Riservato agli Angeli

SUBACQUEO DI GRAN CANARIA

NIGEL MARSH e HELEN ROSE viaggiano dall'altra parte del mondo per vedere un'unica specie di squalo a Gran Canaria, e nel frattempo trovano una riserva marina stracolma di vita. Dal Regno Unito, al confronto, è un semplice salto.

Nella riserva marina vengono regolarmente avvistati immensi banchi di pesci, incluso il grugnito bastardo.

LE ISOLE CANARIE sono un'immersione-vacanza destinazione che non avrei mai pensato di visitare. Vivendo in Australia, non sapevo molto di queste isole rocciose, anche se compaiono in quello che era uno dei miei film preferiti da adolescente, Un milione di anni a.C.

È stato solo quando sono diventato un sub che ho imparato qualcosa sulle Isole Canarie, soprattutto che erano popolari tra i sub europei. Ma com'erano dall'altra parte del pianeta, anche il pensiero di Raquel Welch che attraversava il terreno nel suo bikini di pelliccia non poteva convincermi della destinazione.

La mia opinione è cambiata diversi anni fa, quando ho sentito che le isole sono il posto migliore per vedere gli squali angelo comuni. Con una grande passione per gli squali, sapevo che un giorno sarei dovuto arrivare lì per incontrare questa specie in grave pericolo di estinzione.

La mia occasione è finalmente arrivata lo scorso settembre, quando un'amica ci ha chiesto di accompagnarla in un viaggio speciale in Spagna e Marocco per festeggiare il suo cinquantesimo compleanno. Ho negoziato rapidamente una settimana in più nell'itinerario in modo da poter immergerci nelle Isole Canarie.

SONO DOZZINE di posti in cui immergersi in questo gruppo di isole nel mezzo dell'Atlantico e innumerevoli operazioni di immersione, ma ho capito subito dove volevo andare: Arinaga a Gran Canaria.

L'anno scorso ho scritto un libro sugli squali con Andy Murch e lui mi aveva consigliato Arinaga come il posto migliore per i comuni squali angelo. Mi ha messo in contatto con Brian Goldthorpe, proprietario di Davy Jones Diving, e abbiamo organizzato cinque giorni di immersioni.

0119 squalo angelo delle canarie
Nigel ed Helen avevano viaggiato dall'altra parte del mondo per vederlo: un cucciolo di squalo angelo comune.

Tutte le immersioni al largo di Arinaga vengono effettuate nella Riserva Marina di El Cabron e le nostre ricerche hanno dimostrato che c'era molto altro da vedere lì oltre agli squali angelo.

Abbiamo anche scoperto che settembre non è il periodo migliore per gli angeli, poiché preferiscono le temperature dell'acqua più fresche nei mesi invernali, ma con il viaggio tutto prenotato non potevamo cambiare i piani solo per soddisfare il mio desiderio di immergermi con loro.

Finalmente arrivati ​​a Gran Canaria di notte, abbiamo alloggiato nel nostro appartamento e non abbiamo potuto apprezzare l'ambiente circostante fino al mattino successivo. Arinaga è una piccola cittadina sulla spiaggia, ma non è affatto una destinazione da cartolina, con la sua costa rocciosa e le spiagge di sabbia grigia circondate da un paesaggio desertico.

Come subacquei, tuttavia, abbiamo potuto notare subito il fascino, il terreno roccioso che scende in acque molto limpide.

Venuti a prendere da Brian dopo colazione, abbiamo completato i nostri documenti e abbiamo seguito il briefing sulle immersioni nella riserva marina. Ha spiegato che contiene una dozzina di siti di immersione, anche se molti possono essere coperti in una singola immersione. Ha anche spiegato che si tratta di immersioni dalla riva, con entrate e uscite sugli scogli o dalla spiaggia, a seconda del sito.

Con l'attrezzatura caricata nell'auto di Brian, ci siamo diretti per 15 minuti lungo la strada fino alla riserva. L'arrampicata sulle rocce a Table Top non è stata troppo difficile, anche portando con sé un grande sistema fotografico, e una volta in acqua siamo rimasti sorpresi di trovare una visibilità vicina ai 30 metri.

FINAZIONE FINITA la barriera corallina rocciosa, siamo stati subito affascinati dalle specie ittiche locali: il grazioso pesce pappagallo mediterraneo, il simpatico pesce palla della Guinea, le donzelle dell'Atlantico che cambiano colore e il curioso pesce di roccia.

0119 pesce pappagallo delle canaria
I pesci più colorati al largo di Gran Canaria sono i pesci pappagallo del Mediterraneo.

