Snap!

archivio – CaribbeanSnap!

NICK & CAROLINE ROBERTSON-BROWN avrebbero senza dubbio ottenuto ottimi risultati se avessero mai montato obiettivi macro nella zona sud-orientale di Cuba, ricca di vita marina, ma perché avrebbero dovuto farlo, con così tante spettacolari cose in giro?

NON ERA MAI SUCCESSO VERAMENTE a nessuno di noi che un giorno saremmo, volentieri, entrati in acqua con un grosso coccodrillo. Ad essere sinceri, perché dovrebbe venirci in mente? Ci sono pochissime opportunità per poterlo fare in qualsiasi parte del mondo, e la maggior parte delle persone penserebbe che un subacqueo sia completamente fuori di testa anche solo a prenderlo in considerazione.
Eppure, qui ci siamo ritrovati a scivolare da una barca piuttosto piccola nel limo profondo fino alle ginocchia, a solo un paio di piedi da un coccodrillo americano di 3 metri. In modo rassicurante, la nostra guida era in piedi sulla prua di questa "barca piuttosto piccola" con in mano uno spazzolone, nel caso qualcosa fosse andato storto.
"Che cosa potrebbe andare storto?" ci siamo chiesti l'un l'altro mentre preparavamo le nostre macchine fotografiche e scivolavamo, con cautela, verso questo rettile sorridente, avvicinandoci sempre di più per cercare di scattare una foto del sorriso a trentadue denti del coccodrillo. Affrettato!
Jardines de la Reina era presumibilmente il luogo di immersione preferito di Fidel Castro, e quando ti immergi lì puoi capire perché. Ad ogni immersione l'acqua è cristallina e di un perfetto azzurro caraibico. Ognuna delle numerose barriere coralline è incontaminata, con enormi spugne, bellissime gorgonie e coralli duri e molli colorati che esplodono da ogni superficie.
Il nome si traduce, dallo spagnolo, come Giardino delle Regine, e l'intera area è un parco marino privato dal 2002, con un numero limitato di subacquei autorizzati a visitarlo ogni anno.
L'arcipelago comprende un insieme di isole, isolotti ricoperti di mangrovie, alghe e barriere coralline, e per arrivarci è necessario sottoporsi a un trasferimento su strada da far rizzare i capelli dall'Avana che dura sei o sette ore, ed è probabilmente l'unico posto al mondo. mondo in cui vedrai carri trainati da cavalli in autostrada.
Ci vorrà quindi un tempo simile sulla crociera mentre attraversi il canale poco profondo fino alla baia che sarà la tua casa per tutta la durata della tua visita.
Ci stavamo immergendo con Avalon e stavamo sulla barca che ci ha portato al sito, Georgiana. Siamo stati molto fortunati, perché il viaggio consisteva in pochi foto professionisti (inclusi noi) e una manciata di studenti appassionati.
Quindi le nostre immersioni sarebbero state poco affollate e ci sarebbe stato molto spazio per tutta la nostra attrezzatura fotografica sulla barca per immersioni più piccola che usavamo quotidianamente.
Il ponte superiore del Georgiana è stato dedicato ad una spaziosa sala da pranzo/area sociale e si è rivelato un luogo ideale per sedersi, rilassarsi, modificare alcune immagini e chiacchierare delle immersioni della giornata, mentre il sole subtropicale calava rapidamente verso l'orizzonte.

IL PERSONALE ERA ECCELLENTE, con prelibatezze che ci aspettano dopo ogni immersione, e un cocktail e una fetta di pizza calda mentre tornavi alla nave madre dopo l'ultima immersione della giornata.
Solo uno problema spicca davvero, e quella era la mancanza di connessione wi-fi. Ok, abbiamo capito! Cosa ti aspetti in mezzo al nulla su una piccola barca per immersioni subacquee?
Ci avevano però detto che ci sarebbe stato il wi-fi, e in realtà un paio di noi ne avevano bisogno per inevitabili impegni di lavoro, ma per avere un minimo di speranza in un segnale dovevamo appendere alla ringhiera di prua della barca – alle 4 del mattino.
Sorprendentemente, ogni volta che andavamo a provarlo c'era sempre qualcun altro che faceva lo stesso! La conclusione è questa: non aspettarti di caricare sui social media le fantastiche immagini che puoi ottenere qui, almeno non finché non torni sulla terraferma.
Durante la nostra prima immersione siamo stati informati che avremmo fatto un giro del sistema della barriera corallina, e poi al nostro ritorno che avremmo trovato squali seta intorno alla barca per goderci durante una lunga sosta di sicurezza.
L'equipaggio ha messo una testa di pesce in una scatola per esche e l'ha appesa alla poppa della barca per attirare dalle acque circostanti questi eleganti squali, probabilmente i più belli.
Mentre rotolavamo fuori bordo, tuttavia, i Silkies erano già arrivati ​​e, inevitabilmente, abbiamo abbandonato la nostra immersione nella barriera corallina e abbiamo trascorso 90 minuti in acque blu poco profonde fotografandoli mentre volteggiavano sempre più vicini a noi. È stato fantastico e un'esperienza che da sola valeva la distanza percorsa.
Tuttavia, Jardines de la Reina ha molto altro da offrire oltre ai sete e ai coccodrilli. Enormi cernie Golia pattugliano le barriere coralline, a volte appoggiandosi sul fondo e permettendo ai subacquei di avvicinarsi molto.
Le barriere coralline pullulano di pesci e i barracuda si nascondono nell'ombra in attesa di prede ignare.
In alcune immersioni, le guide portavano una scatola di esche sulla barriera corallina, attirando un buon numero di squali del reef caraibico e lo strano squalo nutrice, insieme a diverse specie di cernie.
Ciò ha reso possibile alcune delle migliori immersioni nei Caraibi che abbiamo mai incontrato, con l'acqua calda e cristallina che lo rende un posto spettacolare per le immersioni con gli squali.

