Il monarca HMTS: un'immersione sul naufragio piena di sorprese

Una bella gita sul relitto della Manica e non sai mai cosa potresti incontrare. In questo caso non si trattava solo di scarpe ma di un anello d’oro! STEFAN PANIS racconta di un posacavi con una storia interessante

Tony Goodfellow raccoglie una scarpa sul relitto della HMTS Monarch. Riquadro, a sinistra: Anello d'oro trovato da Eddie Huzzey. Riquadro, a destra: Lo stemma della nave ritrovato su un frammento di stoviglie.

Leggi anche: Argento naufragato, ottone: persino una Ford Modello T!

Un viaggio subacqueo da ricordare

SOLO UNA SETTIMANA PRIMA Entrando in un periodo molto impegnativo nel mio lavoro quotidiano, ho ricevuto una chiamata dal mio amico di Dover, Eddie Huzzey. Le maree imminenti erano vicine e la visibilità era abbastanza buona.

As Dover could be reached from my home in Belgium quite easily, I made up my mind quickly. I packed my diving gear and camera, and left for a few days of wreck-diving!

Eddie e Tony Goodfellow, il 78enne subacqueo del Canale e proprietario del RIB Up and Under, mi hanno chiesto in quale relitto volevo immergermi. Non è una domanda facile,

poiché potevo scegliere tra le centinaia al largo della costa intorno a Dover.

Così ho chiesto di essere portato a vedere qualcosa di interessante, in una zona dove avremmo avuto buone possibilità di una visibilità sufficientemente decente per scattare foto per documentare le nostre immersioni.

Tony suggerì la Monarch, una posacavi del 1884 e una nave con una storia interessante. Si è immerso nel relitto per molti anni e ha detto che in passato erano stati recuperati alcuni bei manufatti.

Il relitto giaceva in acque piuttosto basse (a circa 28 metri) che, con la bassa marea, avrebbero consentito lunghi tempi di fondo per esplorare completamente il sito.

La storia di HMTS Monarch

HMTS Monarch, la seconda nave con questo nome all'epoca, fu la prima nave portacavi progettata specificamente per l'Ufficio Postale Generale (GPO).

Originariamente concepito come un piroscafo a ruote con due motori per una grande precisione di governo, pensando all'economia, il risultato finale è stato un piroscafo a elica.

Apparso su DIVER febbraio 2019

A Cable-Layer’s Legacy

È STATA COSTRUITA e equipaggiato da David J Dunlop di Port Glasgow nel 1883 al costo di £ 50,000, era lungo 73 metri e aveva una stazza lorda di 1122 tonnellate. Trasportava un equipaggio di 74 persone e gli interni erano splendidamente decorati, come testimonia la sala fumatori con la sua esposizione di fucili e rivoltelle, o il salone, dove le pareti portavano pannelli di noce americana intagliati.

0219 monarca

The ship was fitted with three cable tanks, two forward and one aft, with capacities between 76 and 186cu metres. Cones in the tanks were used for storing fresh meat and water, while storage for grapnels, ropes and other equipment was provided forward of No 1 tank.

The cable gear consisted of a combined paying-out/picking-up machine with two 1.8m diameter by 70cm-wide drums.

Quello di sinistra poteva sollevare 30 tonnellate a mezzo nodo o 10 tonnellate a 1.5 nodi, mentre quello di tribordo poteva sollevare 15 tonnellate a 1 nodo.

Ogni tamburo aveva il proprio freno, consentendo di effettuare contemporaneamente il prelievo e il versamento.

L'HMTS Monarch fu varato nel Clyde in piena acqua il 21 agosto 1883, con la bottiglia di champagne fatta oscillare "con grazia" (secondo il Glasgow Herald) dalla signora Anne Cunynghame, moglie del geometra generale scozzese.

Sei giorni dopo il Telegraphic Journal & Electrical Review riferì sotto il titolo “Nuovo cavo marittimo irlandese” che “La nave telegrafica postale Monarch ha lasciato i suoi ormeggi a Woolwich, avendo a bordo il nuovo cavo a 4 fili, che deve essere posato attraverso il Canale d'Irlanda dalla costa gallese alla costa irlandese.

“La linea aerea tra Londra e la costa gallese in connessione con il nuovo cavo è in fase di costruzione; questa linea è cablata con conduttori di rame.