Numerose erano anche le specie di orata, in branco e solitaria, tra cui quelle zebrate, bianche, striate, sellate, fasciate di rosso e comuni a due fasce.

Seguendo Brian lungo il reef roccioso, i piccoli massi nelle acque basse hanno rapidamente lasciato il posto a una serie di canali e pareti che scendono sulla sabbia grigia a 20 metri.

Questa era l'area che non vedevo l'ora di esplorare, perché la sabbia è il luogo in cui vivono gli squali angelo. Questi predatori di imboscate trascorrono la maggior parte del loro tempo nascosti sotto uno strato di materiale, il che ovviamente può renderli difficili da trovare.

La sabbia sembrava arida a prima vista, ma presto abbiamo individuato sogliole, passere, pesci rasoio, pesci lucertola, pesci palla e graziosi tessitori stellati. Sulla sabbia c'era anche una colonia di anguille marroni, ma si seppellivano rapidamente prima che potessimo avvicinarci con la macchina fotografica.

Navigando sulla sabbia, ma rimanendo vicino al bordo della barriera corallina, ci siamo imbattuti in un banco di pagro rosso, poi in una razza gialla e infine in una piccola seppia africana. Abbiamo anche visto diversi punti in cui gli squali angelo si nascondevano nella sabbia ma, sfortunatamente, è tutto.

Nuotando indietro oltre la barriera rocciosa, due cose ci sono sembrate molto insolite: i lombrichi e gli isopodi. I vermi del fuoco, noti anche come vermi delle setole, sono generalmente attivi di notte, e anche in questo caso vengono visti solo occasionalmente, ma in questa immersione ne avevamo notati più di una dozzina che strisciavano sulle rocce e sulle alghe.

Ancora più strano era il numero degli isopodi: un pesce su due della barriera corallina aveva uno o più di questi parassiti succhiatori di sangue attaccati. Avremmo dovuto ripetere questa insolita osservazione in ogni sito in cui ci immergevamo.

Naturalmente si potevano vedere altre specie di invertebrati, tra cui gamberetti pulitori, granchi freccia, anemoni, stelle marine, cetrioli di mare, lepri di mare, lumache di mare e polpi.

Esplorando una serie di sporgenze e grotte, Brian ha segnalato cernie scure e insulari, occhi di vetro, pesci cardinale, scorfani e pesci tromba.

Ma il momento clou dell'immersione è arrivato verso la fine, quando Brian ha avvistato una murena tigre. Ci sono diverse specie di murene nella riserva marina, ma questa è la più spettacolare, con la sua pelle gialla e marrone e una bocca piena di denti sovradimensionati.

Non abbiamo trovato uno squalo angelo, ma questa immersione a Table Top è stata un'ottima introduzione ad alcune delle 400 specie che si trovano nella Riserva Marina di El Cabron.

Dopo pranzo ci siamo immersi in un sito chiamato Two Caves. Ancora una volta la vita ittica era impressionante, con banchi di orate, pesci capra e grugniti che ricoprivano la barriera corallina in alcuni punti, e anche numerose grotte da esplorare. In una grotta c'era una minuscola aragosta di locusta europea, mentre in un'altra una puntura rotonda

raggio dormiva.

Altre grotte ospitavano orate, cernie, granchi freccia e aragoste. Ancora una volta abbiamo trascorso del tempo sulla sabbia, alla ricerca di uno sfuggente squalo angelo, ma senza fortuna.

Abbiamo visto alcune razze gialle, ma abbiamo mancato la razza farfalla spinosa vista da altri gruppi di Davy Jones. Brian in seguito ci informò di aver visto circa 10 specie di razze nella riserva marina.

ESPLORANDO LE sporgenze, grotte e canaletti abbiamo trovato polpi, lumache di mare, pesci palla e una rara cernia gialla dell'isola. Brian ha cercato nella barriera corallina il cavalluccio marino comune residente ma, come lo squalo angelo, ci è sfuggito.

0119 relitto canaria cermona
Helen esplora il naufragio affondato della Cermona II.

Abbiamo invece trovato gruppi di bavose pelose che dovevano essere pronte ad accoppiarsi, perché stavano combattendo.

Nei tre giorni successivi abbiamo goduto di meravigliose immersioni a Luna Reef, Hole in the Wall, Los Roncadores, Punta de la Sol, Playa Risco Verde e Punta de la Monja.

Abbiamo esplorato grotte, pareti, grondaie, praterie di fanerogame e vaste distese di sabbia. Abbiamo visto molti pesci della barriera corallina e pelagici, razze e specie di invertebrati, ma ancora nessuno squalo angelo. Abbiamo anche fatto una gita di un giorno all'estremità meridionale di Gran Canaria, con Brian che ha organizzato due immersioni in barca con Canary Island Adventures a Taurito.