QUANDO POSSIBILE, durante il nostro intervallo di superficie, entreremmo in una baia sabbiosa e scenderemo dalla barca per esplorare una delle piccole isole. Proveremo a trovare le iguane e il roditore locale di cui non avevamo mai sentito parlare prima, l'adorabile hutia, che si rifugia tra le mangrovie.
Tuttavia, nei Jardines de la Reina c'è molto di più oltre agli squali, alle cernie e ai coccodrilli. Le barriere coralline sono in condizioni magnifiche e molte persone che erano in questo viaggio con noi hanno occasionalmente indossato il loro obiettivo macro per avvicinarsi alle cose più piccole.
Le barriere coralline di questo arcipelago sono tra le migliori che abbiamo visto in tutti i Caraibi, quindi ce n'è in abbondanza per coloro a cui piace cambiare ritmo con la macro fotografia, con granchietti e gamberetti nascosti tra le spugne, e le lumache dalla lingua di fenicottero sulle gorgonie viola e rosa.
C'è anche molta vita ittica, con anguille che popolano ogni possibile fessura e minuscole bavose segretarie che sporgono la testa dalle dure strutture di corallo.
C'è, tuttavia, un piccolo problema quando cerchi di catturare immagini di cose più piccole, ed è questo che fai costantemente foto-bombardato dagli squali del reef caraibico, dagli squali nutrice e occasionalmente dalla cernia, tutti desiderosi di far parte della tua collezione fotografica.
Vedrai numerosi banchi di pesci della barriera corallina di tutti i colori, insieme a pesci pappagallo dai colori vivaci che pattugliano costantemente la barriera corallina. Tuttavia, durante tutto il tempo trascorso immergendoci in queste acque non abbiamo messo i nostri obiettivi macro sulle fotocamere.
Il potenziale della vita marina grandangolare con gli squali, le cernie e i coccodrilli era semplicemente troppo allettante per noi, e abbiamo sempre pensato che, se fossimo andati alla macro, ci saremmo sicuramente persi qualcosa di speciale.

LA NOSTRA ATTIVITÀ SUBACQUEA PREFERITA era ancora quello di cui avevamo goduto il nostro primo giorno, gli incontri in acque poco profonde con gli squali seta. Fortunatamente, il nostro gruppo aveva la stessa mentalità e quindi, ogni volta che potevamo, trascorrevamo gran parte delle nostre immersioni in bilico a 5-8 metri, aspettando che questi spettacolari squali si avvicinassero.
Tra queste immersioni, potremmo tornare alla nave madre o fermarci vicino a una mangrovia per vedere se riusciamo a individuare un coccodrillo compiacente. Le guide qui conoscono ogni individuo e ce ne sono alcune con cui sono felici che tu entri in acqua. Sono abituati ai subacquei e sembrano completamente indifferenti alla nostra presenza.
Quindi quando si è presentata l’occasione è stato impossibile rifiutarla. Per entrambi è stato il momento clou del viaggio; trovarsi faccia a faccia con un predatore così insolito, preistorico e di grandi dimensioni. Lo rifaremmo in un lampo.
Avevamo già fatto una sosta notturna all'Avana all'inizio del nostro viaggio, ma poiché siamo arrivati ​​a tarda notte ed eravamo sul pullman la mattina molto presto, non abbiamo avuto l'opportunità di vivere la città. Quindi abbiamo chiesto di includere altre due notti alla fine del viaggio.
L'Avana è una città vivace, anche se un po' fatiscente, da non perdere.
Durante il giorno, ci assicuravamo di fare l'idea turistica di fare un giro per la città in una delle classiche auto con tetto in tela degli anni '1950, e la sera andavamo fuori per cocktail, musica dal vivo, balli e cibo fatto in casa ( mangiato nel soggiorno di qualcuno).
Le persone sono cordiali e amichevoli e questa è una città ricca di storia.
I tempi stanno cambiando per Cuba e potrebbe non rimanere così a lungo. Quindi, a parte le stupende immersioni, questo è un momento fantastico per recarsi lì prima che si trasformi per sempre.

FATTO
ARRIVARCI: Nick e Caroline hanno volato da Manchester all'Avana, via Parigi, con Air France, airfrance.co.uk
IMMERSIONI E ALLOGGIO: Crociera subacquea Avalon Georgiana, cubandivingcenters.com, Iberostar 4* nel centro dell'Avana, hoteliberostarparquecentral.com-cuba.com
QUANDO ANDIAMO: Le immersioni a Jardines de la Reina sono disponibili tutto l'anno, ma la stagione secca va da novembre ad aprile. Il viaggio descritto è avvenuto a dicembre e gli autori hanno descritto le condizioni come “perfette”
I SOLDI: Peso cubano convertibile (CUC). Utilizza il bancomat in aeroporto o cambia in hotel.
PREZZI: The Scuba Place ha organizzato il viaggio - con voli, trasferimenti, tre notti all'Avana, sette notti sull'Avalon Georgiana più immersioni, pasti, bevande e una bottiglia di rum ogni notte da condividere è arrivato a £ 3600 a persona, thescubadivingplace.co.uk
INFORMAZIONI SUI VISITATORI: travel2cuba.co.uk

Apparso su DIVER giugno 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x