La storia di Malta in due sezioni

archivio – Il racconto di WrecksMalta in due sezioni

Il cacciatorpediniere della Seconda Guerra Mondiale HMS Southwold effettua due immersioni serie in acque profonde e talvolta agitate: TANO ROLE ritiene che potrebbe essere il miglior relitto tecnico autentico delle isole maltesi

“TI LASCERO' QUI così puoi andare alla deriva sulla linea di tiro", ha detto Jay, il nostro barcaiolo, mentre manovrava il RIB fino a un punto in cui riuscivo a malapena a distinguere la boa segnaletica.
So che mi occorre un po' di tempo per maneggiare la mia attrezzatura fotografica per entrare in acqua, ma è ridicolo, ho pensato.
Appena sono andato fuori bordo, però, ho apprezzato la logica, perché mi sono ritrovato a sfrecciare verso la linea di tiro. Per fortuna, sono appena riuscito ad afferrare la boa prima di essere spazzato via.
Avrei dovuto saperlo meglio, perché Jay ci aveva avvertito di aspettarci forti correnti, e non è mai incline ad esagerare.
Il suo avvertimento: “Non fate gli eroi, ragazzi – interrompete l'immersione se è troppo” mi risuonava nelle orecchie mentre lottavo con la boa.
Mentre cercavo a tentoni di togliere la copertura dal mio oblò, ho dovuto lasciare andare la linea di tiro solo per un secondo e me ne sono subito pentito. Ho avuto difficoltà a pinneggiare il più velocemente possibile per riconquistare la linea.
Un serbatoio posteriore, due serbatoi sul palco montati lateralmente e una macchina fotografica subacquea creano una notevole quantità di resistenza e ho sentito che stavo perdendo la battaglia. Alla fine, ho dovuto afferrare la bombola di Piero (il mio compagno di immersione, che era aggrappato cupamente alla linea di tiro) per tornare strisciando sulla linea e iniziare la nostra discesa.
Nonostante le istruzioni di evitare di tirare la corda, alla fine abbiamo dovuto fare l'esatto contrario e trascinarci in profondità. La corrente si è rifiutata di fermarsi e si è calmata solo quando abbiamo superato la soglia dei 45 metri.
Le mie precedenti immersioni sul relitto della sezione di prua dell'HMS Southwold non erano mai state così estreme, ma quest'area, circa due miglia a nord-est della baia di St Thomas a Malta, è ben nota per le sue forti correnti imprevedibili.
Questo non è sicuramente il solito luogo di relitto turistico e affrontarlo richiede un'attenta preparazione e formazione. Per i subacquei tecnici esperti, tuttavia, questo relitto è un gioiello e un serio contendente per la mia immersione tecnica preferita a Malta.
HMS Southwold ora giace su un fondale sabbioso. Affondò in due parti, un riflesso della sua tragica fine, che ci riporta alla Seconda Guerra Mondiale, uno dei capitoli più oscuri ed eroici della storia maltese.

ALL'EPOCA LE ISOLE furono assediati dalle forze dell'Asse, che li circondarono completamente e colpirono gli abitanti con continui raid aerei dalle basi a sole 60 miglia di distanza in Sicilia. Ciò valse a Malta la medaglia di George Cross (da ora in poi sventolata con orgoglio sulla bandiera maltese) e la poco invidiabile etichetta di essere il luogo più pesantemente bombardato durante la guerra.
Naturalmente, una componente importante dell'obiettivo dell'Asse era quello di sottomettere le isole alla fame, affondando ogni tentativo di rifornimento. Ma la posizione strategica di Malta, dominante il Mediterraneo centrale, era vitale per gli Alleati. Le sortite da Malta furono cruciali per porre fine alla campagna di Rommel in Nord Africa tagliando le sue linee di rifornimento dall'Italia.
L'Ammiragliato britannico non badò a spese per garantire che almeno alcune navi riuscissero a far passare Malta per continuare a combattere. Fu un conflitto brutto e brutale che lasciò molte vittime da entrambe le parti.
Il ruolo dell'HMS Southwold in questo scenario era quello di scorta di un convoglio nel teatro marino più pericoloso della guerra. Era un cacciatorpediniere di classe Hunt di tipo II commissionato nel 1941 e progettato principalmente per la guerra antiaerea e antisommergibile. Era abbastanza veloce, capace di raggiungere i 27 nodi.
Le sue armi principali erano tre torrette gemelle da 4 pollici, una batteria di quattro cannoni pom-pom da 2 libbre e due mitragliatrici Oerlikon da 20 mm. Trasportava anche 110 bombe di profondità in tre rack e due proiettori di cariche di profondità.
Il 21 marzo 1942, Southwold si unì alla scorta di un convoglio di quattro navi che tentò di rifornire Malta assediata da Alessandria. Questo convoglio fu intercettato dalla flotta italiana e costretto a virare a sud nel Guff di Sirte.
Gli incrociatori e i cacciatorpediniere di scorta opposero una difesa coraggiosa, nonostante fossero pesantemente inferiori di armi alla flotta italiana, che includeva la corazzata Littorio.
La deviazione costò al convoglio la copertura della notte nel suo avvicinamento a Malta. La nave cisterna/rifornimento veloce britannica Breconshire fu staccata dal convoglio e inviata verso Malta, scortata dai cacciatorpediniere Southwold ed Beaufort.

