di volare con loro. Gli scooter ci hanno permesso di garantire una profonda sicurezza a tutti i concorrenti durante le loro immersioni, utilizzando un apneista di sicurezza in scooter per accompagnarli per quasi tutta la lunghezza dell'immersione, fino ad almeno 60 metri e spesso più in profondità.  

A Truk John, Chris e io avevamo ciascuno il nostro scooter, dotato di GoPro sia rivolti in avanti che all'indietro, e avremmo fatto affidamento sui Suunto D9 e D4 come nostro principale computer e backup. Ciò ci consentirebbe allarmi accurati di profondità/tempo, profondità preimpostata e tempo per promemoria importanti e calcoli dell'intervallo di superficie che sarebbero fondamentali per evitare problemi DCI. 

Gli scooter ci permetterebbero di raggiungere senza sforzo profondità a oltre 2 metri al secondo e di raddoppiare i nostri tempi di fondo. Non solo aumenterebbero i nostri tempi di fondo funzionali, ma verrebbe eliminato il lavoro di scendere e tornare indietro, consentendo anche un tempo più rilassato per avventurarsi ed esplorare.

Ciò è stato dimostrato dalla capacità di eseguire regolarmente tempi di apnea medi di 3 minuti e 30 secondi o più mentre si lavorava in modo piuttosto aggressivo filmando ed esplorando. 

Tuttavia, dovevamo sempre ricordare la regola più importante con uno scooter: “Non andare mai più in profondità o rimanere più a lungo di quanto non potresti abbandonare lo scooter e risalire autonomamente”. Dovevamo anche assicurarci di risalire da dove eravamo scesi in modo che i nostri subacquei di sicurezza fossero lì.

Apnea tecnica

Apnea nei relitti
Immergersi nei relitti del Truk

Apnea tecnica era la nostra altra implementazione. Questa immersione in apnea, utilizzando anche miscele di ossigeno arricchito come gas respiratori di superficie, aiuta a eliminare l'azoto e ad aumentare la disponibilità di ossigeno ai tessuti.

Utilizzato sia prima che/o dopo l'apnea, arricchito O2 miscele (più comunemente Nitrox 32 o 36 pre-immersione e 100% 02 post-immersione) possono ridurre l'affaticamento, lo stress da decompressione e gli intervalli di superficie, aumentando al tempo stesso i tempi di apnea e accelerando il recupero. 

Concettualizzando questa idea a metà degli anni '1990, PFI ha testato questi protocolli per diversi anni, con i nostri apneisti di sicurezza Deja Blue che utilizzavano Nitrox pre-immersione con grande successo. Un enorme vantaggio è stato l’utilizzo di miscele di ossigeno pari o superiori all’80% in combinazione con i nostri nuovi protocolli di intervallo di superficie, che ci hanno permesso di ridurre gli intervalli di superficie fino al 40% e di effettuare più immersioni in apnea per sessione con meno fatica alla fine della giornata. Ciò ha eliminato anche qualsiasi stress da decompressione. 

Alla fine, i tempi di apnea sono stati in media tra 3 minuti e 3 minuti e 45 secondi, di cui 2 minuti e 2 minuti e 45 secondi come "tempo di fondo" nell'intervallo 40-60 metri. Su una circumnavigazione del Rio De Janeiro Maru, che si trovava nel raggio di 35 m, ho fatto qualche giro turistico rilassato in scooter per un tempo totale di 5 minuti e 46 secondi, mentre un'altra immersione ha consentito un'esplorazione pigra del fondale di 6 minuti e 8 secondi a 31 m. Risalendo da lì è stato difficile recuperare in superficie respirando tra le risatine, era stato davvero divertente.

I relitti

Nel corso di 10 giorni di immersione ci siamo immersi su 17 relitti, da navi mercantili da 3,700 tonnellate come la Nippo Maru ai bombardieri Zero e Betty giapponesi, e persino a un sottomarino che conteneva ancora i resti dello sfortunato equipaggio. Erano morti quando il loro comandante, temendo un imminente attacco aereo, aveva ordinato al sottomarino di tuffarsi prima che tutti i portelli fossero stati chiusi.  

Durante le nostre immersioni intorno e nelle stive di questi relitti abbiamo visto carri armati, camion, un bulldozer, mine terrestri, milioni di proiettili di mitragliatrice, casse di bottiglie di birra, tutta una serie di macchinari, forniture ed effetti personali come medicinali - bottiglie e stoviglie di porcellana fine.

E sì, anche i resti umani, che servivano a ricordare che i relitti di cui stavamo godendo erano stati affondati durante una battaglia ferocemente intensa che doveva essere sembrata l'Inferno in Terra agli uomini a bordo.  

