Piccola Isola – GRANDE GRANDE RELITTO

archivio – RelittiSmall Island – BIG BIG WRECK

Il fotografo subacqueo MATIAS ALEXANDRO è andato a Ibiza per la prima volta come snorkeler insoddisfatto, ma ora è il più grande relitto del Mediterraneo a profondità di immersione standard che ha catturato la sua immaginazione. È enorme!

IBIZA È UNA DELLE BALEARI Isole, arcipelago della Spagna nel Mar Mediterraneo. È noto per la sua vivace vita notturna, ma ospita anche villaggi tranquilli e ritiri yoga. Le sue spiagge spaziano da calette affollate e affollate a tranquille calette sabbiose con alle spalle colline ricoperte di pini: in ogni caso, si trovano lungo tutta la costa. 
Prendendo occupazione di tutto, dalle lussuose ville private agli ostelli economici, i turisti vengono in cerca di sole, mare, musica e sieste, ma per me Ibiza è tutta una questione di immersioni.
La prima volta che ci sono andato, 10 anni fa, ho fatto snorkeling e sono rimasto piuttosto deluso da quello che ho trovato, o meglio, non sono riuscito a trovare. Non c'erano molti pesci nel mare, niente coralli e molte meduse.
Tuttavia, la visibilità era come quella dei Caraibi, quindi ho deciso di fare il mio PADI Open Water Corso subacqueo lì, sperando che le immersioni mi portassero a profondità alle quali avrei potuto vedere più prove della vita marina del Mediterraneo.
Durante quelle prime immersioni ho visto scorfani, murene, polpi e seppie, ma è stato solo durante la mia ultima immersione, quando stavamo per fare una sosta di sicurezza, che ho notato sette delfini dirigersi verso di noi.
Ci nuotarono intorno per qualche istante e poi proseguirono per la loro strada.
Sono tornato alla scuola di immersioni molto emozionato. Era la prima volta che vedevo i delfini selvatici così da vicino.
Potrebbe essere stata la fortuna del principiante, ma volevo disperatamente tornare in acqua e vedere cos'altro c'era là fuori.
Non tutti sembravano essere felici come lo ero io dopo il mio primo giorno di immersioni.
Ho sentito per caso uno degli armatori parlare con lo skipper di una nave mercantile affondata poche settimane prima.
C’erano state molte speculazioni sugli effetti del naufragio sul turismo di Ibiza e, soprattutto, sull’ambiente e sulle acque incontaminate dell’isola. 
La Don Pedro, una moderna nave portacontainer e traghetto per camion da 8000 tonnellate, affondò la mattina dell'11 giugno 2007. Pochi minuti dopo aver lasciato il porto di Ibiza, diretta a Valencia, la nave si diresse invece verso Maiorca.
L'equipaggio si rese conto dell'errore e cambiò rapidamente rotta, il che portò la nave a schiantarsi contro una barriera corallina chiamata Dado Pequeño, una delle piccole isole vicino all'ingresso del porto e un sito di immersione noto per la sua vita marina.
I 18 membri dell'equipaggio e i passeggeri furono salvati senza vittime, ma la gigantesca nave fu forata fatalmente e affondò entro 45 minuti. Seguì un’operazione di successo per rimuovere l’olio combustibile pesante dai bunker di Don Pedro, insieme al diesel leggero e ai prodotti chimici dai suoi contenitori che minacciavano di inquinare l’ambiente di Ibiza. 
I sommozzatori hanno lavorato per molti mesi per chiudere le perdite di carburante e rimuovere le sostanze velenose. A quanto pare, questa scena del disastro si sarebbe trasformata nella migliore risorsa subacquea dell’isola.