La prima immersione sul compatto relitto del Cermona II fu impressionante, perché straripava di pesci.

Riposato a 20 metri, il relitto si è aperto e ospita pesci trombetta, cernie, pesci pappagallo, murene e banchi di orate, grugniti e barracuda.

Durante l'immersione siamo stati anche circondati da un sottomarino pieno di turisti con gli occhi spalancati. Era come essere in un bizzarro filmato animato dei Beatles, con questo sottomarino giallo che ci seguiva in giro.

La seconda immersione non è stata altrettanto bella, esplorando un reef roccioso e una pianura sabbiosa a Perchel. Anche se la visibilità era buona a circa 20 metri, la vita marina era evidente per la sua assenza: una razza, una polipo e una scarsa popolazione di pesci della barriera corallina.

Ci ha davvero fatto apprezzare la ricca diversità delle specie di El Cabron.

CON GLI SQUALI ANGELO ancora sfuggendoci, Brian ha suggerito un'immersione notturna come nostra ultima speranza, perché gli squali sono più attivi di notte quando si nutrono.

Immergendoci al largo della spiaggia di Playa del Cabron, abbiamo prima esplorato la barriera corallina rocciosa nelle acque basse. Qui abbiamo trovato lepri di mare maculate in accoppiamento, dozzine di loro in lunghe catene di accoppiamento. Abbiamo trovato anche pesci addormentati, granchi freccia, aragoste locuste europee, gamberetti danzanti, stelle fragili, pesci comuni polipo, lumache di mare, seppie africane e un grandissimo pesce palla spinoso.

Dirigendoci sulla sabbia abbiamo avvistato alcuni gronghi dai denti larghi che emergevano dal loro nascondiglio diurno, un grazioso anemone tubolare e tessitori stellati addormentati, ma un polipo è stata una grande scoperta.

Questi cefalopodi arancioni vivono nella sabbia e vengono visti dai subacquei solo di notte. Abbiamo girato innumerevoli immagini come polipo strisciava lentamente sul fondo del mare.

Esplorando la sabbia, ho agitato la mia torcia avanti e indietro nella speranza di illuminare uno squalo angelo. Poi, all'improvviso, ho notato un occhio che brillava in lontananza.

Correndo sul posto, ho potuto vedere che lì era sepolto qualcosa. Sospettando che fosse solo un pesce, ho allontanato un po' di sabbia e, con mia sorpresa e gioia, un comune squalo angelo è uscito dalla sabbia e si è allontanato a nuoto. Ma non si trattava di un adulto, che può raggiungere i 2.5 metri di lunghezza, ma di un bambino, lungo meno di 30 cm.

Per quanto piccolo, ero felicissimo di averne finalmente visto uno e ho scattato una serie di fotografie quando si è posato di nuovo sulla sabbia. Brian ha lavorato con i ricercatori per studiare questi squali in grave pericolo di estinzione e ci ha informato che le femmine partoriscono in giugno e luglio, quindi questo piccolo squalo aveva solo pochi mesi.

Ci siamo divertiti moltissimo immergendoci nella Riserva Marina di El Cabron. Questa parte dell’Oceano Atlantico potrebbe non avere la ricca diversità di specie a cui siamo abituati nella regione dell’Indo-Pacifico, ma la sua stessa gamma di specie è altrettanto preziosa e molto ben rappresentata.

FATTO

COME ARRIVARE> Le compagnie aeree low cost operano voli diretti dal Regno Unito all'aeroporto di Las Palmas a Gran Canaria.

DIVING> Davy Jones Diving è un centro PADI 5*, Davy Jones immersioni

ALLOGGI> Gli appartamenti indipendenti sono la migliore opzione di alloggio ad Arinaga. Nigel e Helen hanno soggiornato al Seven Islands Aparthotel, vicino al diveshop, che può organizzare le prenotazioni o visitarlo gioca a Dearinaga. Se preferisci più vivace vacanza i resort provano Playa del Ingles, Maspalomas o Meloneras, con sistemazioni dagli appartamenti agli hotel 5*.

QUANDO ANDIAMO> Tutto l'anno le isole rimangono miti, ma per gli avvistamenti di squali angelo comuni l'inverno è il migliore. La temperatura dell'acqua varia da 17 a 23°C e la visibilità da 10 a 30 metri o più.

I SOLDI> Euro.

PREZZI>Voli andata e ritorno da £ 160. Gli appartamenti possono essere ottenuti per 25-30 euro a persona a notte. Un pacchetto da 10 immersioni costa 310 euro.

INFORMAZIONI PER I VISITATORI> gran canaria

0119 scheda informativa sulle canarie

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x