Gli Yamagiri
Il relitto dello Yamagiri

Procedure di immersione

Le nostre giornate di immersione sono iniziate con il capitano della nostra barca da crociera che ci ha informato sul particolare relitto su cui ci saremmo immersi, seguito da un incontro di squadra tra gli apneisti e l'equipaggio del rebreather per esaminare le immersioni specifiche e i piani di sicurezza che avremmo seguito.  

Successivamente, è uscito sull'enorme ponte per le immersioni per vestirci e preparare la nostra attrezzatura per l'immersione. Per apnea tecnica, che includeva l'analisi delle bombole per garantire che avessimo la corretta miscela di gas da respirare prima e dopo le nostre immersioni.  

La nostra attrezzatura era composta da due robusti galleggianti Gannet che supportavano una barra in fibra di carbonio di 5 metri che fungeva da "base di partenza" in acqua. Attaccati alla barra c'erano i supporti per le due bombole: una nitrox per la respirazione pre-immersione e una 0.2 per il recupero in superficie post-immersione. Fissavamo l'attrezzatura alle boe di ormeggio, che di solito conducevano al ponte o ai pali dei relitti.

Dopo un adeguato riscaldamento, John, Chris e io abbiamo esplorato a turno il fantastico parco giochi sottomarino. Una nota importante sulla sicurezza: l'apnea tecnica e l'apnea in ambienti sopraelevati, come l'interno di relitti affondati, richiedono conoscenze specializzate, formazione, competenza e pianificazione, e non dovrebbero essere tentati in assenza di uno qualsiasi di questi fattori.

La nostra tipica immersione inizia con un intervallo di superficie appropriato seguito da una respirazione e un'inspirazione di picco effettuata direttamente dal nitrox. regolatore. Gli scooter ci hanno permesso di raggiungere i relitti, di solito in circa 20 secondi.

Da lì seguivamo un piano di esplorazione predeterminato, di solito un giro del ponte, sul quale erano sistemati vari equipaggiamenti come carri armati e cannoni antiaerei, oppure un'esplorazione delle stive interne e dei passaggi delle navi. Contenevano un'incredibile varietà di carichi, da aerei e parti di aerei a mine, siluri e periscopi.

L'uso dell'apnea tecnica e degli scooter ha dato i benefici attesi ed eravamo entusiasti di poterci godere immersioni di più di tre minuti con totale facilità. È stata una quantità di tempo significativa per osservare ciò che ci circondava e gli scooter ci hanno permesso di coprire molto territorio. Non era raro per noi circumnavigare completamente queste grandi imbarcazioni in una sola immersione.  

Momenti salienti del viaggio

Esplorare in profondità all'interno delle varie sale macchine (mantenendo sempre una visione chiara del percorso verso l'acqua blu all'esterno) e zoomare lungo le passerelle esterne per esplorare l'intera lunghezza della nave sono tra i nostri punti salienti. Era affascinante vedere i fori dei siluri negli scafi, o gli enormi crateri delle bombe sui ponti, che avevano portato sul fondo quelle enormi navi. 

Durante il nostro ultimo giorno di immersione, ci siamo immersi Hoki Maru, una nave mercantile di 137 metri appoggiata a 50 metri. I nostri protocolli avevano dimostrato il loro valore e, nei 10 giorni precedenti, avevamo completato con successo quella che, a nostra conoscenza, era la prima spedizione di apnea per esplorare la famosa flotta fantasma della laguna di Truk.

Questi relitti offrono un'enorme varietà di opzioni per esplorare una parte importante della storia navale della Seconda Guerra Mondiale.

La crociera: L'Odissea di Truk

L'Odissea di Truk è una spaziosa barca di 40 metri dotata di sette cabine con letti king-size o due letti gemelli e due cabine singole private. Tutte dispongono di bagno privato, aria condizionata e lettore DVD. C'è un'ampia sala da pranzo e una sala intrattenimento separata con TV, videoregistratore, DVD, stereo, biblioteca e bar per rilassarsi dopo una dura giornata di immersioni sui relitti.

Sul ponte delle immersioni ci sono armadietti personali per le immersioni, cisterne per il risciacquo, doccia con acqua dolce e asciugamani caldi. I fotografi troveranno un tavolo per fotocamera a tre livelli e una stazione di ricarica. I trasferimenti dall'aeroporto sono forniti come parte del pacchetto charter.

Fotografie di Al Hornsby

Anche su Divernet: Più in profondità in Truk, Pellegrinaggio arrugginito, Pellegrinaggio arrugginito parte 2

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x