La nazione delle ricchezze più preziose dell'oro (parte 2)

Relitto dell'aereo giapponese Mavis.
Relitto dell'aereo giapponese Mavis.

SALOMONE SUBACQUEO

Nell'edizione di gennaio abbiamo lasciato MARK B HATTER proseguendo la prima tappa delle sue avventure alle Isole Salomone ma sentendoci decisamente male. La maledizione dell'Isola del Teschio aveva mietuto delle vittime?

Foresta di anemoni “a punta di bulbo” ai Twin Tunnels.
Foresta di anemoni “a punta di bulbo” ai Twin Tunnels.

Il peggior incubo di un subacqueo while on a diving vacanza is succumbing to some malady that inherently puts a stop to diving for the rest of the trip. This was exactly my predicament midstream on a recent visit to the Solomon Islands.

I was halfway through an incredible experience, having completed a week of reef-, wreck- and wall-diving in the crystalline, pristine waters of Munda in the Western Province, and on my way to a week’s worth of diving out of Tulagi in the Eastern Province Florida Islands, when I hit a health speed bump.

Uno grande, e che potrebbe essere stato il risultato della mia inconsapevole irriverenza verso gli spiriti ancestrali nel sacro cimitero di Skull Island.

Le tribù delle Isole Salomone, in particolare nella provincia occidentale, amavano prendere le teste dei nemici per assicurarsi che il tamu garata (buon juju) prevalesse su di loro.

They also believed that keeping the heads of their deceased tribal leaders enabled their eternal afterlife. The practice of head-hunting continued until the early 20th century, when missionaries arrived to impose Western “influence” on what they called “these primitive cultures”.

Temendo che gli occidentali avrebbero distrutto la loro venerata e secolare tradizione di conservazione dei teschi, la gente trasferì i teschi dei loro leader dai villaggi locali all'Isola del Teschio,

un luogo remoto e sacro dove i capi potevano regnare per sempre nell'aldilà. Che, forse, è dove è iniziata la mia calamità medica.

Nel mio giorno di viaggio aereo senza immersioni da Munda a Honiara avevo preso un taxi acqueo con un giornalista australiano e Barbara, una rappresentante dell'Ufficio del turismo delle Isole Salomone, per visitare i santuari sacri dell'Isola del Teschio. Barbara ci aveva detto che le antiche tradizioni impedivano alle donne di visitare i santuari, lasciandola a disagio per il nostro viaggio.

Ma lo abbiamo fatto, assicurati dal nostro conducente del panga che avevamo il permesso spirituale dopo il suo incantesimo richiesto prima di permetterci di scendere dalla barca. Ho ottenuto le mie immagini e ho spazzato via la continua apprensione di Barbara che "stava succedendo qualcosa di brutto".

Più tardi quel giorno il mio orecchio destro cominciò a farmi male, andando rapidamente fuori scala.

I managed the one-hour flight to Honiara that afternoon without my head imploding, but was in dire need of medical help, even after self-medicating the ear with a concoction of crushed-up antibiotics in a solution of alcohol and vinegar for most of the night.

E avrei potuto considerare tutto questo come una coincidenza se non fosse stato per l'aggravarsi di ulteriori problemi, tra cui la morte del mio cellulare (senza motivo apparente) insieme a un caso di febbre, brividi e disturbi intestinali.

Ho in qualche modo insultato gli spiriti sull'Isola del Teschio? Non sono particolarmente superstizioso, ma ho pensato che non potesse far male porgere le mie scuse ai capi defunti per ogni passo falso percepito e ringraziarli per il privilegio di catturare le loro immagini nei loro santuari. Cosa che ho fatto con gusto.

Ancora una coincidenza? Il forte dolore all'orecchio, la febbre, i brividi e i problemi di stomaco si sono attenuati rapidamente dopo la colazione e il mio atto di contrizione, lasciandomi solo con il telefono spento e quasi sordità all'orecchio destro.

Nonostante le mie condizioni migliorate,

Prima del mio viaggio in barca delle 10:XNUMX a Tulagi, nelle isole della Florida, ho avuto tempo per una sosta in una clinica di Honiara, dove l'assistente medico ha confermato la mia infezione all'orecchio.

Mi ha prescritto antibiotici interni ed esterni, poi mi ha lanciato un severo avvertimento: “Non immergermi per almeno una settimana”.

Mentre uscivo dalla clinica, con le medicine in mano, senza dolore ma incapace di sentire da un orecchio e più che preoccupato, mi sono sentito dire: "Sì, come se succedesse". Una settimana seduto in una camera d'albergo nelle bellissime e storiche isole della Florida? Non c'è modo…

L'arcipelago delle isole della Florida si trova a nord dell'isola di Guadalcanal, sul lato opposto dell'Iron Bottom Sound (Savo Sound prima della seconda guerra mondiale), così chiamato dai marinai alleati per lo specchio d'acqua tra Guadalcanal, l'isola di Savo e le isole della Florida in cui dozzine di navi e aerei si trovavano affondò durante la battaglia di Guadalcanal nel 2-1942.