La Monarch prestò servizio bene per 32 anni finché, durante la Prima Guerra Mondiale, colpì una mina posata dall'UC-1 mentre attraversava il cancello del boom di difesa al largo di Folkestone.

According to an eyewitness the ship started to settle down by the stern immediately after the explosion, and in under three minutes only the forecastle head remained above water.

Esplorando il relitto

TONY METTE IL GANCIO nel relitto. Quando si è tuffato, ho completato i controlli pre-respirazione sul mio rebreather e ho dato a Eddie il segnale di lasciarmi alla boa dell'ancora. Gli altri non mi avevano ingannato; Ho potuto vedere che la visibilità era ottima solo sul sito

a poche miglia dal porto di Folkestone.

Scendendo lungo la cima dell'ancora, potei vedere che la nave era in posizione verticale e che era ancora del tutto intatta per un relitto della sua età. L'ancora era calata vicino al relitto, quindi ho potuto vedere che lo scafo era ancora alto 5-6 metri.

Tony aveva agganciato la sua bobina alla linea di tiro e ho deciso di seguire la sua linea.

Nuotai sopra travi metalliche contorte e ruote che sembravano parti della macchina posacavi, probabilmente cadute dal ponte principale marcio.

Ho incontrato Tony che nuotava verso prua, dove ho potuto vedere un'ancora di riserva o un rampino sul ponte di prua. Tony se ne è accorto solo dopo, quando ha visto le foto.

We swam past a hold containing the brass piping of the steam engines, then a series of bollards and the remains of the funnel, before proceeding towards the forward cable-tanks. These were still filled with cables, and I was amazed to see how big they were when Tony obliged by lending scale to them.

Alla scoperta di manufatti e tesori

HO DATO UN'OCCHIATA PIÙ DAVVERO al cavo mentre Tony frugava in giro. Tirò fuori una scarpa dai detriti. Abbiamo scattato qualche foto e abbiamo nuotato verso poppa.

0219 Imbuto per posatrice monarca
In alto: Parti della macchina posacavi. Sopra: Resti dell'imbuto.

Verso centro nave ci siamo imbattuti nei resti della cucina o zona pranzo, dove ho notato alcuni frammenti di porcellana. Ne ho esaminato uno e non potevo credere ai miei occhi, quando ho visto un emblema e il nome e la data della nave: davvero fantastico!

La bellezza della storia subacquea

Ho nuotato di nuovo con Tony fino alla linea di ancoraggio e, poiché avevo ancora molto tempo a disposizione, ho deciso di dare un'occhiata migliore all'esterno del relitto.

Dalle rotture dello scafo fuoriuscivano dei manufatti. In un grande campo di detriti ho visto delle bottiglie, un altro pezzo di stoviglie con lo stemma della nave e tutta una fila di oblò, con i vetri ancora intatti.

Questi erano ancora solidamente attaccati alla piastra metallica, il che sembrava indicare che parte del ponte superiore fosse crollata accanto al relitto.

Poi sono arrivato a poppa e ho visto il timone e l'elica. Penso che sia qui che la nave abbia colpito la mina, poiché c'erano molti danni visibili.

Ho scattato alcune foto e sono tornato allo scatto, dove Eddie stava iniziando la sua immersione. Ci siamo scambiati i segnali di OK mentre iniziavo la salita per una piccola decompressione.

Connessione con il passato

Più tardi Tony mi ha aiutato a salire sul gommone e abbiamo discusso della nostra immersione e di quanto fosse stata una buona scelta. Poi Eddie tornò con un grande sorriso sul volto, tenendo in mano qualcosa di abbastanza strano.

Si spogliò, aprì con cautela la mano e dal suo guanto uscì un bellissimo anello d'oro con una grande pietra verde.

Era caduto in una stiva e si era appena imbattuto in questo bellissimo gioiello, che ovviamente fu dichiarato al curatore del relitto il giorno successivo.

Una fantastica giornata nel Canale della Manica!

Tornato a casa, ho iniziato a scoprire di più sulla storia del Monarca. Nel frattempo sono entrato in contatto con Bill Burns, proprietario ed editore di atlantic-cable.com, un sito web dedicato alla storia del cavo atlantico e delle comunicazioni sottomarine, dal primo cavo sottomarino del 1850 alla rete mondiale in fibra ottica.

Bill è stato in grado di darmi buone informazioni e foto del Monarch, e gli ho fornito alcuni scatti subacquei da aggiungere al suo sito web: ottimo lavoro di squadra!

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x