IN MARE MAGGIORE, subirono intensi attacchi aerei che disabilitarono il Breconshire appena al largo della costa di Malta e la fecero andare alla deriva su campi minati difensivi.
Il suo prezioso carburante doveva essere salvato e Southwold cercò di evitare che la petroliera finisse nel campo minato accostandosi. Fu questa manovra che le costò cara, perché colpì una mina, uccidendo un ufficiale e quattro marinai.
È stato fatto un tentativo di rimorchiare la Southwold fino al porto di Malta, ma la sua integrità strutturale era stata gravemente compromessa e si è rotta in due. La sezione di prua è ora a 68 metri di profondità, mentre la poppa è leggermente più profonda a 72 metri. Distano circa 300 m l'uno dall'altro, quindi le due sezioni non possono essere percorse in una sola immersione.
A differenza dei relitti affondati per intrattenere i turisti subacquei, questi relitti autentici raccontano storie toccanti. Una caratteristica di entrambe le sezioni del Southwold sono i numerosi bossoli vuoti da 4 pollici che ricoprono i ponti di entrambe le sezioni.
Non posso fare a meno di immaginare l'attività frenetica che deve essersi verificata poco prima che la nave affondasse. Gli artiglieri della marina dovevano aver caricato tutti questi proiettili nelle torrette e averli sparati disperatamente contro gli aerei nemici mentre questi piombavano per scaricare il loro carico mortale sul Breconshire.

E' IRONICO, dopo tutti quegli attacchi, dovette essere una mina britannica ad affondare l'HMS Southwold. Deve aver colpito proprio a poppa del castello di prua, vicino al fumaiolo, perché è lì che si è verificato lo strappo.
La nave sembra essere stata eviscerata in quel punto, mostrando un groviglio di tubi, travi e piastre metalliche strappate. Tutti questi possono essere visti facilmente mentre ci si avvicina e si visita il relitto, grazie alla visibilità delle acque maltesi.
Naturalmente, tutti i subacquei adorano vedere le torrette puntate verso il cielo, le rastrelliere caricate di bombe di profondità e i lanciamine, ma mi piace anche vedere aspetti della vita ordinaria a bordo.
La cambusa della nave ha ancora scaffali carichi di cibo in scatola, probabilmente carne di manzo! Altri oggetti includono custodie arrugginite, utensili da cucina e contenitori.
Per i subacquei che hanno una fissazione per gli accessori del gabinetto, c'è un rack di water nella sezione di prua e qualche orinatoio nella sezione di poppa. Non smetto mai di stupirmi di come alcuni subacquei riescano a localizzare la tazza del gabinetto di una nave all'interno di un relitto e poi a posizionarla con orgoglio in una posizione prominente affinché tutti possano godersela. Mi ricorda il mio gatto che porta in casa un topo morto e si aspetta elogi per i suoi risultati.
Alcuni dei miei compagni di immersione hanno preferenze distinte riguardo alla sezione in cui preferiscono immergersi. Trovo entrambi ugualmente attraenti, ma potrei avere una leggera preferenza per la poppa, poiché è qui che si trova la maggior parte degli armamenti.
A differenza della prua, la sezione di poppa si erge orgogliosamente in posizione verticale. Una tavola con il nome della nave è stata posizionata proprio in fondo al ponte di poppa. Mi è stato detto che alcuni sommozzatori l'hanno trovato nel campo dei detriti, ed è molto probabile che facesse parte di una passerella che permetteva ai marinai di scendere a terra.
La targhetta con il nome si trova a cavallo di due rastrelliere per cariche di profondità che contengono ancora diversi pezzi di artiglieria – per favore pinna con cura!
Più avanti, i proiettori a carica di profondità e la torretta gemella da 4 pollici di poppa offrono uno spettacolo fantastico, che vale le soste apparentemente interminabili di decompressione alla fine dell'immersione.
L'X-deck (un ponte rialzato tra poppa e imbuto) ha perso la torretta da 4 pollici ma il supporto del cuscinetto è chiaramente visibile. La torretta è ora sulla sabbia proprio nel punto in cui si è verificato lo strappo, e in quest'area si trova anche il cannone pom-pom.
Bossoli vuoti da 4 pollici, munizioni pom-pom, bottiglie e una varietà di altri detriti ricoprono il sito. Gran parte del piano di calpestio a questo punto è andato rivelando un groviglio di tubi, travi, macchinari, casse e altro materiale necessario per far funzionare una nave da guerra. Gran parte di questo materiale si è riversato sul fondale sabbioso ed è facile immaginare, a questo punto, come la nave sia stata fatta a pezzi.
Si possono trascorrere ore esplorando questo sito ma, ovviamente, il tempo è estremamente limitato a questa profondità e ogni minuto trascorso qui deve essere ripagato da lunghi tempi di decompressione.
La sezione di prua poggia sul lato di dritta con una torretta doppia intatta. Alcune parti del castello sono state gravemente danneggiate ma è possibile entrare in alcune aree.
Una fila di WC può essere vista sul lato sinistro superiore di questa sezione, a 58 m. Indovina un po', qualche subacqueo intraprendente ha trovato uno degli orinatoi e lo ha messo in una posizione ben visibile per far divertire gli altri!