L'arcipelago montuoso comprende due isole principali, Nggela Sule (isola della Florida) e Nggela Pile (a sud), oltre a diverse isole più piccole, le più grandi delle quali si chiamano Tulagi, Gavutu e Tanambogo.

While dive-sites around Munda in the Western Province are largely defined by the inner and outer reef structures surrounding the massive Roviana lagoon, sites around the Florida islands are characterised more by offshore bommies and fringe reefs surrounding the islands, often with plunging walls. There is also a plethora of Allied and Japanese WW2 plane wrecks all around the islands.

Tulagi era un'importante roccaforte giapponese prima della battaglia di Guadalcanal, con guarnigioni di terra e un porto di idrovolanti tra Gavutu e le isole Tanambogo che lasciavano relitti storici ovunque a un tiro di schioppo dalle operazioni di immersione al Raider's Hotel & Dive. Questo centro prende il nome dal 1° battaglione Raider dei Marines americani, comandato dal tenente colonnello Merritt A Edson e noto come Edson's Raiders, a Tulagi.

È questa storia, il clima tropicale e le spettacolari immersioni ai margini del Triangolo dei Coralli, l’epicentro della biodiversità marina, che portano i subacquei come me alle Isole della Florida.

Il mio taxi acqueo per il viaggio di un'ora a Tulagi si è rivelata la grande, comoda e veloce barca del Raider's Hotel & Dive da cui mi ero tuffato.

Mentre salpavamo dal molo di Honiara ho spiegato il mio problema di salute al proprietario-operatore del Raider, Bob Norton, che ha suggerito un'immersione di prova dopo aver effettuato il check-in per vedere se potevo farcela.

I survived that dive, at a site called Twin Tunnels, and was easily able to clear my ears without problema. I even got to shoot some images with my macro kit.

Ora non vedevo l'ora di esplorare quei relitti e barriere coralline degli aerei della Seconda Guerra Mondiale, per lo più a pochi minuti dal molo di Raider, per il resto della settimana.

E per quanto riguarda quell'immersione di check-out (mi è venuta in mente lentamente grazie alla mia preoccupazione per la schiaritura delle orecchie), Twin Tunnels è stata fenomenale!

Only 10 minutes from Raider’s dock, the reef is a large, flat-top volcanic pinnacle, rising from the deeper sound with a pair of ancient lava-tubes roughly in the centre of the reef-top at 15m. The tubes drop nearly vertically, exiting along a plunging wall at 36m. They were cool, but I was particularly blown away by the numbers and density of anemones with families of anemonefish atop the reef.

Over a bowl-shaped depression near the tunnels, as I hovered a few metres above the reef, I counted more than a dozen anemone colonies represented by five species within my circle of vision. This site is special, and we observed the liveaboard Bilikiki spending a day at the site later in the week.

Munizioni di medio calibro sul relitto Catalina.
Munizioni di medio calibro sul relitto Catalina.

Back at the hotel and finally able to relax, I ordered a beer and rested elbows on the deck railing, overlooking a small house-reef below. I had counted 11 giant clams when Bob ambled up, announcing: “Dinner is served!” Then he added: “Tomorrow we’ll dive two plane wrecks – an American Catalina between 24 and 31m and a pair of Japanese Kawanashi Mavis 1 seaplanes off Gavutu Island, between 25 and 32m.”

If you’re a wreck buff, particularly if you’re into aviation wrecks, the plane relics around Tulagi should be added to your diving bucket-list. We dived the Catalina before breakfast.

I dati storici suggeriscono che era pesante con il carico al decollo e ha avuto problemi durante la salita. Incapace di mantenere la portanza, atterrò poco dopo il decollo, uccidendo un passeggero anche se l'equipaggio sopravvisse.

L'idrovolante poggia in posizione verticale con la fusoliera, le ali e i motori intatti; ottimo per immagini grandangolari. A sinistra si trovano le munizioni di medio calibro ala, sotto la cupola del cannoniere, a ricordare che questo velivolo e gli altri dell'epoca erano armati con forza micidiale.

Come lo è il relitto vicino alla riva, nello stretto tra Tulagi e Gavutu, il fondo è limoso e bisogna fare attenzione a non sollevarlo, tutto ciò aumenta il fascino delle immersioni storiche.

Fino ad ora, tutti i relitti in cui mi ero immerso nelle Isole Salomone (compresi quelli a Munda) erano aerei statunitensi. Quindi non vedevo l'ora di tuffarmi sugli idrovolanti Mavis, affondati all'ancora durante un bombardamento navale alleato della base giapponese durante la battaglia di Tulagi e Gavutu-Tanambogo.

I Mavis erano idrovolanti plurimotore straordinariamente grandi e riposavano in posizione verticale sul fondo limoso, praticamente intatti. Furono affondati in modo piuttosto inglorioso, piuttosto che essere colpiti dal cielo, ma la loro storia e le loro "ossa" di alluminio non sono per questo meno gloriose.