AVANTI VELOCE AL 2016, e sono tornato a Ibiza per vedere il Don Pedro.
Saliremo a bordo della barca e ci dirigeremo a sud dal porto di Ibiza, passando per l'isolotto di Dado Pequeño. 
Lo skipper spegne i motori in mezzo al nulla e un istruttore salta in acqua.
Mentre ci guardiamo tutti, confusi dall'improvvisa scomparsa del istruttore, lo skipper ride di noi e indica la boa che segna la posizione di Don Pedro, nascosto a soli 11 metri sotto la superficie.
Prepariamo la nostra attrezzatura, facciamo un riassunto del nostro briefing e ci tuffiamo, iniziando la discesa e naturalmente aspettandoci di vedere un'enorme nave mercantile. Invece l’unica cosa visibile è un mare turchese e vuoto.
Per un secondo penso che siamo nel posto sbagliato. Come potremmo non vedere un relitto così grande? Forse non assomiglia affatto allo spettacolo che avevo immaginato. Continuiamo ad andare più in profondità e comincio a distinguere un'ombra scura sotto di me.
Continuiamo fino a 26 metri, momento in cui abbiamo raggiunto lo scafo della nave - ed è allora che inizio ad apprezzare le dimensioni di questo ragazzone. Non riesco a capire quale parte della barca sto guardando: tutto quello che posso vedere è una gigantesca struttura metallica.
Poi, a 35 metri, vedo l'enorme elica, più grande di qualsiasi altra abbia mai visto prima. Lo oltrepassiamo e tocchiamo il fondo sabbioso scuro. Arriviamo a 47m, dove ricordo che era molto buio.
Mentre iniziamo la nostra lenta risalita c'è molta vita da vedere: oltrepassando la rampa di poppa, ad esempio, è chiaro che i grandi scorfani hanno fatto di questa parte del relitto la loro casa. I barracuda di pattuglia danno la caccia ai pesci più piccoli che cercano di nascondersi tra le fronde che crescono all'esterno della nave.
L'immersione è un'esperienza straordinaria, ma sembra che tutto avvenga troppo in fretta. Le immersioni profonde non durano a lungo e voglio vedere di più di Don Pedro e avere un'altra possibilità di fotografare questo relitto lungo 142 metri e le creature che ci vivono.

DECIDO DI ESTENDERE la mia Ibiza vacanza immergersi di nuovo nel Don Pedro.
Durante la mia seconda immersione raggiungiamo il punto rettangolare di ingresso allo scafo a 26 metri, che è l'unica immersione consentita all'interno del relitto: tutti gli altri percorsi all'interno della nave sono considerati pericolosi e di conseguenza vietati.
Con la mia torcia che illumina il nostro percorso all'interno del guscio della nave, riesco a scattare qualche foto ai gradini e alle pareti arrugginite prima di scendere sul fondo sabbioso a 45 m. Il mio compagno comincia a sentirsi un po' strano, dandomi il segnale di salire qualche metro.
Penso che sia la profondità a giocare con la sua testa, quindi saliamo fino a circa 30 metri, ci rilassiamo qualche minuto e poi mi dà il segno di OK per proseguire. 
Finalmente ho tempo per concentrarmi nel fotografare la vita intorno a me. Ho visto aragoste nascondersi sotto le colorate alghe e scorfani riposare pacificamente sulla superficie frastagliata del ponte ricoperta di vegetazione. 
Mentre iniziamo la lenta salita riesco a catturare un'immagine della cima del relitto che dà un'idea di quanto sia maestoso, unico e fiorente Don Pedro.
Una barriera corallina artificiale accidentale, costruita in modo permanente nei fondali marini al largo di Ibiza, dove molte specie meravigliose hanno trovato un nuovo rifugio e creato il proprio ecosistema.

FATTO
ARRIVARCI: Voli economici dal Regno Unito con Norwegian e altre compagnie aeree.
IMMERSIONI E ALLOGGIO: Punta Dive Ibiza ha tre centri: Cala Martina è un resort IDC PADI 5*, puntadive.com
QUANDO ANDIAMO: Maggio, giugno, settembre e inizio ottobre. Ibiza è affollata e più costosa nei mesi di luglio e agosto. Temperature estive dell'acqua 22-28°.
MONETA: Euro.
PREZZI: Voli andata e ritorno da £75. Matias ha soggiornato in un appartamento AirBnB per 85 euro a notte. Due immersioni costano 74 euro
INFORMAZIONI SUI VISITATORI: www.ibiza.travel/en

Apparso su DIVER giugno 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x