LA PRUA DELLA NAVE è ancora intatto e adoro scattare foto e video Là. Naturalmente, qualsiasi tentativo di penetrazione deve essere intrapreso con attenzione, poiché ci sono molti cavi, fili e sporgenze metalliche che possono intrappolare un subacqueo incauto. Anche l'esterno del relitto contiene molti potenziali ostacoli, tra cui l'attrezzatura da pesca perduta.
Durante questa particolare immersione nella sezione di prua, ero profondamente consapevole che avremmo dovuto combattere nuovamente le forti correnti mentre risalivamo, quindi dovevamo essere prudenti con il tempo di fondo. Piero ed io abbiamo controllato la linea di tiro e abbiamo iniziato la nostra salita.
Come previsto, la corrente è iniziata a circa 45 metri ed è diventata progressivamente più forte man mano che salivamo.
Parecchi minuti dopo eravamo negli ultimi 10 minuti della nostra decompressione a 6 metri quando ho sentito la pressione aumentare nelle mie orecchie. IL computer ha mostrato che ero sceso a 10 metri, quindi sono risalito fino a 6 metri.
Pochi secondi dopo, ho scoperto che ero tornato a 10 metri, pur mantenendo la stessa sezione della linea. Immaginate la mia preoccupazione mentre guardavo in alto e vedevo la boa da 30 litri che scendeva mentre crollava sotto la pressione.
La corrente era così forte che avevamo esercitato una resistenza sufficiente per abbattere la boa! La mia pratica normale è quella di mantenere un assetto leggermente negativo durante la decompressione per ridurre al minimo il rischio di schizzare in superficie. Chiaramente in questa occasione questo non funzionava, quindi abbiamo dovuto gonfiare i nostri GAV per consentire alla boa di tornare in superficie. Mi sentivo quasi come un palloncino di elio umano mosso dal vento!
Dopo essere riemersi, Jay ci ha detto che aveva seguito le nostre bolle sul suo ecoscandaglio e aveva visto che stavano salendo costantemente fino a raggiungere i 45 metri. Una volta lì, sono stati trascinati via dalla corrente e sono risaliti in superficie circa 300 metri più in basso.
Mentre tornavamo a St Thomas Bay sul RIB, mi chiedevo se fosse stato saggio immergersi in tali condizioni. In questa occasione siamo stati messi alla prova, ma abbiamo raccolto la sfida e completato l'immersione. La prossima volta, però, penso che potrei essere più cauto e aspettare condizioni migliori.
Entrambe le sezioni dell'HMS Southwold sono siti di relitti fantastici e mi sento privilegiato di essere uno dei pochi subacquei che si è immerso regolarmente in questo relitto. Devo sottolineare che, anche se non sono sicuro se qualche marinaio fosse intrappolato tra i rottami, consideriamo comunque Southwold una tomba di guerra.
Pertanto non raccogliamo alcun "souvenir" o altro oggetto di interesse: scattiamo solo foto e video. Settantaquattro anni dopo, la HMS Southwold merita ancora i nostri ringraziamenti e il nostro rispetto.

Apparso su DIVER dicembre 2016

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x