Più tardi quella settimana, Bob suggerì un'immersione in parete al largo dell'isola di Nanjalakaulau. Con il vento quasi calmo, il tempo era eccellente per la corsa di un'ora fino al sito di immersione. Abbiamo preparato un pranzo abbondante e siamo partiti presto con un mare calmo. Dopo circa 40 minuti di corsa verso nord, Bob ha rallentato la barca e ha offerto una nuova opzione.

"Circa tre settimane fa, due ricercatori di relitti della Seconda Guerra Mondiale con cui ho lavorato mi hanno contattato riguardo a un possibile nuovo relitto di un aereo al Maravagi Passage, vicino alle pareti su cui avevamo programmato di immergerci", ha spiegato.

"Dato che parlavano correntemente alcune delle lingue dell'isola, i ricercatori hanno parlato con la gente del posto del presunto relitto e mi hanno incaricato di aiutare a trovare l'aereo."

"Incredibilmente, abbiamo trovato rapidamente il relitto: un F4F-4 Wildcat della Marina, a 37 metri, proprio dove gli abitanti del villaggio hanno detto che era caduto più di 70 anni fa", ha detto Bob.

Un'offerta per essere il primo fotografo che cataloga il sito di un relitto non capita tutti i giorni. Ovviamente abbandonerei un'immersione in parete per avere l'opportunità di essere, letteralmente, il quarto subacqueo oltre ai ricercatori, Bob e sua moglie, a immergersi in questa reliquia!

Bob ha ricordato a memoria i suoi punti di triangolazione e siamo scivolati in acqua ma abbiamo valutato male la corrente.

Raggiunto il fondo, ci siamo fatti strada controcorrente per circa 50 metri prima che il caccia, che giaceva intatto a testa in giù, si materializzasse alla vista. Trovandosi in un passaggio con forti correnti, la visibilità era ottima, senza limo.

Time was short, and we worked together to capture the best angle to portray this rare discovery before having to work our way back to the shallows along a beautiful fringe reef at the edge of the passage channel.

La nuova scoperta, l'americano Grumman F4F-4 Wildcat.
La nuova scoperta, l'americano Grumman F4F-4 Wildcat.

Tornati a bordo della barca abbiamo festeggiato con pugni, mangiato barrette di cereali e idratati mentre giravamo al minimo a un ritmo piacevole e lento per scaricare i gas verso il nostro sito di immersione in parete lungo l'isola di Nanjalakaulau.

The wall-diving at the northern end of the archipelago was impressive, as I would expect, with the full cast of characters from reef sharks to giant seafans, yet I couldn’t stop thinking about spending my last dive of the trip back at Twin Tunnels. I wanted to go back with my wide-angle kit, knowing the shots I wanted.

"Non è un problema!" Bob mi ha assicurato. "Concluderemo il viaggio con un'immersione mattutina ai Twin Tunnels prima di tornare a Honiara."

La mattina dopo, sempre con mare calmo, ci infiliamo in acqua trovando un'ottima visibilità ed una corrente moderata. Bob ha lavorato con me e ha modellato bene l'imbocco di uno dei tunnel mentre io lo sagomavo dal basso.

Reviewing my images through the housing, I was pleased with a couple of shots and swam out to shoot the vast bulb-tip anemone forest I recalled from my first dive. It was a fitting end to the second chapter in my Solomon Islands vacanza.

Post scriptum: Il mio udito è rimasto compromesso per quattro settimane dopo il viaggio. In retrospettiva, i problemi medici erano semplicemente incidenti casuali, non una maledizione di spiriti maligni.

No, considerando le possibili terribili circostanze di immergersi con un'infezione all'orecchio, ora sono più che convinto che la capacità di schiarirmi le orecchie, durante l'immersione, e senza dolore, fosse basata sul gentile intervento degli spiriti benevoli di Skull Island; volevano condividere con me la loro nazione ricca di ricchezze, più preziose dell'oro!

FATTO

COME ARRIVARE

Brisbane, in Australia, è la città porta d'accesso alle Isole Salomone. Solomon Airlines vola direttamente da lì a Honiara e il resort organizzerà i trasferimenti in barca a Tulagi.

0419 scheda informativa di Salomone

Immersioni e ALLOGGIO

Raider’s Hotel & Dive offre tre immersioni al giorno, raidershotel.com

QUANDO ANDIAMO

La stagione delle piogge va da novembre a gennaio, ma di solito piove e basta. C'è sempre un sito sottovento dove immergersi se soffia il vento.

SALUTE

Una camera di ricompressione a Honiara è presidiata da volontari ma non è sempre disponibile: la successiva si trova a 1500 miglia di distanza, a Townsville, in Australia.

PREZZI

Return flights from London around £1200. Three-tank excursion with breakfast, lunch and dinner with a single room at Raiders Hotel & Dive costs £210 a day.

Informazioni sui VISITATORI

Visita il sito web delle Salomone

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x